Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2009-12-13

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable!

Here We Go Again

[2003]
Lyrics & Music by Ethan Miller
Album: Rainy Day Record

This song was written at the beginning of the U.S. invasion of Iraq, as a lament for the onset of yet another cycle of suffering. It is about the "other" history of America, and of empires and nation-states in general – the painful history that lies beneath the romantic stories about freedom and liberty, patriotism, and "how noble it is to die for one’s country." The true heroes of history are those who fought not for God, Glory or Nation, but for peace, justice, and the dignity of all.
Here we go again, another bloody war
(continua)
inviata da giorgio 13/12/2009 - 22:08
Downloadable!

Articolo uno

Version française – ARTICLE UN – Marco Valdo M.I. – 2009
Chanson italienne – Articolo Uno – Casa del Vento – 2009

Ah, Lucien l'âne mon ami, tu vas encore me dire qu'il est bien étrange le titre de la chanson... Mais,vois-tu, c'est pourtant exact : il s'agit bien de l'article un de la Constitution italienne (« L'ITALIE EST UNE RÉPUBLIQUE FONDÉE SUR LE TRAVAIL. ») ... dont, comme le disait déjà Piero Calamandrei au milieu des années 1950 aux étudiants de Milan, les principes sont excellents, mais bien loin d'être appliqués et même, carrément ignorés ou trahis par ceux dont le strict devoir et la simple honnêteté imposent qu'ils les défendent, les développent, les promeuvent et pour tout dire, fassent tout pour les mettre en actes.

Il faut s'y attendre, dit Lucien l'âne, on ne peut trop espérer que dans cette Guerre de Cent Mille Ans que les riches font contre les pauvres afin de les exploiter... (continua)
ARTICLE UN
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 13/12/2009 - 20:05

Child of A Fallen Soldier

[2005]
Album: Little Time/Somebody Over There

When I first started writing the songs for the SOMEBODY OVER THERE album, our conflicts in Iraq and Afghanistan were very much a different story from what's happening now. Other than the soldiers of the 507th, whom we all got to know quite well, there weren't a lot of casualties. What we heard about in letters from "over there" was that the weather was too hot, there was never enough of anything to go around and tours of duty seemed to stretch on forever. Loved ones on both ends missed each other dearly.

Now, with the insurgency, hardly a day goes by we don't lose somebody over there. I felt that SOMEBODY OVER THERE should tell that part of the story also. I decided I wanted to tell it from the point of view of a child losing a parent, and to make the narrative make sense, I needed the soldier and the child to be of opposite sex. For the father-soldier/daughter... (continua)
Debbie's a daddy's girl,
(continua)
inviata da giorgio 13/12/2009 - 18:34
Downloadable!

2008 USA Election Song

[2008]
Lyrics by Murray Wilde
Music by Murray Wilde & Nigel Cuff

This was an endorsement for Ron Paul 's 2008 election campaign.
UPDATE 12/09:
Obama orders 30,000 more troops to Afghanistan, bringing the total to 100,000.
For this he gets the Nobel Peace Prize?
As Orwell wrote in 1984: "War is Peace." ?? (i.e. "Si vis pacem para bellvm"??!!)
– Are you ready? –
(continua)
inviata da giorgio 13/12/2009 - 12:51
Downloadable!

The Little Man

[2004]
Lyrics by Jeff Guzalak
Music by Eric Slywiak
Album: W.M.D.

"I feel like there's a little Jack Johnson in this one"
They'll throw you in
(continua)
inviata da giorgio 13/12/2009 - 12:28
Downloadable!

Weapons of Mass Destruction

[2004]
Lyrics by Jeff Guzalak
Music by Eric Slywiak
Album: W.M.D.

The ignorance and neglect of the Bush Administration
On the first day of the war over oil
(continua)
inviata da giorgio 13/12/2009 - 11:49
Video!

Flight Of The Witch

[2006]
Album: Buckley
Full moon way in the sky
(continua)
inviata da giorgio 13/12/2009 - 10:49
Percorsi: Streghe
Downloadable! Video!

Dear Mr. Bush

[2007]

…Please excuse me, Sir: I've got to go to the bathroom.
Mr. Bush what are you waiting for
(continua)
inviata da giorgio 13/12/2009 - 10:15
Downloadable!

