Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Prima del 2005-10-17

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Street Spirit

Questa canzone fu cantata dal leader dei Radiohead, Thom Yorke, al termine di un memorabile concerto della band a Berlino, concerto tenutosi in un giorno terribile: l'11 settembre 2001.
Yorke introdusse il brano con queste parole: "This is hoping that George Bush doesn't declare World War III..."
Rows of houses, all bearing down on me
(continua)
inviata da Alessandro 17/10/2005 - 17:49

17. Da nobis pacem, Domine

Da nobis pacem, Domine,
da pacem perdurare ;
Nam nullus est qui valide
pro nobis possit stare,
Quam tu, nostra spes et salus.
17/10/2005 - 17:27
Downloadable! Video!

Danse Macabre

MESSAGGIO PER RICCARDO VENTURI
Se non hai niente in contrario, aggiungerei l'ottima traduzione di Dance Macabre che hai fatto, al mio sito www.onice.vr.it/nohavica dove sto raccogliendo i testi tradotti di Jaromir Nohavica.
Sono in trepida attesa di tutte le altre traduzioni che riuscirai a trovare (o a tradurre, se conosci il ceco!?)
il mio indirizzo è aleolasz@inwind.it
Ciao
Alessandro 17/10/2005 - 15:13
Video!

In Guernica

A poem by Norman Rosten
Poesia di Norman Rosten
Read by Joan Baez
Letto da Joan Baez

Album: Baptism: A Journey Through Our Time [1968]

Una poesia di Norman Rosten (1914-1995), dall'album "Baptism: A Journey Through Our Time" (1968), che conteneva poesie lette e cantate da Joan Baez. Su quel che successe a Guernica riteniamo inutile dilungarci, la cosa dovrebbe essere ancora troppo nota -anche al giorno d'oggi- per doverne parlare. O forse no? Chissà. [CCG/AWS Staff]

A poem by Norman Rosten (1914-1995) from the album "Baptism: A Journey Through Our Time" (1968), including poems read and sung by Joan Baez. We wouldn't spend too much talking about what happened in Guernica, it should be still so much known, even nowadays, to deserve reminding. Or maybe not? Who knows. [AWS/CCG Staff]

In Guernica the dead children were laid out in order upon the sidewalk, in their white starched dresses, in their pitiful white dresses.
(continua)
16/10/2005 - 15:50
Video!

Dall'America

(1970)
Finalmente questo brano è divenuto disponibile - seppure con colpevole ritardo: appena cinque mesi prima della morte di Endrigo - su supporto CD, all'interno della doppia compilation "Sergio Endrigo '65-'73 - i 45 giri" pubblicata dalla Warner agli inizi del 2005

(Alberta Beccaro)
Caro amico Bob e amica Joan
(continua)
16/10/2005 - 15:12
Video!

A Song For David

(1970)
Words and music by Joan Baez

Dall'album / From the LP "(I Live) One Day at a Time"

Dedicated to Joan's husband, David Harris, at the time in prison as a conscientious objector.

Dedicata al marito di Joan, David Harris, al tempo in carcere come obbiettore di coscienza perché si era rifiutato di andare in Vietnam. Su David Harris vedi anche Fifteen Months.

Interpretata anche da Judy Collins nell'album "Whales and Nightingales" (1970)
In my heart I will wait
(continua)
16/10/2005 - 14:55

What Song Ever Stopped A War?

Copyright 2004 by Songbird Cooper
From/da Centre For Political Song

A song in which are mentioned a number of other antiwar songs..."Which song ever stopped a war?", asks the author to himself. Maybe none. But this is no good reasong for giving up writing songs against war.

Una canzone in cui sono nominate diverse altre canzoni contro la guerra..."quale canzone ha mai fermato una guerra", si domanda l'autore? Nessuna, forse. Ma non è un buon motivo per smettere di scrivere canzoni contro la guerra.
What song ever stopped a war
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/10/2005 - 11:23
Video!

Flowers of Peace

16 ottobre 2005
FIORI DI PACE
(continua)
16/10/2005 - 11:17

Il cacciatore

[Milano, sabato 24 settembre 2005]
Parole e musica di Joe Fallisi

Grazie a Adriana per l'invio del testo.

