Lingua   

Il sottotenente

Enzo Jannacci
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Pedro pedreiro
(Chico Buarque de Hollanda)
Enzo Jannacci: El purtava i scarp de tennis
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
I soliti accordi
(Enzo Jannacci)


(E. Jannacci - P. Jannacci)
dall'album "L'uomo a metà"

Il messaggio di pace lanciato con "Il sottotenente" cela altresì una metafora il cui significato è stato rivelato dallo stesso Enzo Jannacci in un'intervista risalente all'epoca di uscita dell'album che la contiene:

"Pochi capiscono il significato delle canzoni, come pochi hanno capito che il “sottotenente”, da me citato in una canzone, è in realtà Gesù Cristo. Alla gente basta che un ritornello sia divertente, sia associabile a qualcuno. “Ah, quello è Jannacci!”, dicono. “No, Jannacci un cazzo!”, rispondo io".

Link all'intervista
(Alberta Beccaro - Venezia)

C'era una volta per caso
in un tempo non tanto lontano
che non era poi così tanto difficile
darsi una mano.
Che venne fuori un bell'uomo
poteva essere un vinto o un perdente
invece quello era proprio,
era un sottotenente.

Non era alto nè magro
un uomo che non era nessuno
non era nessuno di cui
di cui fosse parente.
Con tre banane e due arance
in un sacchetto di plastica bianca
in un sacchetto di plastica bianca,
molto aderente.

Fu quella volta che l'uomo
aprì il suo sacchetto di plastica bianca
perchè ne venissero fuori le arance
per far contenta la gente
perchè ne venisse fuori magari
venisse fuori un bel suono
che lo potessero capire un po' tutti
un suono fatto di niente.

E venne fuori un bel suono
sembrava fatto di niente
però era un suono come di pace,
che unisce
tutta la povera gente.


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org