Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2014-2-17

Rimuovi tutti i filtri

Sweatshop

Antiwar Songs Blog
Al Capitale piacciono le camicie: che siano nere o brune quando ha bisogno del fascismo poliziotto, o che siano tanto belline quando c’è da rendere schiavi nelle fabbriche che producono per la “moda”. Ce lo racconta esattamente, dalla sua breve e triste vita, Morris Rosenfeld, ebreo, immigrato, schiavo in uno Sweatshop newyorkese nel 1893. Qui […]
Antiwar Songs Staff 2014-02-17 23:13:00
Al Capitale piacciono le camicie: che siano nere o brune quando ha bisogno del fascismo poliziotto, o che siano tanto belline quando c'è da rendere schiavi nelle fabbriche che producono per la “moda”. Ce lo racconta esattamente, dalla sua breve e triste vita, Morris Rosenfeld, ebreo, immigrato, schiavo in uno Sweatshop newyorkese nel 1893. Appena scritta.
Riccardo Venturi 17/2/2014 - 22:46
Downloadable! Video!

Je ne hurlerai pas avec les loups

IO NON URLERÒ CON I LUPI
(continua)
inviata da Flavio Poltronieri & CCG Staff 17/2/2014 - 21:27
Video!

Night In Baghdad

NOTTE A BAGHDAD
(continua)
inviata da Flavio Poltronieri 17/2/2014 - 17:58

Love and Freedom

Words and music: Straw Lee No
Back in the old days in 1968
(continua)
inviata da adriana 17/2/2014 - 17:45

Peace

Words and music: Straw Lee No
Peace isn't just a word or a state of mind
(continua)
inviata da adriana 17/2/2014 - 17:31
Video!

Las cárceles

LE CARCERI
(continua)
inviata da Flavio Poltronieri 17/2/2014 - 16:54
Video!

Song to the Men of England

ET TU LABOURES
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 17/2/2014 - 15:44
Video!

Tre passi nel delirio

Chanson italienne - Tre passi nel delirio - Dugentodumila – 2002

Plus qu'une chanson, il s'agit d'une trilogie, ou bien de trois micro-chansons, dans lesquelles trois des membres du groupe interprètent les sensations qu'ils imaginent avoir été éprouvées tout au long de sa vie par le pilote qui lors de la seconde guerre mondiale a lâché la bombe atomique sur Hiroshima. La peur, quand il était dans l'avion, qui ne lui a pas laissé voir la gravité du geste, le remords qui commence à le tourmenter immédiatement comme un spectre, une fois rentré chez lui à la fin de la guerre et enfin la honte, pendant sa vieillesse qu’il masque avec orgueil et arrogance. Cette trilogie ne s'inspire pas de la biographie réelle du pilote, les auteurs prennent simplement appui sur cet événement pour faire surgir l'absurdité de la guerre.
LES TROIS PAS DU DÉLIRE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 17/2/2014 - 15:20
Downloadable!

ישׂראליק

Questa canzone di Leyb Rozental di Vilnius è sicuramente stata ispirata ad un brano precedente, “פּאַפּיראָסן” (Papirosn), di cui fu autore negli anni 20 Hermann Yablokoff (1903-1981), originario di Hrodna, oggi in Bielorussia, ed emigrato negli USA nel 1924. Personaggio molto noto nel teatro yiddish americano, alla fine della guerra Yablokoff fece molte tournée in Germania, Austria ed Italia per portare conforto ai rifugiati sopravvissuti alla Shoah.
Su di una melodia tradizionale bulgara.
Bernart Bartleby 17/2/2014 - 15:07
Video!

