Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2015-4-6

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Imagine That

(2007)
Album: The Awakening
A mother was grieving her loss
(continua)
6/4/2015 - 23:48
Downloadable! Video!

Братские могилы

Modern Aramaic (or Neo-Assirian, or Syriac) version by Michael Mammoo (2007), from this page
ܒܹܝܬܼ ܩܒܼܘܼܪܹ̈ܐ ܟܸܢܫܵܝܹ̈ܐ
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/4/2015 - 23:32
Downloadable! Video!

Братские могилы

Armenian version by Hovhannes Saroyani (2007), from this page
Հովհաննես Սարոյանի. Թարգմանություն, 2007

La traduzione è accompagnata da una trascrizione in caratteri latini.
The translation is provided with a transcription into Latin characters.
ԵՂԲԱՅՐԱԿԱՆ ԳԵՐԵԶՄԱՆՆԵՐ
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/4/2015 - 23:17
Video!

Allons Enfants

2009

Album : Une goutte de miel dans un litre de plomb
Je suis l'appel de l'épée conservatrice il est l'heure
(continua)
6/4/2015 - 22:35
Video!

L'Usine

(2009)

Albuum: "Une goutte de miel dans un litre de plomb"

Né au Liban en 1978, Marc Nammour est arrivé dans une cité ouvrière du Jura à l’âge de 8 ans. Toute sa famille travaillait à l’usine. Enfant, il voyait la cité comme « un grand parc de jeux avec plein de gamins et un peu de verdure ».

« J’ai deux souvenirs : l’odeur du bleu de travail, ce mélange de produits chimiques et de ferraille. Même si je n’avais pas entendu la porte, je savais que mes oncles et mes grand-parents étaient rentrés. Et les gamelles qu’ils se préparaient avant de partir au boulot. »


Entre 20 et 22 ans, avant de monter à Paris pour se lancer dans la musique, le rappeur bosse à la chaîne, à temps plein, de nuit :

« J’ai éprouvé l’aliénation au travail, la répétition jusqu’à l’infini du même putain de geste à en devenir fou. C’est ça le plus dur : tu arrives au boulot et tu dois virer ton cerveau parce que si tu commences à trop réfléchir, t’as envie de casser la machine. »


Où sont passés le rock et le rap engagés qui défonçaient le FN ?
Le bus vient de l'déposer,
(continua)
6/4/2015 - 21:58
Video!

Jamais Nationale

(feat. DJ Pone)

Texte: Marc Nammour
Musique: Mathieu Lalande
Arrangements: Jérome Boivin
Extrait de l'album "La Nausée" sortie le 22/09/2014


Contro tutti i fascisti e le loro "identità nazionali".
Mais écoute là cette voix dégueuler sur les ondes
(continua)
6/4/2015 - 21:41
Video!

Free Palestine

Freedom for Palestine, Freedom for Gaza
(continua)
6/4/2015 - 20:57
Downloadable! Video!

Братские могилы

Albanian version by Vangjush Ziko (2006), from this page
Përkthim: Vangjush Ziko (2006)
VARRI I PËRBASHKËT
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/4/2015 - 19:45
Downloadable! Video!

Братские могилы

A translation into the Abkhaz language (Northwestern Caucasus) by Fardaus Kulova, from this page (2014)
АЙЩЧВА НЫШВЫНТЫРАКВА
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/4/2015 - 19:41
Video!

Nascette mmiez’o mare

Viva Franceschiello! Foss'a Maronna e turnasse!
6/4/2015 - 19:12
Downloadable! Video!

Братские могилы

Arabic translation from this page
على المقابر الجماعية
(continua)
inviata da Ahmed il Lavavetri 6/4/2015 - 19:11
Video!

Hymne

RAVENSBRUCK
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/4/2015 - 16:33
Video!

Fiori chiari e fiori scuri

[1977]
Parole e musica di Giorgio Lo Cascio.
Nel disco intitolato “Cento anni ancora”
È aspro il profumo dei vostri fiori bianchi
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/4/2015 - 10:53
Video!

Giorgio Lo Cascio: Saremo liberi

[1977]
Scritta da Giorgio Lo Cascio e Roberto Colombo (1951-), tastierista, arrangiatore e produttore discografico.
Nel disco intitolato “Cento anni ancora”
Che fine hanno fatto
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/4/2015 - 10:46
Video!

