Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2018-6-9

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Dopo il Vietnam

[1978]
Scritta da Mario De Luigi e Giovanni Del Giudice
Voce e pianoforte di Franco Nebbia
Nell'album "Punto e a capo"
Testo trovato sul blog Jons lo scudiero, a partire da uno stimolo ricevuto su Le note di Euterpe

"... Il disco si apre con Franco Nebbia, che i più forse ricordano come presentatore de "Il gambero", quiz radiofonico domenicale, ma che è stato anche musicista, collaboratore negli anni '50 di Modugno e in seguito cantautore in proprio con una vena umoristica (uno dei suoi brani più noti è "Vademecum tango", provate ad ascoltarlo); accompagnandosi con il pianoforte, propone "Dopo il Vietnam" in cui le vicende della guerra in Indocina si intersecano con quelle di una storia d'amore... Il finale del brano, di cui De Luigi è autore del testo, è amaro: 'Avevi diciott'anni e in te io mi smarrivo: / di te mi resta solo un distintivo'..." (da Le note di Euterpe)
Nel millenovecentosessantotto
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 9/6/2018 - 23:16
Video!

Sponde

2018
nuoveCanzoni

SPONDE è la bandiera di un impegno civile e sentimentale contro l’ignoranza e la paura, i mali peggiori del nostro tempo, che ci fanno guardare agli “altri” come nemici, come se tra uomo e uomo esistessero barriere naturali.
Da questa parte del fiume sono nato
(continua)
inviata da Dq82 9/6/2018 - 22:29
Video!

Padre Nostro

2018
nuoveCanzoni

PADRE NOSTRO è una preghiera laica, scoppiata come una tempesta in mare, un grido lacerante e necessario, quando gli occhi vedono quello che non vogliono guardare, e si cerca una ragione in una logica inesistente, e per poter sopravvivere si cercano forza e ricchezza nel dolore del nostro tempo, in attesa di un rinascimento.
Dio della tempesta dio delle barche rotte
(continua)
inviata da Dq82 9/6/2018 - 22:27
Video!

Le petit roi de Sardaigne [Gironfla]

anonimo
...tra l'altro: la sublime voce di Marc Robine ha reso "Le braconnier" composta nel 1964 dal canadese Lawrence Lepage(mancato la vigilia di Natale di sei anni fa),una superba ballata degna dei Malicorne (o no? ehi, Riccardo, dico a te!!!)



e Lawrence Lepage era pure l'autore di un altro brano, (sempre tratto da quel lontano disco d'esordio)interpretato da La Chifonnie, dal titolo "Le vieux François". Nella canzone, ispirata dall'incontro con François Marcoux (che era l'ex guardiano del faro di Île Bonaventure) si auspica al più presto una fuga dalla vita nella città e un ritorno all'isola e alla natura.
Flavio Poltronieri 9/6/2018 - 19:38
Video!

Mr. Weinstein Will See You Now

(2017)
Amanda Palmer & Jasmine Power

Il monologo di una donna invitata nell'ufficio di un uomo potente, come il produttore Harvey Weinstein citato nel titolo, recentemente accusato di molestie e aggressioni sessuali da numerose attrici e personalità femminili dell'industria cinematografica.

Leggi Why Amanda Palmer Wrote A Song Called "Mr. Weinstein Will See You Now"
Your seven hundredth bedroom
(continua)
9/6/2018 - 18:13
Video!

Lekcja Historii Klasycznej

d’après la version italienne LEZIONE DI STORIA ANTICA de Krzysztof Wrona
d’une
Chanson polonaise – Lekcja Historii Klasycznej – Jacek Kaczmarski – 1979
Paroles et musique de Jacek Kaczmarski
Album : Krzyk [1981-1989]
Texte du site : kaczmarski.art.pl


« Gallia est omnis divisa in partes tres
Quorum unam incolunt Belgae aliam Aquitani
Tertiam qui ipsorum lingua Celtae nostra Gali apelantur
Ave Caesar morituri te salutant ! »


Dialogue maïeutique

Lucien l’âne mon ami, je suppose que tu te souviens un peu de ton latin et que comme moi (et des millions d’autres), il te serait aisé de traduire ces quelques lignes ci-dessus, et même, d’en situer l’auteur et de donner le titre de l’ouvrage dont les trois premières lignes sont extraites.

