Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Autore Canzoniere del Vento Rosso

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Il fronte

Poiché un uomo è proprio un uomo
(continua)
inviata da Alberto Scotti 28/9/2020 - 21:22
Video!

Reggio Calabria 1972

1972

Han Gridato Scioperiamo
Di Palermo e di Pescara e di Napuli e Agrigentu
(continua)
inviata da Alberto Scotti 28/9/2020 - 21:21

Filastrocca socialista

Uno: non cedere sta nessuno che non suda e può magna’
(continua)
inviata da Alberto Scotti 28/9/2020 - 21:21

E dell'Italia

E dell'Italia faremo un fiore
(continua)
inviata da Alberto Scotti 28/9/2020 - 21:20
Video!

Basta coi tempi brutti

Però tu adesso ascolta quello che ti ho da dire
(continua)
inviata da Alberto Scotti 28/9/2020 - 21:18
Video!

Mario Lupo

1974
Han gridato scioperiamo

Canzone di Francesco "Ciccio" Giuffrida e Pierangelo Bertoli
Poi Pierangelo Bertoli riutilizzerà questa canzone per la ben più famosa Eppure soffia

Si veda anche Mario Lupo


Parma, 25 agosto 1972. Mario Lupo, militante di Lotta Continua ucciso dai fascisti

Il giovane militante di Lotta Continua Mario Lupo viene accoltellato davanti a un cinema della città. A ucciderlo, una squadra di fascisti.

Sono le dieci di sera del 25 agosto del 1972, una calda serata di agosto. Mariano Lupo, detto Mario, con altri suoi compagni, si avvia verso il cinema Roma, dove aveva un appuntamento. Mario non è solo ma va con fare non spensierato perché già dal pomeriggio era stato minacciato da alcuni neofascisti che militavano nella locale sezione del Msi-Dn di Parma.

All’improvviso, da una siepe del lungo viale, una squadra di fascisti si scaglia violentemente contro il piccolo... (continua)
È morto dicendo
(continua)
inviata da Dq82 7/6/2020 - 12:35
Video!

La fermata

1974
Han gridato scioperiamo

Canzone di Francesco "Ciccio" Giuffrida e Pierangelo Bertoli
Chi ha suonato la sirena
(continua)
inviata da Dq82 7/6/2020 - 12:28
Video!

Eh sì governo infame

1974
Han gridato scioperiamo

Canzone di Francesco "Ciccio" Giuffrida e Pierangelo Bertoli
Guarda che belle case
(continua)
inviata da Dq82 7/6/2020 - 12:26
Downloadable! Video!

Marcia d'amore

Questo canto, prima struggente, infine trascinante, di Pierangelo Bertoli appartiene al periodo della sua militanza nel Canzoniere della Lega nazionale del Vento rosso, l'organismo per il 'lavoro di massa' in campo culturale dell'Unione dei comunisti italiani (marxisti-leninisti) - quelli di Brandirali, per intenderci, più comunemente noti come 'Servire il popolo', dal nome del loro organo di stampa.
[1973, in 45 giri con Per dirti t'amo]
Quante volte mio padre ha visto i raccolti
(continua)
inviata da L.L. 17/1/2014 - 19:58
Downloadable! Video!

Guarda giù dalla pianura

[1973]
Album “Guarda giù dalla pianura”
interpretata anche dal Canzoniere del Vento Rosso

Una canzone che ho attribuito arbitrariamente agli Stormy Six perchè da loro incisa, ma che in realtà è solo la versione italiana di un canto di protesta in dialetto piemontese di cui sono incerti sia l’autore che il testo originario, comunque risalente alle lotte operaie in Piemonte tra la fine dell’800 e l’inizio del 900.
Rimando alla discussione tra Gustavo Buratti e Cesare Bermani sulla rivista “L’Impegno” (riportata da Il Deposito) per chi volesse approfondire la complessa storia di questo canto, raccolto in parecchie versioni differenti, come capita sempre nell’antica tradizione orale.
Aggiungo solo che il secondo verso, “Le ciminiere non fanno più fumo”, è stato preso in prestito da Jona, Liberovici, Castelli e Lovatto per il titolo del loro bel libro di canti e memorie degli operai torinesi... (continua)
Guarda giù dalla pianura
(continua)
inviata da The Lone Ranger 27/7/2010 - 14:53
Video!

Melissa

[1974]
Si veda anche Melissa
Testo trovato su Il Deposito.

Il 30 ottobre 1949, i contadini di Melissa, un paesino in provincia di Crotone, occuparono le terre incolte appartenenti ai baroni Berlingeri, gli ultimi dei feudatari che vessavano la comunità da secoli. L’occupazione ebbe successo ma, quando la gente stava già rientrando alle proprie case, la polizia mandata da Mario Scelba, allora ministro dell’Interno, sparò senza motivo alcuno sulla folla. Francesco Nigro e Giovanni Zito rimasero a terra. Angelina Mauro morì in ospedale dopo qualche giorno di agonia. Quindici furono i feriti.

Si veda anche Melissa del Parto delle Nuvole Pesanti e Fragalà di Melissa.
Sulla strada che porta a Melissa
(continua)
inviata da The Lone Ranger 21/7/2010 - 09:21




hosted by inventati.org