Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2013-3-9

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Era bello il mio ragazzo

Scopro per caso che Agnetha Fältskog, la biondissima degli ABBA, fece una “cover” in svedese di «Era bello il mio ragazzo» della Identici. S’intitola “Dröm Är Dröm Och Saga Saga” (“Un sogno è un sogno, una storia è una storia”) e l’autore del testo - che non c’entra assolutamente nulla con quello bello e straziante di Preti - è Stikkan Erik Leopold Anderson, detto “Stig”, il manager degli Abba negli anni 70 e 80 e spesso indicato come il quinto membro del gruppo svedese...
Curioso che la canzone fu registrata nel novembre del 1971 (fa parte dell’album della Fältskog intitolato “När en vacker tanke blir en sång”), quindi tre mesi prima del festival di Sanremo in cui l’Identici presentò il suo brano...
Non sto a postare il testo, visto che con le CCG mi pare non c’entri proprio nulla...
Se volete, andate a leggervelo (in svedese e inglese) su YouTube
Dead End 9/3/2013 - 23:34
Video!

I-Feel-Like-I'm-Fixin'-To-Die Rag

con 4 lettere e 7 numeri hai detto tutto!!!
grande Joe!
Astrid 9/3/2013 - 21:38
Video!

Stornello per i compagni

Cari compagni del PCI, ― cari compagni del PCI,
(continua)
inviata da adriana 9/3/2013 - 16:00
Video!

Canto della Russia Bianca

STATE VERAMENTE MALE. ADESSO C'E' PURE QUALCUNO CHE RIMPIANGE LO ZAR. PURTROPPO A FURIA DI ATTEGGIARSI A TRADIZIONALISTI, CERTE PERSONE PARTONO DA EVOLA PER POI ARRIVARE, COME APPUNTO TOSCA, A DIFENDERE LO ZAR E PURE IL PAPA. LO SLOGAN SEMMAI DOVREBBE ESSERE: CREARE 10, 100, 1000 CALVARI.
QUANTO A PINO TOSCA IL SUO LIBRO "IL CAMMINO DELLA TRADIZIONE" E' UNA AUTENTICA PUTTANATA CLERICALE CHE NON MERITA LA MINIMA ATTENZIONE. VIVA LA GLORIOSA RIVOLUZIONE DI OTTOBRE. CREARE 10, 100, 1.000 EKATERINBURG. I RE VANNO SOPPRESSI PROPRIO IN QUANTO RE.
FILIPPO GHIRA
9/3/2013 - 15:34

Scade la ferma

[1971]
Pubblicata per i tipi di Lotta Continua all’inizio del 1972.
Testo trovato su Il Deposito

Se non fosse per il riferimento a Saragat (il Peppino della prima strofa) e a Fanfani (cui nel 72 fu poi preferito Leone), la canzone sarebbe di stretta attualità...
Scade la ferma
(continua)
inviata da Dead End 9/3/2013 - 14:53
Video!

Il castello

Calabuig Stranamore E Altri (1978)
E se passate fate piano
(continua)
inviata da DoNQuijote82 9/3/2013 - 14:50
Downloadable! Video!

'A Flobert

A volte mi chiedo come sia possibile: questa canzone, fondamentale (oltre che bellissima) non aveva un'introduzione adeguata e non era nemmeno inserita nel percorso sul lavoro. Cerco di rimediare occupandomene un po' adesso e nei prossimi giorni. Intanto invito ad ascoltarla chi non la conoscesse, in tempo di sconti di pena per i padroni macellai della Thyssen Krupp.
Riccardo Venturi 9/3/2013 - 14:07
Downloadable!

No Plane at the Pentagon

[2012]
Lyrics & Music by Tom Neilson
Album: Where Greenland Used To Be

Why was there no airplane debris at the Pentagon?
There are still a lot of questions about 911: too many whys..
Why are the sidewalks and streets intact ?
(continua)
inviata da giorgio 9/3/2013 - 12:20
Downloadable! Video!

The Ballad of Harry Bridges

Bloody Thursday, San Francisco, July 5, 1934
Dead End 9/3/2013 - 10:06
Downloadable! Video!

Ξυπνήστε

Xypníste
[1975]
Στίχοι: Πάνος Τζαβέλλας
Μουσική: Πάνος Τζαβέλλας
Ερμηνεία: Πάνος Τζαβέλλας
'Αλμπουμ: Τραγούδια από το αντάρτικο λημέρι του

Testo: Panos Tzavellas
Musica: Panos Tzavellas
Primo interprete: Panos Tzavellas
Album: Τραγούδια από το αντάρτικο λημέρι του

I dati discografici ci dicono che questa canzone di Panos Tzavellas ha trentotto anni, essendo del 1975; ascoltandola e leggendola proprio non si direbbe. Sembra di vedere la Grecia e l'intero "mondo occidentale" di oggi, con le sue meraviglie capitalistiche...ma da svegliarci ci resta ancora. Anzi, in generale direi che ci siamo ancor di più addormentati... [RV]
Φυσά στις στέγες του ντουνιά
(continua)
inviata da Riccardo Venturi - Ελληνικό Τμήμα των ΑΠΤ 9/3/2013 - 00:11
Video!