Bien évidemment, Marco Valdo M.I. et tu as eu raison de remettre Gallia avec deux « l », car ainsi était-ce dans l’ancienne Rome. Comme tu le devines, un âne... (continua)
LEÇON D’HISTOIRE ANCIENNE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 9/6/2018 - 17:29
Video!

Il faisait si beau ce matin

La mort du chanteur Marc Ogeret

Figure de la chanson « rive gauche », l’interprète d’Aragon ou de grandes chansons révolutionnaires est mort le 4 juin, à l’âge de 86 ans.

Le Monde
9/6/2018 - 13:05
Video!

Georges Brassens: Le petit joueur de flûteau

Il brano è presente sul disco supplementare all'album "Ale źródło wciąż bije…" del 2002
Il testo da http://www.kaczmarski.art.pl
GRAJEK
(continua)
inviata da Krzysiek 8/6/2018 - 17:23
Video!

Il carrarmato disarmato

[1973]
Scritta da Rosalino Cellamare e Gianfranco Baldazzi
Nell’album “Dal nostro livello”

Forse appena un po’ meglio di I bambini neri non san di liquerizia...
Per mare e per terra
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/6/2018 - 13:35
Video!

I bambini neri non san di liquerizia

[1973]
Scritta da Rosalino Cellamare e Gianfranco Baldazzi
Nell’album “Dal nostro livello”

Non so se musicalmente sia una ciofeca, certo che il testo è da “Bollino Bleah!”… Minchia, neanche allo Zucchino d’Oro!
I bimbi neri no, non san di liquirizia,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/6/2018 - 13:27
Video!

Blues para Emmett

[1971]
Parole di Vinícius de Moraes
Musica di Toquinho
Nell’album “Toquinho e Vinicius”

Una canzone dedicata all’orribile assassinio di Emmett Till, Money, Mississippi, 1955...
Os assassinos de Emmett
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/6/2018 - 11:27
Video!

Brothers

2018
Rifles and rosary beads

Non si può certo dire che Mary Gauthier sia un’artista particolarmente prolifica. E nemmeno troppo precoce, visto che ha pubblicato il suo primo disco quando era già trentacinquenne. Sono passati più di dodici anni dal bellissimo Mercy Now che la rivelò ad un pubblico più vasto e più di sette dall’ultimo album in studio, The Foundling. Tutti indizi che rivelano come le sue opere vengano più dall’anima che dal “mestiere”. E questo vale ancora di più per questo ultimo disco.

Mary Gauthier commenta l’America in guerra

Da quando gli Stati Uniti si sono assunti il ruolo di “gendarmi del mondo” quello dei reduci, dei war veterans, è sempre stato uno dei nervi scoperti della società americana. Negli ultimi vent’anni gli interventi in Kuwait, Afghanistan e Iraq non hanno certo migliorato la situazione, fino a far addirittura rivivere i fantasmi del Vietnam. In questo... (continua)
War ripped my baby from my breast
(continua)
inviata da Dq82 8/6/2018 - 11:15
Video!

A terra prometida

[1971]
Parole di Vinícius de Moraes
Musica di Toquinho
Nell’album “Toquinho e Vinicius”
Poder dormir
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/6/2018 - 11:15

A Bíblia

[197?]
Parole di Vinicius de Moraes
Musica di Toquinho
Non trovo il brano nelle discografie dei due autori, soltanto in quella del Trio Mocotó, nell’album “De TM A JB” (1972)
A Bíblia já dizia
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/6/2018 - 11:02
Video!

Centrala

sempre attuale
k 8/6/2018 - 03:54
Video!

