Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2013-6-16

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Georges Brassens: Tempête dans un bénitier

[1976]
Testo e musica di Georges Brassens
Paroles et musique de Georges Brassens
Album: Don Juan

Tempête dans un bénitier
Chanson française – Georges Brassens – 1976

Je l'avais promise dans le commentaire à La Chiesa si rinnova de Giorgio Gaber La Chiesa si rinnova; la voici.
Voir aussi Brassens, à table avec son bassiste Nicolas et d'autres amis, qui commente la chanson.

Marco Valdo M.I.
Tempête dans un bénitier
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 16/6/2013 - 16:45
Video!

La mauvaise herbe

De l'origine de La Mauvaise Réputation et de La Mauvaise Herbe...

Tous ceux qui connaissent les chansons de Brassens savent son penchant antimilitariste et piur tout dire, antiautoritaire ou autrement dit, libertaire. Mais l'entendre dire par lui est encore une autre histoire.... que voici :



Lucien Lane
Lucien Lane 16/6/2013 - 16:34
Video!

Evacuee

1991
Shepherd Moons
Each time on my leaving home
(continua)
inviata da DoNQuijote82 16/6/2013 - 11:02
Video!

San Franciscan Nights

(1967)

Il 1967 è stato l'anno della "Summer of Love," e San Francisco era il centro della cultura hippy. Insieme "San Francisco (Be Sure to Wear Some Flowers in Your Hair)," "San Franciscan Nights" è un inno alla città californiana in quei tempi movimentati.

Gli Animals erano inglesi, ma sull'onda della British Invasion divennero famosi anche negli Stati Uniti. La canzone prende posizione contro la guerra nel Vietnam (citando apertamente Where Have all the Flowers Gone). In un'intervista del 2010 Eric Burdon ha detto: "La 'generazione peace and love' ha aiutato il movimento contro la guerra negli Stati Uniti. Sicuramente ha fatto cambiare idea a molti soldati, facendoli riflettere sul perché dovessero andare a combattere una guerra in un paese lontano mentre a casa le loro ragazze se la spassavano..."
Songfacts
This following program is dedicated to the City and people of San Francisco, who may not know it, but they are beautiful, and so is their city. This is a very personal song, so if the viewer cannot understand it, particularly those of you who are our European residents, save up all your bread and fly Trans World Airways to San Francisco, USA. Then, maybe you'll understand the song. It will be worth it. If not for the sake of this song, but for the sake of your own piece of mind.
(continua)
15/6/2013 - 23:54
Video!

La guerre et la paix

(1971)

François Rabbath es un importante contrabajista y compositor francés de origen sirio, que aparte de sus extraordinarias obras de composición –como la que hoy voy a presentar– ha acompañado con su contrabajo a numerosos grandes cantantes como Jacques Brel, Serge Gainsbourg, Charles Aznavour, Michel Legrand, o Paco Ibáñez.

En este disco se recoge la obra musical, para contrabajo, que compuso François Rabbath en homenaje a Pablo Picasso con motivo del 90 aniversario de su nacimiento. Obra estrenada por François en un concierto celebrado, el 24 de octubre de 1971, en la capilla del castillo de Vallauris (Francia), conocida como "Capilla de la guerra y de la paz" porque en sus muros interiores Picassó pintó, en 1952, dos de sus obras maestras, una dedicada a la paz, y la otra a la guerra.
Fernando Lucini
(strum.)
15/6/2013 - 23:09
Video!

Δικτατορία

Anche in margine a questa canzone si potrebbero fare parecchie riflessioni sulla televisione, direi...cercando un po' su stixoi mi sono fra l'altro accorto che di canzoni che hanno a che fare con la televisione ce ne sono parecchie. Escludendo quella dove è nominata in canzonette d'amore, adolescenziali et similia, critiche feroci (alla tv in generale e alla tv greca in particolare) ce ne sono parecchie; ora, però, decine di migliaia di persone in piazza perché la ERT è stata chiusa de decretu. La cosa, sì, dovrebbe far riflettere molto. La tv pubblica è quella cosa che può, anzi deve essere macellata a parole (e anche a canzoni) quando c'è e finché c'è; quando però un Samaras qualsiasi la spegne, tutti in piazza; anche chi la disprezzava fino al giorno prima.
Riccardo Venturi 15/6/2013 - 11:08
Downloadable!

Two Flags Flying

[2010]
Lyrics & Music by Dai Crowther
Album: Thomas Crowther's Album

It speaks for itself; Two Flags - The Stars & Stripes and the Union Jack - flying together and supporting each other in conflict - again.
Forever together!