God Is Dead

[2007]

Abbiamo trovato il Guccini di lingua inglese...? [RV]
And the fallen angel slit his wrist
(continua)
inviata da giorgio 13/12/2009 - 10:12
Downloadable!

One of These Days

[2008]
Lyrics & Music by Murray Wilde
Album: Call of the Wilde

Just a love letter from the trenches…
(In memory of all those killed or injured in war)
One of these days I'm gonna get back home to you
(continua)
inviata da giorgio 13/12/2009 - 10:00
Downloadable!

Iraq War Song (A Lesson)

[2008]
Lyrics & Music by Murray Wilde
Album: Call of the Wilde

A song inspired by a true story of a U.S. soldier who left the army after witnessing atrocities during a two year tour of duty in Iraq. He has since joined the ranks of soldiers in the 'war resister' movement.

"A Lesson" is based on an actual account of a U.S. soldier whose experiences were reported in a local newspaper as well as in a public speaking engagement. At his request, I have kept his name anonymous. He has since joined the ranks of an ever-expanding league of soldiers in the 'war resister' movement, whose fight is now for truth, justice, freedom and peace.

"From World War I to Korea and Vietnam, presidents have lied to the American people because they believed that if the public knew the truth, they would not support the move for war. The track record of the U.S. news media in the 20th century is one of regularly... (continua)
There's a story of honour,
(continua)
inviata da giorgio 13/12/2009 - 09:12
Downloadable!

Home Forever

[2008]
Lyrics & Music by Murray Wilde
Album: Call of the Wilde
I've lived the straight and narrow
(continua)
inviata da giorgio 13/12/2009 - 08:51
Downloadable! Video!

Break the Silence, Stop the Violence

[1995]
Lyrics by Anna Fisher
Music by A. Fisher & V. Licata
Album: Renaissance In Formation

Anna's original composition brings light to a painfully disturbing subject wreaking havoc in our households today. From her own experience, she wanted to give back to those who still suffer today encouraging them to reach out and seek help.
Wanted to make a difference, it is about overcoming adversity and speaking out against violence.
Break the silence - Stop the violence
(continua)
inviata da giorgio 13/12/2009 - 08:44
Downloadable! Video!

Torture

[2007]
It seems like politicians are so eager to endorse 'torture' these days!!! 'Just a little bit of torture' they say...I can't fucking imagine!!!
Hammond’s...nothing like 'em! double tracking the Hammond was just what this song needed to give it a dark quality.
For today, I'm keeping it simple, mainly to bring out the lyric (also because I'm lazy) but I'll be adding on to this no doubt.
I like the idea of manipulating some samples to enhance the 'torture' topic...But when this song is performed live it'll sound a lot like this!
If you torture me
(continua)
inviata da giorgio 13/12/2009 - 08:38
Downloadable! Video!

La mula

[1989]
Album:ELLOS DICEN MIERDA NOSOTROS AMEN
Es un general que viene a buscar sitio para disparar
(continua)
inviata da adriana 12/12/2009 - 16:42
Video!

Gloria

Je noc, v které nezpívá andělů chór
(continua)
inviata da Martina Mezirkova 12/12/2009 - 16:15
Downloadable! Video!

Oh mamma oh papà

[2001]
Album:Il figlio del nulla
Ore nove della sera
(continua)
inviata da adriana 12/12/2009 - 14:42
Video!

¿Cómo voy a olvidarme?

Album: "No hay nada mejor que escribir una canción" (2008)
¿Cómo voy a olvidarme si el olvido es memoria?
(continua)
inviata da Susana 10/12/2009 - 16:36
Video!

Patera

[2002]
Album "Un'ombre"

Il termine spagnolo "patera" designa un tipo di piccole imbarcazioni a fondo piatto.
Ma da che la "Fortezza Europa" è presa d'assalto da migliaia di disperati che non hanno di che campare a casa loro, il termine "patera" è venuto ad indicare ogni tipo di imbarcazione usata da gruppi di migranti che partono dal Marocco o dal Sahara occidentale per raggiungere clandestinamente le coste meridionali della Spagna, sia attraverso il Mediterraneo che attraverso l'Atlantico, o le Canarie.

