Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2008-7-6

Rimuovi tutti i filtri
Downloadable! Video!

Storia di Modesta Rossi

Chanson italienne – Modesta Rossi – Casa del Vento -

Modesta Rossi avait 29 ans à peine, femme du partisan de la Bande Renzino, Dario Polletti, mère de quatre fils.
Le 29 juin 1944, des fascistes de l'endroit masqués pour ne pas être reconnus, amenèrent les Allemands à Solaia. Un fasciste tua d'un coup de couteau à la gorge son enfant le plus jeune, Gloriano, d'à peine 13 mois. Puis, d'un coup au ventre tua Modesta. Enfin, il mit feu à leur s corps. Mario, Gualtiero et Giovanni, ses trois autres fils, assistèrent au fait, s'échappant ensuite dans les bois à la recherche de leur père. »
(du livret « Soixante années de résistance, Casa del Vento).
HISTOIRE DE MODESTA ROSSI
(continua)
inviata da Marco valdo M.I. 6/7/2008 - 23:18
Downloadable! Video!

Enola Gay

Stavo cercando pure io il testo di questa canzone e mi sono imbattuta in questo sito. Con emozioni in contrasto fra loro ringrazio chi lo ha pubblicato...Certe canzoni son ben più che un insieme di note e parole.
Franci 6/7/2008 - 16:05
Downloadable! Video!

How Many Tears

Dall'album "Walls of Jericho" (1985).
A lot of things occur each day
(continua)
inviata da Alberto 6/7/2008 - 02:25
Video!

Working Class Hero

john lennon è e resterà il migliore, ma x favore smettetela di dire che la religione nn serve a niente ed è solo una cazzata, xke e proprio x colpa delle persone come voi se viviamo in una società dove i ragazzi nn hanno piu valori o cose in cui credere...quindi basta con la moda del pacifista che nn crede in niente xke cosi fate del male a voi e anke agli altri.....(x favore inseritelo)
(Giorgio)

Gli unici "valori" che è possibile leggere con sicurezza nel tuo intervento sono le "k" e le "x" del linguaggio da sms. Per il resto aspettiamo che ti si diradi la nebbia. Saluti. [AWS/CCG Staff]
5/7/2008 - 22:13
Video!

La letania de los poderosos

Gracias a Gabino Palomares ,Oscar Chavez,Los folkloristas,Violeta Parra,Zitarrosa,y muchos más que no me acuerdo, han abierto una grieta en ese monolito de control que los gobiernos "democrticos y cristianos" han mantenido en America Latina desde la independencia , Ojalá alcance esta generacion a ver un verdadero cambio democrático y acabemos con la riquesa de unos pocos y con la misera de la gran mayoria.
Ramon Moro 5/7/2008 - 21:04

E continua la pace...

costretto a strisciare nel fango,
(continua)
inviata da Botta27_rabbia_HxC 5/7/2008 - 18:29
Video!

La legge giusta

Encore à propos des faits de Gênes ( pour rappel : le massacre systématique par la police italienne des manifestants contre le G8), de l'album “Radio Rebelde”. Mais pas seulement une chanson sur les faits de Gênes; mais une chanson d'aujourd'hui. Lisez-la, écoutez-la, et confrontez-la avec les discours de nous entendons tous autour de nous, chaque jour.

Marco Valdo M.I. ajoute : la chanson des MCR montre un des aspects de la guerre civile que mène le libéralisme contre les populations.
Le libéralisme doux est souriant tant qu'on ne le contrarie pas, tant qu'on l'approuve. En cas de désaccord, froncement de sourcil, voilà le libéralisme sec. La moindre opposition et voici le libéralisme dur, le libéralisme brut et ses faciès de primates furieux. (D'accord, c'est pas gentil pour les primates...).
Et ce bon libéralisme sort ses invectives, ses insultes, ses menaces, ses armes... Quand il commence... (continua)
LA LOI JUSTE
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 5/7/2008 - 10:44
Video!