Maquis

2013
99%

Col termine maquis (in francese letteralmente "macchia", nel senso di "boscaglia") s'indica il movimento di resistenza e liberazione nazionale francese durante la seconda guerra mondiale. I combattenti partigiani erano detti maquisards.

Lo stesso termine in Spagna indica il movimento di resistenza armata al franchismo che, dopo la fine della guerra civile spagnola, fu particolarmente attivo in Cantabria, sui Pirenei e in Andalusia.
Sentado en el bordillo del portal
(continua)
inviata da DoNQuijote82 8/3/2013 - 20:01
Video!

Alí babá

2013
99%
Eh papá, ¿Me vuelves a contar el cuento de alí babá?
(continua)
inviata da DoNQuijote82 8/3/2013 - 19:56
Video!

Se acabó

2013
99%
Desde el nacimiento el miedo te acompañara,
(continua)
inviata da DoNQuijote82 8/3/2013 - 19:53
Video!

¿Quienes sois?

2013
99%
¿Quiénes sois, aliados en la oscuridad,
(continua)
inviata da DoNQuijote82 8/3/2013 - 19:49
Video!

Africa agónica

2013
99%
Brillas como el sol envuelta de hermosura
(continua)
inviata da DoNQuijote82 8/3/2013 - 19:46
Video!

Gioco di bimba

Tradusă în româneşte de Riccardo Venturi
8 martie 2013

Ho letto da qualche parte, oggi, che una ragazza rumena di diciotto anni, già madre di una bambina, a Firenze, ha fatto arrestare i suoi sfruttatori, violentatori e torturatori. Non sono un gran sostenitore della festa dell'otto marzo, di tutto si ha bisogno fuorché di "feste" anche se conosco l'episodio che ha dato luogo a questa consuetudine. Però la cosa mi ha colpito, e allora ho deciso di scrivere questa canzone, terribile e delicata al tempo stesso, in lingua rumena. Dedicandola a chi, il male e la violenza, lo subisce ogni giorno; e anche a chi lo fa. [RV]
JOC DE FATĂ
(continua)
8/3/2013 - 19:30
Video!

Mi son chiesta tante volte

[1973]
Scritta da Gianni Guarnieri e Pier Paolo Preti
E’ la canzone che Anna Identici presentò durante al sua ultima apparizione al festival di Sanremo.
Mi son chiesta tante volte
(continua)
inviata da Dead End 8/3/2013 - 16:11

Ci sono storie strane

[1972]
Nell’album “Apro gli occhi di donna su 'sta vita”
Ci sono storie strane nel mondo di un bambino:
(continua)
inviata da Dead End 8/3/2013 - 15:52

Se l'operaia non va in paradiso

[1972]
Lato A di un 45 giri del 1972. Sul lato B Il Fumo
Poi anche nell’album “Apro gli occhi di donna su 'sta vita”
Se l'operaia non va in paradiso, non va in paradiso è perché
(continua)
inviata da Dead End 8/3/2013 - 15:47

Madman

[2011]
Lyrics & Music by Matthew Ellis
Album: Madman's Sanity [2013]

If sanity is for war, better a madman for peace..
Listen here to the words that I sing
(continua)
inviata da giorgio 8/3/2013 - 14:27
Downloadable!

Ngày dài trên quê hương

UNE LONGUE JOURNÉE DANS MON PAYS
(continua)
inviata da Dead End 8/3/2013 - 13:39
Downloadable! Video!

Gia tài của mẹ

L’HÉRITAGE DE MÈRE
(continua)
inviata da Dead End 8/3/2013 - 13:24
Downloadable! Video!

Rosa Parks

Kristin Lems ha ripreso 30 anni dopo una canzone che Dee Werner scrisse nel lontano 1977.‎
Dee Werner la interpretò pure nel disco collettivo “What Now People?, Vol. 2”, Paredon Records, ‎‎1977, dove era presente anche la Lems con una canzone femminista, “Women Walk More ‎Determined”.‎

Dead End 8/3/2013 - 11:31
Video!

If a Revolution Comes to My Country

‎[1971?]‎
Parole e musica di Pete Seeger
Nel disco collettivo “What Now People?, Vol. 2”, Paredon Records, 1977.‎

If a revolution comes to my country
(continua)
inviata da Dead End 8/3/2013 - 11:26
Video!

