Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2009-4-6

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Muoio, good-bye

Canzone contenuta nell'album "Mentre fuori piove" che ripercorre i fatti del g8 di Genova. Il Johnny in cerca di risposte (anche se violente) è Carlo Giuliani.
6/4/2009 - 19:38
Video!

Muerte Accidental De Un Anarkista

MORTE ACCIDENTALE DI UN ANARCHICO
(continua)
inviata da Simo 6/4/2009 - 19:34
Video!

Soldato

Canzone adattissima a questo sito... Il tema è la (maledetta) guerra in Iraq
Soldato dammi solo una ragione, solo una spiegazione per giustificare tale assurdità, uccidi per difendere la patria, per questo lei ti paga per dimenticare la tua dignità,
(continua)
inviata da Simo 6/4/2009 - 17:45
Downloadable!

Jesus Don’t Give Tax Breaks to the Rich

You may get a job you ain’t even qualified for
(continua)
inviata da daniela -k.d.- 6/4/2009 - 16:53
Video!

Shalom Salaam

Album: "Dragonfly"
Lost am I in my memories of my forefathers' legacy
(continua)
inviata da daniela -k.d.- 6/4/2009 - 16:17
Downloadable! Video!

In The Shadow Of The Rockies / As I Walk Through Canada

[2004]
Testo di Maria Dunn
Musica tradizionale ucraina
Lyrics by Maria Dunn
Traditional Ukrainian music
Album: "We Were Good People"

"Growing up in Alberta with the Rockies as a favourite holiday destination, I only learned about the WWI internment of Ukrainian Canadians in the national parks on a trip to Jasper in Spring 2000. There, I came across Bill Waiser's book, Park Prisoners. Shortly afterwards, I read In the Shadow of the Rockies: Diary of the Castle Mountain Internment Camp, 1915-1917 by Bodhan Kordan & Peter Melnycky. When war broke out in 1914, Galicia was part of the Austro-Hungarian Empire, and Ukrainian immigrants (often referred to as "Galicians" in the early 1900s) became "enemy aliens" in Canada, the very place that had actively encouraged their immigration. Ironically, most of them viewed their former Austro-Hungarian rulers not with loyalty, but as occupiers... (continua)
Young stranger, as you walk these trails of beauty
(continua)
inviata da daniela -k.d.- 6/4/2009 - 15:39
Video!

Freedom Here

[2004]
Testo e musica di Maria Dunn
Lyrics and music by Maria Dunn
Album: "We Were Good People"

"Velma Carter and Gwen Hooks inspired this song. Both women were born and raised in Alberta's Black pioneer communities in the early 1900s and both worked as teachers in rural Alberta. Their families had emigrated from the United States, seeking to farm without the prejudice and restrictions of the American Jim Crow laws. Although they met with no legal discrimination, Black immigrants weren't exactly embraced by a tolerant Alberta. In 1911, Edmonton MP Frank Oliver responded to the fear and prejudice of a vocal minority of his constituents by drafting an unsuccessful government Order-in-Council to bar Blacks from settling in Canada for a year. The song's chorus was inspired by a passage in Gwen Hooks' book The Keystone Legacy: Recollections of a Black Settler (1997): 'Times were hard then, but when you are free, hard times are easier to take.' "
(Maria Dunn)
Her parents came to Wildwood before she was born
(continua)
inviata da daniela -k.d.- 6/4/2009 - 15:10
Downloadable! Video!

Can You Blame The Poor Miner?

[2004]
Testo e musica di Maria Dunn
Lyrics and music by Maria Dunn
Album: "We Were Good People"

"In the summer of 2002, I visited the Bellevue Mine in the Crow's Nest Pass. Emerging from the cold, black tunnel into a beautiful summer day in the mountains was a powerful experience, indeed. The nearby remains of the Frank Slide of 1903 must have testified daily to miners of the dangers in the area, particularly in the early 1900s. In 1914, the Hillcrest Mine explosion left 189 men dead and buried in a graveyard across the valley from Bellevue. Those thoughts, along with the knowledge of a thriving illegal liquor trade during Alberta's prohibition years (1916-1922), sparked this song."
(Maria Dunn)
From heaven to hell, he passes each day
(continua)
inviata da daniela -k.d.- 6/4/2009 - 15:04
Video!