"Canzoni contro la guerra". Così si chiama il nostro sito. Ebbene, non so se avete presente che ogni anno, alla fine dell'estate, nel nostro paese come in decine e decine di altri si apre una guerra legalizzata (perlopiù definita "sport") in cui dei veri e propri eserciti di tizi armati fino ai denti invadono boschi e campagne per andare a sparare a degli esseri viventi inermi e indifesi. E questa è una guerra di aggressione, vera e propria; non è infrequente neppure il caso, come in tutte le guerre, che gli invasori si sparino addosso "per errore"; note vittime sono i cognati. Non si sa come mai, ma i titoli del tipo "cacciatore uccide il cognato per errore, lo aveva scambiato per un cinghiale" sono all'ordine del giorno. Ach so, questi guerrieri della domenica, coi loro fucili di precisione...
Questa canzone di Joe Fallisi trova quindi qui la sua più che giusta e doverosa collocazione.[RV]
Io sono sportivo,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/10/2005 - 08:08
Video!

All Quiet On The Western Front

16 ottobre 2005
TUTTO TRANQUILLO SUL FRONTE OCCIDENTALE
(continua)
16/10/2005 - 07:57
Video!

Ballad Of The Cuban Invasion

16 ottobre 2005
BALLATA DELL’INVASIONE DI CUBA
(continua)
16/10/2005 - 07:39
Video!

The Sad And Silent Song Of A Soldier

16 ottobre 2005
LA TRISTE E SILENZIOSA CANZONE DI UN SOLDATO
(continua)
16/10/2005 - 07:30
Video!

Песенка о солдатских сапогах

Trascrizione del testo russo in caratteri latini
Romanized Russian lyrics
PESENKA O SOLDATSKIX SAPOGAX
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/10/2005 - 06:48
Video!

Песенка о пехоте

Trascrizione del testo russo in caratteri latini
Romanized Russian lyrics
PESENKA O PEXOTE
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/10/2005 - 06:34
Video!

White Boots Marching In A Yellow Land

16 ottobre 2005
STIVALI BIANCHI IN MARCIA IN UN PAESE GIALLO
(continua)
16/10/2005 - 06:24
Video!

Ridi pagliaccio

1996
Balli e pistole

Testo di Giorgio "Zorro" Silvestri
Fermi zona nucleare
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/10/2005 - 05:48
Video!

Brescia Bologna Ustica

Barzellette e Massacri / 1992

Testo di Giorgio "Zorro" Silvestri
Io mi chiedo come mai l'immigrato nero
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/10/2005 - 05:43
Downloadable!

הײלים - Chaialym (Soldati)

[2005]
Stefano Saletti - Gabriel Zagni
Dall'album "Stari Most"
Stefano Saletti: piano rodhes, bouzouki, oud, darbouka, programming
Gabriel Zagni: voice / voce
Giovanni Lo Cascio: skin udu
Mario Rivera: bass / basso, programming
Gabriele Coen: clarinet / clarinetto
Carlo Cossu: violin / violino

Per un'introduzione all'album vedi Stari Most.

La canzone è in lingua ebraica e ne viene fornito nell'album il testo traslitterato sommariamente; è quello che qui presentiamo. Verrà al più presto presentata una versione in alfabeto ebraico. [RV, 15-10-2005]

Per la serie: i famosi “quanto prima” di questo sito, siamo lieti di presentare, dopo tredici anni e rotti, il testo di questa canzone nell'alfabeto della lingua in cui è scritta, vale a dire l'ebraico (testo dovuto, con tutta probabilità, a Gabriel Zagni, poliedrico artista la cui formazione “affonda le radici nel variegato mondo della... (continua)
[1] היו זמנים של חלב ושל דבש
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 15/10/2005 - 21:31

Stari Most

[S.Saletti - C.Cossu]
Dall'album "Stari Most" - 2005
Dalla poesia Granata s Mrkovica di Izet Sarajlić

"Non esiste una sola cultura mediterranea: ce ne sono molte in seno a un solo Mediterraneo"
Predrag Matvejević

A Mostar, nella Bosnia-Erzegovina, durante la guerra feroce che bruciava i Balcani, il 9 novembre del 1993 una granata croata abbattè lo Stari Most, il Ponte Vecchio sulla Neretva che da quattrocento anni univa Oriente e Occidente. Era il simbolo del dialogo tra cattolici, musulmani e ortodossi. Scrive lo scrittore Paolo Rumiz: "Il ponte di Mostar era il luogo della nostalgia, il segno dell'appartenenza e dell'alleanza tra mondi che si volevano a tutti i costi separare".
Dopo che l'ultima pietra cadde nel fiume ci fu un gran silenzio. Anche i cecchini per una volta fecero tacere le armi. Tutti intorno capirono che qualcosa di terribile era accaduto: non era stato abbattuto... (continua)
Vec trideseti sat
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 15/10/2005 - 21:27
Video!

