Lingua   

El dio del vilan

anonimo
Lingua: Italiano (Lombardo)


Ti può interessare anche...

Spara Giuann
(Davide Van De Sfroos)
Rosastela
(Coro Pane e Guerra)


[192?]

Sull'aria di "Allarmi siam fascisti".
Testo trovato su Il Deposito
Fonte: Giuseppe Vettori, “Il folk italiano. Canti e ballate popolari”, 1975
Strofe raccolte negli anni 60 a Rovigo e in provincia di Como.
El dio del vilan l'è la carriola
el so sacro santo è la badila
tentando per i maùn la roda prila
e tera e sol che ghe seca la gola

Come l'è stà, come l'è 'ndà?
l'è stà Lenìn ch'al m'ha abandonà
e mi par dir la me rason
ho trovà i fascisti col baston

E anche se la man de rabia trema
lu tuto el giorno se rompe la sciena
e quando ch'el va a cà a n'ha gnent da sena
el se senta int' on canton e po' 'l biastema

Come l'è stà, come l'è 'ndà?
l'è stà Lenìn ch'al m'ha abandonà
e mi par dir la me rason
ho trovà i fascisti col baston

La vita del vilàn l'è la carriola
alla sera quando va a casa senza sena
se trova nel cantòn de la cüsina
e lui si mise a bestemmiare.

Cosa è successo cosa l'è nato
l'è stà Lenin che mi ha abbandonato
e con quest'affar de sta questiòn
salta fora i fascista e col bastòn
patapím patapòm.

Benito Benito
te m'è ghe ciapà pulito
te me gh'è cresü l'affito
te me gh'è calà la paga

Mentre "Bandiera rossa" si cantava
e trenta lire al giorno si ciapava
e adesso che si canta "Giovinesa"
si crepa dalla fame e da debolessa

E avanti popolo e alla riscossa
bandiera rossa trionferà

inviata da The Lone Ranger - 29/7/2010 - 08:48



Lingua: Italiano (Novarese)

[192?]

Sempre sull’aria di "All'armi siam fascisti", l’ultima parte di “El dio del vilan” come raccolta da Cesare Bemani nel novarese.
Fonte: Anton Virgilio Savona e Michele Straniero, “Canti della Resistenza italiana”, 1985.
Testo trovato su La Musica de L’Altra Italia
Nel cd intitolato “Duce, il vestito mi si scuce“, supporto integrativo all'opera “Avanti popolo”, a cura dell'Istituto Ernesto De Martino

STROFETTE SATIRICHE (BENITO)

Benito te m'è calà la paga
te m'è cresü l'afito.
Quando “Bandiera rossa” se cantava
cinquanta lire al giorno si pigliava
e adesso che se canta “Giovinezza”
si casca in terra dalla debolezza.
Come l'è sta, come sarà
l'è sta Benito che n'à fregà
e in fin de la question
l'è sta Benito col baston.

inviata da The Lone Ranger - 29/7/2010 - 08:49



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org