Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2009-12-24

Rimuovi tutti i filtri
Video!

White as Snow

BIANCO COME NEVE
(continua)
24/12/2009 - 22:52
Downloadable! Video!

The Backlash Blues

Non so se la traduzione del titolo come "rifiuto" sia corretta... "Backlash" significa letteralmente "reazione violenta" ma anche "ritorno"...
LE BLUES DU REFUS
(continua)
inviata da Alessandro 24/12/2009 - 21:02
Video!

Are You a Citizen Or Are You a Slave ?

[2003]
Songwriters: Victor René Sadot & Cindy Abramowicz Hubschmitt
Album: Broadsides & Retrospectives [2005 - Crazy Planet Band]

Written with Cindy Hubschmitt, the song challenges cynicism and apathy about social justice issues. It could become an anthem if it gets heard...

Comments by Vic Sadot (1 2)
Are you a Citizen? - Or are you a Slave?
(continua)
inviata da giorgio 24/12/2009 - 19:57
Downloadable!

The Patriot Call

[2005]

Song about what patriotism REALLY should be: taking care of one's country...
"I was motivated to write this song due to the misinterpretation that patriotism is about killing people when a leader shoves an unwilling country into war."
In this country there's a choice
(continua)
inviata da giorgio 24/12/2009 - 19:48

Catene

Sento il sangue freddo
(continua)
inviata da Donquijote82 24/12/2009 - 19:26

Africa Nera

Ho 7 anni e sono africano
(continua)
inviata da Donquijote82 24/12/2009 - 19:24
Video!

Migranti

1999
In tel vento sonà
Ci sono giorni passati a inventare
(continua)
inviata da Donquijote82 24/12/2009 - 19:21
Video!

Darquier

[1979]
Pubblicata su di un 45 giri nel 1979, poi eseguita dal vivo in una tournée del 1980 e inserita nell’album live “Répression dans l'Hexagone”, registrato nel corso di quella tournée ma pubblicato solo nel 1992.

Testo trovato sul sempre ottimo l’histgeobox



Una canzone dedicata a Louis Darquier de Pellepoix, uno dei tanti cani fascisti che all’interno del governo di Vichy servirono i nazisti durante l’occupazione della Francia.
Figlio di famiglia alto borghese, Darquier de Pellepoix vantava origini nobili e si faceva chiamare col titolo di barone… Fancazzista, disonesto, nazionalista, virulento antisemita, il “barone” era l’uomo ideale per i nazisti, che lo vollero – contro il parere del maresciallo Pétain, che giudicava Darquier de Pellepoix un esaltato torturatore e un ladro – a capo dell’ufficio affari ebraici del governo di Vichy. Fu proprio Darquier de Pellepoix, insieme al... (continua)
L'homme respecté
(continua)
inviata da Alessandro 24/12/2009 - 14:38
Video!

Nouveau Monde

[1997]
Album "T'es fou"

Canzone dedicata alla "conquista che non scoprì l'America", per dirlo con Eduardo Galeano...
Quand je bois de l'eau, de l'eau, de l'eau,
(continua)
inviata da Alessandro 24/12/2009 - 13:02
Video!

La rose et le réséda

[1943]
Album “Les Choses de rien”

Una poesia di Louis Aragon, poeta e scrittore francese, attivista nella Resistenza, partecipe del movimento dadaista e fondatore di quello surrealista (si veda su questo sito Boulevard Aragon, canzone a lui dedicata da Serge Reggiani).

Apparve per la prima volta nella primavera del 1943 su di un giornale di Marsiglia e l’anno successivo Aragon la incluse nella sua raccolta intitolata “La Diane Française”, aggiungendovi una dedica a quattro membri della Resistenza, due cristiani (“Colui che crede al cielo”, la reseda, una pianta erbacea con proprietà calmanti) e due comunisti (“Colui che non crede al cielo”, la rosa), assassinati dai nazisti:

À Gabriel Péri et d’Estienne d’Orves
comme à Guy Môquet et Gilbert Dru

Gabriel Péri era un giornalista ed attivista del Partito comunista. Honoré d'Estienne d'Orves era un ufficiale della marina francese, vicino... (continua)
Celui qui croyait au ciel
(continua)
inviata da Alessandro 24/12/2009 - 12:30
Video!