Take My Dub

Grande Roberto, nieśmiertelny
Krzysiek 8/6/2018 - 03:45
Video!

Samobójstwo Jesienina

e Jesienin per Salvo
k 8/6/2018 - 02:37
Video!

Piosenka walcząca

preme la versione alternata di Rick, non perdiamo la "peranza" :)
krzyś 8/6/2018 - 02:05
Video!

Mary Gauthier: When a Woman Goes Cold

In Polonicum sermonem vertit Christophorus Corvinus
GDY KOBIETĘ ŚCINA MRÓZ
(continua)
inviata da k 8/6/2018 - 01:24
Video!

Autoportret Witkacego

[1980]
Parole di Jacek Kaczmarski
Musica di Przemysław Gintrowski
Dalla cassetta "Muzeum 1"
Il testo da kaczmarski.art.pl

Brano dedicato alla memoria di Stanisław Ignacy Witkiewicz detto Witkacy.


Patrzę na świat z nawyku
(continua)
inviata da Krzysiek Wrona 7/6/2018 - 23:07
Video!

Enzo Jannacci: Parlare con i limoni

[1987]
Scritta da Enzo Jannacci con Mark Harris e Riccardo Piferi
La canzone che dà il titolo all'album del 1987

"Il tempo dei limoni" è una canzone scritta da Luigi Tenco e Mogol, pubblicata l'anno seguente la tragica morte del cantautore, e "Parlare con i limoni" è dedicata da Jannacci proprio a Tenco ("al mio amico Tenco non gli han fatto vedere neanche i limoni"), a Giorgio Gaber ("al mio amico Gaber non gli han mai perdonato di aver fatto canzoni") e a se stesso ("quanta fatica per farsi accettare con le canzoni, una vita intera per rincorrere due o tre illusioni")...
Io, io e te, che guardi le mie rughe
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/6/2018 - 21:57
Video!

Pregare per il mondo

1995
Mondo
Pregare, pregare per il mondo
(continua)
inviata da Dq82 7/6/2018 - 21:55
Downloadable! Video!

Alle barricate

Gli accordi dalla Pagina ufficiale dei Gang
Dq82 7/6/2018 - 18:12
Video!

Bandito senza tempo

Gli accordi dalla Pagina ufficiale dei Gang
Dq82 7/6/2018 - 18:11
Downloadable! Video!

Nino

Gli accordi dalla Pagina ufficiale dei Gang
Dq82 7/6/2018 - 18:10
Downloadable! Video!

La pianura dei sette fratelli

Gli accordi dalla Pagina ufficiale dei Gang
7/6/2018 - 18:07
Downloadable! Video!

Non finisce qui

Gli accordi dalla Pagina ufficiale dei Gang
Dq82 7/6/2018 - 18:05
Video!

Kowalsky

Gli accordi dalla Pagina ufficiale dei Gang
Dq82 7/6/2018 - 18:04
Downloadable! Video!

Marenostro

Gli accordi dalla Pagina ufficiale dei Gang
Dq82 7/6/2018 - 18:02
Video!

Pochodnie

Qui, nella traduzione italiana, ho sostituito "capecchio" con "stoppa", tout court. "Capecchio" è termine esistente, certamente, (sarebbe la "prima filatura della canapa"), ma è termine tecnico, settoriale, incomprensibile ai più. Assolutamente nessuno lo usa comunemente.
Riccardo Venturi 7/6/2018 - 15:40
Video!

Lekcja Historii Klasycznej

In mezzo a tutta questa...kaczmarskata di questi giorni intendo dedicarmi anche alle tue traduzioni italiane, Krzysiek (come tu ti dedichi giustamente alle mie dal polacco). Devo dire che questa è notevolmente corretta; mi sono permesso solo due cosette. La prima nel titolo, che in italiano suona molto meglio in forma indeterminata ("Lezione di storia antica"): chi parla una lingua senza articolo (tipo il polacco) a volte tende a mettercelo anche dove non ci vuole :-) La seconda è che, nella traduzione, sono intervenuto....sul latino restaurando la dizione corretta di Giulio Cesare: "Gallia", "Galli" e "appellantur" (e "quarum"), anche se magari l'eliminazione delle doppie nel latino kaczmarskiano era voluta....oppure citava a memoria senza ricordarsi bene. Ma nelle Polonicae scholae si studia il latino? Saluti!
Riccardo Venturi 7/6/2018 - 15:19
Video!