Avanti ragazzi di Budapest

anonimo
A proposito della battaglia di budapest.
Fondamentale e' quest articolo di Indro Montanelli.
Che rimarcava come,a ribellarsi ai sovietici erano...i socialisti e "compagni stessi. Indro Montanelli,per Corsera,non Gramsci per l Unita'.
Saluti
Articolo consigliato

Indro montanelli
" questa e' la battaglia di Budapest"

1956 corriere della sera.
Luigi celex 6/4/2015 - 02:02
Video!

Fite dem Back

mica facile
5/4/2015 - 23:03
Downloadable! Video!

Yellow Ledbetter

Eddie Vedder is one of rock ‘n’ roll’s most insightful and poetic vocalist, but his lyrics aren’t always direct. Pearl Jam’s “Yellow Ledbetter” is not just one of his most cryptic songs, but one of the most ambiguous songs in rock.

Famous for its mostly indecipherable lyrics, “Ledbetter” reveals its meaning mostly in the refrain commonly perceived as “I don’t know whether I was the boxer or the bag.” This line simply suggests a conflicted man, but it was at a 2003 concert at the Xfinity Center in Mansfield (then known as the Tweeter Center) on July 11, 2003 that Vedder sang the lyric as “I think of him when I go to bed, and he’s coming home in a box or a bag.”

This strongly implies that the song was about a man receiving a letter about his brother dying in a war. It was just three days earlier at Madison Square Garden that Vedder sang “I don’t know whether my brother will be coming home... (continua)
5/4/2015 - 21:56
Downloadable! Video!

Ai potenti della terra

[1977]
Parole e musica di Margot Galante Garrone
Arrangiamenti di Anton Virgilio Savona e del gruppo Strumento Concerto
Da “La Messa dei Villani (nella Cattedrale degli Ingegneri)”, disco pubblicato dalla milanese Divergo
Canta il gruppo Strumento Concerto (Elisa Barberis, Sara Cimino, Norma Midani e Margot)

Semplicemente bellissima!
Scoperta grazie alla segnalazione di Adriana, streguzza nonchè perfida admin di questo impareggiabile sito delle CCG/AWS.
Voi
(continua)
inviata da Adriana & Bernart Bartleby 5/4/2015 - 21:27
Video!

Born In The U.S.A.

Bell'articolo ma caduta rovinosa ed inaspettata nel finale. Cos'è questa storia che non amiamo Dancin in the dark? Forse sarebbe meglio parlare al singolare ;) non la amano solo i "ragazzini che ai concerti vogliono anche ballare". Se si legge il testo si ha uno dei tanti esempi della scrittura di Bruce, un vissuto doloroso ma cantato con potenza, celebrazione e anche gioia. Esattamente come Born in the USA.
Stefania 5/4/2015 - 20:23
Downloadable! Video!

По долинам и по взгорьям

Sergej Alimov
Finnish version (translator unknown)
Suomenkielinen versio (kääntäjä tuntematon)

An audio link to the song performed by KOM-teatteri: https://www.youtube.com/watch?v=WXR4ixKTaSU
PARTISAANIMARSSI
(continua)
inviata da Juha Rämö 5/4/2015 - 15:06
Video!

Powderfinger

La versione Locasciulli/De Gregori è molto bella. Qui ho provato a fare una traduzione un po' più letterale. In USA/Canada c'è tutt'ora una discussione in merito al contesto e al significato del brano. Le tesi sono davvero le più varie. Non è una novità che i testi di Neil Young provochino diverse interpretazioni e soprattutto diversi ragionamenti, pensieri, sensazioni e associazioni mentali. Secondo me questo è proprio il compito dell'Arte e credo che N. Young sia davvero un grande artista, che fa benissimo a non svelare mai il reale motivo per cui ha scritto un brano (che può essere ben più "stupido" di quello che può apparire). Non è importante, in fondo, perchè lo ha fatto o cosa pensava esattamente quando lo ha fatto. E' importante l'effetto e lo stimolo che provoca in chi lo ascolta.
Guarda, mamma, c'è una barca bianca in arrivo sul fiume
(continua)
inviata da Enrico 5/4/2015 - 14:18
Downloadable! Video!