Fleur de Paris

[1944]
Parole di Maurice Vandair
Musica di Henri Bourtayre

Cette chanson que chante Maurice Chevalier est pleine de symbolisme. En général, la « fleur de Paris » est la patrie ou l’esprit français. Mais aussi, presque chaque vers décrit un autre aspect que la fleur symbolise en particulier.
Les premiers vers disent «mon épicier l’avait gardée dans son comptoir, le percepteur la conservait dans son tiroir.» Je crois que c’est une référence aux faux papiers que les Résistants faisaient. Ce qu’ils cachaient peut être aussi le procès verbal des rentrées d’argent. Par exemple, si un percepteur ne reportait pas la vraie quantité qu’on avait produite c’était une forme de résistance.
Le cinquième vers dit : «l’ex-caporal en parlait à l’ex-général». Ce vers parle de Charles de Gaulle et les Forces Françaises Libres ainsi que ceux qui se sont battus contre les Nazis. Le sujet de la chanson est... (continua)
Mon épicier l'avait gardée dans son comptoir
(continua)
inviata da Alessandro 24/12/2009 - 11:42
Video!

Soldats sans armes

[1966]
Parole di Maurice Vidalin
Musica di Maurice Jarre

Si tratta della canzone presente sul lato B di un 45 giri pubblicato nel 1966. Sul lato A, Paris en colère
Dopo l'omaggio ai combattenti della Liberazione, ecco quello alle migliaia di "soldati senza armi", i civili sconosciuti che quella liberazione resero possibile con la loro resistenza di tutti i giorni, costata un altissimo tributo di sangue.
La guerre était perdue
(continua)
inviata da Alessandro 24/12/2009 - 11:23
Video!

Paris en colère

[1966]
Parole di Maurice Vidalin
Musica di Maurice Jarre

Agosto 1944. Liberazione di Parigi.
Que l'on touche à la liberté
(continua)
inviata da Alessandro 24/12/2009 - 11:14
Downloadable! Video!

Il y avait une ville

Una canzone sull'olocausto atomico di Hiroshima e Nagasaki, scritta nel 1958 e poi inclusa nell'EP "Claude Nougaro" del 1964.
Que se passe-t-il?
(continua)
inviata da Alessandro 24/12/2009 - 10:31
Video!

Extracomunitario

Dall'unico album della band, "Pislas" (1993)

E insomma, questo pezzo ha più di quindici anni, quindici anni, inserire imprecazione a scelta.
Ma sembra parli esattamente del 2009. Due ipotesi: (1) I Paolino erano profeti, vedevano già quanto saremmo diventati stronzi; (2) Siamo sempre stati stronzi così, procediamo nella stronzaggine in moto rettilineo uniforme, la sensazione di peggiorare è un'illusione prospettica.

Sia come sia, correggerei soltanto due osservazioni. "Non sei informato al di fuori della tua cultura": si è poi capito che ne sappiamo poco anche di quest'ultima. "Non sei cattivo". Ecco, secondo me dobbiamo cominciare a dircelo: siamo cattivi. Siamo gente cattiva, ossessionati dai nostri difetti e prontissimi a rifarci su chi è più sfigato di noi.

Di buono c'è che a Natale continuiamo a festeggiare un extracomunitario. Questo non ce lo può togliere nessun leghista.

(commento di leonardo da piste - noi postiamo per la gente che lavora)
Io non sono mica razzista, però
(continua)
24/12/2009 - 10:00
Video!

Primavera di Praga

Le CCG/AWS - Sezione Intrattenimento sono liete di presentare il:
AWS/CCG - Entertainment Division is happy and proud to present the:



VINCENZO MINICI SHOW®
ovvero: Un itagliano degli anni zero


Viene mantenuta la grafia originale. TUTTO DA COMMENTI ORIGINALI SULLE CCG!!!

1.

"vincenzo minici

è facile essere comunisti e condannare il regime comunista spietato e sanguinario come quelo nazista ed anche di più vergogna v ergogna vergogna"

2.

"ricordiamo le vittime del comunismo da piazza tien a men a prAGA vergogna vergogna vergogna"

3.

"si prega di non effettuare la censura comunista vi"

4.

"comunisti rispondete 339 4730426 vincenzominici@tiscali.it"

5.

"c'e la censura comunistoanarcoide?"

6.

"voi siete la guerra e l'ingiustizia sociale altro che"
CCG/AWS Staff 23/12/2009 - 22:54

Pornostar

Buonasera,
non mi intendo di musica, ma visto il nome uguale ( il che non è semplice) al mio le Auguro Buone Feste e un Felice NATALE!!!
Scusi per la mia intromissione...

