Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Percorso Primavera di Praga 1968

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Music for Prague 1968

[1969]



Music for Prague 1968 is a programmatic work written by Czech-born composer Karel Husa for symphonic band and later transcribed for full orchestra, written shortly after the Soviet Union crushed the Prague Spring reform movement in Czechoslovakia in 1968. Karel Husa was sitting on the dock at his cottage in America at the time, listening to the BBC broadcast of the events on the radio. He was deeply moved, and wrote Music for Prague 1968 to memorialize the events. This piece is a standard among wind ensemble repertoire.

The work was commissioned by Ithaca College and was premiered in January 1969 in Washington, DC at the Music Educators National Conference by Dr. Kenneth Snapp and the Ithaca College Concert Band.

The work is scored for 2 Piccolos, 6 Flutes, 2 Oboes, English Horn, 2 Bassoons, Contrabassoon, Eb Clarinet, 9 Clarinets, Alto Clarinet, Bass Clarinet, Contrabass Clarinet,... (continua)
inviata da Riccardo Venturi 7/9/2019 - 15:29
Video!

Dědicům Palachovým

Millions of blind eyes, the snake's head on the coat of arms,
(continua)
inviata da Edvard Sidoryk 4/2/2019 - 21:29
Video!

Norman

2012

Album: Auff!!

La canzone fa riferimento al fatto di cronaca accaduto all'Università di Palermo il 13 settembre 2010 quando Norman Zarcone, dottorando in filosofia, si suicidò gettandosì dal settimo piano dell'edificio.

“Norman/Primavera a Praga/il fuoco di Jan Palach te lo ricordi?” chiede la voce narrante a Norman Zarcone, nell’omonima “Norman”. Zarcone è, o meglio era, un giovane ricercatore universitario di 27 anni, morto suicida nel 2010 come Palach, non dandosi fuoco bensì gettandosi dal settimo piano dell’Università di Lettere e Filosofia di Palermo. Fu il suo modo di protestare, di scuotere un sistema marcio dominato dalle baronie. Un gesto per niente fine a sé stesso, come quello di Palach che provò a scuotere i suoi connazionali. “Poiché i nostri popoli sono sull’orlo della disperazione e della rassegnazione, abbiamo deciso di esprimere la nostra protesta e di scuotere la... (continua)
Dottorando in filosofia
(continua)
19/11/2018 - 21:52
Video!

North Winds

1984
Aural Sculpture

That was mine, just a JJ 'where things are now' song. It was one of my melancholy songs about the very strong images that had occurred during my life, while I was growing up. The 'Orange road burning' was about the self immolation of Buddhist priests during the Vietnam war, setting themselves on fire. The 'Youth on fire' referred to Jan Palak, who I'd talked about before on Euroman. The 'Metal machines...' line was about the Prague spring in '68, when the Czechs tried to be much more liberal and the Russian tanks just rolled in. 'Two generations' referred to the two world wars, 'Birth pains' was about the birth of Israel and what I remembered about the Yom Kippur war. 'Freedom in the shape of disease' was about AIDS, suddenly this new word AIDS had arisen when we were writing Sculpture. It was an unknown disease then. 'Kids whose bellies' was about the west and the... (continua)
I saw an orange robe burning
(continua)
inviata da Dq82 14/10/2018 - 09:45
Video!

פראג

In questi giorni di cinquantenario dell'invasione della Cecoslovacchia, la canzone era stata reinserita come inavvertito doppione (e attribuita, seppure con qualche fondamento, a Shalom Hanoch). Il doppione è stato ovviamente eliminato, mantenendo sul sito solo questa pagina che risale a oltre undici anni fa.
CCG/AWS Staff 23/8/2018 - 09:36
Video!

They Can't Stop the Spring

(2007)

Scritta da John Waters e Tommy Moran
Ultima classificata all'Eurovision 2007

La canzone prende spunto dalla famosa frase di Neruda: «Potranno tagliare tutti i fiori ma non fermeranno mai la primavera»,
The curtain has been raised
(continua)
22/8/2018 - 00:05
Downloadable! Video!

Modlitba pro Martu

Proviene dal blog Learn Czech through Songs ed è quindi una traduzione letterale. In realtà, Marta Kubišová ha eseguito una versione inglese della canzone, della quale però il testo è irreperibile e che provvederemo, quindi, a trascrivere all'ascolto:



Prayer for Marta singer Kubišová recalls dramatic comeback during 1989's Velvet Revolution

Modlitba pro Martu, A Prayer for Marta, is a song that for many people will be forever associated with Czechoslovakia’s Velvet Revolution of 1989. Performed by the 1960s Czech pop star Marta Kubišová, it had previously come to symbolise resistance to the 1968 Soviet-led invasion.

Originally titled just Modlitba, the song was composed by Jiří Brabec with lyrics written especially for Kubišová by Petr Rada. Those inspirational lyrics include a quote from the 17th century Czech educator Comenius along the lines of, the people will one day once again... (continua)
A PRAYER FOR MARTA
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 21/8/2018 - 23:16
21 agosto 1968
La Primavera di Praga
Pražské jaro
Pražská jar

21 agosto 2018
Riccardo Venturi 21/8/2018 - 22:08
Video!

Citizen Ship

Ecco, tu mi scacci oggi dalla faccia di questo suolo, ed io sarò nascosto dal tuo cospetto, e sarò vagabondo e fuggiasco per la terra - Genesi 4:14

dedicata a ivan krale, nato a praga, cecoslovacchia
nazionalità: apolide
NAVE DELLA CITTADINANZA [1]
(continua)
18/3/2018 - 15:21
Video!

A Satana

TO SATAN
(continua)
inviata da eleonora 13/10/2014 - 20:20
Video!

Praga

Parole e musica di Flavio Giurato, ma non so in che anno preciso compose la canzone.
Nell’album intitolato “Il manuale del cantautore”, pubblicato nel 2002.

Praga, notte tre il 20 ed il 21 agosto 1968. L’invasione sovietica. La Primavera che muore in un’estate di morte.
Un gruppazzo per strada
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 30/7/2014 - 10:36
Video!

Primavera di Praga

cantable
02.05.2014

Why not?

Vorrei dedicare questa mia traduzione al popolo ucraino nella sua lotta per indipendenza.
PRASKA WIOSNA
(continua)
inviata da Krzysiek Wrona 2/5/2014 - 22:46




hosted by inventati.org