Testo trovato su l'histgeobox
Patera ça sent fort le bois qui craque.
(continua)
inviata da Alessandro 10/12/2009 - 16:07
Video!

Angela

[1971]
Album "Some Time in New York City"

Scritta da Lennon e Yoko Ono e dedicata ad Angela Davis, celebre attivista afroamericana, arrestata nel 1970 per il suo presunto coinvolgimento nel sanguinoso, fallito tentativo di liberare George Jackson, figura di spicco delle Black Panthers, prigioniero a San Quentin.
Nel 1971 George Jackson verrà poi assassinato in carcere da un secondino...
Nel 1972 la Davis sarà scagionata da ogni accusa, avendo dimostrato che l'intera vicenda era stata una macchinazione dell'FBI...
Angela, they put you in prison
(continua)
inviata da Alessandro 10/12/2009 - 15:43
Video!

Sweet Black Angel

[1972]
Album "Exile on Main St."

Canzone dedicata ad Angela Davis, celebre attivista per i diritti civili, quando nel 1970 fu arrestata con le pesanti accuse di omicidio, sequestro di persona e cospirazione per il suo presunto coinvolgimento in un sanguinoso, fallito tentativo di liberare George Jackson, militante delle Pantere Nere detenuto per l'omicidio di una guardia.
Nel 1972 la Davis fu prosciolta da ogni accusa.
Vedi anche Angela di John Lennon.
Got a sweet black angel,
(continua)
inviata da Alessandro 10/12/2009 - 15:28
Video!

Corto

[1973]
Album "Pescado II"
En el agua del estanque
(continua)
inviata da Alessandro 10/12/2009 - 13:49
Video!

Las golondrinas de Plaza de Mayo

[1976]
Album “El jardín de los presentes”, uno dei dischi imprescindibili del rock argentino e latinoamericano.

Inutile dire che il 1976 era l’anno d’inizio di una delle dittature più sanguinarie che la storia mondiale ricordi, e scrivere certi versi, solo apparentemente innocenti, in Argentina in un momento simile era un vero e proprio atto di coraggio.
Quello di “Las golondrinas de Plaza de Mayo” Potrebbe quasi essere inteso come un testo profetico: infatti, di lì a poco, le rondini avrebbero fatto ritorno sulla Plaza de Mayo sotto forma delle “Madres” che nella primavera del 1977 cominciarono a manifestare chiedendo libertà e giustizia per i loro figli uccisi o scomparsi.
Las golondrinas de Plaza de Mayo
(continua)
inviata da Alessandro 10/12/2009 - 13:11
Video!

Béber

[1996]
Album “Bwarouz”

Testo originale ora disponibile ad esempio su rockol e inserito dieci anni dopo.
Traduzione in francese originariamente trovata su l’histgeobox. Ho scritto loro chiedendo se avevano il testo originale in lingua creola e uno degli amministratori, J. Blottiere – che ringrazio – mi ha cortesemente risposto quanto segue. Lo riporto perché riguarda le CCG/AWS:

“Bonjour, les paroles se trouvent sur le livret du disque de Danyel Waro. Malheureusement, je ne les ai pas recopiées. Je vais tâcher de retrouver le disque pour vous les faire parvenir.
Bravo pour votre formidable site sur lequel je me rends souvent. C'est une source d'inspiration formidable. J.B.”

Danyèl Waro è un musicista e poeta originario dell’isola di La Réunion, territorio francese d’oltremare, situata 700 km ad est del Madagascar. A Waro si deve la riscoperta del “maloya”, un genere musicale tipico... (continua)
Sé pa kel zoug son sarét béf doulèr
(continua)
inviata da Alessandro 10/12/2009 - 12:14
Video!

Salut aux combattants de la liberté

[1987]
Album “Espoir à Soweto”

Testo trovato su l’histgeobox

Soweto, 16 giugno 1976. Un ragazzo sorregge piangendo il corpo senza vita di Hector Peterson, 12 anni, abbattuto dalla polizia.