Pover suldà

Canto tradizionale piemontese
http://www.cantovivo.com
Dal disco "Mità la strada"
1985
Pover suldà ven da la guèra lon la
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 15/10/2005 - 19:06
Video!

The Foggy Dew

anonimo
Libera trasposizione italiana di Alberto Cesa
Dal disco "Contro-canto popolare" da cantovivo.com
Era il giorno di pasqua e scendevo giu’
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 15/10/2005 - 19:02
Video!

EZLN... Para tod@s todo...

da "Radio Bemba Sound System"

Una versione un po' diversa di Para todos, todo (No morirá la flor de la palabra), il discorso del Subcomandante Marcos, campionato in questa canzone di Manu Chao.
Reforma, Libertad, Justicia y Ley.
(continua)
15/10/2005 - 12:56

Vorrei soltanto

Da Nel Vento
Canzone scritta (sull'aria di un dolce country), proprio il giorno prima di andare a Genova.
Vorrei soltanto cambiare il mondo
(continua)
inviata da adriana 14/10/2005 - 20:49
Percorsi: Genova - G8
Downloadable!

Il vivisettore

[6 settembre 2004]
(Vegan Power)

Joe Fallisi è anche un vegan, o vegetaliano, assai impegnato a diffondere l'idea di un'alimentazione non violenta che permetta in una volta di salvare animali, ambiente, persone, risorse e salute.
Ha scritto recentemente questa canzone, che è a mio parere, ed a pieno titolo, anche una canzone contro la guerra. Leggendola ne capirete il perché. (RV)
Entri nella stanza,
(continua)
inviata da Riccardo 14/10/2005 - 19:33
Video!

Ma Marseillaise à moi

"La mia marselhesa"
(titolo originale in occitano)
Les petits cons miteux surgissant de l'ornière
(continua)
inviata da adriana 14/10/2005 - 18:45
Video!

Bring Them Home Now

Lyrics by Vicki Ryder
Tune: “I’ve Been Workin’ on the Railroad”

Vicki Ryder wrote this song for the Raging Grannies, who performed it at the anti-war rally in Washington, DC, on September 24, 2005.
Cindy Sheehan went to Texas
(continua)
inviata da Vicki Ryder 14/10/2005 - 04:38
Downloadable! Video!

La petite juive

[1965]
Testo e musica di Maurice Fanon
Paroles et musique de Maurice Fanon
Album: la petite juive

"...per non parlare poi della mancanza di ogni piaggeria nei confronti della recente storia del proprio paese espressa nella 'Petite Juive', dove si arriva non solo ad accusare la Francia di Pétain di essere stata, con la silente complicità della maggior parte dei suoi abitanti, carnefice degli ebrei francesi. [...] Ma in questa canzone si accusa anche la Francia repubblicana del dopoguerra di essersi adoperata, in perfetta continuità con le sue macchie passate, a disseminare morte ai 'quattro angoli della terra' (Indocina, Algeria)".
Alessio Lega.
Dans ce monde borné de quel entre deux guerres
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 14/10/2005 - 00:54
Video!

Les milices

Da "A-Rivista Anarchica" n° 296 - Febbraio 2004
Rubrica "...e compagnia cantante", p. 37
LE MILIZIE
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 14/10/2005 - 00:27
Video!

Aux armes etc.

(1979)

Parole di Rouget de Lisle
Musica di Serge Gainsbourg

"A-Rivista Anarchica" n° 301 - Estate 2004
Dalla rubrica "La compagnia cantante", a cura di Alessio Lega, pagine 32-33.