Massimo Chiacchio
massimo chiacchio 23/12/2009 - 22:25
Video!

Giorgio Gaber: I reduci

Un interessante commento critico da Luvemil's Blog:

Su un sito ho letto la dicitura canzoni contro la guerra e poi il testo di “I reduci” di Gaber.

Il testo è il seguente:

[...]

Ovviamente sono rimasto scandalizzato dal fatto che fosse citata come canzone contro la guerra, e mi sono affrettato a mandare un commento, andato perduto per la mia stupidità, ma fa niente.

Il punto è: leggete il testo “dalle scuole ai quartieri alle fabbriche per confrontarsi / decidere insieme la lotta in assemblea.”, “come se capir la crisi voglia dire / che la crisi è risolta.”, “ma il fatto di avere la coscienza / che sei nella merda più totale / è l’unica sostanziale differenza / da un borghese normale.”. Questa non è roba da guerra, è lotta di classe.

Estrapolare solo gli ultimi versi

E allora ci siamo sentiti insicuri e stravolti
come reduci laceri e stanchi, come inutili eroi,
con le... (continua)
Riccardo Venturi 23/12/2009 - 22:12
Video!

Eroi nel vento

Chanson italienne – Eroe nel vento – Liftiba – 1985
HÉROS DANS LE VENT
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 23/12/2009 - 20:42
Downloadable! Video!

Brancaleone alle Crociate [Pirulè]

Il commento al testo è al limite del grottesco. E' stancante leggere argomentazioni vuote come queste, dettate da un senso comune bonaccione, un po' "asino" e semplicione... da bambino goffo e un poco deficiente, diciamo (per puro buonismo). Mi piacerebbe che argomenti e iniziative per la pace avessero miglior sostanza.
(alex)

Vi presento il solito "alex" ("alex" è un nick talmente comune da poter essere preso quasi proprio come nome comune) che entra in questo sito, va sulla pagina di una canzone (a caso o che cercava, questo non lo si può sapere) e si sente in dovere di dire la sua con il solito linguaggio da "pierino ipercritico". Di alex come questo ne ho e ne hanno incontrati tutti in rete, tutti con il solito bagaglio lessicale ("grottesco", "senso comune" ecc.). che dire? Il commento a "Pirulè" non è senz'altro dei più cospicui del sito, ma sospetto che anche di fronte a un trattato... (continua)
23/12/2009 - 16:57
Video!

Woman Of The Ghetto

[1969]
Album "The Spice of Life"
Parole di Marlena Shaw
Musica di Richard Evans e Bobby Miller

Testo trovato sul sempre ottimo l’histgeobox

Potremmo dire che si tratta di una Say It Loud - I'm Black and I'm Proud in versione femminile cantata da una delle più belle voci black del soul americano....
I was born, raised in a ghetto
(continua)
inviata da Alessandro 23/12/2009 - 15:30
Downloadable! Video!

17 Octobre

[2006]
Album “Table d'écoute”



Con Paris, Oct61 un’altra canzone che racconta del terribile 17 ottobre 1961 a Parigi, la “nuit noire” nel corso della quale la polizia fascista e razzista del prefetto Maurice Papon (già prefetto della Gironde tra il 1942 e il 1944, durante il regime di Vichy) si scatenò contro un corteo di algerini e maghrebini che manifestava per l’indipendenza dell’Algeria (mentre erano già in corso negoziati tra Francia e FLN) e contro gli omicidi extragiudiziali compiuti quasi quotidianamente dalle forze dell’ordine contro gli immigrati nord-africani. L’ordine del massacro venne direttamente da Papon che dichiarò in radio e televisione “Per ogni colpo dato ne restituiremo dieci”… Ma fu peggio di una decimazione: ai 300 maghrebini uccisi nel corso del 1961 se ne aggiunsero altre decine (tra i 50 e i 200, non è mai stato possibile appurare il numero esatto) assassinati... (continua)
Alger, capitale, au commencement des « sixties »
(continua)
inviata da Alessandro 23/12/2009 - 14:36
Downloadable! Video!