Síðasta blóm í heimi

[1981]
Da una poesia di James Thurber
(Tradotta in islandese da Magnús Ásgeirsson)
Musica: Utangarðsmenn / Bubbi Morthens
Album: Í upphafi skyldi endinn skoða

From a poem by James Thurber
(Translated into Icelandic by Magnús Ásgeirsson)
Music: Utangarðsmenn / Bubbi Morthens
Album: Í upphafi skyldi endinn skoða

Texti: Ljóð eftir James Thurber
Þýðing: Magnús Ásgeirsson
Lag: Utangarðsmenn / Bubbi Morthens
Af plötunni: Í upphafi skyldi endinn skoða



L'ultimo fiore, dal Quartetto Cetra al punk islandese

Che cosa c'entra, secondo voi, una punk band islandese con il Quartetto Cetra? Tutti e due gruppi musicali, d'accordo; ma più diversi sarebbe difficile immaginarseli. Eppure una cosa in comune ce l'hanno: una canzone. Per quanto possa sembrare incredibile, derivata dalla stessa poesia.

La poesia si chiama, in inglese, The Last Flower in the World e fu scritta dal giornalista,... (continua)
Undir XII. alheimsfrið
(continua)
inviata da Rikarður V. Albertsson 17/2/2014 - 03:30
Video!

Dónde están

DOVE SONO?
(continua)
inviata da Diana Di Francesca 16/2/2014 - 23:20
Video!

Atome sweet atome

ATOMO DOLCE ATOMO
(continua)
inviata da Flavio Poltronieri 16/2/2014 - 23:01
Downloadable! Video!

Un aviatore irlandese prevede la sua morte

Grazie a Francesco Brazzale per il suo contributo storico; naturalmente nessuno di noi pensa che che occuparsi della Prima guerra mondiale significhi automaticamente essere un guerrafondaio; tutt'altro.
CCG/AWS Staff 16/2/2014 - 22:28
Video!

באַריקאַדן - מאַמעס, טאַטעס, קינדערלעך

16 febbraio 2014.

Mi dispiaceva parecchio che di questa "canzoncina" che parla di un'esemplare "casetta" e di una "famigliuola" operaia di Vilnius negli anni '20, non ci fosse una traduzione italiana; così mi ci sono messo con grande piacere, dal testo yiddish, cercando di rendere un po' il "flavour" dell'originale. La lingua yiddish, come si sa, ha un carattere di "umanità a stretto contatto" (leggasi: gli shtetl, i ghetti urbani...) assolutamente unico, espresso princcipalmente con l'uso spaventosamente intraducibile dei diminutivi. Bene potrebbe essere resa, una cosa del genere, nell'unica lingua che in questo gli si avvicina molto: il greco. Ce li vedrei bene qui, lo σπιτάκι e i παιδάκια con la μανούλα a prendere i poliziotti a sassate. Accidenti se ce li vedrei bene! Ma anche in italiano si può fare qualcosa. [RV]
BARRICATE (BABBI, MAMME, BAMBINI)
(continua)
16/2/2014 - 21:39
Video!

Saeta

SAETA
(continua)
inviata da Flavio Poltronieri 16/2/2014 - 21:20
Video!

Quejido

GRIDO
(continua)
inviata da Flavio Poltronieri 16/2/2014 - 21:19
Video!

La mayoría silenciosa

LA MAGGIORANZA SILENZIOSA
(continua)
inviata da Flavio Poltronieri 16/2/2014 - 21:17
Video!

La historia os arrincona

MANO A MANO CHE LA STORIA VI METTE DA PARTE
(continua)
inviata da Flavio Poltronieri 16/2/2014 - 21:15
Video!

Tre passi nel delirio

Buongiorno a tutti, avevo tradotto tempo fa questa canzone in francese, condivido la versione con voi!
HISTOIRES EXTRAORDINAIRES
(continua)
inviata da Lapo 16/2/2014 - 20:05

שפֿרהלעס פּאָרטרעט

In margine: il nome femminile qui espresso come Shifre (nella sua forma diminutiva, Shifrele) è, nella forma biblica, Shifra (שִׁפְרָה). Nella Bibbia, Shifra era una delle levatrici che sfidarono, ai tempi della cattività egiziana degli Ebrei, il decreto del Faraone e continuarono a far nascere bambini in Egitto e a mantenerli in vita.
Riccardo Venturi 16/2/2014 - 20:05




hosted by inventati.org