"An off-the-wall song about the support and commonality between the USA and the UK.
That's all really".
(continua)
inviata da giorgio 15/6/2013 - 09:17
Video!

Scendo in piazza

2013
Arrovesciata

musica e testo di Giulia Tripoti.

“Scendo in piazza” è riuscita commistione di generi, rock, reggae, sperimentazione, jazz, Orhan Osman al bouzouki, con l’invito a partecipare nelle piazze alla nuova resistenza, insufficienti quelle virtuali quando bisogna assolutamente esserci e metterci la faccia.
Scendono in piazza operai e precari,
(continua)
inviata da DonQuijote82 14/6/2013 - 23:19
Downloadable! Video!

Buone feste compagno lavoratore

Chanson italienne – Buone feste compagno lavoratore – Alfredo Bandelli – 1970
Texte et musique d'Alfredo Bandelli

Je me rappelle qu'il y a quelque temps, il y eut une grande discussion, ici, à propos d'une chanson des années 70 où on parlait de tirer sur le patron (demain). C'était resté en travers de la gorge à une personne. Trop de « violence ». Et penser que cette chanson était, disons ainsi, plutôt farceuse, ou ironique ; et qu'elle a été écrite par quelqu'un qui ensuite, pour tout dire, il est allé à faire un beau petit métier (cinéaste), tous comptes faits. Cette chanson-ci dit par contre qu'au patron a été déjà réservée une corde pour le pendre. Elle a été écrite par un ouvrier qui a vécu une vie de merde qui s'est conclue par une mort de merde à même pas cinquante ans. Alfredo Bandelli, de Pise. cariste à la gare, ou bien celui qui portait dans les couloirs des trains les chariots... (continua)
BONNES FÊTES CAMARADE TRAVAILLEUR
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 13/6/2013 - 20:47
Downloadable! Video!

Dalle belle città (Siamo i ribelli della montagna)

Questo video della canzone racconta la strage di Niccioleta.
Qui la canzone porta il titolo di "Canto per il sangue versato"

Silva 13/6/2013 - 16:30
Video!

Particles in Peace

Il pianista israeliano Yaron Herman e il percussionista franco-iraniano Bijan Chemirani hanno improvvisato (era la prima volta che suonavano insieme) questa "Particles in Peace" durante l'evento TEDx CERN tenutosi al CERN il 25 maggio 2013.
(instrumental)
inviata da Lorenzo Masetti 12/6/2013 - 22:25
Video!

Peace, Sex & Tea

(2004)
Why do we see what we see?
(continua)
12/6/2013 - 22:06
Video!

Sage Nein!

SAGE NEIN! ‎
(continua)
inviata da Bernart 12/6/2013 - 13:15
Video!

Die Ballade von Antonio Amadeu Kiowa

‎[1990]‎
Parole e musica di Konstantin Wecker
Dall’album intitolato “Uferlos”, pubblicato nel 1993, lo stesso in cui è presente Sage Nein!.‎

‎13 anni dopo Willy e sulla falsariga di quella, Konstantin Wecker fu costretto a scrivere un’altra ‎canzone dedicata alla vittima di una mortale aggressione neonazista…‎


Amadeu Antonio Kiowa era nato in Angola nel 1962, il più grande dei 12 figli della signora Helena ‎Alfonso. Antonio aveva studiato in Brasile, Portogallo ed Unione Sovietica. Poi, nel 1987, era ‎emigrato in Germania Est con la speranza di poter concludere i suoi studi in ingegneria e svolgere ‎una professione qualificata. In realtà fu costretto a lavori umili, come quello di operaio in un ‎macello. Ciò nonostante Antonio si stabilì ad Eberswalde, nel Brandenburgo, e pensò a mettere su ‎famiglia ma, dopo la caduta del Muro, si trovò come tanti, tedeschi ed immigrati, senza lavoro,... (continua)
Siehst as Willy, jetzt is doch scho a Zeit her, daß wir
(continua)
inviata da Bernart 12/6/2013 - 13:03
Video!

Fünf vor zwölf

‎[1990]‎
Scritta da Campino (Andreas Frege) e Andi (Andreas Meurer).‎
Nel doppio album “125 Jahre die Toten Hosen: Auf dem Kreuzzug ins Glück“‎
Poi nel disco collettivo intitolato “Nazis Raus!” del 1991, ripubblicato in CD nel 2003‎
Bei ihm hab ich mir immer mein Gemüse eingekauft.
(continua)
inviata da Bernart 12/6/2013 - 10:32
Downloadable! Video!

