Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2016-2-27

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Inquisizione

da "Figgatta De Blanc" (2016)

Da che mondo è mondo l’inquisizione arde la gente; più nel medioevo che in altre epoche, ma comunque la arde. La gente arsa si conta in parecchie migliaia, se non di più. Dipendesse da quelli a cui piace inquisire, il fenomeno sarebbe tuttora diffusissimo. Per fortuna non lo è, perché un forte movimento d’opinione lo avversa.
Un signore, cinquecento anni fa
(continua)
27/2/2016 - 21:47
Video!

Bomba intelligente

(2005)
Parole di Francesco di Giacomo
Musica di Paolo Sentinelli
Incisa dagli Elii in "Figgatta De Blanc" (2016) con la voce di Francesco di Giacomo

Le parole di “Bomba intelligente” sono di Francesco Di Giacomo, la musica l’ha scritta Paolo Sentinelli. Francesco non ha avuto il tempo di completarla e ci hanno provato Elio e le Storie Tese

Paolo Sentinelli (musicista amico e stretto collaboratore di Francesco Di Giacomo) ha raccontato così la genesi della canzone:

“Era il 2005 lo ricordo come fosse ieri, nel pieno della seconda guerra del golfo. Baghdad colpita ripetutamente ed una bomba chiamata intelligente aveva fallito il suo bersaglio. Ali aveva 14 anni, perse le braccia ed a Baghdad c’era un sole fortissimo che bruciava davvero. Me lo ricordo come fosse ieri, davanti a questa notizia che ci riempiva di rabbia. Poi Francesco cominciò a raccontare una storia, aprì il suo cuore,... (continua)
Sostenendo, con la forza della ragione,
(continua)
27/2/2016 - 18:54
Video!

Lettera al figlio (Se)

Chanson italienne – Lettera al figlio (Se) – Massimo Priviero – 2010
Librement inspirée du poème If de Kipling

Voici donc, Lucien l’âne mon ami, une chanson de Massimo Priviero dont je viens de faire une version en langue française. Cependant, je vais commencer par te parler un peu d’un texte inséré en annexe à cette chanson, un très étonnant « BRÉVIAIRE POUR LAÏCS » ; étonnant à plus d’un titre. D’abord, par son auteur Antonio GRAMSCI Quello lì (compagno Gramsci), dont on ne s’attendrait pas à ce qu’il traduise Rudyard Kipling, que George Orwell définissait comme « prophet of British Imperialism » ; un prophète de l’impérialisme, c’est tout dire, quand on pense au méridionalisme de Gramsci. Ensuite, un « BRÉVIAIRE POUR LAÏCS » est en soi une chose inattendue…

C’est en effet étonnant dans ce nid de papes, de cardinaux, d’archevêques, d’évêques, de frères, de moines, de sœurs, de nonnettes,... (continua)
LETTRE À MON FILS (SI…)
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 27/2/2016 - 15:28

Muḥend-nneɣ

Una curiosità per Riccardo: una canzone di Idir (Acawi) è stata interpretata magnificamente dal gruppo bretone Bleizi Ruz nel 1980 nel loro secondo LP Ker Blues: un an dro berbero venuto dalla Cabilia algerina....!!

Acawi - Bleizi Ruz - YouTube
Flavio Poltronieri 27/2/2016 - 12:27
Downloadable! Video!

There Is Power In A Union

There is power in the factories, power in the land
(continua)
inviata da dq82 27/2/2016 - 11:45
Downloadable! Video!

Er soudarded zo gùisket é ru [Ar soudarded zo gwisket e ruz]

Max Ar Fur
Ricollegandomi a quanto ho scritto il 6 gennaio scorso, l'unico brano non inedito del disco è appunto "Ar soudarded a zo gwisket e ruz" che Gweltaz reinterpreta con il nuovo arrangiamento molto evocativo e minimale (che mi ricorda le cose migliori di Dan Ar Braz)ad opera del chitarrista Patrice Marzin. Viene affermato che si tratta di un omaggio familiare, che la canzone gli è stata insegnata dal padre e che racconta di un suo prozio che ha trovato la morte lontano da casa durante la guerra del 1870. La divisa militare francese era a quel tempo di colore robbia.
Flavio Poltronieri 27/2/2016 - 10:08
Video!

