Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2012-5-18

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Hanging in the Wire

basata in parte su quella di indie translations e con qualche dubbio.
Mi sembra però chiaro il riferimento a Hanging On The Old Barbed Wire.
APPESI AL FILO SPINATO
(continua)
18/5/2012 - 23:27
Video!

The Glorious Land

Nelle note di copertina è riportato che alcuni testi sono ispirati a canzoni popolari russe (raccolte in un libro intitolato "Russian Folk Lyrics)". Questa è la traduzione inglese della canzone che ha ispirato "The Glorious Land". Sarebbe interessante trovare l'originale russo.
da The Garden Forum:

I recently read. In the LES liner notes, it is mentioned that parts of The Glorious Land and In the Dark Places were inspired by excerpts from a book called Russian Folk Lyrics. I was curious so I checked the book out of the library. I found quite a bit!
How is our glorious land being ploughed?
(continua)
18/5/2012 - 22:57
Video!

In the Dark Places

da The Garden Forum:

I recently read. In the LES liner notes, it is mentioned that parts of The Glorious Land and In the Dark Places were inspired by excerpts from a book called Russian Folk Lyrics. I was curious so I checked the book out of the library. I found quite a bit!
ST GEORGE'S SONGS
(continua)
18/5/2012 - 22:55
Video!

Le chasseur (Les oies sauvages)‎


TORINO 3 GIUGNO 2012 ore 15,30
Manifestazione Nazionale
Restituiteci il Referendum e la Democrazia

Referendum caccia

Con un atto liberticida e antidemocratico il Consiglio Regionale del Piemonte e la Giunta presieduta dal leghista Cota hanno abrogato la Legge sulla caccia, cancellando di fatto il Referendum regionale, fIssato per il 3 giugno.
Questo è avvenuto a trenta giorni dalla data della consultazione, quando la macchina referendaria era già attiva da mesi e aveva già coinvolto migliaia di volontari. L’arma utilizzata per raccogliere consenso intorno a questo scippo senza precedenti è stata quella crisi economica che questa stessa classe politica ha contribuito a generare!
Così, tramite uno scientifIco ribaltamento della realtà, i referendari sono stati dipinti come coloro che volevano sperperare 22 milioni di Euro (cifra, peraltro, campata per aria) mentre in Giunta tutti si dichiaravano... (continua)
IL CACCIATORE (LE OCHE SELVATICHE)
(continua)
inviata da Bartleby 18/5/2012 - 22:34
Downloadable! Video!

We're All Human Beings

[2010]
Lyrics & Music by Johnny Punish
Album: A Daring Escape from the Empire

Inspired by the fate of the Gaza Peace Flotilla as Israel attacked the Mavi Marmara Rachel Corrie Peace Ship on its way to provide aid to the needy in the occupied and oppressed prison camp that is the Gaza strip, Johnny Punish rips open a wound and exposes it the anti-septic light.
Exposed and without clothing, Johnny declares that We're All Human Beings and Peace, Freedom and Justice for all means just that, for all, and not just the chosen few..
We must be careful what we project
(continua)
inviata da giorgio 18/5/2012 - 16:00
Downloadable! Video!

We Are the 99%

[2011]
Lyrics & Music by Martha Maria
We are the 99%
(continua)
inviata da giorgio 18/5/2012 - 15:53
Downloadable! Video!

Erich Mühsam: Der Revoluzzer



Dal volume: Erich Mühsam: C'era una volta un rivoluzionario, Chersi Libri, Brescia 2010, pp. 47-48. Leonhard Schäfer, che ho il piacere di conoscere personalmente, porta in giro in centri sociali e altri liberi spazi, assieme a Patricia Creati e al gruppo dei Causa, un "quasi-spettacolo teatrale" di poesia-canzone basato sui testi e sulle sue traduzioni da Erich Mühsam. [RV]
IL RIVOLUZIONARIO
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 18/5/2012 - 12:41
Downloadable! Video!

Στρατιώτης

Può interessare questa nota di Αθανάσιος Μαράντης che l '11/02/2010 ha "postato" il testo della canzone nelle pagine di Kithara:

"Θέλω να πω στο σημείο αυτό πως το σωστό είναι φασιστικό αλλά επειδή το τραγούδι γράφτηκε επί δικτατορίας και υπήρχε λογοκρισία η Μητροπούλου αναγκάστηκε να το διορθώσει και να το κάνει μονότονο"

(Voglio dire a questo punto che la lezione corretta è "fascistico" (rif. a "marcia" , o "embaterio", come traduce RV - gpt), ma poiché la canzone fu scritta sotto la dittatura ed esisteva la censura, la Mitropoulou fu costretta a correggere e a scrivere "monotono".)
Gian Piero Testa 18/5/2012 - 10:50
Downloadable! Video!