Gipo Farassino: La mia gente

[1977]
Parole di Gipo Farassino
Musica di Giorgio Conte
Nell’album “Per la mia gente”

Una canzone che – da türinéis - propongo come Extra, e non perchè abbia un sentore para-leghista, anzi, mi pare proprio il contrario… D’altra parte, anche Farassino fu un leghista molto sui generis...
La mia gente
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/6/2018 - 13:47
Video!

70 persone

[1968]
Parole e musica di Enzo Jannacci
Nell’album “Vengo anch'io? No, tu no!
Con l’accompagnamento dell’orchestra di Luis Enriquez Bacalov
Testo trovato su LyricsWikia
Ho visto un mare di gente
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/6/2018 - 13:23
Video!

Maria, me porten via

[1970]
Parole e musica di Enzo Jannacci
La traccia che apre La mia gente, album del 1970.
Testo trovato su Wikitesti

“… Gli amori di Jannacci, sbocciati fra i pendolari che fanno la spola tra la periferia milanese e le fabbriche del miracolo economico, hanno tutti un triste epilogo; o se l’hanno lieto, nessuno se ne accorge, perché i «poveri cristi» fanno parte della moltitudine anonima descritta in La mia gente (1970): «La mia gente, la mia gente muore e nessuno se ne accorge»; personaggi che «li han lasciati accoppare dietro a una ciminiera». Evidente in questa canzone, e peraltro dichiarato, è il debito che Jannacci contrae con Jacques Brel...”
(dal Dizionario Biografico degli Italiani, di Stefano Pivato, Treccani, 2017)
Maria, me porten via, ma tì dill minga ai fioeu
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/6/2018 - 11:43
Video!

La mia gente

[1970]
Parole e musica di Enzo Jannacci
La traccia che dà il titolo all’album del 1970
Testo trovato su LyricsWikia

“… Gli amori di Jannacci, sbocciati fra i pendolari che fanno la spola tra la periferia milanese e le fabbriche del miracolo economico, hanno tutti un triste epilogo; o se l’hanno lieto, nessuno se ne accorge, perché i «poveri cristi» fanno parte della moltitudine anonima descritta in La mia gente (1970): «La mia gente, la mia gente muore e nessuno se ne accorge»; personaggi che «li han lasciati accoppare dietro a una ciminiera». Evidente in questa canzone, e peraltro dichiarato, è il debito che Jannacci contrae con Jacques Brel...”
(dal Dizionario Biografico degli Italiani, di Stefano Pivato, Treccani, 2017)
La mia gente,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/6/2018 - 11:27
Video!

Powrót

6 giugno 2018 23:29
RITORNO
(continua)
6/6/2018 - 23:29
Video!

Les corons

Юля [Julija] (L. Trans.)
ПОСЁЛКИ УГОЛЬЩИКОВ
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/6/2018 - 22:27
Downloadable! Video!

Fosses del silenci

FOSAS DEL SILENCIO
(continua)
6/6/2018 - 22:24
Video!

Arauco tiene una pena (Levántate, Huenchullán)

Vi ringrazio. Dunque, il testo dovrebbe essere questo:

Scusate il ritardo.
Arauco ha un grande dolore
(continua)
inviata da Daniele 6/6/2018 - 19:06
Video!

Gli zingari

E' così poetico da strappare il cuore!
fulvia03@.it 6/6/2018 - 17:56
Video!

A Hero in Harlan

A grey sliver casket rolls off the airplane
(continua)
6/6/2018 - 17:07




hosted by inventati.org