Quanno sona la campana

Per quanto potrà semrare strano, la canzone non è tutta in napoletano, anzi è in "Putzese" (potentino) che si somiglia tanto ma la pronunica è piu' stretta.
L'eredità della madre prioria, sceneggiato di quelli mitici in bianco e nero, è ambientato in Lucania (che non è esattamente la Basilicata, una parte della Lucania è in provincia di Salerno, quindi in campania) e nel Melfese (questa fa parte della Basilicata) e la colonna sonora erano proprio questi meravigliosi brani del progetto "Musicanova" di Bennato e D'Angio'.
Ancora ricordo quando da bambino Potenza si svuotava perchè tutti, ma proprio tutti seguivano lo sceneggiato in TV (chi non lo aveva, cosa non tanto rara, si invitava da amici o parenti, per non perdere la puntata.
E anche vero che mia madre, alcuni anni più tardi, ha comprato il videoregistratore solo per registrarsi "Beautiful".......
Peppino 4/7/2008 - 18:57
Video!

Millenovantanove

Secondo me chi ha scritto il commento introduttivo non ha capito un accidente: questa è una canzone d'amore, di un amore particolare, omosessuale fra due cavalieri durante la prima crociata. La guerra semmai entra da sfondo, se vogliamo - forzando magari un po' - in un contrasto fra la cosiddetta "impresa santa" della conquista di Gerusalemme e un sentimento che - nella morale del tempo - è l'esatto opposto dell'amor cortese.
Ve bene il pacifismo, però non violentiamo le parole altrui col pretesto della non-violenza!
Timone misantropo 4/7/2008 - 18:09

Dante Di Nanni

Voglio cantare una storia del passato forse ignorata o dimenticata la storia di Dante Di Nanni il partigiano
Era un compagno diciott’anni
(continua)
inviata da adriana 4/7/2008 - 15:24
Video!

Ballata per Salvador Puig

Han matado Salvador stritolandolo pian piano
(continua)
inviata da adriana 4/7/2008 - 15:19
Video!

Doubleplusgood

Il brano è tratto dall'album "1984 (For the Love of Big Brother)", colonna sonora del film "1984" per la regia di Michael Radford, adattamento del romanzo di George Orwell.

Il titolo del brano è in "Neolingua", la lingua artificiale creata da Orwell per "Nineteen Eighty-Four".
Attention!
(continua)
inviata da Alessandro 4/7/2008 - 11:08
Video!

4th Of July

Well, this is the Independence Day!
Let's celebrate it!

[1994]
from "Superunknown"
Shower in the dark day
(continua)
inviata da Alessandro 4/7/2008 - 10:30
Dopo aver raggiunto le 7000 canzoni, il nostro sito ha superato anche le 8000 traduzioni e commenti. Tutto questo grazie principalmente ai nostri collaboratori da ogni parte del mondo. Ci piace nominare e ringraziare due dei più recenti e assidui, Marco Valdo M.I. con le sue belle e perfette traduzioni in francese, e Giorgio con i suoi mp3.
Riccardo Venturi 4/7/2008 - 01:49
Video!

Stelle sul mare

Chanson italienne – Stelle sul mare – Modena City Ramblers – 2004

Les Modena City Ramblers s'inscrivent résolument dans l'histoire de l'Italie, dans l'histoire de leurs contemporains, ils relèvent aussi dans cette histoire moderne l'incidence du ventennio fasciste et de ses suites. De sa suite catastrophique que fut la guerre menée par le pouvoir fasciste contre les Italiens, la guerre où il entraîna les Italiens.
La guerre : Misère avant, misère pendant, misère après.
La seule différence, c'est qu'après, pour beaucoup, il ne restait que l'émigration.
Comme dit le commentaire laconique des Modena City Ramblers :
Pour ne pas oublier que nous autres aussi Italiens avons été des émigrés.
ÉTOILES SUR LA MER
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 3/7/2008 - 23:34
Video!