L’augmentation

‎[1968]‎
Album “Il est cinq heures” (ou “Comment elles dorment?”)‎
Parole di Jacques Lanzmann e Anne Ségalen
Musica di Jacques Dutronc

Secouez-vous, réveillez-vous
(continua)
inviata da Bartleby 18/5/2012 - 10:46
Video!

Hippie Hippie Hourrah

‎[1968]‎
Album “Il est cinq heures” (ou “Comment elles dorment?”)‎
Parole di Jacques Lanzmann e Anne Ségalen
Musica di Jacques Dutronc

J´aime les fleurs et la fumée,
(continua)
inviata da Bartleby 18/5/2012 - 10:39
Video!

L'avant-guerre c'est maintenant‎

‎[1980]‎
Album “Guerre et pets”‎
Parole di Serge Gainsbourg
Musica di Jacques Dutronc
L'avant-guerre, c'est maintenant
(continua)
inviata da Bartleby 18/5/2012 - 10:11
Downloadable! Video!

Fantasia

Version française – IMAGINATION – Marco Valdo M.I. – 2012
Chanson italienne – Fantasia – Don Backy – 1971
Texte et musique : Aldo Caponi (Don Backy)

L'Impératrice fut appelée Imagination. Ce n'est pas par hasard si en 68, nous la voulions au pouvoir.. Baguette magique contre grands pouvoirs. Université sans frontières qui pénètre « l'intériorité » de la pluie et du temps. Prêtresse qui célèbre le mariage de l'eau et du feu. Énergie qui transforme le matériel en plume-voyageuse dans le cosmos, et même au-delà, sans limites. Poussée transformatrice des jambes et des bras déshabitués de monter. Fée qui convainc le rouge-gorge de ne pas fuir quand l'homme s'approche. Intermédiaire avec le dieu des arbres qui agit au près de lui, pour qu'il offre de l'amitié et montre la naissance d'un lilas. Couronne d'une tristesse plus populaire et symbole des tristesses en voyage. Compagne qui devient maladie:... (continua)
IMAGINATION
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 18/5/2012 - 09:51
Downloadable! Video!

Les cactus

‎[1966]‎
Album “Jacques Dutronc” (ovvero “Et moi, et moi, et moi”)‎

L'apparente légèreté des textes de Dutronc (souvent co-écrit avec Jacques Lanzman dans les années 60) et la musique rock semblent ne pas l'inscrire dans les artistes « rive-gauche » engagés comme Mouloudji, Montant ou bien entendu Ferrat, en somme dans une sorte « d’école » de la chanson réaliste française, mortifère, ennuyeuse, adressée à l'élite culturelle, dont Coluche se moquera d’ailleurs quelques années plus tard (« Misère, misère »).

Et pourtant il suffit de se pencher sur certaines chansons même très connues pour se rendre à l'évidence: Dutronc critique les conventions bourgeoises tout azimut dont la chanson les cactus est finalement la synthèse. Cette chanson résume tout l’égoïsme et l’individualisme du capitalisme.

Le dazibao dialectique
Le monde entier est un cactus
(continua)
inviata da Bartleby 18/5/2012 - 09:41
Video!

Métissage

‎[2008]‎
Album “Afrikya”‎

J'ai envie de Métissage pour des hommes vrais
(continua)
inviata da Bartleby 18/5/2012 - 09:19
Video!

One Shot

‎[2005]‎
Album “Dans le décor”‎

Inserisco il brano come se fosse solo in lingua francese, ma in una strofa il francese è mescolato ad ‎un’altra lingua, forse quella berbera (tamazight)…‎
One Shot! blood! Another killa'
(continua)
inviata da Bartleby 18/5/2012 - 09:05
Downloadable! Video!

Peacemakers

[2010]
Lyrics & Music by Johnny Punish
Album: A Daring Escape from the Empire

How do we become true peacemakers? How do we bring real peace to an often troubled world? Have we lost the vision of peace? Who were the real Peacemakers ?
Mahatma Gandhi's won't do, -he was a Peace-maker
(continua)
inviata da giorgio 18/5/2012 - 08:59
Video!

Petit soldat

‎[2008]‎
Album “Afrikya”‎

Personne ne vous a jamais montré de respect
(continua)
inviata da Bartleby 18/5/2012 - 08:50
Video!