For Peace And Plenty

[2004]
Testo e musica di Maria Dunn e Shannon Johnson
Lyrics and music by Maria Dunn and Shannon Johnson
Album: "We Were Good People"

"As the year 2000 approached, I was invited to participate in a songwriting project to commemorate the New Year (The Millennium Project, First Night Festival, Edmonton). After reading about and reflecting on the turn of the last century, I couldn't shake the wonderful image of the all-night country dances of the early 1900s. Separated from those people by 100 years of rapid social change, we still hope for the same things today-peace and plenty. The phrase itself caught my attention by way of a beautiful tune of the same name composed by Scottish musician Brian McNeill."
(Maria Dunn)
I was born in 1899, December thirty first
(continua)
inviata da daniela -k.d.- 6/4/2009 - 14:57
Downloadable! Video!

Tell Her I Was Brave

[2008]
Testo e musica di Maria Dunn
Arrangiamenti di Maria Dunn & The McDades
Lyrics and music by Maria Dunn
Arranged by Maria Dunn & The McDades
Album: "The Peddler"
The horrors of this bloody war, I'll take to my grave
(continua)
inviata da daniela -k.d.- 6/4/2009 - 14:42
Downloadable! Video!

The Peddler

[2008]
Testo e musica di Maria Dunn
Lyrics and music by Maria Dunn
Album: "The Peddler"
Came a peddler to my door
(continua)
inviata da daniela -k.d.- 6/4/2009 - 14:31
Oggi, e probabilmente anche per i prossimi giorni, è probabile che il sito non venga aggiornato con la consueta regolarità. Anche noi, come tutti, stiamo seguendo le drammatiche notizie provenienti dall'Aquila e dintorni. Per quel che possiamo fare, tutto lo staff di Canzoni Contro la Guerra è vicino con il cuore alle popolazioni colpite dal terremoto.
Riccardo Venturi 6/4/2009 - 12:44
Downloadable! Video!

Vitti na crozza

Voglio aggiungere una cosa: anche se il testo della canzone potrebbe essere retrodatato rispetto alla canzone che ormai conosciamo tutti, voglio dare atto all'ingegno del maestro Li Causi, per avergli inserito la bellissima musica e se non fosse stato per lui questa canzone sarebbe rimasta anonima come tantissimi canti e poesie popolari Siciliane, dobbiamo dare merito a lui, per averla fatta conoscere in tutto il Mondo.
Paolo Tortorici
(Ribera)
6/4/2009 - 10:06

Dans les rues de Nantes

Texte mis au point devant la Préfecture de Nantes les nuits et les soirées du 9 et du 10 Octobre 2001,

Sull'aria di "Dans les prisons de Nantes" di Tri Yann.

Le vendredi 5 Octobre 2001 les forces de police à 6 heures du matin expulsaient les sans-papiers de Nantes, qui avaient trouvé refuge à la Bourse du travail. L’ordre avait été donné par Monsieur Jean Marc Ayrault, Député Maire de Nantes et chef du groupe parlementaire du PS. Une manif avait été organisée le samedi 6 Octobre dans le cadre de l’initiative «Le monde n’est pas une marchandise».
Un des slogans était: «Ils préparent la guerre, expulsent les sans-papiers, gauche plurielle, gauche poubelle !»

Trois personnes sans papiers avaient été arrêtées et placés au centre de rétention afin de préparer leur expulsion. Le lundi soir les réfugié/es s’installait devant l’entrée administrative de la préfecture. Ils passèrent deux nuits ainsi et se déplaçaient la journée. Le mercredi deux barnums étaient installés tout près de la préfecture.

Testo trovato qui
Dans les rues de Nantes [landigidigidan, lan digidigidigidan]
(continua)
inviata da Alessandro 6/4/2009 - 09:34

Alain Richard si tu savais

[2000]

Dedicata al ministro della difesa del governo di Lionel Jospin, Alain Richard.