...L'enorme successo personale per Gainsbourg interprete di se stesso, arriva appunto con quella che sarà la più pericolosa provocazione della sua carriera: nel 1978, appena scoperta una nuova forma musicale, vola a Kingston, e primo fra tutti i musicisti europei incide un album totalmente reggae. Il brano cui è affidata la promozione del disco è una versione dell'inno nazionale, la Marsigliese, le cui strofe sono eseguite per intero, ma il cui ritornello ripete solo beffardamente "Aux armes, et cœtera..." ("Armatevi, eccetera..."), tutto ovviamente con tanto di coriste giamaicane e col gruppo di Peter Tosh alle spalle. Il risultato è irresistibile. Nella patriottica Francia la cosa è accolta come un affronto... (continua)
Allons enfant de la patrie
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 13/10/2005 - 23:55
Downloadable! Video!

Figli della montagna

2002
Pane e rose
Senti che fischia il vento
(continua)
inviata da adriana 13/10/2005 - 19:33
Downloadable! Video!

Vigliacca!

Version française de Riccardo Venturi
13 ottobre 2006

Non è, questa, la solita traduzione più o meno letterale come ne ho fatte a centinaia per questo sito. Stavolta mi sono permesso una cosa un po' differente, per dedicarla a Alessio e a tutti quelli che lottano contro il militarismo e la guerra.
Ce n'est pas, cette fois-ci, une traduction plus ou moins au pied de la lettre comme j'en ai faites par centaines pour ce site. Cette fois-ci, je me suis permis de faire une chose un peu différente et de la dédier à Alessio et à tous ceux qui se battent contre le militarisme et la guerre.
LA LÂCHE!
(continua)
13/10/2005 - 18:49
Video!

Ballade des gens qui sont nés quelque part

da La mavauaise herbe in "A-Rivista Anarchica" n° 284 - Ottobre 2002
pagina 30
LA BALLATA DI QUELLI NATI DA UNA QUALCHE PARTE
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 13/10/2005 - 17:12
Video!

La mauvaise herbe

da "A-Rivista Anarchica" n° 284 (ottobre 2002)
pagina 29
L'ERBACCIA
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 13/10/2005 - 17:01
Video!

A las barricadas

da "Novecento" di Cisco e la casa del vento, con Cisco allora nei Modena City Ramblers


Questa pagina è totalmente integrata nella pagina Warszawjanka 1905 roku (La Varsovienne; A las barricadas), alla quale si rimanda per la storia completa della canzone e per il suo testo originale (che viene eliminato da questa pagina al pari delle sue versioni in altre lingue). Viene mantenuta in via eccezionale [CCG/AWS Staff]
Dal sito ufficiale del gruppo:
Liberamente tratto da una canzone anarchica della Spagna degli anni '30 dove vi fu una significativa esperienza libertaria grazie a strutture come la Confederación Nacional de Trabajo (CNT), che ci ha ispirato in una rilettura di questioni attuali, quali la globalizzazione del pianeta, ed il debito dei paesi del Terzo Mondo, in una storia dei nostri amici, che il 26 Settembre 2000 sono partiti per Praga per manifestare contro le politiche del Fondo... (continua)
Nere tempeste agitano il cielo
(continua)
inviata da adriana 13/10/2005 - 15:58
Video!

Me pare

Da : "La musica De L'altra Italia"
Parole e musica di Gualtiero Bertelli 1965
Me pare, un omo in gamba de quarant'ani
(continua)
inviata da adriana 13/10/2005 - 15:42
Video!

Hermanos, Hermanos!

2002
Pane e rose
Dopo il dolore, la lotta, il sudore
(continua)
inviata da adriana 13/10/2005 - 15:14
Downloadable! Video!

Renzino




L'eccidio di Civitella della Chiana

Responsabile dell'eccidio di Civitella fu Wilhelm Schmalz, comandante della divisione Hermann Göring.
Come molti altri criminali di guerra nazisti, anche Schmalz andò assolto (sentenza del Tribunale di Roma, 1950) e ciò accadde perchè nel dopoguerra le potenze alleate e lo stesso governo italiano non avevano nessun interesse a perseguire i crimini di guerra dei nazisti, le prime per pure opportunità politiche, l'Italia anche perchè di criminali di guerra ne aveva moltissimi in casa...
La possibilità di perseguire i criminali di guerra nazisti si chiuse definitivamente nel 1956, guando gli allora ministri Gaetano Martino (esteri) e Paolo Emilio Taviani (difesa) decisero che era inopportuno avanzare a Bonn le richieste di estradizione, perchè ciò avrebbe nuociuto alle relazioni bilaterali e agli sforzi della Germania per ricostruire le sue forze armate... (continua)
Edoardo ancora non dorme
(continua)
inviata da adriana 13/10/2005 - 15:07
Downloadable! Video!

