Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2016-7-7

Rimuovi tutti i filtri
Video!

L’Enterrement

[1965]

Paroles : Ricet Barrier – Bernard Lelou
Musique : Ricet Barrier


Lucien l’âne mon ami, aujourd’hui, je vais te faire connaître, si ce n’est déjà fait, une chanson qui raconte un enterrement et même celui du chanteur en l’occurrence, l’excellent et drôle Ricet Barrier.

Oh, Marco Valdo M.I. mon ami, te voilà bien sombre à me parler d’enterrement.

Pourtant, Lucien l’âne mon ami, quand tu auras pris connaissance la canzone, m’est avis que tu changeras d’avis. Car la mort vue comme ça, c’est plutôt une bonne nouvelle ou disons, une façon sympathique d’aborder cette phase de la vie, par ailleurs, pour les ânes comme pour les hommes, inévitable. Car la mort se présente sous la forme d’une amoureuse compagne, tout à fait heureuse de tenir compagnie à son soupirant. C’est une mort athée et amoureuse qui tiendra compagnie joyeux défunt aussi longtemps que durera le temps. C’est Byzance ;... (continua)
Je suis mort, je suis bien mort.
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 7/7/2016 - 23:28
Video!

Beatles: A Day In The Life

Non so che dire... Meravigliosa. Gloria ai Beatles.
Blillo 7/7/2016 - 19:20
Video!

Il migliore dei mondi possibili

“Io non credo affatto che viviamo nel migliore di mondi possibili. Questa risposta, questo luogo comune l'ho sentito un sacco di volte da chi di fronte a problemi e ad ingiustizie usava questo concetto per difendere l'esistente. Intendo dire, so bene che viviamo in quella parte di mondo dove la ricchezza è maggiore e dove certamente esiste maggiore libertà, anche se spesso solo apparente. Ma è proprio in nome di questo esistente che abbiamo il dovere di cambiare. Ora, pensateci bene, la crisi economica che viviamo ormai da qualche anno ha semplicemente preso vari milioni di persone e li ha buttati ai margini. Come se non servissero più, come se non avessero modo di partecipare ai tempi in cui viviamo, come se non fossero abili ed utili ai nostri modelli economici. A questo aggiungeteci l'azzeramento di valori, di solidarietà, di concetti come idealità, di parole come sogno nella sua accezione... (continua)
Dq82 7/7/2016 - 17:45
Video!

Michè

Chanson italienne – Michè – Nobraino – 2014

La prison est un lieu où l’on est souvent suicidé. En la matière, la tradition est bien établie en Italie (et ailleurs), à commencer par Gaetano Bresci Gaetano, gracié et pendu – pendu lui aussi, contre son gré.
MICHÈ
(continua)
7/7/2016 - 15:41
Downloadable! Video!

La povera Rosetta

anonimo
Libera è sbagliato. è "ligera" (malavita milanese)
Filippo 6/7/2016 - 22:10
Video!

Papá cuéntame otra vez

PAPÀ RACCONTAMI ANCORA UNA VOLTA
(continua)
inviata da Santiago 6/7/2016 - 20:58
Video!

Bora

A me "questo" sembra propaganda vergognosa non un cristicchio qualsiasi che tra l'altro non amo. badate bene non la canzone ma il panegirico antifascista che ne prende spunto
Bassa e meschina ideologia! vogliamo dire che berlusconi e' fascista e'zcomico cosi come vogliamo dire che tito era una gran brava persona "questo" e' tragico!
Dan il di las 6/7/2016 - 14:42

Kameraden, Laßt Uns Singen

Chanson allemande – Kameraden, Laßt Uns Singen – Paul Rakow – 1940

Paroles de Paul Rakow, artisan berlinois, pour la précision fourreur.
Parodie sur la mélodie du très belliciste « Infantrielied », l’hymne des troupes d’infanterie allemandes
Texte trouvé sur Volksliederarchive
Le morceau, interprété par le Rundfunk-Jugendchor Wernigerode dirigé par Friedrich Kell (1979)

Clairement communiste, Paul Rakow fut arrêté le 15 avril de 1937 et ensuite enfermé au camp de concentration de Sachsenhausen pendant des années. Il était encore vivant au début de 1945, mais en tant qu’Allemand, il fut alors forcé de choisir entre son exécution et l’enrôlement dans la tristement célèbre « Brigade Dirlewanger », un bataillon de criminels et imprésentables, commandé par un sadique psychopathe et pédophile, dernier rempart du glorieux Troisième Reich. Peut-être – nous ne savons pas comme ce qu’il en fut... (continua)
CHANTONS, CAMARADES !
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 6/7/2016 - 12:30
Video!