L'ottimista

2008
Il Paese Di Pulcinella
Io sarò pure giovane, giovane e idealista
(continua)
inviata da Donquijote82 3/7/2008 - 21:12
Video!

Canción del estornudo

Una canzone contro la guerra in cui Maria Elena Walsh spiega ai bambini in modo molto semplice che è meglio essere sostenitori della pace anche se a volte si deve scendere a compromessi...
En la guerra le caía
(continua)
inviata da Marcia 3/7/2008 - 14:35

Support Our Troops

The song first appeared on "Living In The Shadow", self-released by the artist as a free download on his website (emceelynx.com) in 2005.
To all the Vietnam vets on street corners strugglin
(continua)
inviata da Xavier Fernandez 3/7/2008 - 14:06
Video!

Desert Sunrise

2008

The song was originally written by their lead vocalist, Lynx, for a compilation put out to benefit Iraq Veterans Against the War and was based on first-person accounts from anti-war veterans of what it was like to be in Iraq as a member of the occupying army, all the while knowing that the war and the occupation are wrong. A solo version of it was published on the compilation 'A Line In the Sand', released by Wild Stallion Records in August 2007. The bands version is on their second album, Liberty.
Stepping out the barracks the desert sunrise
(continua)
inviata da Xavier Fernandez 3/7/2008 - 13:53
Video!

Cambalache

CAMBALACHE
(continua)
inviata da Marcia 3/7/2008 - 13:44
Video!

Haz Turismo

1990
Gente Impresentable
Atención soldados: ¡A formar! que nos vamos de turismo:
(continua)
inviata da Donquijote82 3/7/2008 - 12:44
Video!

Sin papeles

2003
Album:C'est la vie
Vengo sin papeles, no vengo de lejos
(continua)
inviata da Donquijote82 3/7/2008 - 12:42
Video!

El emigrante

1996
Album: En estos días inciertos
Esta es la vida del emigrante
(continua)
inviata da Donquijote82 3/7/2008 - 12:40
Video!

Malos y cobardes

1996
Album: En estos días inciertos
¿Quiénes han llenado los mares de podredumbre?
(continua)
inviata da Donquijote82 3/7/2008 - 12:38
Video!

¿Pesadilla o realidad?

1996
Album: En estos días inciertos en que vivir es un arte
Un ser humano vacío
(continua)
inviata da Donquijote82 3/7/2008 - 12:37

'A bannera

1998
"La repubblica del folk"

Uno straccio colorato appeso ad un'asta può unire o dividere i destini di milioni di persone (spiegazione tratta dalle note del disco "La repubblica del folk")
So' juto militare pè putè campa'
(continua)
inviata da Donquijote82 3/7/2008 - 12:23
Video!

The House on the Hill

1977
House on the hill/thoughts about Sacco and Vanzetti

Lyrics and Music: Deborah Kooperman, Juan Carlos "Flaco" Biondini
Voice: Daniela Arveda

Dedicata alla strage di Marzabotto (o di Monte Sole)
Vedo una casa sulla collina
(continua)
inviata da Donquijote82 3/7/2008 - 12:19
Downloadable!

Ohi mama

Musica: Roberto Napoletano
Testo: Fabrizio Russo

Dall'album "Bienvenido"(2005)
Ohi mama ce si fatte sbajate, tu nen te la pijà a male j me sento già þtunate.
(continua)
inviata da Donquijote82 3/7/2008 - 11:39
Downloadable! Video!

Ungaretti

Dall'album "Bienvenido"(2005)
Jesce sole, ‘ngoppa a case cadute, terre bruciate, mure crepate
(continua)
inviata da Donquijote82 3/7/2008 - 11:36
Video!

El Campesino Embejucao

"El Campesino Embejucao" è una canzone che esprime sentimenti e desideri della popolazione rurale colombiana in mezzo al conflitto armato in corso.
Me tienen arrecho con tanta juepuerca preguntadera
(continua)
inviata da Alessandro 3/7/2008 - 09:03
Downloadable! Video!