In Francia, nel 1997, il governo di Lionel Jospin vara la riforma del servizio militare nazionale. La leva obbligatoria è cancellata, ma la “naja” viene solo sospesa per giovani nati dopo il 1979. Per gli altri rimangono comunque 10 mesi da fare, con il limite ultimo del 2003. Sono i cosiddetti “sursitaires” i ragazzi della riserva soprannumeraria. Questa palese violazione del principio costituzionale d’eguaglianza, motivata soltanto dal dover continuare a foraggiare il sistema militare prima del suo adattamento alla riforma, manda su tutte le furie i giovani. All’inizio si moltiplicano i casi individuali di renitenza, che vengono mascherati con congedi dovute ai più disparati problemi di salute. Poi i “sursis” si organizzano nel Collettivo SN, “Service National – SansNous” che, a partire dalla primavera... (continua)
Alain Richard si tu savais
(continua)
inviata da Alessandro 6/4/2009 - 08:54

Et moi, et moi, et moi

[2000]
Sull'aria dell'omonimo brano di Jacques Dutronc (1966)

In Francia, nel 1997, il governo di Lionel Jospin vara la riforma del servizio militare nazionale. La leva obbligatoria è cancellata, ma la “naja” viene solo sospesa per giovani nati dopo il 1979. Per gli altri rimangono comunque 10 mesi da fare, con il limite ultimo del 2003. Sono i cosiddetti “sursitaires” i ragazzi della riserva soprannumeraria. Questa palese violazione del principio costituzionale d’eguaglianza, motivata soltanto dal dover continuare a foraggiare il sistema militare prima del suo adattamento alla riforma, manda su tutte le furie i giovani. All’inizio si moltiplicano i casi individuali di renitenza, che vengono mascherati con congedi dovute ai più disparati problemi di salute. Poi i “sursis” si organizzano nel Collettivo SN, “Service National – SansNous” che, a partire dalla primavera del 2000, organizza... (continua)
300.000 sursitaires
(continua)
inviata da Alessandro 6/4/2009 - 08:51
Video!

Et moi, et moi, et moi

[1966]
Dal primo album dell'artista francese, intitolato semplicemente "Jacques Dutronc".

Note da Musica & Memoria:

Un ottimo brano veramente, l'esordio di Jacques Dutronc, allora compagno di Françoise Hardy e autore di alcune canzoni per la brava cantante e autrice francese. Dal punto di vista musicale era una ballata blues in stile cantastorie, sulla scia della notissima "Les elucubrations" di Antoine, che a sua volta era ispirata da "Subterranean Homesick Blues" di Bob Dylan, che a sua volta era ispirata a non so quante canzoni tradizionali inglesi e americane.

Il testo però è piuttosto profetico, ed esprimeva con qualche decennio di anticipo il disagio dell'uomo occidentale che si rende conto di vivere assediato nella parte fortunata del mondo, nel salotto buono, mentre intorno gli equilibri incominciano a cambiare senza che nessuno possa fermare il processo. Ancora 40-50 anni... (continua)
Sept cent millions de chinois
(continua)
inviata da Alessandro 6/4/2009 - 08:47

10 mois, pourquoi ?

In Francia, nel 1997, il governo di Lionel Jospin vara la riforma del servizio militare nazionale. La leva obbligatoria è cancellata, ma la “naja” viene solo sospesa per giovani nati dopo il 1979. Per gli altri rimangono comunque 10 mesi da fare, con il limite ultimo del 2003. Sono i cosiddetti “sursitaires” i ragazzi della riserva soprannumeraria. Questa palese violazione del principio costituzionale d’eguaglianza, motivata soltanto dal dover continuare a foraggiare il sistema militare prima del suo adattamento alla riforma, manda su tutte le furie i giovani. All’inizio si moltiplicano i casi individuali di renitenza, che vengono mascherati con congedi dovuti ai più disparati problemi di salute. Poi i “sursis” si organizzano nel Collettivo SN, “Service National – SansNous” che, a partire dalla primavera del 2000, organizza numerose manifestazioni contro Jospin e il suo ministro della difesa... (continua)
Allez, dis-moi pourquoi, pourquoi j'irai là-bas
(continua)
inviata da Alessandro 6/4/2009 - 08:38

La gentile dolcezza delle cose

Con i tempi che corrono
(continua)
inviata da kida 6/4/2009 - 01:09
Video!

Peace On The Border

PACE AL CONFINE
(continua)
inviata da Kiocciolina 5/4/2009 - 19:37
Video!

Tammurriata del lavoro nero

Sull'aria della tradizionale Tammurriata nera, una...versione opportunamente aggiornata ai tempi nuovi ad opera di Bisca 99 Posse. Originariamente proposta come appendice alla Tammurriata originale, ma abbiamo pensato che per il suo contenuto meritasse una pagina autonoma anche in modo da essere inserita nell'apposito percorso. La abbiamo quindi autonomamente distinta nel titolo. [CCG/AWS Staff].