Settanta rose

Sono settanta rose
(continua)
inviata da adriana 13/10/2005 - 15:03
Video!

Senza bandiera

1999
Dall'album "Senza bamdiera"
E scivola avanti la notte nera
(continua)
inviata da adriana 13/10/2005 - 14:57
Video!

Dear Mr. Kissinger

Questa è davvero una chiccazza! Si tratta di una canzone scritta dai Gibb brothers (The Bee Gees) nel 1972 per un album dal titolo incredibile ("One kick in the head is worth eight in the pants", ovvero "Un calcio in testa vale otto calci in culo") che non fu mai pubblicato dalla Atlantic (e forse con qualche ragione!).
Il brano "Dear Mr. Kissinger" (ovviamente indirizzato a quel boia che ancora oggi tira qualche filo della politica statunitense), è in sè abbastanza "cariogeno" (anche se i mitici fratelli non cantano in falsetto!) ma alcuni passaggi sono abbastanza espliciti ("Should they send someone like Nixon to the front?"... e Nixon stava giusto entrando nel vortice del Watergate!).
Ulteriori info su:
http://www.columbia.edu/~brennan/beege...
[Robin Gibb]
(continua)
inviata da Alessandro 13/10/2005 - 14:39
Downloadable! Video!

Se questo è un uomo

Il brano è stato ispirato dal famoso libro di Primo Levi. In particolare, si tratta della poesia, scritta dallo stesso Levi, un cui frammento funge da exergo all'opera in prosa stessa. Si veda il commento.


PRIMO LEVI

Primo Levi (Torino, 31 luglio 1919 - 11 aprile 1987), è stato uno scrittore italiano autore di memorie, racconti, poesie e romanzi.

Nel 1934 si iscrive al liceo classico Massimo d'Azeglio di Torino, noto per aver ospitato docenti illustri e oppositori del fascismo come Augusto Monti, Franco Antonicelli, Umberto Cosmo, Zino Zini, Norberto Bobbio, Fernanda Pivano e molti altri. Per qualche mese ha Cesare Pavese come insegnante di italiano.

Nel 1937 si diploma e si iscrive ad un corso di laurea in Chimica presso l'Università di Torino. Nel 1938 entrano in vigore le leggi razziali, che introducono gravi discriminazioni a danno della popolazione «di razza ebraica». Gli ebrei... (continua)
Parlato:
(continua)
inviata da Fabio 12/10/2005 - 20:04
Downloadable!

Preghiera in settembre

[2005]
Da "Apuamater"
Testo e musica di Davide Giromini
interpretata assieme ai Delsangre
Cantami i tuoi giorni nella steppa
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 12/10/2005 - 19:25
Downloadable! Video!

Sixteen Military Wives

La canzone fa parte dell'ultimo album dei Decemberists, "Picaresque" uscito nel 2005 per la Kill Rock Stars record label.
Un estratto di recensione, relativo al brano in questione:

[…] The one standout, the apple among the oranges, is "16 Military Wives", which on first listen doesn't seem to fit the Picaresque aesthetic. It's not a story, but a protest song that uses a slick horn line and Meloy's loosest vocals yet (I distinctly hear a "whoo!") to tally the mathematics of war-- plus dollars, minus lives. […]
from this page
Sixteen military wives
(continua)
inviata da Alessandro 12/10/2005 - 14:48
Downloadable! Video!

When A Soldier Makes It Home

(1996)
Mystic Journey
Halfway around the world tonight
(continua)
12/10/2005 - 14:10
Video!

28 Marzo 1980



Il 28 Marzo 1980 a Genova in Via Fracchia furono uccisi dai reparti speciali antiterrorismo del Gen. Dalla Chiesa quattro brigatisti; uno di questi era Piero Panciarelli,ex operaio della Lancia di Chivasso, pittore, mio amico. A lui, è dedicata questa canzone. Edoardo Morello
Nei 'carugi' il sole non entra,
(continua)
inviata da edi 12/10/2005 - 08:10
Video!