Le Déserteur

SPAGNOLO / SPANISH / ESPAGNOL [6] - anonimo/anonymous

Versione spagnola anonima fatta pervenire dall'amministratrice Marcia Rosati.

Version espagnole anonyme - Anonymous Spanish version
EL DESERTOR
(continua)
inviata da Marcia 2/7/2008 - 22:34

Un mundo en libertad

Los Fabulosos Dissel, un grupo de música popular liderado por los hermanos Jorge y Carlos Sauer compusieron esta canción en son de cumbia para expresar su solidaridad hacia Ingrid Betancourt, exigiendo su pronta liberación.
Han pasado seis años,
(continua)
inviata da Marcia 2/7/2008 - 22:11
Video!

C'è un'aria

di Gaber - Luporini

Apparsa per la prima volta nell’album “Io Come Persona” (1993), qui la versione dell’album postumo “Io Non Mi Sento Italiano” di dieci anni dopo. Uno spontaneo, liberatorio sfogo a quanto ci propinano e a “come” ce lo propinano. Senza dubbio di maggior spessore (più profonda e grave) della pur ironicissima ma un po’ accomodante e superficialotta (diciamo pure svolazzante) “Il Telegiornale” di Antonello Venditti: « TG1 TG2 che confusione, almeno rimane il pregio dell'informazione!». Ma da anni soffriamo e subiamo i gas tossici di questo criterio di informare.
Dagli schermi di casa un signore un po' eccitato
(continua)
inviata da giorgio 2/7/2008 - 18:18
Video!

Come in coma

[2006]
Daniele Sepe und Rote Jazz Fraktion in:
Suonarne 1 per educarne 100
Testi e musiche di Daniele Sepe e della Rote Jazz Fraktion
Testo trascritto all'ascolto

Può darsi che l'idea non sia originalissima: un tizio che si risveglia da un coma durato quasi trent'anni, e che trova il mondo completamente cambiato. In peggio, naturalmente, perché tutti 'sti "nuovi mondi", o "nuovi che avanzano", sono regolarmente "una merda", come dice il Piero Zamponi di questa storia. La quale, nonostante l'idea non propriamente nuova, è pur sempre qualcosa che esce dalle mani di Daniele Sepe; e tanto basta per renderla una cosa del tutto a sé. Prima di tutto con il suo andamento teatrale, diviso addirittura in "atti", nel quale -almeno a mio parere- l'impronta della sceneggiata napoletana si avverte notevolmente; poi nel particolare contesto dell'album "Suonarne 1 per educarne 100", che già dal titolo... (continua)
La radio nazionale:
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 2/7/2008 - 14:59
Downloadable! Video!

Песенка веселого солдата

La versione di Rolando Alarcón, reintitolata "Canción del soldado americano" (da "Rolando Alarcón canta a los poetas soviéticos Eugeni Evtushenko y Abulat Okudzhava", 1971)
Me pongo mi mochila y mi capote,
(continua)
inviata da Alessandro 2/7/2008 - 14:42
Video!

América Guerrera

[1968]
da "El mundo Folclórico de Rolando Alarcón"
¡Ay, América, América guerrera!
(continua)
inviata da Alessandro 2/7/2008 - 14:30
Video!

Que la tortilla se vuelva

Rolando Alarcón ci mise del suo, aggiungendo la seguente strofa, tra la terza e la quarta originarie:
Qué culpa que tiene el cobre
(continua)
inviata da Alessandro 2/7/2008 - 14:16
Video!

Cueca por Vietnam

[1969]
Album: "Por Cuba y Vietnam"
Testo di Fernando González
Lyrics by Fernando González
Qué pena, qué pena más grande siento
(continua)
inviata da Alessandro 2/7/2008 - 14:07
Video!

Las doradas colinas de Binh Thuân

Da "Por Cuba y Vietnam" (1969)
El joven héroe tendido
(continua)
inviata da Alessandro 2/7/2008 - 14:03
Video!