La cassa integrazione

Chanson italienne – La cassa integrazione – Alfredo Bandelli – 1970
Texte et musique d'Alfredo Bandelli


Écoute, Alfredo, maintenant on arrête de plaisanter. Comme on dit, le jeu est beau lorsqu'il dure peu. Voudrais-tu continuer à nous faire croire que tu serais « mort » en 1994? Quelques mois après la première victoire électorale de Berlusconi ? Et alors comme se fait-il que je te vois toujours là près de la station de Pise, avec ta grande barbe, gratter tes chansons et tes luttes sans quartier ? Qui chantent encore aussi les jeunots au ticheurt antifà, et même la Lucia dont les camarades de quinze ans existent encore, on ne sait pas comment mais existent ? Et cette chanson-ci ? De 1970 ? ! ? Mil neuf cent septante ? ! ? Mais quoi, tu te fous vraiment de nous, c'est une chanson au grand maximum de deux mille dix, maximum deux mille onze, mais elle pourrait être même d'il y à un quart d'heure…... (continua)
CHÔMAGE TECHNIQUE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 12/6/2013 - 09:38
Downloadable!

Roll On Dark Water

[2006]
Lyrics & Music by Christopher David Rogers

A song for peace, hope, destiny… watching the river flow by Chris Rogers.
Roll on dark water, roll on
(continua)
inviata da giorgio 12/6/2013 - 09:21
Downloadable!

Ode to Obama Iraq & Afghanistan

[2010]
Lyrics & Music by Jim Putnam
Withdrawal of U.S. troops from Afghanistan
In a desert far away
(continua)
inviata da giorgio 12/6/2013 - 08:47
Video!

War Memorial

(2013)
Album: Black Pudding - Mark Lanegan & Duke Garwood
Garwood/Lanegan

Lanegan si avventura in un territorio incentrato su un personaggio e accenna una critica sociale in "War Memorial", una canzone narrata in prima persona da un soldato caduto. In questo pezzo Lanegan canta in un registro più alto del suo solito aspro baritono. Gli orrori della guerra sono rappresentati con immagini che sembrano tratte da "Niente di nuovo sul fronte occidentale".

Un triste assolo di uno strumento a fiato, un sassofono o una tromba, suona in sottofondo un tributo al soldato morto. Insomma uno dei pezzi più commoventi dell'album, una canzone che sembra influenzata dall'album monotematico di PJ Harvey Let England Shake.
(traduzione libera della recensione di Cole Waterman per Pop Matters)

Good, have I done good?
(continua)
11/6/2013 - 23:10
Downloadable! Video!

Waiting for Margaret to Go

2013 (2005)
In Memoriam: Margaret Thatcher



English
Italiano

Back in 2005, anarchist collective Chumbawumba pre-sold an EP called In Memoriam: Margaret Thatcher which they would keep under wraps until the prime minister passed away. Since Thatcher did pass earlier this week, the band has delivered the EP and is also streaming the release online. Along with that, the band delivered a eulogy:
Let's make it clear: This is a cause to celebrate, to party, to stamp the dirt down. Tomorrow we can carry on shouting and writing and working and singing and striking against the successive governments that have so clearly followed Thatcher's Slash & Burn policies, none more so than the present lot. But for now, we can have a drink and a dance and propose a toast to the demise of someone who blighted so many people's lives for so long. If we must show a little reverence and decorum at this time,... (continua)
Alfred and Beatrice and Muriel too
(continua)
inviata da DonQuijote82 11/6/2013 - 20:33
Downloadable! Video!

Il sogno di volare

esce oggi il libro di Carlo Lucarelli ispirato da questa canzone , della quale porta anche il titolo. per info Il sogno di volare di Carlo Lucarelli: la copertina e il video racconto del nuovo libro
sonia cenceschi 11/6/2013 - 19:33
Video!

This Hard Land

bella la traduzione ma alla fine credo che sia:

Beh, se NON lo puoi fare allora
Tieni duro, abbi entusiasmo, resta vivo, se puoi
E incontrami in un sogno in questa dura terra
giuseppe 11/6/2013 - 17:52
Video!