Terra in bocca

bel disco, coraggioso, boicottato.
Vincillo 6/7/2016 - 10:45
Video!

Fabrizio De André: Creuza de mä [Crêuza de mä]

En el idioma ligur una Creûza o Crosa, es un término que se refiere a un tipo de calle o vereda común en Génova (parecidos a una callejuela), a menudo escalonados y flanqueados por muros bajos que sirven como divisiones entre las propiedades y como caminos que conectan el interior con el mar.

En éste caso, también se refiere de manera alegórica al fenómeno meteorológico del mismo nombre, que produce en el mar vetas retorcidas de color plateado u oscuro, que se asemejan a veredas para emprender en el mar, viajes reales o imaginarios.
SENDERO DE MAR
(continua)
inviata da Santiago 5/7/2016 - 02:57
Downloadable! Video!

Carlo Martello torna dalla battaglia di Poitiers

CARLOS MARTEL REGRESA DE LA BATALLA DE POITIERS
(continua)
inviata da Santiago 5/7/2016 - 00:59
Video!

Everybody Knows

TODO EL MUNDO SABE
(continua)
inviata da Santiago 4/7/2016 - 21:23
Video!

African Lady

[1960]
Versi di Langston Hughes
Musica di Randy Weston (1926-), uno dei più grandi pianisti e compositori jazz di tutti i tempi.
Nell’album intitolato “Uhuru Afrika (Freedom Africa)”, pubblicato nel 1961, dove Weston fu affiancato da alcuni mostri sacri dell’epoca come - ne cito solo alcuni - Freddie Hubbard, Yusef Abdul Lateef, Clark Terry, Jerome Richardson, Ron Carter, Max Roach, Candido Camero, Babatunde Olatunji.
Rilevante inoltre il fatto che gli arrangiamenti dell’album furono opera di Melba Liston, compositrice e trombonista (!), la prima donna (e una delle poche) a suonare in una big band.
Testo trovato su Bentari Project Blog

Uhuru, Freedom, Libertà... Inutile dire che l’album fu bandito nel Sudafrica dell’Apartheid...
La dedica: “to our mothers, our sisters, those African women who were always in the background, who always supported us, you see.”
Sunrise at dawn,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/7/2016 - 20:21
Video!

Kimegyek a doberdói harctérre

András Széles
DOBERDÒN TAISTELUKENTÄT
(continua)
inviata da Juha Rämö 4/7/2016 - 10:04
Video!

Gagiò romanò

Chanson italienne – Gagiò romanò – Alessandro Sipolo – 2015



C’est l’histoire d’un insoumis de Brescia, qui, dans les années 1970, se joint à un groupe de forains roms pour échapper au service militaire. Après la fuite, la contumace, la prison, les interpellations parlementaires à son propos, les tragédies personnelles, il revient à son existence de banlieue en refusant, avec sa cohérence habituelle, toute représentation « héroïque » de ses choix.

Dialogue maïeutique

Quand même, dit Marco Valdo M.I., on ne pouvait pas laisser cette canzone sans quelques mots d’explication. Pour mille raisons et la première étant que le personnage dont parle cette chanson, dont le narrateur raconte l’histoire, est d’abord et surtout, un insoumis.

C’est en effet un homme de raison. Un insoumis est un personnage que l’on se doit de saluer, dit Lucien l’âne, grattant le sol de son petit sabot noir pour... (continua)
GAGIÒ ROMANÒ
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 3/7/2016 - 22:04
Downloadable! Video!

Yellow Triangle

Il testo completo (reperito su “I Know what I Know: The Music of Charles Mingus”, di Todd S. Jenkins) della versione di Charles Mingus, il brano con cui si chiude il suo album dal vivo “Music Written for Monterey, 1965 ( Not Heard... Played in its Entirety, at UCLA), registrato nel 1965 e pubblicato l’anno seguente.
DON’T LET IT HAPPEN HERE
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 3/7/2016 - 21:55
Video!

Freedom

[1962]
Parole e musica di Charles Mingus
Arrangiamento di Charles Mingus e Bob Hammer
Nell’album intitolato “Mingus Mingus Mingus Mingus Mingus” pubblicato nel 1963
Il brano fu registrato a New York il 20 settembre 1963. Con Mingus molti musicisti di prim’ordine, come Jerome Richardson (sassofonista, flautista e clarinettista), Booker Ervin (sassofonista prematuramente scomparso nel 1970, a soli 40 anni), Eric Dolphy (polistrumentista e virtuoso di tutti gli strumenti a fiato, anche lui morto prematuramente, pochi mesi dopo questa registrazione) e Jaki Byard (pianista, sassofonista e compositore).