Chaînes

‎[2005]‎
Album “Dans le décor”‎

Et le son coule, noir comme mon sang sur cette feuille blanche je trace, toujours plus haut.
(continua)
inviata da Bartleby 18/5/2012 - 08:24
Video!

Let There Be Peace

R.I.P. Donna Summer, The Queen of Disco, (December 31, 1948 – May 17, 2012)
Bartleby 18/5/2012 - 08:09
Video!

All and Everyone

aiutato dal dettagliato commento di zillah da Songmeanings
TUTTO ED OGNUNO
(continua)
18/5/2012 - 00:14
Downloadable!

Il lavoro rende liberi

Chanson italienne – Il lavoro rende liberi – Meltea Keller – 2011
LE TRAVAIL REND LIBRES
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 17/5/2012 - 21:33
Downloadable! Video!

Non trattare

Vecchio post, ma voglio lo stesso dire la mia, esprimendo la mia totale concordia con la breve analisi del lavoro di VC pubblicata da gabriele.
Mi nutro di musica, la maneggio, la vivo, da molti anni ne produco di mia insieme ad altri pochi amici, e dal mio personalissimo punto di vista VC nasconde in sé molto più di quello che sembra. Le sue canzoni sono un po' come uno strumento musicale, vanno suonate (ascoltate) più volte per riuscire a comprenderle e per tirarne fuori da ognuna la propria musica (con "propria" si intende sia quella della cazone stessa che dell'ascoltatore).
Nessuna parola è scelta a caso, anzi, spesso ogni parola è scelta per il suono musicale che produce e non solo per il significato che ha. In tal modo "suona" perfettamente insieme a tutto il resto del brano.
Se questo è il nulla, onestamente, voglio passarci il resto della mia esistenza.
Infine, di fronte ad... (continua)
matteo 17/5/2012 - 18:00
Video!

Mémoire mauvaise

‎[2005?]‎
Nel disco collettivo “Décolonisons!”, realizzato da Survie, un’associazione che ‎da anni si batte contro le politiche neocolonialiste dei governi francesi.‎

Amnésie lâche collective, presque addictive
(continua)
inviata da Bartleby 17/5/2012 - 13:43

Zone grise

‎[2005?]‎
Nel disco collettivo “Décolonisons!”, realizzato da Survie, un’associazione che ‎da anni si batte contro le politiche neocolonialiste dei governi francesi.‎

Dans l’ombre des puissances, dont tant d’peuples subissent les nuisances
(continua)
inviata da Bartleby 17/5/2012 - 13:37
Video!

Où est la justice?‎

‎‎[2005?]‎
Nel disco collettivo “Décolonisons!”, realizzato da Survie, un’associazione che ‎da anni si batte contro le politiche neocolonialiste dei governi francesi.‎
Poi anche nell’album di Komandant Simi Ol intitolato “Libération”‎

Una canzone molto esplicita scritta da un musicista ivoriano, un testimone diretto della ‎‎“Françafrique”, espressione che designa le ‎politiche neocoloniali dei governi francesi di qualunque colore.‎

La storia della Côte d'Ivoire, dal 1700 ad oggi, è una storia di predazione, di genocidio e di ‎ingerenze nella quale la Francia ha avuto e continua ad avere un ruolo di primissimo piano, da ‎quando i francesi (insieme a portoghesi ed olandesi) già nel XVII secolo avevano sterminato tutti ‎gli elefanti della regione, passando poi – ai primi del 900 – a sterminare tutti gli esseri umani (un ‎genocidio di proporzioni inenarrabili, che in pochi anni ridusse gli... (continua)
Où est la justice ‎
(continua)
inviata da Bartleby 17/5/2012 - 11:41
Video!

Question de peau

‎[2004]‎
Parole a musica di Bernard Lavilliers
Nell’album di Lavilliers intitolato “Carnets de bord”‎
Poi anche nel disco collettivo “Décolonisons!”, realizzato da Survie, ‎un’associazione che da anni si batte contro le politiche neocolonialiste dei governi francesi.‎

Annou Sêguêla
(continua)
inviata da Bartleby 17/5/2012 - 10:59
Video!

Viva l'Italia



Questa traccia include la collaborazione di Cisco, Ginevra Di Marco, Piero Pelù, Morgan, Bunna, Paolo Rossi, Bandabardò e Gang
Cisco:
(continua)
inviata da dq82 17/5/2012 - 10:48

(A)

Da Sacco e Vanzetti 2009
Indo:
(continua)
inviata da DoNQuijote82 17/5/2012 - 10:14
Video!