Nel testo si fa riferimento a Solomon Kalushi Mahlangu, giovane militante di “Umkhonto we Sizwe”, il braccio armato dell’African National Congress, impiccato dal regime razzista nel 1979, e ad alcuni avvenimenti fondamentali nella storia della lotta dei neri sudafricani contro l’apartheid, come il massacro di Sharpeville del marzo 1960 e la rivolta di Soweto del giugno 1976

Si vedano anche Pretoria, Biko, Soweto Blues e Asikhatali, tra le altre.
Salut à vous héros de la première heure
(continua)
inviata da Alessandro 10/12/2009 - 11:15
Video!

Si la photo est bonne

[1965]
Album “Barbara”

Testo trovato su l’histgeobox

Una canzone contro la pena di morte, abolita in Francia solo nel 1981 (l’ultima esecuzione fu quella di Hamida Djandoubi, un assassino, nel 1977), e sull’enorme potere di vita o di morte che fino a quel momento ebbe il presidente della Repubblica, l’unico “giudice” che potesse sospendere o commutare una pena capitale.

In realtà, il più grande dibattito mai avvenuto in Francia intorno alla pena di morte è datato 1907.
All’epoca il fronte abolizionista, guidato dal socialista Jean Jaurès (poi assassinato da un fascista nel 1914), era molto forte ma fu sconfitto da una feroce campagna di stampa, condotta soprattutto da “Le Petit Parisien”, intorno al cosiddetto “affaire Soleilland”, un tizio che aveva violentato una bambina di 11 anni. Il tribunale lo condannò a morte ma il presidente Armand Fallières commutò la pena nei lavori forzati... (continua)
Si la photo est bonne,
(continua)
inviata da Alessandro 10/12/2009 - 10:28
Downloadable! Video!

Nen te “reggae” ććhiù (Babbelònie.)

[2003]

Album :Nen te “reggae” ććhiù (Babbelònie)
Lu suldate spare, Babbelònie è rajje,
(continua)
inviata da adriana 10/12/2009 - 08:37
Video!

Holiday In Cambodia

Complimenti Bella traduzione
Gaetano 9/12/2009 - 15:58
Downloadable! Video!

Le bilan

[1980]
Album “Ferrat 80”

Testo trovato su l'histgeobox.
Jean Tenenbaum, in arte Jean Ferrat, proviene da una famiglia ebrea.
Il padre venne deportato daI nazisti e morì ad Auschwitz.
Ferrat è sempre stato comunista ma, al tempo stesso, ha sempre denunciato il totalitarismo sovietico.
Ah ils nous en ont fait avaler des couleuvres
(continua)
inviata da Alessandro 9/12/2009 - 12:42
Video!

No me pongas la capucha

Una canzone scritta per la cantante uruguayana Dianne Denoir e poi interpretata dal duo Washington Carrasco e Cristina Fernández, anch’essi conterranei di Benedetti.
Dalla raccolta di poesie “Letras de emergencia, 1969-1973” (1973).
Siento que mi pueblo escucha
(continua)
inviata da Alessandro 9/12/2009 - 12:35

Pobre señor

Testo di Mario Benedetti, dalla raccolta di poesie “Letras de emergencia, 1969-1973” (1973).

Eventualmente per il percorso inaugurato da Riccardo Scocciante sulla “Violenza sui Primi Ministri”…
Pobre señor presidente
(continua)
inviata da Alessandro 9/12/2009 - 12:33
Downloadable! Video!

¿De qué se ríe?

Album “Nacha Guevara canta a Benedetti”, dal vivo al Colegio de México, 1976.
Testo di Mario Benedetti, dalla poesia “Seré curioso” pubblicata nella raccolta “Letras de emergencia, 1969-1973” (1973).
Musica di Alberto Favero.

Eventualmente per il percorso inaugurato da Riccardo Scocciante sulla “Violenza sui Primi Ministri”…
En una exacta foto del diario,
(continua)
inviata da Alessandro 9/12/2009 - 12:20
Downloadable! Video!

G's Song

[1979]
Album “Stations of the Crass”
This country tell us that we're down and out
(continua)
inviata da Alessandro 9/12/2009 - 12:11
Video!