Ballade Von Den Baumwollpflückern

English translation (translator unknown)

From »The Cotton-Pickers«, Hill and Wang, 1969
SONG OF THE COTTON-PICKERS
(continua)
inviata da Juha Rämö 5/4/2015 - 11:40
Video!

La licenza

anonimo
Non sono io l'autore, ma e' una filastrocca che conosco da sempre.
Brutta zozza sei morta 'mbriaca (3 volte)
(continua)
5/4/2015 - 11:14
Downloadable! Video!

Canto General

Finnish translation by Pentti Saaritsa
Suomennos Pentti Saaritsa
PUOLUEELLENI
(continua)
inviata da Juha Rämö 5/4/2015 - 11:08
Downloadable! Video!

Pablo Neruda: Explico Algunas Cosas

LA CCG NUMERO 1000 / AWS NUMBER 1000
Finnish translation by Pentti Saaritsa
Suomennos Pentti Saaritsa
SELITÄN ERÄITÄ ASIOITA
(continua)
inviata da Juha Rämö 5/4/2015 - 11:04
Downloadable! Video!

Ballade Von Den Baumwollpflückern

Chanson allemande – Ballade Von Den Baumwollpflückern – B. Traven – 1925-29
Texte réélaboré par Ernst Busch à partir du récit de B. Traven, mystérieux écrivain allemand transplanté au Mexique, intitulé « Die Baumwollpflücker », publié en 1925.
Musique de Hanns Eisler, composée en 1929.

B. Traven (1882 ? - Mexico 1969) est le pseudonyme d'un écrivain de langue allemande, dont les autres pseudonymes sont, notamment :Traven Torsvan, Berick Torsvan, Otto Feige. L'identité exacte de cet écrivain demeure en partie un mystère.
Son roman le plus célèbre reste Der Schatz der Sierra Madre, qui a été porté à l'écran par John Huston sous le titre Le Trésor de la Sierra Madre. Depuis au moins 1926, B. Traven a cherché à brouiller les pistes sur son passé : pour lui, seule comptait l'œuvre. En 1982, des recherches sérieuses ont démontré que B. Traven avait été dans son passé acteur et activiste anarchiste... (continua)
BALLADE DES CUEILLEURS DE COTON
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 4/4/2015 - 21:51

Die Schuld

Finnish translation by Juha Rämö
Suomennos Juha Rämö
SYYLLISEN JÄLJILLÄ
(continua)
inviata da Juha Rämö 4/4/2015 - 17:05
Video!

Il tempo che resta

4 avril 2015
LE TEMPS QUI RESTE
(continua)
4/4/2015 - 17:01
Video!

El blues de la violencia

Violencia dicen ante a la más mínima rebelión.
(continua)
inviata da Andrea 4/4/2015 - 16:20
Video!

Cantata NO MUOS

VITTORIA NO MUOS: A NISCEMI SEQUESTRATO IMPIANTO

Il Muos di Niscemi è stato sequestrato. La procura di Caltagirone ha ordinato il sequestro dell’impianto satellitare Usa installato nella riserva di Niscemi. Il provvedimento fa seguito alla decisione del Tar di Palermo che aveva accolto i ricorsi dei No-Muos contro la prosecuzione dei lavori di realizzazione del dannoso megaimpianto militare.

Nelle carte del sequestro si parla di “violazione del vincolo paesaggistico di inedificabilità assoluta presente in una riserva naturale” al quale sono sottoposte anche le costruzioni di carattere militare.

http://www.radiondadurto.org/2015/04/0...
4/4/2015 - 13:32

L'Amoureuse d'Arlequin

L'Amoureuse d'Arlequin

Chanson française – L'Amoureuse d'Arlequin – Marco Valdo M.I. – 2015

ARLEQUIN AMOUREUX – 3

Opéra-récit historique en multiples épisodes, tiré du roman de Jiří Šotola « Kuře na Rožni » publié en langue allemande, sous le titre « VAGANTEN, PUPPEN UND SOLDATEN » – Verlag C.J. Bucher, Lucerne-Frankfurt – en 1972 et particulièrement de l'édition française de « LES JAMBES C'EST FAIT POUR CAVALER », traduction de Marcel Aymonin, publiée chez Flammarion à Paris en 1979.