Stefano "Cisco" Bellotti: Il mulo

‎‎[2008]‎
Stefano "Cisco" Bellotti
Album “Il mulo”‎

Servono gambe salde in questi tempi
(continua)
inviata da Bartleby 17/5/2012 - 09:42
Video!

Families

Dedicata ai soldati e ai caduti americani della guerra in Irak
FAMIGLIE
(continua)
inviata da Enrico 17/5/2012 - 08:28
Downloadable!

Dieci e venticinque (Bologna)

[2008?]
Testo e musica di Paolo Fiorucci
Lyrics and music by Paolo Fiorucci
Paroles et musique de Paolo Fiorucci

Quell'orologio là, una volta, se lo ricordavano tutti. No, anzi, non se lo ricordavano: ce lo avevano negli occhi. Quell'orologio e quell'ora, le dieci e venticinque del mattino del 2 agosto 1980. Ora sta scivolando via dai ricordi e dagli occhi, e magari anche dal nome di Maria Fresu disintegrata, ridotta atomi. Non c'è, credo, più da dire altro. Il testo di questa canzone l'ho trovato per caso, cercando altre cose; proviene, si pensi un po', da una vecchissima pagina del forum dedicato a Roberto Vecchioni. Del suo autore non so niente, ma lo saluto. [RV]
Volti, voci, bagagli
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 17/5/2012 - 02:38
Downloadable! Video!

Canto dei coscritti, o Partirò, partirò

Interpretata da Ginevra Di Marco nel nuovo album di Daniele Sepe "Canzoniere illustrato" (da ascoltare nei video).

"Canzoniere Illustrato" è il titolo del nuovo album di Daniele Sepe.
In realtà è molto di più di un semplice album... "Canzoniere Illustrato" è un bel volume di ben 106 pagine contenente12 fumetti per 12 canzoni. Fumetti realizzati da geniali maestri del colore (Mauro Biani, Squaz, Kanjano, Akab, Kranti, Rosaria Cefalo, Shaone, Fulvio Cozza, Giuseppe Guida, Antonino Iuorio, Marcella Brancaforte, Tony Afeltra, Enzo Troiano, Giuseppe Guida, Luigi De Michele) ed arricchito da una splendida copertina del grande Altan.
La musica prevede un menù internazionale di canzoni provenienti da tutto il mondo e dal folklore italiano e con la partecipazione delle voci di Floriana Cangiano, Ginevra DI Marco, Flori N Barbu, Mazouk Mejri, Josè Seves, Robero Argentino Lagoa e Brunella Selo, oltre ad una nutritissima schiera di fantastici musicisti.
Lorenzo 17/5/2012 - 00:36
Video!

Run To The Hills

belle discussioni in un archivio di canzoni per la pace...
(Jago)

Avanti un altro...[CCG/AWS Staff]
16/5/2012 - 16:58

Mal aux genoux

Mal aux genoux
 
Canzone française – Mal aux genoux – Marco Valdo M.I. – 2012
Histoires d'Allemagne 69

Au travers du kaléidoscope de Günter Grass. : « Mon Siècle » (Mein Jahrhundert, publié à Göttingen en 1999 – l'édition française au Seuil à Paris en 1999 également) et de ses traducteurs français : Claude Porcell et Bernard Lortholary.



Mal aux genoux, mal aux genoux... Justement... Elle tombe à pic ta chanson... J'ai horriblement mal aux genoux. Pas étonnant avec ce temps... On souffre terriblement de ça, nous autres, les ânes et en plus, on en a quatre des genoux... C'est d'autant plus douloureux..., dit Lucien l'âne en se relevant d'un coup de reins majestueux sur ses jolis sabots noirs comme le brai. D'ailleurs, tu le vois, je m'étais mis ainsi à genoux dans la boue, car c'est un excellent remède à l'arthrose, l'arthrite et compagnie. Enfin, je suppose que ce n'est pas de mes... (continua)
Willy, appelons-le ainsi
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 16/5/2012 - 16:55
Downloadable! Video!

La ballata del Michè

CARL's translation into Altamura dialect (Apulia, Italy)
LA SUNEJTE DE MECHEJLE
(continua)
inviata da CARL 16/5/2012 - 15:02
Video!

The Ballad of Mairead Farrel

És d'aquelles històries fetes cançons que et fiquen el pèl de punta....perquè no només els homes lluiten i donen la cara (i la vida) pels seus ideals...

http://www.fotolog.com/memoriadanoite/...
Do not stand at my grave and weep
(continua)
inviata da DonQuijote82 16/5/2012 - 12:45
Video!