[1993]
La bomba intelligente

Testo di Dario Jacobelli

Originariamente attribuita ai Bisca 99 Posse, la canzone è dei soli Bisca, dal disco "La bomba intelligente", poi reinterpretata insieme ai 99 Posse nell'album "Incredibile Opposizione Tour" del 1994
E nat’ nu lavoro è nat’ nir’
(continua)
inviata da Donquijote82 + CCG/AWS Staff 5/4/2009 - 19:18
Downloadable! Video!

Die Moorsoldaten [Börgermoorlied; Das Moorlied]

Per DonQuijote82

La versione tradizionale italiana da te proposta, compreso il commento dal sito del Coro Pane e Guerra, è presente in questo sito fin dal 7 agosto 2005. Per questo è stata rifiutata. Colgo l'occasione per raccomandare a tutti i collaboratori di controllare che una canzone o una versione non sia già presente prima di effettuare una proposta di inserimento. Grazie!
Riccardo Venturi 5/4/2009 - 19:02
Downloadable!

Chiantu de l’emigranti

anonimo
Canto d’addio raccolto da Daisy Lumini in Calabria dalla voce di una vecchia contadina. SI riferisce alle migrazioni intercontinentali dell’800 ed esprime il dolore dell’emigrante che abbandona la sua terra per cercare fortuna in America
www.paneguerra.org
Strada mia abbandunata, mo te lasso
(continua)
inviata da DonQuijote82 5/4/2009 - 13:58
Downloadable! Video!

El Cautivo de Til-Til

Di Patricio Manns, canzone popolare cilena dedicata a Manuel Rodriguez, eroe dell'indipendenza cilena nella seconda decade dell'Ottocento, legato all'esercito del generale San Martin, ucciso dai realisti spagnoli a Til-Til, vicino a Santiago del Chile.

da www.paneguerra.org
Por unas pupilas claras
(continua)
inviata da DonQuijote82 5/4/2009 - 13:56
Video!

The Bethlehem Bell Ringer

testi e mesica by Carl Cleves
An ancient church in Bethlehem
(continua)
inviata da DonQuijote82 5/4/2009 - 13:20
Video!

Nel monte las médulas

Album: Camín d Arcana
La imparable máquina bélica
(continua)
inviata da DonQuijote82 5/4/2009 - 13:04
Video!

Ochobre'l 34

2008
Col fusil nes mánes escubrimos la surtída,
(continua)
5/4/2009 - 12:58
Video!

Freedom

We've been working on a course for change
(continua)
inviata da DonQuijote82 5/4/2009 - 12:11
Video!

Spirit Of Peace

Spirit of peace, spirit of love, our spirit is the spirit of peace.
(continua)
inviata da DonQuijote82 5/4/2009 - 12:09
Video!

Stop That

Everyone is happy, people feeling good.
(continua)
inviata da DonQuijote82 5/4/2009 - 12:08

La Pâtisserie d'Orel-Oriol

La Pâtisserie d'Orel-Oriol

Canzone leviane – La Pâtisserie d'Orel-Oriol – Marco Valdo M.I. – 2009
Cycle du Cahier ligné – 3.

La Pâtisserie d'Orel-Oriol est la troisième canzone du cycle du Cahier ligné.

Un sogno, un vero pasticcio di provincia russo-italiane. Un incubo culturale... avec des relents de bureaucratie, d'huîtres, de varechs, de starlettes pulpeuses montrant leurs lèvres et leur langue, de foule mondaine se pressant dans un salon, de fausse culture imposée par des amateurs de folklore...
Attaque directe contre la mondanité et la culture de salon où les vernissages, les cocktails, les news télévisées et les articulets de presse tiennent lieu de qualités.
On songe au Bergman de « La flûte enchantée » et à sa peinture au vitriol de cette province suédoise qui se joue une mascarade culturelle, pour faire comme si, pour être moderne... ou alors aux Marx et à l'immense bric-à-brac... (continua)
Un Anglais ou un Ecossais,
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 5/4/2009 - 12:07
Video!

La guerra di Piero

Io non riesco mai ad ascoltare questa canzone senza piangere, il testo è troppo bello e troppo vero.
Sabrina 4/4/2009 - 19:49
Video!