Sein 1940

C'è un'imperfezione nel testo originale:

"C'est offense, Grands de France,
que de condamner leur langue au bûcher.
C'est violence (NON RIPETE OFFENSE), Grands de France,
que de condamner leur lange au bûcher."

corretto
Flavio Poltronieri 27/2/2016 - 09:33
Video!

Gods of War

Album: "Viking" (2004)
I saw you shout up to the heavens
(continua)
26/2/2016 - 22:08
Video!

Dead American

Album: "Lars Frederiksen and the Bastard" (2001)
Trench warfare dug in deep
(continua)
26/2/2016 - 22:02
Video!

Une vie de moins

Gaza 2016 - l'ora del bagno - foto di Emad Nassar
26/2/2016 - 21:51
Video!

Azadî bo Kurdistan

1936 – 2016: LA RESISTENZA CONTINUA
(Gianni Sartori)

1936: a Barcellona, Donosti, Madrid operai, braccianti, libertari, democratici...scendono, armati, nelle strade per contrastare il golpe fascista di Francisco Franco e per conquistare una vita degna.

2016: nel Rojava e nel Bakur , a Kobane come a Cizre e Dijarbakir, la popolazione curda resiste sia ai fascisti di Isis-Daesh (moderna versione mediorientale dei “corpi franchi” e delle S.A. tedeschi, apripista del nazismo istituzionalizzato) che al fascismo, lievemente mascherato, di Erdogan. Per la Libertà, per l'Umanità, per una vita degna di tutte e di tutti.

Il governo turco, foraggiato dalla Unione europea con 3 miliardi di euro, ha scatenato una vera pulizia etnica, all'interno dei propri confini, contro i curdi.
Qualche esempio: sono oltre 300 i morti accertati nella sola città di Cizre, sottoposta a continui bombardamenti, mentre... (continua)
Gianni Sartori 26/2/2016 - 19:53
Video!

Foutez-nous la paix (Chanson des enfants)

COMMENT TROUVER L'ALBUM Où FIGURE CETTE CHANSON????
Je vous serais vraiment reconnaissante, je le cherche depuis très longtemps
Cordialement
Josine Tardy 26/2/2016 - 19:39
Video!

Storie dell’Altra Italia

Chanson italienne – Storie dell’Altra Italia – Daniele Biacchessi – 2012

Mise en scène et musique de Daniele Biacchessi, Gang e Massimo Priviero in "Storie dell’altra Italia"
La mafia est un phénomène humain et comme tous les phénomènes humains, elle a un début, une évolution et aura donc aussi une fin.
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 26/2/2016 - 16:20
Video!

Nasza klasa

La versione di Alessio Lega è stata registrata da Olden nell'EP "L'amore occidentale" (Olden 2015)

26/2/2016 - 15:32
Downloadable! Video!

La Ballade des Déserteurs

[2007]
Album: La victoire en chantant
Paroles et musique : Xavier Pétermann
instrumental
inviata da dq82 26/2/2016 - 14:49
Percorsi: Disertori
Video!

Normandie

[2007]
Album: La victoire en chantant
Paroles et musique : Xavier Pétermann
T'as grandi dans la misère
(continua)
inviata da dq82 26/2/2016 - 14:47
Downloadable! Video!

La victoire en chantant

[2007]
Album: La victoire en chantant
Paroles et musique : Xavier Pétermann
e me souviens encore, il y a toute une vie
(continua)
inviata da dq82 26/2/2016 - 14:44
Video!

Hitler Ain't Dead

[1965]
Parole e musica di Bill Frederick, sul quale poche informazioni sono reperibili in Rete.
Nei primi anni 60 era un giovane studente in chimica ed obiettore di coscienza al servizio militare in Vietnam.
Contribuì alcune sue canzoni su Broadside Magazine. Si veda anche Just Another Day
Questa fu pubblicata sul # 61 del 15 agosto 1965.
Nel 1967 le canzoni di Bill Frederick vennero raccolte nel disco intitolato “Hey, Hey… LBJ! Songs of the U.S. Anti-War Movement”

Veemente attacco al presidente Lyndon Johnson (LBJ), succeduto a Kennedy dopo il suo assassinio e responsabile del definitivo coinvolgimento degli USA nella guerra, già più che fredda, in Indocina.
Nella canzone Lyndon Johnson - che proprio nel 1965 ordinava i primi bombardamenti a tappeto sul nord Vietnam - viene descritto come se fosse una reincarnazione di Hitler o, meglio, il Führer in persona, che non è morto a Berlino... (continua)
Lyndon says it's fine and grand
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 26/2/2016 - 13:44
Video!