Évidemment, dit Lucien l'âne, tout frétillant du dos et de la queue, ton Arlequin amoureux doit bien avoir une amoureuse…

Évidemment. Mais une amoureuse quelque peu fantasque, qui toujours lui serre le cœur et toujours, lui échappe. Mais des choses amoureuses, on ne saurait tout dire en une fois. Il nous faudra bien toute l'histoire pour en deviner les contours à leur amour. Mais c'est là, je peux déjà... (continua)
Ne dis pas, ô, Arlecchina
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 3/4/2015 - 22:50
Video!

No TAP

[2015]
Album:Quaranta

Lyrics and music by D. Durante / arr.: M. Durante
Vi racconto una storia
(continua)
inviata da adriana 3/4/2015 - 14:10
Video!

Ciuri

[2015]
Album :Tu prenditi l'amore che vuoi e non chiederlo più

“Scrivere delle note introduttive per le proprie canzoni è sempre compito grave - spiega l'autore -. Non bisognerebbe mai farlo a disco finito, perchè a quel punto il discorso è chiuso, esaurito, riversato in ognuna delle canzoni e nell'unica canzone che il disco stesso rappresenta: non hai più niente da dire e, soprattutto, non vuoi dire più niente; le storie sono lì e da sole dovrebbero raccontarsi. Si dovrebbe scriverle all'inizio le note, quando l'idea ti ha sfiorato il cuore e la mente, quando hai incrociato per la prima volta i personaggi, la splendida nebulosa che si fa canzone, disarticolata, l'intima cronaca di una scoperta,la timidezza del primo incontro, ma anche lì c'è bisogno di silenzio. Un nome non va sviscerato troppo a fondo per narrarne la storia. Organizzare un'idea, spiegarla, giustificarla al mondo, non... (continua)
Ciuri, ciuri i gramigna
(continua)
inviata da adriana 3/4/2015 - 10:33
Video!

Filastrocca di Jacob detto il ladro

[2015]
Album :Tu prenditi l'amore che vuoi e non chiederlo più

“Scrivere delle note introduttive per le proprie canzoni è sempre compito grave - spiega l'autore -. Non bisognerebbe mai farlo a disco finito, perchè a quel punto il discorso è chiuso, esaurito, riversato in ognuna delle canzoni e nell'unica canzone che il disco stesso rappresenta: non hai più niente da dire e, soprattutto, non vuoi dire più niente; le storie sono lì e da sole dovrebbero raccontarsi. Si dovrebbe scriverle all'inizio le note, quando l'idea ti ha sfiorato il cuore e la mente, quando hai incrociato per la prima volta i personaggi, la splendida nebulosa che si fa canzone, disarticolata, l'intima cronaca di una scoperta,la timidezza del primo incontro, ma anche lì c'è bisogno di silenzio. Un nome non va sviscerato troppo a fondo per narrarne la storia. Organizzare un'idea, spiegarla, giustificarla al mondo, non... (continua)
Cunnutudorrè
(continua)
inviata da adriana 3/4/2015 - 10:26
Video!

La vostra misera cambiale

[2015]
Album :Tu prenditi l'amore che vuoi e non chiederlo più

Feat- Lilith Rita Oberti

“Scrivere delle note introduttive per le proprie canzoni è sempre compito grave - spiega l'autore -. Non bisognerebbe mai farlo a disco finito, perchè a quel punto il discorso è chiuso, esaurito, riversato in ognuna delle canzoni e nell'unica canzone che il disco stesso rappresenta: non hai più niente da dire e, soprattutto, non vuoi dire più niente; le storie sono lì e da sole dovrebbero raccontarsi. Si dovrebbe scriverle all'inizio le note, quando l'idea ti ha sfiorato il cuore e la mente, quando hai incrociato per la prima volta i personaggi, la splendida nebulosa che si fa canzone, disarticolata, l'intima cronaca di una scoperta,la timidezza del primo incontro, ma anche lì c'è bisogno di silenzio. Un nome non va sviscerato troppo a fondo per narrarne la storia. Organizzare un'idea, spiegarla, giustificarla... (continua)
Sono colpevole certamente
(continua)
inviata da adriana 3/4/2015 - 09:41




hosted by inventati.org