Wenn die Soldaten durch die Stadt marschieren

BELLISSIMA!!
Ringrazio di cuore per le traduzioni di questa splendida canzone,e grazie per questo meraviglioso sito.
Cla 4/4/2009 - 17:28
Video!

In The Army Now

Bellissima canzone? ma cosa cax dici io non conosco l'inglese mi fai la traduzione?

o ti piace solo la musica
scimmia 4/4/2009 - 17:10
Video!

Fuori campo

Chanson italienne – Fuori Campo – Modena City Ramblers – 1999

« Du Sud au Nord, de la périphérie au centre – mais existe-t-il un centre de qualque chose ? Il est certain qu'il existe des milliers de faces et d'endroits oubliés , aux marges du grand wagon du Marché Global, qui n'ont jamais droit à un titre de journal. Ils se trouvent, tout simplement, en dehors du faisceau du projecteur... »
le « récitatif » sous l'instrumental final est écrit et dit par Luis Sepùlveda, inspiré d'un livre d' Eduardo Galeano sur les veines ouvertes de l'Amérique Latine....

Avec cette chanson, les Modena City Ramblers tentaient de faire le point sur l'évolution de la Révolution. C'était en 1999.
Mais le temps est passé, l'Amérique Latine a changé; rien n'est encore arrangé... Loin de là, mais... L'Amérique Latine a changé de cap, l'Amérique latine prend le large vis-à-vis du Nord, du libéralisme et du capitalisme;... (continua)
HORS DU CHAMP
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 4/4/2009 - 16:47

Les quatre chevaliers noirs de Sardaigne

Cher Francesco,
D'abord, j'aime beaucoup ton prénom, car c'est celui de mon petit-fils.
Cela dit, je pense qu'il t'a échappé que j'avais personnellement suivi la thèse de Giuseppe Dessì, qui à mon avis devait quand même savoir ce qu'il en était d'Eleonora et de sa lutte contre les Espagnols, lequel Giuseppe Dessì a souligné très fortement cette particularité de la guerre de libération des Sardes, à savoir que Eleonora a gagné la guerre contre les Espagnols, mais que ce fut la peste qui anéantit l'armée populaire sarde. C'est précisément et le thème de la chanson et celui de la pièce de théâtre Eleonora d'Arborea de Giuseppe Dessì.
Il est en effet désolant que les Sardes aient perdu cette lutte de libération nationale, mais ils l'ont perdue contre la peste, pas contre les Espagnols.
Dunque, ils l'ont en même temps gagnée et perdue. Ce que j'avais nettement indiqué dans mon commentaire à la canzone.

Bien cordial
Ora e sempre : Resistenza !
Ainsi parlait Marco Valdo M.I.
Marco Valdo M.I. 4/4/2009 - 13:33
Video!

La sepoltura dei morti

C'è un riferimento alla "Terra desolata" di Eliot: anch'io ho scritto una sorta di "delirio" sotto forma di canzone (ancora senza musica, purtroppo) intitolato "La terra desolata", ispirandomi liberamente a Eliot
(Andrea)

E con questo siamo a tre, aggiungendo anche quello nella "Canzone dei dodici mesi" di Francesco Guccini; più precisamente proviene dal Lamento di James Prufrock. Ma vista la bella giornata d'aprile che è oggi, io continuo a dire che sono più crudeli dicembre o gennaio. Fuck winter! [RV]
4/4/2009 - 12:03
Video!

Torinorossa

una bella e corroborante sorpresa!!!
Alberto Cesa
alberto cesa 4/4/2009 - 00:13
Downloadable! Video!

Masters Of War

POLACCO / POLISH - Sylwester Szweda - Andrzej Orzechowski

La versione polacca di Andrzej Orzechowski e Sylwester (Sylwek) Szweda, interpretata da quest'ultimo. Cantabile e scaricabile liberamente da questa pagina. Dal Sito ufficiale di Sylwester Szweda.

The Polish version by Andrzej Orzechowski and Sylwester (Sylwek) Szweda, performed by the latter. Singable and freely downloadable from this page. From Sylwester Szweda's official website.

Tłumaczenie: Sylwek Szweda & Andrzej Orzechowski 01.10.2005
Przekład poetycki: Sylwek Szweda 01.10.2005
W schronisku PTTK A.A. Dworaczków w Wetlinie
MISTRZOWIE WOJNY
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 3/4/2009 - 23:53




hosted by inventati.org