Paris, Oct61

[1995]
Album “Les Choses de rien”

Testo (corredato di approfondita scheda storica) trovato sull’imprescindibile l’histgeobox



Parigi, 1961.
In Algeria la guerra era al suo culmine e, anzi, si era ormai da tempo trasferita in suolo francese, dove vivevano già all’epoca non meno di 400.000 immigrati algerini, 150.000 solo nella regione di Parigi. La comunità algerina, e per analogia con essa, tutti i nordafricani immigrati in Francia vivevano in un clima di insicurezza permanente, vessati di continuo dai controlli, dalle retate e dalle violenze della polizia e vittime del razzismo e del fascismo di molti francesi. Un paio d’anni prima, il prefetto di Parigi Maurice Papon (già funzionario di polizia durante il regime di Vichy) aveva avuto l’idea geniale di istituire una forza di polizia speciale, costituita da volontari di origine maghrebina, dedicata alla repressione delle cellule del... (continua)
Paris sous Paris
(continua)
inviata da Alessandro 23/12/2009 - 12:32
Video!

Comme une fille

[1969]
Paroles et musique: Léo Ferré
Testo e musica: Léo Ferré
Album "L'Été 68"



Si tratta della canzone che chiude il disco dedicato da Léo Ferré al maggio francese, L'été 68. Ben diverso il rapporto di Ferré con la rivolta rispetto a quello dell'altro grand anarchiste della canzone francese, Georges Brassens: diretto e partecipativo nel primo caso, di comunanza e di lotta; distaccato seppure con simpatia nel secondo. Uno come Ferré non poteva però restare ai margini ed esprimere soltanto una vaga simpatia: Ferré non era, e non è mai stato, un individualista. L' "Estate '68" cui fa riferimento il titolo dell'album è quello della tentata "restaurazione gollista" dopo la rivolta del maggio: le consuete elezioni che danno una schiacciante maggioranza ai "silenziosi", alla Francia borghese spaventata a morte che chiede il "ritorno alla normalità": un ritorno che non poteva però più esistere.... (continua)
Comme une fille
(continua)
inviata da Alessandro 23/12/2009 - 09:45
Percorsi: 1968 e dintorni
Video!

Eroi nel vento

Scatti ai nervi e sensi che
Le ombre dei sogni, scuotono
Spazza Vento e porta via
il bambino che gioca con il Mare
Eroe Nel Vento 22/12/2009 - 23:40
Video!

Parole sante

Chanson italienne – Parole Sante – Ascanio Celestini – 2007

Il y a deux immeubles

Un est le centre commercial avec sa belle enseigne, son toit hyperbolique et ses vitres luisantes qui le font ressembler à un autogrill d'autoroute de Mars. L'autre un parallélépipède rectangle pensé par quelque géomètre avec des coliques est le callcenter. L'un est fait pour être regardé et de fait, tous le voient. L'autre est invisible un peu car on n'aime pas le voir, un peu car son jumeau voyant qui se trouve à côté accapare toute l'attention. Par contre, il se fait entendre. Il nous parle au téléphone quand il appelle à la maison pour nous vendre un aspirateur ou un nouveau plan tarifaire. Il nous parle quand on appelle le numéro vert écrit sur l'étiquette d'une boisson gazeuse ou d'un tampon absorbant. À côté des jumeaux de ciment armé passe la route et autour il y a la bourgade.
Collé au bourg, il y... (continua)
SAINTES PAROLES
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 22/12/2009 - 23:13
Downloadable! Video!

Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens]

PARODIA FRANCESE / FRENCH PARODY - ...A dit Lily Marlène di Pierre Dac]]

...A DIT LILY MARLÈNE - La parodia francese di Pierre Dac
...A DIT LILY MARLÈNE - The French Parody by Pierre Dac

Sulla melodia originaria, con testo scritto da Pierre Dac.
To the original tune, with new lyrics by Pierre Dac.

Trovata pierredac.isuisse.com, sito dedicato alle canzoni che Pierre Dac propose durante le sue trasmissioni da Radio Londra tra il 1943 e il 1944.
… A DIT LILY MARLÈNE
(continua)
inviata da Alessandro 22/12/2009 - 15:11
Downloadable!

Le déserteur

anonimo
Testo trovato sul sito Vinyls Revolution, che mette a disposizione in formato .ogg canzoni anarchiche e di lotta tratte da vecchi dischi in vinile.
Questa - il cui testo non mi pare compaia al momento sulle CCG - è compresa nel disco intitolato "Chansons Contre".

Purtroppo non sono disponibili altre informazioni circa le fonti originarie.
En arrivant au régiment
(continua)
inviata da Alessandro 22/12/2009 - 14:30
Percorsi: Disertori
Downloadable! Video!