Viet Nam

[1984]
Album: "Double Nickels On The Dime"

50000 è il numero di soldati americani morti in Viet Nam. Solo il 10% dei morti vietnamiti che sono stimati in 500.000.
Let's say I got a number
(continua)
inviata da Alessandro 2/7/2008 - 13:38
Video!

Untitled Song For Latin America

Da "Double Nickels on the Dime" (1984)
The Western hemisphere
(continua)
inviata da Alessandro 2/7/2008 - 13:32
Video!

Price Of Paradise

Brano di apertura dell'ultimo album della band, "3-Way Tie (For Last)" (1985)
How I remember the history I have seen
(continua)
inviata da Alessandro 2/7/2008 - 13:27
Video!

Political Nightmare

Dall'ultimo album della band, "3-Way Tie (For Last)", uscito nel 1985, anno della morte del leader D. Boon.
Someone's doing something
(continua)
inviata da Alessandro 2/7/2008 - 13:20
Video!

Safari

(2008)
Singolo "Safari"
Album "Ora"
Con Giuliano Sangiorgi dei Negramaro
La notte ha mille porte
(continua)
2/7/2008 - 12:28
Video!

E allora dai

Presentata al Festival di Sanremo del 1967, insieme a Remo Germani, una canzoncina con un testo facile, come andava di moda all'epoca, che parla dei problemi di quel tempo che sono rimasti abbastanza invariati, con la differenza che certi testi come questo risultano incredibilmente profondi se paragonati a certe "cose" prodotte odiernamente.
Questa è una canzone di protesta
(continua)
inviata da i.fermentivivi 1/7/2008 - 12:14
Video!

Contro

Bellissima canzone non ho parole

Utopia93
1/7/2008 - 10:01

Ottave per l'Assemblea Nazionale del Forum Sociale italiano

seduti in casa, in rete ormai connessi
pronti a veder la guerra americana
uomini veri, forti mica fessi
tirati a specchio, la salute sana,
marciano allegri fieri di se stessi
l'occhiale al naso in testa la bandana.
oh quanto diventar vorrei soldato!
peccato solo è tanto che son nato

toccando la tastiera un colpo ho dato
senza volerlo e senza intendimento
e un'altro quadro mi si è presentato
c'era la storia si d'un reggimento
che in quache giorno poi s'era smezzato
il quadro avanti mi scorreva lento
il fango e il sangue s'erano mischiati
la disgrazia maggior essere nati

nati in tempo per essere soldati
nati in tempo per fare la guerra
nati in tempo per essere mandati
ad ammazzar per prendere la terra.
sparti con me, nemico, sangue e conati
se soffri più di me gli occhi mi serra.
o d'incontrarsi s'era meglio prima!
accanto al fiasco a indovinar la rima!
mao 1/7/2008 - 00:33

Je vous salue Patries

Chorale des Chômeurs
La chanson « Je vous salue Patries » est une parodie, un arrangement d'une chanson de Georges Brassens, intitulée « La Prière », elle tirée d'un poème de Francis Jammes (1905), poète très croyant d'inspiration catholique, ce qui explique ce culte marial dans le poème original. Brassens l'a repris tel quel et en a fait une chanson très connue.
Ce n'est pas au départ une chanson très révolutionnaire, quoique très belle.
Revue par des militants peut-être moins brillants poètes, mais plus violemment pacifistes, elle est devenue « Je vous salue Patries ». Une chanson aux accents assez pédagogiques, bâtie sur les deux versants du monde : la guerre – la paix. Et toujours comme seule voie pour sortir des massacres, l'éducation, l'intelligence, la raison, l'amour, le travail créateur (pas le travail créatif... lequel est du pipeau, comme disait mon grand-oncle). C'est peut-être pas du grand art,... (continua)
Par la Kalachnikov et le fusil M16,
(continua)
inviata da Marco Valdo M.I. 30/6/2008 - 23:55




hosted by inventati.org