L’incipit del brano gioca con il nome di un cocktail a base di vodka in voga negli anni 50, il “Moskow Mule”, ma nello slang americano di allora “mule”, il mulo, è il negro, la bestia da soma...
This mule ain’t from Moscow
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 3/7/2016 - 21:18
Video!

Quello che non ho

Testo cantabile / Singable lyrics / Paroles chantables / Laulettavat sanat: Juha Rämö
MITÄ MULL' EI OO
(continua)
inviata da Juha Rämö 3/7/2016 - 09:02
Video!

Joan of Arc

JUANA DE ARCO
(continua)
inviata da Santiago 3/7/2016 - 04:44
Video!

La morte

LA MUERTE
(continua)
inviata da Santiago 3/7/2016 - 04:12
Downloadable! Video!

Terra del fuoco

TIERRA DEL FUEGO
(continua)
inviata da Santiago 3/7/2016 - 03:49

Ge ej upp hoppet

ÄLÄ HEITÄ TOIVOASI
(continua)
inviata da Juha Rämö 2/7/2016 - 10:05
Downloadable! Video!

L'Internationale

OKINAWANO [UCHINAAGUCHI] / OKINAWAN [UCHINAAGUCHI]

La versione nella lingua okinawana (Uchinaaguchi) effettuata dal 2channel's Communist Party Board (2012)
Okinawan version by 2channel's Communist Party board (2012)



でいひゃ気張らなや
(continua)
2/7/2016 - 07:05
Video!

Tencere tava havası

MELODÍA DE OLLAS Y SARTENES
(continua)
inviata da Santiago 2/7/2016 - 03:55
Video!

Il ritorno di Giuseppe

EL RETORNO DE JOSÉ
(continua)
inviata da Santiago 2/7/2016 - 02:45
Video!

Only in America

[2015]

Album: The American Dream Died
Risk their lives for us all
(continua)
inviata da Ivan 2/7/2016 - 00:18

Wie lang es auch noch dauern mag

ET SI ÇA DURE ENCORE LONTEMPS
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 1/7/2016 - 22:14
Video!

L’uomo col megafono

[1995]
Parole e musica di Daniele Silvestri
Canzone presentata al Festival di Sanremo nella sezione dedicata alle nuove proposte.
Ottenne il premio “Volare” per il testo.
Poi inserita nell’album “Prima di essere un uomo”

Semplicemente bellissima! Una canzone militante e disperata sulle voci dei nostri tempi, sempre meno numerose e sempre più flebili, che pure ostinatamente hanno gridato e continuano a gridare nel deserto...
C'era una volta un re che disse alla sua serva
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 1/7/2016 - 21:25
Video!

Another Holy War

UN'ALTRA GUERRA SANTA
(continua)
inviata da Yarikh 1/7/2016 - 17:20

Alice Was Her Name

ALICE ERA IL SUO NOME
(continua)
inviata da Yarikh 1/7/2016 - 17:12
Downloadable! Video!

Uomo del mio tempo

MAN OF MY TIME
(continua)
inviata da Yarikh 1/7/2016 - 16:54
Video!

Ora che sale il giorno

NOW THAT THE DAY RISES
(continua)
inviata da Yarikh 1/7/2016 - 16:48
Downloadable! Video!

Alle fronde dei salici

TO THE BRANCHES OF WILLOWS
(continua)
1/7/2016 - 16:26
Video!

Somos más Americanos

2015
"Cama Incendiada"

Ya me gritaron mil veces
(continua)
inviata da dq82 1/7/2016 - 16:24
Video!

Ave Maria migrante

2016
Delaltér. Verso un altro altrove

Ave Maria migrante, che è a tutti gli effetti una preghiera laica, un’invocazione di protezione e di riparo per chi si trova ad attraversare un mare troppo grande, senza sapere cosa ci sarà dall’altra parte della riva
Ave Maria degli angeli che mi prendono per mano
(continua)
inviata da dq82 1/7/2016 - 16:15
Downloadable! Video!

Lampecrucis

2016
Delaltér. Verso un altro altrove

Lampecrucis si muove laddove i Gang hanno dato voce a Marenostro, ovvero in quei territori dove ha ancora senso parlare di canzone d’autore a tutti gli effetti: impegno e poesia sono messi in musica per dare voce al grido degli ultimi, dei disperati che però non cadono mai nella rassegnazione: “Non puoi cambiare il colore del vento / non puoi fermare il respiro del mare / non puoi respingere i figli degli ultimi / scortati da Dio sanno già dove andare…”. Ecco, se c’è una speranza di sopravvivenza per la tradizione cantautorale italiana, è proprio grazie a brani come questo!
flaneur,com
Per chi scendeva la strada era dura
(continua)
inviata da dq82 1/7/2016 - 16:11
Video!