זאָג ניט קײנמאָל


Zemerl è un sito benemerito, ma purtroppo alquanto deficitario dal punto di vista testuale. Ad esempio, la seguente versione spagnola, così come desunta dal sito in questione, ha dovuto essere sottoposta ad un robusto aggiustamento. [RV]
NUNCA DIGAS
(continua)
inviata da Alessandro 22/12/2009 - 13:29
Downloadable! Video!

Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens]

Pierre DAC mena, dans les années 40 du siècle dernier, depuis Londres un vigoureux combat contre Adolf, Benito et les autres. Par la radio : "Un Français parle aux Français". Il proposa cette Lily Marlène, revue et corrigée dans un esprit de résistance... Ora e sempre : Resistenza ! On pourrait peut-être en mettre une trace parmi les autres Marlènes...

Ainsi Parlaient Marco Valdo M.I. et Lucien Lane
Marco Valdo M.I. 22/12/2009 - 13:05

La Chèvre Atomique

La Chèvre Atomique

Canzone léviane – La Chèvre Atomique – Marco Valdo M.I. – 2009
Cycle du Cahier ligné – 72

La Chèvre Atomique est la septante-deuxième chanson du Cycle du Cahier ligné, constitué d'éléments tirés du Quaderno a Cancelli de Carlo Levi.

En voilà bien une autre maintenant, dit Lucien l'âne en levant le museau pour saisir une branchette de saule. Ne me regarde pas comme çà, Marco Valdo M.I. mon ami, je ne fais rien de mal en croquant cette branchette de saule... Ne sais-tu pas les vertus analgésiques de Salix... J'ai pris froid et j'ai mal aux dents, voilà tout et je me soigne et d'ailleurs, mon ami Salix le saule (Salix, c'est son nom) m'a donné son accord et il est très heureux de pouvoir me soigner, tout en étant soigné lui-même, car il est bon pour lui qu'on lui taille un peu la chevelure. Cependant, ce qui me turlupine plus encore, c'est cette étrange chèvre atomique.... (continua)
Devant la pâture déteinte et poussiéreuse,
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 22/12/2009 - 12:41
Video!

La historia esta

la cultura es la sonrisa
22/12/2009 - 12:13
Downloadable! Video!

L'artilleur de Metz

anonimo
Spero che nessun@ se ne abbia a male se - stimolato da un paio di interventi di Marco Valdo M.I. - posto questa "chanson paillarde" in cui si canta di un artigliere che col suo "pezzo" non dispensa piombo ma solo amore, facendo strage sì, ma di "cuori" femminili.
Dal che si dimostra che le spade possono essere trasformate anche in qualcos'altro oltre che in aratri...
E dal che si dimostra pure che è sacrosanta la recente affermazione del nostro Premier convalescente (auguri!) che è sempre l'amore che vince sull'odio...

Viva l'ammore! Viva le donne! Viva il buon vino! Viva l'artigliere di Metz!
Quand l'artilleur de Metz
(continua)
inviata da Alessandro 22/12/2009 - 11:40
Downloadable! Video!

Ariva i barbari

bello, mi piace.
mi permetto però di far notare che i peòci in questa canzone non sono i mitili o cozze che dir si voglia, ma REALMENTE i pidocchi.
difficile sarebbe portare dall'entroterra i mitili in barena...
walter 21/12/2009 - 20:48
Downloadable! Video!

Korporate Klimate

[2004]
Album: TruthSeeker

"Korporate Klimate" calls out the major corporations on global human exploitation.
" A strong delusion will take over the minds of men
(continua)
inviata da giorgio 21/12/2009 - 16:01
Video!

I.T.T. (International Thief Thief)

[1980]

International Telephone & Telegraph?
No, International Thief Thief!
International Thief Thief!
(continua)
inviata da Alessandro 21/12/2009 - 14:43
Downloadable! Video!

P.P.Haine (Petit Papa Noël)

CARO BABBO NATALE
(continua)
inviata da Alessandro 21/12/2009 - 10:10

Circulez ! Circulez !

Circulez ! Circulez !

Canzone léviane – Circulez ! Circulez ! – Marco Valdo M.I. – 2009
Cycle du Cahier ligné – 71

Circulez ! Circulez ! est la septante et unième chanson du Cycle du Cahier ligné, constitué d'éléments tirés du Quaderno a Cancelli de Carlo Levi.