Vidalitá por las dudas

[1976]
Album “Nacha Guevara canta a Benedetti”, dal vivo al Colegio de México.
Testo di Mario Benedetti, dalla raccolta di poesie “Letras de emergencia, 1969-1973”, 1973.
Las voces de abajo, vidalitá
(continua)
inviata da Alessandro 9/12/2009 - 12:07
Video!

Ninna nanna

COMPTINE DE LA GUERRE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 9/12/2009 - 10:09
Video!

Non in mio nome

Version française – PAS EN MON NOM – Marco Valdo M.I.– 2009
Chanson italienne – Non in moi nome – Casa del Vento – 2003
PAS EN MON NOM
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 9/12/2009 - 09:39
Video!

Dalton Trumbo: Johnny Got His Gun / E Johnny prese il fucile. Page 250 / Pagina 250.

20 Marzo 2003, si moriva a Baghdad. 8 Dicembre 2009, si muore a Baghdad. Dopo 10.000 canzoni di AWS. Dopo 10.000 no al morire per guerre, ché già basta la morte che manda il mal Dio. Quante canzoni ancora, quanti no, è la domanda. E la risposta non cambia: quante canzoni e quanti no sono necessari, senza smettere mai. Mai.
Gian Piero Testa 8/12/2009 - 23:11
Video!

The Circle (Song for Layla Al-Attar and los Olvidados)

[2003]
Album “Broken Freedom Song: Live from San Francisco”
Interpretata anche da Marta Gómez



Nel 1993 l’ex presidente statunitense Bush Senior si recò in visita in Kuwait per le celebrazioni del massacro da lui compiuto durante la prima guerra del Golfo. Le infide autorità dello Stato-satellite degli USA, per farsi belle agli occhi del vecchio macellaio, si inventarono l’esistenza di un complotto iracheno per farlo fuori… Arrestarono un po’ di gente, saltò fuori un ordigno presuntamente destinato a far saltare in aria il presidente e l’FBI si disse certa che i responsabili fossero i servizi segreti dell’Iraq. Così il nuovo capo alla Casa Bianca, il “democratico” Bill Clinton, il suo vice, il tanto amato ambientalista Al Gore, e la “mastina” Madeleine Albright, lì lì per diventare segretario di Stato, decisero tutti insieme che andava fatta una rappresaglia esemplare… Il 27 giugno 1993,... (continua)
(spoken) Written about Layla Al-Atar, a cherished Iraqi artist who was killed when a missile struck her home, instead of it’s intended target, a building where a trial was taking place concerning the assassination attempt of George Bush snr. The missiles were fired by the Clinton government.
(continua)
inviata da Alessandro 8/12/2009 - 22:59

What About Me

[2003]
Album “Broken Freedom Song: Live from San Francisco”
I seen another soldier who got wasted in the war
(continua)
inviata da Alessandro 8/12/2009 - 22:57
Video!

Broken Freedom Song

[2003]
Album “Broken Freedom Song: Live from San Francisco”
Got a song about a soldier,
(continua)
inviata da Alessandro 8/12/2009 - 22:51
Downloadable!

The Foreskin Fusiliers

anonimo
Testo trovato sull'articolo di Les Cleveland dello Smithsonian Institution "Soldiers' Songs: The Folklore of the Powerless" pubblicato sulla rivista "New York Folklore" n.11 nel 1985.

Insieme a "Fred Karno's Army", un’altra assai poco eroica caricatura della vita militare. Diffusa tra le truppe britanniche e del Commonwealth durante il secondo conflitto mondiale.

La canzone, in una versione dal testo pressoché identicoa, si intitola "the Skinback Fusiliers" con riferimento alle frequenti ispezioni intime, spesso degradanti, (note come “short arm inspections” o “dangle parades”) che i soldati dovevano subire sia a causa della grande diffusione di malattie veneree sia perché l’essere umiliati di fronte a tutti, il dover mostrare e farsi manipolare, o doversi manipolare in pubblico i genitali è una pratica tipicamente militare per piegare l’individuo all’accettazione del gruppo e dell’istituzione... (continua)
Eyes right!
(continua)
inviata da Alessandro 8/12/2009 - 22:41




hosted by inventati.org