Cut-Price Hero

‎[1973]‎
Parole e musica di Ewan MacColl
Nel disco “Folkways Record of Contemporary Songs”, con Peggy Seeger.‎



Poi anche in “Hot Blast” del 1978, sempre con la Seeger.‎

Una canzone contro gli “eroi a buon mercato”, populisti, nazionalisti, capipopolo e dittatori di ogni ‎risma ed epoca…‎
Present-day hero,‎
(continua)
inviata da Dead End 8/3/2013 - 10:42
Video!

Black and White

‎[1964]‎
Parole e musica di Ewan MacColl‎
Nel disco “Folkways Record of Contemporary Songs”, con Peggy Seeger.‎



Come anche The Ballad of Sharpeville, un’altra canzone sul massacro di Sharpeville, Sudafrica, 21 marzo 1960…‎


The apples ripe upon the bough
(continua)
inviata da Dead End 8/3/2013 - 09:48
Downloadable!

Dopo Fukushima pt.1‎

‎[2012]‎
Dall’EP “Cambiamo casa”‎
Ritrovarsi in strada, dopo Fukushima tutto volava via
(continua)
inviata da Dead End 8/3/2013 - 09:18
Video!

Home

[2006]
Lyrics & Music by Michael Mullen
Album: Weapon of the Future

A song about identity, history, and trying to reconcile being the descendant of refugees whose country was stolen with living on stolen land in a country where the native people have been made refugees.

Home ft. Michael Mullen
I grew up in this concrete wasteland chasin'
(continua)
inviata da giorgio 8/3/2013 - 08:20
Video!

Francesco Guccini: Le ragazze della notte

Quante volte mi ci sono trovato, in questa situazione. Quante volte mi sono chiesto chi cerchino, le ragazze della notte, per chi si imbellettano. Dove vanno a finire quando la notte è finita, se in qualche modo si trasformino oppure cessino di esistere fino a che la notte non ricomincerà ancora. Mi sono sentito un sacco di volte un "eroe delle occasioni perse", e tante altre volte mi sono sentito come un pesce fuor d'acqua, guardando quanti energumeni si atteggiano a qualcosa che non piace neanche a loro, e quante volte ho provato a farlo io. Come diceva De Niro in "Taxi Driver", tutte le peggiori figure dell'umanità vengono fuori la notte. Ma le ragazze della notte non sono brutte figure, anzi, tutt'altro; diventano brutte solo perché, solitamente, non dicono mai di sì, e ci lasciano con il rimpianto di non poterle amare.
Luca 'The River' 8/3/2013 - 03:26
Video!

Borneo

Album: The Golden Hour (2008)

Fuggire nel Borneo per scappare dagli USA di George W. Bush (una scimmia per presidente). You know I don't wanna die for the price of oil
Well I ain't gonna live in your world no more
(continua)
7/3/2013 - 22:57
Video!

Le temps des cerises

Durante la Commune venne aggiunta questa strofa:

Quand il reviendra le temps des cerises
Pendores idiots magistrats moqueurs
Seront tous en fête.
Les bourgeois auront la folie en tête
A l'ombre seront poètes chanteurs.
Mais quand reviendra le temps des cerises
Siffleront bien haut chassepots vengeurs.
Theophile Ferrer 7/3/2013 - 22:48
Video!

Onde o sol castiga mais

[1971]
Una canzone sicuramente autobiografica, composta da Bandeira all’inizio della sua carriera artistica, dopo tre anni di servizio militare trascorsi in Angola in un reparto di radiotrasmissioni.

Non si tratta certamente di una canzone pacifista nè contiene una condanna esplicita delle guerre coloniali, ma mi sembra che descriva bene il sentimento di sconforto, di paura, di insensatezza che doveva serpeggiare tra i giovani portoghesi sbattuti a combattere in quelle terre lontane, ostili, sotto un sole feroce, costretti ad uccidere per non morire, pregando Dio di riuscire a sopravvivere...
E furono proprio quei giovani soldati stanchi di guerra che, di lì a poco, posero fine alla dittatura salazarista ed al colonialismo portoghese.
Quem nunca viu, quem nunca andou a combater
(continua)
inviata da Dead End 7/3/2013 - 21:18
Video!

False From True

‎[1968]‎
Parole e musica di Pete Seeger
Nel disco “Pete Seeger Now”, con Bernice Reagon e Frederick Douglass ‎Kirkpatrick.‎
Più recentemente nel disco tributo “Where Have All The Flowers Gone - The Songs Of Pete ‎Seeger” interpretata da Guy Davis‎


When my songs turn to ashes on my tongue,
(continua)
inviata da Dead End 7/3/2013 - 15:59




hosted by inventati.org