Willy

‎[1977]‎
Parole e musica di Konstantin Wecker
Dall’album “Genug ist nicht genug”‎

Certamente una delle canzoni più celebri del grande cantautore tedesco, insieme alla più recente ‎‎Sage Nein!.‎
Il ricordo di un caro amico di Wecker, ucciso a calci e pugni da un gruppo di fascisti in una birreria ‎di Monaco solo perché aveva osato protestare per le loro volgari canzonacce naziste…‎
Mei, Willy, jetz wo i di so doliegn sich, so weit weg hinter dera Glasscheibn, genau oa Lebn zweit ‎weg, da denk i ma doch, es hat wohl so kumma müaßn, i glaub oiwei, du hast as so wolln, Willy.
(continua)
inviata da Bernart 11/6/2013 - 15:41
Video!

Frijolero

‎[2003]‎
Dall’album intitolato “Dance and Dense Denso”‎
Yo ya estoy hasta la madre
(continua)
inviata da Bernart 11/6/2013 - 14:10
Video!

Why?‎

‎[1981]‎
Scritta da Lynval Golding, musicista nero di origine giamaicana, membro fondatore de The Specials
Singolo che è la b-side di Ghost Town

‎”…We don't need no British ‎Movement, nor the Ku Klux Klan, nor the National Front…” (et même pas les Jeunesses ‎nationalistes révolutionnaires e neppure le teste rasate neonaziste nostrane…)
Why did you try to hurt me?
(continua)
inviata da Bernart 11/6/2013 - 13:42
Video!

How Would You Feel?‎

‎[1965]‎
Parole di Curtis Knight (1945-1999), il musicista di Harlem con cui Hendrix cominciò la sua breve ‎ma intensissima avventura musicale.‎
Arrangiamento musicale di Jimi Hendrix a partire da “Like a Rolling Stone” che Bob Dylan ‎aveva scritto e pubblicato come singolo pochi mesi prima, per poi includerla nell’album “Highway ‎‎61 Revisited”.‎
Il brano fu registrato allo Studio 76 di New York alla fine del 1965 e fu poi incluso nell’album “Get ‎That Feeling”, con Jimi Hendrix, Curtis Knight e la sua band, “The Squires”.‎
This is a song that asks a question
(continua)
inviata da Bernart 11/6/2013 - 12:02

Clément

Nouvelle chanson originale écrit pour notre frère de plusieurs vies, Clément Méric. L'amour reviendra pour tout le monde, qui chantent les rêves bien sur les ondes. Je suis américain, donc je regrette les erreurs de grammaire :) J'espère qu'on peut me comprendre. J'ai un point de vue inhabituel sur sa vie, en raison de circonstances remarquables. Écoutez afin de découvrir vous-mêmes.
Les paroles en bas, pour faciliter la compréhension :)
Si quelqu'un a l'envie d'améliorer la grammaire, il sera bien reçu
Da questa pagina
Il y a encore quelque chose magique que le diable a oublié
(continua)
inviata da adriana 11/6/2013 - 10:16
Video!

Çapulcular oldu mu meydanlara doldu mu?

Parole turche
di Riccardo Venturi

Nei mesi scorsi, durante la rivolta di piazza Taksim e di Gezi Park contro il dittatore islamo-fascista Erdoğan, abbiamo imparato qualche parola turca, senza naturalmente mai chiederci che cosa significasse per davvero. Così "Gezi Park" vuol dire semplicemente "Parco del Passeggio" o, come si sarebbe detto un tempo, "della promenade". "Piazza Taksim" (in turco: Taksim Meydani) significa, alla lettera, "Piazza della Divisione" o "della Distribuzione": all'epoca del sultano Mahmud I, in quell'area le condotte d'acqua provenienti da nord venivano convogliate alle altre parti della città di Istanbul, e nella piazza sorgeva un grande serbatoio. Però, la parola "taksim" si riferisce anche ad una forma di musica popolare improvvisata. Fino al 1940, sulla piazza sorgeva anche una grande caserma di artiglieria, che fu però demolita per costruire, pensate un po',... (continua)
Çapulcular oldu mu?
(continua)
inviata da adriana 11/6/2013 - 08:59
Video!

Gezi Parkı

Nel video, il coro del Boğaziçi Caz, intona una canzone che descrive la lotta degli attivisti, di coloro che difendono il parco e i propri diritti, fieri di essere tutti dei "çapulcu", dei "saccheggiatori" come qualche giorno fa li ha definiti il Primo Ministro.Da quel momento çapuling è il neologismo usato per indicare tutti coloro che combattono per la democrazia.
Fonte :youmedia
Çapulcu musun vay vay eylemci misin vay vay
(continua)
inviata da adriana 11/6/2013 - 08:31
Video!

