Lingua   

Soldado libre

Los Calchakis
Lingua: Spagnolo


Ti può interessare anche...

Si Dios fuera negro
(Roberto Angleró)


[1974]
Album "Le chant des poètes révoltés/El canto de los poetas rebeldes"

le chant des poetes revoltes

Parole del poeta cubano Nicolás Guillén, tratte da una raccolta di poesie del 1937 intitolata "Cantos para soldados y sones para turistas".
Questa raccolta è dedicata al padre del poeta, Nicolás Guillén Urra, giornalista e militante del partito liberale ucciso nel 1917 dai soldati del generale Mario García Menocal, capo di un governo conservatore, mentre manifestava contro i brogli elettorali che avevano portato alla rielezione di quest'ultimo...
¡Ya no volveré al cuartel,
suelto por calles y plazas,
yo mismo, Pedro Cortés!

Yo mismo dueño de mí,
ya por fin libre de guardias,
de uniforme y de fusil.

Podré a mi pueblo correr,
y gritar, cuando me vean:
¡aquí está Pedro Cortés!

Podré trabajar al sol,
y en la tierra que me espera,
con mi arado labrador.

Ser hombre otra vez de paz,
cargar niños, besar frentes,
cantar, reír y saltar.

¡Ya no volveré al cuartel,
suelto por calles y plazas,
yo mismo, Pedro Cortés!

inviata da Alessandro - 2/11/2009 - 11:05



Lingua: Italiano

Versione italiana di Diana Di Francesca
SOLDATO LIBERO

Non tornerò più alla caserma,
libero per strade e piazze,
proprio io, Pedro Cortés!

Proprio io, padrone di me,
finalmente libero da guardie,
da uniforme e da fucile.

Potrò correre al mio paese,
e gridare, quando mi vedono:
ecco qui Pedro Cortés!

Potrò lavorare al sole,
nella terra che mi aspetta,
col mio aratro lavoratore.

Essere di nuovo uomo di pace,
prendere in braccio bimbi, baciare fronti,
cantare, ridere e saltare.

Non tornerò più alla caserma,
libero per strade e piazze,
proprio io, Pedro Cortés!

inviata da Diana Di Francesca - 20/9/2013 - 01:29



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org