Lingua   

Rosa canta e cunta

Rosa Balistreri
Lingua: Siciliano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

La morte e l'emigranti
(Taberna Mylaensis)
Nta la Vicaria
(Rosa Balistreri)
O cuntadinu sutta lu zappuni
(Rosa Balistreri)


tds-rosa-tomato
Stasira vaju e curru cu lu ventu
a grapiri li porti di la storia.
Stasira vogliu dari p'un mumentu
la vita a lu passatu i a la memoria.
Stasira cu la vampa di l'amuri
scavu na fossa, na fossa a lu duluri.

C'è chiù duluri, c'è chiù turmentu
ca gioia e amuri pi l'umanità
Nun è lu chiantu ca cancia lu distinu,
nun è lu scantu ca ferma lu caminu,
grapu li pugna, cuntu li jita
restu cu sugnu, scurru la vita.

Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri…lu cuntu.

Nuddu binidicì lu me caminu,
mancu la manu nica d'un parrinu
e vaju ancora comu va lu ventu
cercari paci sulu p'un mumentu.
Vogliu spaccari…spaccari li cieli
pì fari chioviri…chioviri amuri.

C'è cu t'inganna, c'è cu cumanna
e cu 'n silenziu mutu si nni sta.
È lu putiri ca nforza li putenti,
è lu silenziu ca ammazza li 'nnuccenti,
grapu li pugna, cuntu li jita
restu cu sugnu, cercu la vita.

Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri…lu cuntu.

Vinni a stu munnu quannu lu "Voscienza"
si schifiava pi li strati strati.
Tempi d'abbusi, di fami e di guerra
criscivu mmenzu di li malannati.
Lacrimi muti ni chiancivi e quanti,
la me nnuccenza si la sparteru 'n tanti.

La mala genti, li priputenti,
tanti su tanti nni sta sucità.

Nun è l'amuri ca crisci ad ogni banna,
ma lu favuri ca sparti cu cumanna,
grapu li pugna, cuntu li jita
restu cu sugnu, scurru la vita.

Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri… lu cuntu.

inviata da Gabriele Guccione - 24/7/2009 - 15:27



Lingua: Italiano

Versione italiana di Gabriele Guccione
ROSA CANTA E RACCONTA

Stasera vado e corro insieme al vento
ad aprire le porte della storia.
Stasera, per un momento,
voglio ridare vita al passato e alla memoria.
Stasera, con la vampa dell'amore,
scavo una fossa al dolore.

C'è più dolore, c'è più tormento
che gioia e amore per l'umanità.
Non è il pianto che cambia il destino,
non è la paura che arresta il cammino,
apro i pugni, conto le dita
resto chi sono, scorro la vita.

Canto e racconto, racconto e canto
per non perdere il conto.

Nessuno ha benedetto il mio cammino
neanche la piccola mano di un prete
e vado ancora come va il vento
a cercare pace solo per un momento,
voglio spaccare… spaccare i cieli
per far piovere, piovere amore.

C'è chi ti inganna, c'è chi comanda
e chi in silenzio, zitto se ne sta.
È il potere che rafforza i potenti
è il silenzio che ammazza gli innocenti
apro i pugni, conto le dita
resto chi sono, cerco la vita.

Canto e racconto, racconto e canto
per non perdere il conto.

Sono venuta al mondo quando il "Vossignoria"
si profferiva ad ogni angolo di strada.
Tempi di abusi, di fame e di guerra,
sono cresciuta in mezzo ai malandati.
Lacrime mute ne ho piante, e quante,
la mia innocenza se la sono divisa in tanti

La cattiva gente, i prepotenti,
sono tanti e tanti in questa società.
Non è l'amore che cresce ad ogni angolo
ma il favore che elargisce chi comanda
apro i pugni, conto le dita
resto chi sono, scorro la vita.

Canto e racconto, racconto e canto
per non perdere il conto.

inviata da Gabriele Guccione - 24/7/2009 - 15:28


Il testo è stato scritto da Bernardino Giuliana, poeta nato e vissuto a San Cataldo (Caltanissetta), in una notte d'estate a casa dello stesso Giuliana, dove la cantante soggiornava spesso, e messo in musica seduta stante da Rosa Balistreri. Bernardino Giuliana fu un grande poeta ed interprete, amico di Leonardo Sciascia, Ignazio Buttitta, Mario Gori, ecc. Dalla fine degli anni Sessanta fino agli anni Ottanta ha scritto diverse sillogi (Ventu ca passa, Canti a Decano, Lungo il Salso) e tenuto numerosi recitals. In un concerto tenuto a Sortino, Rosa Balistreri presenta il brano e dichiara di averlo scritto assieme al suo amico Bernardino Giuliana.

michele.celeste@email.it - 12/8/2018 - 17:45



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org