Holy Ground

Scritta dai soliti Steve Winwood e Jim Capaldi con Davy Spillane, cantautore e musicista irlandese, membro fondatore dei Moving Hearts
Dall'album "Far From Home" (1994)
What are we doing to this holy ground
(continua)
inviata da Carlo Francesco RIDOLFI 26/2/2016 - 11:36
Video!

Go Limp

[1962]
Parole di Alex Comfort (1920-2000), scienziato britannico, pacifista e antinuclearista. Celebre pure per il suo manuale illustrato di sessuologia intitolato “The Joy of Sex” del 1972.
Sulla melodia della popolare inglese “Sweet Betsy”.

Canzone scritta per il movimento per il disarmo nucleare, la cosiddetta Campaign for Nuclear Disarmament (CND)
Testo originariamente pubblicato in B'side # 5, 1962 ed interpretazione inclusa in Broadside Ballads Vol. 1. Il brano fu poi selezionato per la maxi raccolta “The Best of Broadside 1962-1988: Anthems of the American Underground from the Pages of Broadside Magazine” pubblicata dalla Smithsonian Folkways Recordings nel 2000.

Nel 1964 “Go Limp” fu ripresa pari pari da Nina Simone, che semplicemente la adattò alla causa del movimento per i diritti civili sostituendo a “CND” l’acronimo della National Association for the Advancement of Colored... (continua)
Oh Daughter, dear Daughter,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 26/2/2016 - 10:55
Video!

Miss Propagandiss

[1983]
Dall'album doppio "I Ching"
Testo di Bogdan Olewicz e Zbigniew Hołdys
Musica di Zbigniew Hołdys
Wojciech Waglewski – l'orazione sulla chitarra
Joanna Posmyk – L’Humanite
Andrzej Nowicki – bas
Wojciech Morawski – tamburi

da tekstowo
Nie męcz mnie
(continua)
inviata da Krzysiek Wrona 26/2/2016 - 00:13
Downloadable! Video!

Il giorno di San Patrizio

per ricordare l'anniversario (1916): prima puntata e seconda puntata

GS
Gianni Sartori 26/2/2016 - 00:00
Video!

Crossfire

(non si sa di chi visto che non ha firmato)
Mi sembra un incubo che diventa realtà
(continua)
25/2/2016 - 15:21
Video!

Say No!

SAY NO!
The deserter
Elvis Peeters 2015

Say No! is a song but also an international project that wants to be a hymne to the deserters, to those who dare to Say No! to warfare and thus take the first step towards peace.

The international project applies to groups, choirs and solists from all over the world to participate:
sing the song,
send us the registration of your version (feel free to adept)
send us also images, film or pictures that document your contribution, an interview with a peacemaker, a documentary of a flash mop, foto's of monuments to war and to peace ...

your material will be a brick used to build the international monument to the deserter. This monument by Jan Vromman will be shown in a live performance in Brussels. On the website we want to create a 'wall' of deserters, with your contributions

more info on http://www.sayno.be
and http://bbek.vgc.be/Say_No.html

This... (continua)
See the world turning round
(continua)
inviata da Ruth Flikschuh, Brussels Brecht-Eislerkoor 25/2/2016 - 15:00
Video!

Pity the Downtrodden Landlord

[1940s]
Parole di Barnet 'Doggie' Woolf, scienziato, genetista e liricista
Musica di Arnold Clayton, compositore e arrangiatore
Entrambi gli autori collaborarono con il circuito dell’Unity Theatre (a Liverpool, Glasgow, Manchester e Londra), esperienza teatrale legata al movimento operaio e al Partito comunista
Testo trovato sul solito, ottimo Mudcat Café
In un singolo del 1950 in cui Fred Hellerman (membro de The Weavers), si presentava con lo pseudonimo di Bob Hill
Poi nell’EP del 1961 intitolato “Songs for Swinging Landlords To”, interpretata da Stan Kelly e Leon Rosselson

Una canzone risalente all’immediato secondo dopoguerra in cui vengono sarcasticamente ringraziati i locatori, avidi e strozzini, una categoria di sfruttatori e parassiti che torna sempre a proliferare nei momenti in cui la crisi morde di più, come sono anche i nostri. Qui a Torino abbiamo il famoso e famigerato... (continua)
Please open your hearts and your purses
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 25/2/2016 - 14:37
Video!

