Lingua   

Modena City Ramblers: Quacet putèin

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Pagina della canzone con tutte le versioni


Testo in italiano da lagrandefamiglia.it
LA FILA ED LA SIRALA FAVOLA DELLA SERA
  
Quèsta chè l'è la fòla ed la siraQuesta qui è la favola della sera
Per salutèret e per fèret durmirPer salutarti e farti addormentare
L'è la nenia di òcc quand ìss serènE' la nenia degli occhi che si chiudono
Quand a ghè scur e al dè l'è finiiQuando c'è scuro e il giorno è finito
  
Al veint al sòpia in dì èlberIl vento soffia tra gli alberi
Al pètna i camp e l'erba in di prèePettina i campi e l'erba nei prati
E la fòla la gira e la sounaE la fiaba va in giro e suona
In totti al cà, per tott i puteìnIn tutte le case e per tutti i bambini
  
Al vèrd l'è al culòr dal lusèrtliIl verde è il colore delle lucertole
Al blò l'è al cèl ca se specia in di fosIl blu è il cielo che si specchia nei fossi
Al ros l'è al culòr dal falèstriIl rosso è il colore delle faville
Ch'ii sèlten fòra a balèr in dal fòghChe saltano fuori a ballare nel fuoco
  
Al zal l'è al furmèin in campagnaIl giallo è il frumento in campagna
In d'la stagiòun dal chèld e dal sòlNella stagione del caldo e del sole
E la nenia la finès cun al négherE la nenia finisce con il nero
Cl'è al piò bròtt, l'è al culòr ed la nòtChe è il più brutto, è il colore della notte
  
T'en vàd cl'è gnuda la siraNon vedi che è scesa la sera
C'an ghè piò ginta e c'an s'sèint piò rumòrChe non c'è più gente e che non si sente più rumore
L'è al mumèint ed cuntères dal fòliE' il momento di raccontarsi delle fiabe
E stèr a sèder chè asvèin al fòghE di starsene seduti qui vicino al fuoco
  
Al sòl l'è andèe a lughèresIl sole è andato a nascondersi
Al vèint l'à sméss ed supièrIl vento ha smesso di soffiare
La lòna l'è gnuda a catèresLa luna è venuta a trovarci
Perchè l'è òra d'andèr a durmirPerchè è ora di andare a dormire
  
Dòrem e brisa zighèrDormi e non piangere
Se t'fe di sogn chi't fàn agitèrSe fai dei sogni che ti agitano
Che mè a sùn chè e a stàg sèimper svèliPerchè io son qui e me ne sto sempre sveglio
A sparir via tòtt i fulèttA scacciare tutti i folletti
  
A t'gnarò luntàn i lèder e i brigàntTi terrò lontani i ladri e i briganti
I bròtt pinser e i spìrit catìvI brutti pensieri e gli spiriti cattivi
A farò rivèr sol di be sognTi farrò arrivare solo dei bei sogni
Qui d'òr brilant e qui ed ver argintQuelli di oro brillante e quelli di vero argento
  
T'en vàd cl'è gnuda la siraNon vedi che è scesa la sera
C'an ghè piò ginta e c'an s'sèint piò rumòrChe non c'è più gente e che non si sente più rumore
L'è al mumèint ed cuntères dal fòliE' il momento di raccontarsi delle fiabe
E stèr a sèder chè asvèin al fòghE di starsene seduti qui vicino al fuoco
  
Al sòl l'è andèe a lughèresIl sole è andato a nascondersi
Al vèint l'à sméss ed supièrIl vento ha smesso di soffiare
La lòna l'è gnuda a catèresLa luna è venuta a trovarci
Perchè l'è òra d'andèr a durmirPerchè è ora di andare a dormire
Perchè l'è òra d'andèr a durmirPerchè è ora di andare a dormire


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org