Песенка о бумажном солдатике

Il testo russo traslitterato in caratteri latini
Romanized Russian lyrics
PESENKA O BUMAŽNOM SOLDATIKE
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 12/10/2005 - 02:04
Video!

Dear Mr. President

(2004)

featuring:
FredWreck - KRS One - Defari - Prodigy - Alchemist - Evidence - Everlast - Mack 10 - WC -B-Real

produced by:
FredWreck
[hook: FredWreck (KRS One)]
(continua)
11/10/2005 - 23:53
Downloadable! Video!

Youth Against Fascism

"Youth Against Fascism" è tratta da “Dirty”, album del 1992
Another can of worms
(continua)
inviata da Alessandro 11/10/2005 - 16:28
Tutte le canzoni sono state classificate in base alla lingua. È quindi ora possibile ricercare in base alla lingua e al dialetto, Nelle nuove canzoni che segnalate, potete ora specificare la lingua!
Lorenzo Masetti 11/10/2005 - 15:25
Downloadable! Video!

Песенка веселого солдата

Il testo russo traslitterato in caratteri latini
Romanized Russian version
PESENKA VESELOGO SOLDATA
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/10/2005 - 00:30
Video!

Fin de siècle

Album: "666.667 Club" (1996)
C'est comme la fin du siècle
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 10/10/2005 - 23:25
Downloadable! Video!

Atomowa śmierć

10 ottobre 2005
LA MORTE ATOMICA
(continua)
10/10/2005 - 23:21
Downloadable! Video!

Il comandante Licio



Licio Nencetti aveva appena 17 anni ed era di Lucignano, quando decise assieme ad altri compagni, pur non essendo lui soggetto, per la giovanissima età, alla chiamata alle armi della Repubblica Sociale Italiana, di ribellarsi ed andare alla macchia.

Si trasferirono nel basso casentino, e nel Comune di Capolona (loc il Roccolo), formarono”La Teppa”, banda partigiana comunista. Operarono tra Casentino e Valdichiana compiendo azioni spettacolari.

Il 26 maggio 1944 dopo essere stato catturato in Pratomagno, torturato nel carcere di Poppi, viene fucilato dai fascisti nella piazza di Talla che oggi porta il suo nome Dopo la guerra molti dei suoi compagni, chiamarono “Licio” il proprio figlio primogenito, così come ha fatto Ezio Raspanti ”Mascotte”,che continua la lotta della Toppa e di Licio, anche attraverso un Istituto Storico della Resistenza nel suo paese, Foiano della Chiana.

Licio Nencetti è Medaglia d’oro della Resistenza
Che ognuno di voi sappia
(continua)
inviata da adriana 10/10/2005 - 16:43
Video!

Nonnavoglio

Dall'album "Dalla terra dei briganti"
Chi cintra jiddu, chi cintra jiddu
(continua)
inviata da adriana 10/10/2005 - 06:20
Downloadable! Video!

I partigiani Santi e Salvatore



Dall'album "Sessant'anni di Resistenza" 2005
Santi Piperni e Salvatore Vecchioni erano partigiani dello stesso gruppo. Sentito della minaccia di incendi e violenze sulle case e sulle famiglie dei partigiani, da parte dell'esercito tedesco e dei fascisti decisero di tornare al loro paese, Partina (Comune di Bibbiena). Il mattino del 13 all'alba, i tedeschi individuarono la casa di Salvatore, e presi in ostaggio la madre e il fratello, spararono ed incendiarono la sua casa dove era barricato. Santi corse in aiuto dell'amico, lanciando una bomba a mano, sparando sui tedeschi, richiamando l'attenzione su di se, dando il tempo a Salvatore di sfondare il tetto,saltare e scappare via nelle campagne ferito e insanguinato. Scappò anche Santi, ma venne colpito ed ucciso. Col suo aiuto determinò però la salvezza del compagno Salvatore che oggi vive a Soci e che continua a raccontare questa storia.
Il 13 aprile vengono uccise 29 persone a Partina, il 12 aprile fucilati 7 giovani a Moscaio
Santi e Salvatore amici per la pelle
(continua)
inviata da adriana 9/10/2005 - 15:53
Video!

Lo sbaglio

Dall'album "Ignazio"
Io non avevo sbagliato andando appresso a un errore
(continua)
inviata da adriana 9/10/2005 - 15:07




hosted by inventati.org