Circulez ! Circulez !, y a rien à voir!, dit Lucien l'âne en balançant la tête de gauche à droite et vice-versa. Circulez ! Circulez !, j'ai déjà entendu çà et dans la bouche des pandores les plus obtus. Il me semble même que cette injonction est tellement répandue et si ancienne que je n'arrive pas à me souvenir de quand je l'ai entendue pour la première fois. Disons que je l'ai bien entendue des centaines et des milliers fois et à chaque fois, c'était précisément quand il y avait quelque chose à voir.

Et où on ne voulait pas que tu mettes ton joli museau, ni que tu saches ce qui se passait là. C'est exactement le sens de cette... (continua)
Des mondes plus sombres nous attendent.
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 20/12/2009 - 16:29
Downloadable! Video!

All'ultimo sangue

Chanson italienne – All'ultimo Sangue – Gang – 2002
AU DERNIER SANG
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 20/12/2009 - 12:32
Downloadable! Video!

Баллада о борьбе

The thing is that while Vysotski published a more 'correct' version (in accordance with the Russian strict norms of prosody), he himself sang a more meaningful, but less formally structured one:
the official version says

Children always feel vexed
With their age mode of life,
And we fought down to scratces,
To deadly insults.

He knew this version was stupid: although eager to be of age, kids are not vexed with their age and status in life (they are too busy solving their specific problems). It's a myth of the aged.
Besides, "fought till scratches"? Do silly scratches have anything to do with deadly insults? Not black eyes, nor bruises - scratches, for a boy? Does he have to fight to have ones? Who insults others because of a scratch is not worth a song, is he?
It definitely was not what Vysotski wanted to express, that's why he sang, in various combinations, nevertheless something meaning

Running... (continua)
BALLAD OF FIGHTING
(continua)
inviata da Viacheslav Chetin 19/12/2009 - 16:32

Crusader

[2008]
Lyrics and Music by Sidney Allen Johnson
Album: Axis Of Evil

"A people who will persevere in war beyond a certain limit ought to know the consequences". – General William Tecumseh Sherman

When you have been hurt bad enough, and you will be, then you will be ready to strike back....and you will!

Ultimately, failing to respond to violence with appropriate force today only leads to greater violence later. There can never be any such thing as "moderation" in war.

Terror's hand is in the air
(continua)
inviata da giorgio 19/12/2009 - 16:20
Video!

Illuminati

[2008]
Lyrics and Music by Sidney Allen Johnson
Album: Axis Of Evil

Who really rules the world...and why? A song of hidden agendas, secret societies and their 'demon gods.' Into the Fire!
Secret cabals that rule the world
(continua)
inviata da giorgio 19/12/2009 - 16:18
Video!

Entre deux guerres

Entre deux guerres que faire
(continua)
inviata da adriana 19/12/2009 - 15:40

Mein Nike

[2005]
Album: Resistance Is All We Got
Here we go, once again,
(continua)
inviata da giorgio 19/12/2009 - 13:09
Downloadable!

Bad Dream 2009

[2009]
Lyrics and Music by Neil O'Brien

A revised version of my anti-nazi rant, Bad Dream (2004). Apart from tidying up the mix, I've re-recorded the vocals and replaced the crappy fake 303 with some crappy live guitar.
There's a Nazi on my doorstep talkin' 'bout rights for whites
(continua)
inviata da giorgio 19/12/2009 - 13:07
Video!

La Chanson Difficile

La chanson difficile
Paroles et musique : Georges Dor.
1966
Quand je chante je deviens chanson
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 18/12/2009 - 20:03
Video!

J'irai revoir la Normandie

J'irai revoir la Normandie
Chanson française – J'irai revoir la Normandie – Les Charlots – 1973

Ah, Lucien l'âne mon ami à l'esprit ouvert sur toute chose, tu as pratiqué toi aussi, comme moi, comme Riccardo Scocciante, Francis Blanche et bien des autres, cet art merveilleux de la parodie. Aujourd'hui, je t'en apporte une des plus réussies qui soient. Et, sans doute, le sais-tu, la parodie a souvent un double but : celui de régler son compte à une scie et celui de porter le tranchant de l'ironie et de l'humour (plaisir d'humour) dans le vif de la bêtise ou de l'insupportable. Elle vit parfois de dérision.

Oui, mon ami Marco Valdo M.I., je sais assez bien tout cela, mais où veux-tu en venir ?

Tout simplement à cette chanson des Charlots intitulée J'irai revoir la Normandie. Elle mérite tout à fait sa place au Panthéon des parodies et elle est follement anti-guerrière sous ses airs de joyeuse... (continua)
Quand revient le temps des vacances
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 18/12/2009 - 19:52




hosted by inventati.org