City of Chicago

1984
Ride On

Canzone sull'emigrazione irlandese, scritta da Barry Moore, fratello di Christy Moore, nel centocinquantesimo anniversario dal 1847, l'anno peggiore della Grande Carestia.
In the City of Chicago,
(continua)
inviata da DoNQuijote82 16/5/2012 - 12:40
Downloadable! Video!

The Chains of Pain

1990
The Vegetarians of Love
Jungle Joe say to Uncle Sam
(continua)
inviata da DoNQuijote82 16/5/2012 - 12:35
Video!

Roads of Germany

1992
The Happy Club
I'm driving on the road that Hitler built
(continua)
inviata da DoNQuijote82 16/5/2012 - 12:34
Video!

The Song of the Emergent Nationalist

1993
The Happy Club
Over there across the river,
(continua)
inviata da DoNQuijote82 16/5/2012 - 12:32

Hey Hey Sam

Houses strewn on a hill
(continua)
inviata da DoNQuijote82 16/5/2012 - 12:15
Downloadable! Video!

Il minatore di Frontale

Io non so chi ha risposto a Pinco Pazzo ma credo ci sia una precisazione da fare...

Davide, effettivamente non si è mai schierato (nel senso proprio del termine, ovvero, mettersi dalla parte di uno "schieramento") ma un'affermazione pubblica l'ha fatta (riportata dai nostri giornali Valtellinesi e quindi chi ha risposto a Pinco Pazzo, se non di qua, non poteva saperlo) dicendo di Non essere leghista.

Dire di non essere leghisti nelle Provincie di Como-Lecco e soprattutto Sondrio, è vero che non vuol dire schierarsi, ma solo "chiamandosi" fuori dallo schieramento che raggiunge il massimo consenso da noi ha dato prova comunque di menefreghismo verso il pensiero comune... con la lega che viaggia verso il 70% qui, gli sarebbe quasi convenuto schierarsi apertamente.

Per il resto beh... pensando ai racconti dei nonni miei e degli anziani qui in Valmasino devo dire che non potevate azzeccare... (continua)
Luca Z. 16/5/2012 - 11:57
Video!

Gimme Shelter

La versione dei Grand Funk è forse la migliore interpretazione di questo brano.
16/5/2012 - 11:53
Video!

La faute a Nanterre

‎[1968]‎
Testo trovato sul sempre ottimo l'histgeobox, programma di storia e geografia svolto attraverso la musica, a cura di ‎docenti di licei e collegi francesi.‎


E’ all’università “Paris X”, o “Paris Ouest Nanterre La Défense”, che nel 1967 iniziò la ‎contestazione studentesca in Francia. Di lì a poco il Maggio. ‎
E’ alla facoltà di sociologia di Paris Nanterre che studiava quella testa calda di ‎‎Daniel Cohn-Bendit, detto “Dany le Rouge”, ‎uno dei leader del Mai 68 insieme a personaggi come ‎‎Alain Geismar e ‎‎Jacques Sauvageot, anch’essi citati in questo ‎brano di Évariste, lo scienziato-giullare…‎

‎Le parole sono ovviamente ispirate a La faute à Voltaire (La chanson de Gavroche) di Victor Hugo.
Je suis tombé par terre
(continua)
inviata da Bartleby 16/5/2012 - 09:30
Percorsi: 1968 e dintorni
Video!

La révolution

‎[1969]‎

Évariste è il nome d’arte di Joël Sternheimer, cantautore di professione fisico e ricercatore.‎
Lui nel 1966, a soli 23 anni, era già assistente di fisica teorica all’Università di Princeton ma le ‎spese della guerra, quella in Vietnam, tagliarono i fondi per la ricerca che non fosse militare e così il ‎nostro Joël se ne tornò in Francia. In patria era Antoine che allora andava per la maggiore ed ‎al nostro venne in mente di fare un’audizione come cantante. Siccome eccelleva in tutto, la passò, si ‎scelse lo pseudonimo di Évariste ed esordì nel 1967 con un brano strettamente intrecciato con la sua ‎professione: “Connais-tu l'animal qui inventa le calcul intégral?”, dialogo assurdo sui ‎numeri tra un uccello notturno ed un dinosauro ruggente…‎
L’incredibile Évariste, nonostante il discreto successo, si scocciò presto di proporre le sue stralunate ‎canzoni e tornò al suo amore di... (continua)
Le père Legrand dit à son p'tit gars
(continua)
inviata da Bartleby 16/5/2012 - 07:50
Percorsi: 1968 e dintorni




hosted by inventati.org