Tim McGuire

[1962-63]
Parole e musica di Leon Rosselson
Nel suo disco intitolato “Songs for Sceptical Circles” (1966) dove, fra l’altro, c’è una sua versione della N° 1 fra le CCG/AWS, Le Déserteur di Boris Vian.
Testo trovato sul solito, ottimo Mudcat Café

Questa canzone, dedicata ad un immaginario inconforme, antiautoriatario e piromane, causò qualche problema all’autore. Scritta per il programma satirico televisivo “That Was the Week That Was”, ebbe subito una discreta notorietà, tanto che il capo dei pompieri dello Staffordshire denunciò Rosselson per “incitamento alla commissione di incendi” e chiese che la canzone fosse bandita dalle trasmissioni radiotelevisive. La protesta non ebbe seguito, la BBC non bandì la canzone, ma il produttore della trasmissione lamentò che si trattava di una canzone improponibile, brutta e infantile… Rosselson comunque non si fece intimidire e “Tim McGuire” rimase immutata, uno dei suoi maggiori successi e riproposta in molti dischi e raccolte successive.
Little Tim McGuire loved to play with fire
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 25/2/2016 - 13:05
Video!

That's the Way the Wheels Turn

[1981]
Parole e musica di Leon Rosselson
Nel disco intitolato “For the Good of the Nation”, con Roy Bailey
Testo trovato sul solito, ottimo Mudcat Café
Fill out this vacation form
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 25/2/2016 - 11:31
Downloadable! Video!

Era una notte che pioveva (La sentinella)

anonimo
La versione di Francesco Camattini:

Francesco Camattini 24/2/2016 - 16:28
Downloadable! Video!

Αρκαδία IV - ᾩδαί

Nuova canzone di Mikis (parole e musica), presentata ieri presso edizioni Eumaros, Atene.

https://www.youtube.com/watch?v=apXBKafKvlw
Andrea 24/2/2016 - 16:24
Video!

McGoohan’s Blues

[1969]
Parole e musica di Roy Harper
Nell’album intitolato “Folkjokeopus”

I was eighteen when I first heard Roy Harper sing this song live and it shook me. I’d never heard a song so packed with angst, insight and social commentary. There was so much to absorb.

‘And the bankers and tycoons and hoarders of money and art
Full up with baubles and bibles and full of no heart
Who travel first class on a pleasure excursion to fame
Are the eyes that are guiding society’s ludicrous aim’

It could have been written about now, couldn’t it?

Roy sang the whole 20 minute epic with passion and gusto and it hit me like a hammer. I had to listen time and again to internalise the information it was giving out. For me it was the most important song I had ever heard; a poem put to music. Roy was articulating the thoughts that were chasing around in my head.

I love songs stuffed with thought-provoking... (continua)
Nicky my child he stands there with the wind in his hair
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 24/2/2016 - 15:17
Video!

Princesa

Dal blog Fabrizio De André in English

"Princesa" is about Fernanda Farias de Albuquerque, who was born in Brazil in 1963 as a male but from the age of six years identified as female. She emigrated to Spain at the age of 25 and then to Italy, where she was a sex worker in order to pay for a sex change operation. She was incarcerated for the attempted murder of the madam of the brothel where she worked after the madam had stolen money from her. In jail, she met a Sardinian shepherd who had attempted a bank robbery. The two spoke about Brazil and Sardinia in a mix of languages. Another inmate, sentenced to two life sentences, undertook to write the story of Fernanda/Princesa, and after a year of collaboration the book was published in 1994, on which De André based this song. The happy ending of the song did not mirror what happened in real life - Fernanda/Princesa ended her life in 1999 without having completed the transition to being female. - Dennis Criteser
PRINCESS
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 24/2/2016 - 15:15
Video!

Parlando del naufragio della London Valour

Dal blog Fabrizio De André in English



The shipwreck of the London Valour was an actual event that took place in Genoa in 1970. But the focus in this song is on the people who came out to the Genoa docks to rubber neck and watch the unfolding tragedy in morbid fascination. The lyrics are somewhat obtuse, with many possible references to political events and cultural figures from Italy's Years of Lead, (the late 1960's to the early 1980's), which were marked by tremendous social upheaval and terrorism. - Dennis Criteser
SPEAKING OF THE SHIPWRECK OF THE LONDON VALOUR
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 24/2/2016 - 15:07
Video!