Dreamer

SOGNATORE
(continua)
inviata da Yarikh 1/7/2016 - 16:00
Video!

Coi piedi per terra

FEET ON THE GROUND
(continua)
inviata da Yarikh 1/7/2016 - 15:39
Video!

Smoke (Acteal)

Mi è appena giunta la notizia della morte di Renza Salza che fino a non molti anni fa è stata il motore instancabile del Comitato Chiapas di Torino, un piccolo gruppo di persone che per quasi 15 anni, a partire dal "levantamiento" indigeno del 1994, ha sviluppato tantissime iniziative, a Torino e in tutta Italia, di informazione e solidarietà con la rivoluzione neozapatista nel sud est messicano.

Renza era una donna forte, irriducibile, una "combattente per la libertà" (così come Lucio Manisco definiva Sivia Baraldini nell'intro a Radio Manisco/0516490872 degli AK47), molto impegnata anche sul fronte della solidarietà al popolo palestinese e a tutti i popoli oppressi.

In definitiva Renza è sempre stata ostinatamente dalla parte degli ultimi, dei senza voce.

Negli ultimi anni l'avevo persa di vista, anche perchè lei continuava a viaggiare molto mentre io mi sono totalmente ritirato a vita privata, ma è stato per me un onore conoscerla ed esserle amico.

Grazie Renza. Un ultimo abbraccio e un saluto a pugno chiuso.
B.B. 1/7/2016 - 15:23
Video!

When the Wild Wind Blows

QUANDO SOFFIA IL VENTO FURIOSO
(continua)
inviata da Yarikh 1/7/2016 - 15:03
Video!

Blood Brothers

FRATELLI DI SANGUE
(continua)
inviata da Yarikh 1/7/2016 - 14:38
Video!

L'esodo

[2015]
Album : Sale

Brillano l’arpa di Laura Vinciguerra e la voce di Elisa Nocita in “L’esodo”, il brano che chiude l’album, evocazione della tragedia dei viaggi della speranza attraverso il Mediterraneo.
blogfoolk
Sopra un lago di legno di braccia e di eroi
(continua)
inviata da dq82 1/7/2016 - 14:38
Video!

Chi dici Nicò

[2015]
Album : Sale

“Chi dici Nicò” si apre con un estratto dal film “Bronte” di Florestano Vancini, testimonianza di un Risorgimento tradito nell’eccidio perpetrato da Nino Bixio e dai garibaldini a Bronte (CT). Nella pellicola Ivo Garrani dà voce al discorso che l’avvocato Nicolò Lombardo pronunciò prima di essere giustiziato con Nunzio Frajunco, lo scemo del paese; il cunto di Muratori ricostruisce questo eccidio dimenticato del 1860 a protezione degli accordi con gli inglesi.

blogfoolk
Solo poche parole, signor Presidente, per non togliere altro tempo alla commissione.
(continua)
inviata da dq82 1/7/2016 - 14:35
Downloadable! Video!

The Green Fields Of France (No Man's Land)

FINLANDESE / FINNISH

Traduzione / Translation / Traduction / Suomennos: Juha Rämö
RANSKAN VIHREÄT KUNNAAT
(continua)
inviata da Juha Rämö 1/7/2016 - 09:14
Video!

Verranno a chiederti del nostro amore

Per Santiago, se legge:

grazie delle tue belle traduzioni allo spagnolo. Stai facendo qualcosa di molto importante. Anche su questa, che non è certo una canzone facile, te la sei cavata secondo me molto bene. Ho solo due dubbi sulla tua traduzione:

1) "Digli pure che il potere io l'ho scagliato dalle mani..."
qui il pure non ha valore aggiuntivo (sinonimo di anche) ma concessivo quindi invece di "diles también" io scriverei "puedes decirles..." o qualcosa del genere (cfr. inglese Just tell them o in francese Dis-leur bien)

2) "dove un attimo vale un altro" non è "vale la pena" ma credo "bien vale otro" (non sono sicuro che si dica così).

Sei d'accordo?

Un saluto e grazie ancora!
Lorenzo 30/6/2016 - 21:21
Video!

La gaviota

accetto suggerimenti perché è molto più difficile di quanto sembri a prima vista...
IL GABBIANO
(continua)
30/6/2016 - 21:02
Video!

Via della Croce

LA VÍA DE LA CRUZ
(continua)
inviata da Santiago 30/6/2016 - 20:07
Video!

Tre madri

TRES MADRES
(continua)
inviata da Santiago 30/6/2016 - 19:27




hosted by inventati.org