Schrei nach Liebe

[1993]
Scritta da Bela “Bela B.” Felsenheimer e Farin Urlaub, membri fondatori del gruppo punk berlinese Die Ärzte
Dall’album significativamente intitolato “Die Bestie in Menschengestalt”, “La bestia sotto umane spoglie”

Una canzone che è un manifesto anti-neonazista scritto nei primi anni 90, all’epoca dei gravi disordini razziali scoppiati a Hoyerswerda, in Sassonia, quando gruppi di giovani neonazisti aggredirono venditori ambulanti di origine vietnamita.
Forse oggi, di fronte al brutale assassinio di Clément Méric , anche i Die Ärzte si mostrerebbero più duri... Allora il loro sarcasmo verso le teste rasate si esprimeva - ma forse solo all’apparenza - più bonariamente: “Sei veramente una testa di cazzo. L’odio è la tua sola attitudine. Sei uno zuccone, bisogna spiegarti tutto perchè davvero non capisci nulla. La tua violenza è solo una disperata mancanza d’amore, l’amore che ti neghi... (continua)
Du bist wirklich saudumm, darum gehts dir gut
(continua)
inviata da Bernart 11/6/2013 - 00:14
Video!

Tagliato fuori

Chanson italienne – Tagliato fuori – Del Sangre – 2002

Dis, Marco Valdo M.I. mon ami, toi qui as écrit des « chansonchômes », des chansons de chômage, dont une se termine également par un suicide...

Je m'en souviens si bien, celle que j'avais été chercher chez Trénet et qui s'intitulait : « Je chôme »... Cette chanson Je Chôme où le chômeur qui se pend, se retrouve fantôme et terrible vérité, les gens se moquent de lui : « Un fantôme qui chôme, on trouve ça rigolo »... Avec son côté surréaliste et primesautier, elle est d'une épouvantable véracité... Tout comme celle-ci. Regarde sa vie à ce futur chômeur, ce futur rejeté, ce futur viré... Elle est déjà pas drôle... Il a bien eu une jeunesse un peu enthousiasmante ; ancien boxeur, il a dû connaître des heures de gloire pour avoir accumulé quelques trophées. Mais après... Comme dit Claude Léveillée... « La vie t'a bouffé, comme elle bouffe... (continua)
VIE DE VIRÉ
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 11/6/2013 - 00:02
Downloadable! Video!

Lungo la linea del Don

[2013]

Album: Mat e Famat

I passi stanchi degli alpini del Don si trasformano nella corsa di un figlio che ha ancora molte cose da insegnare ad un padre che lo sta a guardare, mentre fugge lontano.
Piangono le scarpe dei vecchi alpini lungo la linea del Don
(continua)
inviata da DoNQuijote82 10/6/2013 - 20:04
Percorsi: Disertori
Downloadable! Video!

אני מאמין - טרבלינקה

Yehuda Dim / יהודה דים
10 giugno 2013
IO CREDO – TREBLINKA
(continua)
10/6/2013 - 19:56
Video!

Où c'est qu' j'ai mis mon flingue?

Grazie per la traduzione! Volevo solo segnalare che evidentemente "lutte de crasse" non è traducibile con "lotta dei crassi". Credo sia utilizzato nell'ultima accezione, figurata, che si trova a questo link, come un peggiorativo abbastanza generico e col significato di qualcosa di lurido, di sporco. http://fr.wiktionary.org/wiki/crasse

E in più c'è il gioco di parole con "lutte de classe" - lotta di classe - che non credo sia traducibile ma che è fondamentale e forse andrebbe inserito nelle note :).

Un saluto!
Valerio 10/6/2013 - 17:39
Downloadable!

Nate ‘d Boves

E bellissima soprattutto perchè io sono di quel Paese Boves!!!!!!!!!!!
elisa 10/6/2013 - 12:53
Video!

Cuba

1978
Blitz
Forse è vero che a Cuba non c'è il paradiso
(continua)
inviata da DoNQuijote82 10/6/2013 - 11:25
Downloadable! Video!

Equal Rights

2002
Rasta in Control
Stand up for justice and equality
(continua)
inviata da DonQuijote82 10/6/2013 - 11:18
Video!

Roots and Culture

1982
Single: "Roots & Culture" / "Jungle Dread"
Album: "Pave the way"
Now here comes a special request
(continua)
inviata da DoNQuijote82 10/6/2013 - 11:15




hosted by inventati.org