Ottocento

Dal blog Fabrizio De André in English

In "Ottocento," De André sings in the style of opera buffa and the song ends with Tyrolean yodeling, the idea being to describe 20th century society in 19th century style. He explains that "it's a style of singing falsely cultured, an approach suggested to me by the pomposity of a character who, more than a man, is a vacuum cleaner: he breathes in sweet sentiments, affections, vital organs and objects in front of him to which he displays a single mental attitude: the possibility of buying and selling them. . . . Here is painted a portrait of the bourgeoisie, in the exact moment of its affirmation of power: the world of the protagonist is dominated by money and by huge quantities of merchandise." The phrase "bronze of Versace" calls to mind the Riace Bronzes, a nice contrast between the superficial and fleeting beauty that pop culture craves and the more enduring beauty of past treasures of art. - Dennis Criteser
THE EIGHTEEN HUNDREDS
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 24/2/2016 - 14:43
Video!

Ai preât la biele stele

Toda la tristeza y el profundo sentimiento religioso del pueblo friulano que sufrió en carne propia todo el dolor de la guerra. Sus hombres combatiendo en el frente, sus mujeres, las portatrice carniche sosteniendo el frente cada día llevando alimentos, municiones y bajando heridos y muertos.
Sufrieron el exilio y la invasión de sus casas, el dolor de la derrota, la victoria que fue amarga y muy costosa.
Los friulanos de Argentina honramos la memoria de nuestros padres y abuelos que sufrieron en la Primera y Segunda Guerra Mundial.
LE HE REZADO A LA BUENA ESTRELLA
(continua)
inviata da Eduardo Dino Baschera 24/2/2016 - 14:27
Video!

Laudate Hominem

Dal blog Fabrizio De André in English

De André once called "Laudate hominem" his final sermon of the album. "I need to, and I believe everyone's like me, consider Christ to be a man, and his story also a human one. Because if I consider him to be a God, he can't be imitated; if he's considered a man, yes, I can do it." - Dennis Criteser
PRAISE THE MAN
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 24/2/2016 - 13:59
Video!

Himno de la Cruzada Nacional de Alfabetización


Da Forum insegnanti - pagina di resistenza

Scompare Fernando Cardenal, sacerdote protagonista della rivoluzione sandinista, della teologia della liberazione e di aspri scontri con le gerarchie vaticane, recentemente sanati da Papa Francesco. Vogliamo ricordarlo con alcune immagini della "Cruzada Nacional de Alfabetizacion" la straordinaria campagna, di cui padre Cardenal fu tra i massimi organizzatori, con cui il governo rivoluzionario del Nicaragua sconfisse un secolare analfabetismo. [Luca Cangemi]
Avancemos, brigadistas,
(continua)
inviata da adriana 24/2/2016 - 13:30
Video!

Uommene

2013
Uommene

Il testo è stato trascritto dal video, quindi non garantisco in alcun modo la grafia, però con i vari dialetti si capisce il senso generale

testo e musica di Gino Magurno

Il dramma della violenza fisica e psicologica sulle donne, i tanti casi di femminicidio sono temi che tristemente incontriamo ogni giorno sulle pagine dei giornali come in televisione, allo stesso modo anche le statistiche raccontano di un susseguirsi angoscioso di dati sempre più allarmanti, e ciò negli ultimi tempi ha riacceso i riflettori su un dramma sociale, le cui radici sono lontane nel tempo ed hanno come denominatore comune: la violenza, l’ignoranza, l’arroganza e la sopraffazione. A questo dramma di così grande rilievo sociale si è ispirato l’autore e compositore Gino Magurno, per la scrittura di “Uommene”, brano di grande intensità e dal testo particolarmente vibrante, che ha suscitato subito... (continua)
Uommene ca se pensano
(continua)
inviata da dq82 24/2/2016 - 11:37
Video!

La morte

Dal blog Fabrizio De André in English

"La morte" uses the music of “Le verger du roi Louis,” released in 1960 by the French singer/songwriter Georges Brassens, setting to music a 19th century poem by Théodore de Banville. The poem alludes to the "gardens of King Louis" - the parts of his forest that were reserved for those who were hanged, in "clusters never visited." De Andrè feared death, something he spoke about on several occasions, and death is a presence in many of his songs. The opening lines of De Andrè's lyric are quite similar to the first lines of Cesare Pavese's 1950 poem "Death Will Come and Have Your Eyes." - Dennis Criteser
DEATH
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 24/2/2016 - 09:46




hosted by inventati.org