Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Autore Pentangle

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Epistle to Dippy

1967
Donovan - vocals and acoustic guitar
Jimmy Page - electric guitar,
John Cameron - keyboards and arrangement
Danny Thompson - bass
Tony Carr - drums



Italiano
English

Scritta sotto forma di lettera aperta a un vecchio compagno di scuola, la canzone possiede un forte messaggio pacifista in aggiunta all'atmosfera psichedelica. Il vero "Dippy" era, all'epoca, nell'esercito britannico di stanza in Malaysia. Secondo Brian Hogg, che scrisse le note interne del box set Troubadour: The Definitive Collection 1964–1976, Dippy ascoltò la canzone, contattò Donovan e come risultato lasciò le armi.

Epistle to Dippy - Wikipedia

Written in the form of an open letter to an old school friend, the song had a strong pacifist message in addition to its florid psychedelic imagery. The real "Dippy" was, at the time, serving in the British Army in Malaysia. According to Brian Hogg, who wrote the... (continua)
Look on yonder misty mountain
(continua)
8/10/2020 - 22:48
Downloadable! Video!

The Falcon

[1965]
Parole di Richard Fariña
Sulla melodia de “The Cuckoo”, canzone tradizionale risalente al XVII Secolo, ripresa in quegli stessi anni anche dai Pentangle
Nell’album di Mimi & Richard Fariña intitolato “Celebrations For A Grey Day”
Testo trovato su Mudcat Café
Oh, the falcon was a pretty bird, wandered as she flew.
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 27/11/2017 - 08:45
Downloadable! Video!

Bruton Town

Un’antica murder ballad inglese, raccolta da Cecil Sharp tra le su “100 English Songs”, volume pubblicato nel 1904.
Nota anche con i titoli “The Bramble Briar” e “The Murdered Servantman”.
Tutti i testi (e informazioni più dettagliate) sono reperibili su Mainly Norfolk: English Folk and Other Good Music

Interpretata da Martin Carthy (in “Second Album”) e da Ewan MacColl (in “The Manchester Angel”, con il titolo “The Bramble Briar”) nel 1966. In seguito anche dai Pentangle (nel loro disco d’esordio) e da Maddy Prior (in “Folk Songs of Old England Vol. 1”) nel 1968, e poi da Sandy Denny in alcune esibizioni del 1972 raccolte innanzitutto nell’antologia “Who Knows Where the Time Goes?” pubblicata nel 1986.
Comunque è impossibile citare tutti gli artisti che hanno interpretato “Bruton Town”…

La fonte originaria della canzone parrebbe addirittura essere il “Decamerone” del Boccaccio e,... (continua)
In Bruton Town there lived a noble,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 17/3/2016 - 16:10
Downloadable! Video!

The Twa Sisters, or The Cruel Sister

In Cruel Sister, 1970

CRUEL SISTER
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 28/3/2015 - 11:16
Downloadable! Video!

My Ladie Careys Dompe

FAREWELL JOHN
ADDIO A JOHN RENBOURN

"È morto, per un attacco cardiaco, John Renbourn, chitarrista e compositore folk conosciuto soprattutto per il suo lavoro con i Pentangle. Aveva 70 anni. La notizia della sua morte è stata diffusa dal manager che ha lavorato con lui negli ultimi 25 anni, Dave Smith, il quale ha voluto ricordare la grande passione per la chitarra di Renbourn, che lo spingeva a tenere ogni fine settimana dei workshop per studenti in tutta europa. Nato nel quartiere Marylebone di Londra l'8 agosto 1944, Renbourn fondò nel 1967 i Pentangle insieme a un altro chitarrista, il geniale Bert Jansch, scomparso anche lui di recente, nel 2011, alla cantante Jacqui McShee, la cui voce sognante era accompagnata al contrabbassista Danny Thompson e al batterista Terry Cox. Tutti musicisti dotati di grande tecnica, riuscirono a dare vita a una miscela di musica folk anglosassone, blues... (continua)
Riccardo Venturi 27/3/2015 - 21:43
Downloadable! Video!

Glasgerion [Jack Orion]

anonimo
[Ca. XII secolo ?]
[About 12th Century ?]
Ballata tradizionale inglese
English Popular Ballad
Musica/Music: Andrew Lancaster Lloyd (1961)
Child #67

Glasgerion è, nelle sue linee essenziali, una ballata tradizionale di remotissima antichità; un'antichità che spiega senza difficoltà l'estrema crudezza e brutalità della vicenda che vi viene narrata. Nella vera tradizione orale non ha mai goduto di molta popolarità, sia per la sua lunghezza, sia per il vero e proprio stupro che il giovane scudiero traditore compie nei confronti della Principessa; motivo per cui non si conoscono interpretazioni musicali del testo più antico e completo che possediamo (sia pure lacunoso in alcune parti), che proviene dal famoso Folio Percy (I, 248-252), redatto nel XVII secolo, una delle principali fonti per la conoscenza delle più antiche ballate britanniche e base delle Reliques of Ancient English Poetry... (continua)
Glasgerion was a kings owne sonne,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 13/10/2014 - 23:35
Downloadable! Video!

Do You Hear Me Now?‎

‎[1965]‎
Dall’album d’esordio intitolato semplicemente “Bert Jansch”‎
Famosa anche nella cover offerta da Donovan nel 1971.‎



L’apice della “guerra fredda”, lo spettro di un imminente olocausto nucleare, l’appello all’azione ‎rivolto al movimento pacifista …‎
Una canzone ed un autore fondamentali che ancora mancavano sulle CCG/AWS.‎
Bert Jansch, folksinger scozzese tra i fondatori dei Pentangle, ha influenzato molti ‎musicisti divenuti in seguito ben più famosi di lui, come Donovan, Jimmy Page, Simon & ‎Garfunkel, Neil Young e Nick Drake.‎
E’ morto solo pochi mesi fa, il 5 ottobre 2011, ucciso da un maledetto cancro.‎
Freedom fighters
(continua)
inviata da Dead End 19/7/2012 - 14:44
Downloadable!

The Plains Of Waterloo

anonimo
Traditional / Tradizionale, ca. 1825
Testo ripreso / Lyrics reproduced from
Mudcat Café
Prima pubblicazione a stampa:
First published in writing:
Frank Kidson / William Reeves, Old English Country Dances, London 1890


Willie e Annie
di Riccardo Venturi

Ancora oggi, dopo quasi nove anni di CCG, mi vengono a mente canzoni che “ci dovevano essere” e che, invece, non ci sono; è il caso di questa splendida ballad di epoca napoleonica, che conosco da più di trent'anni nella versione (che la ha resa ancor più splendida) del John Renbourn Group. Quando si dice “John Renbourn” si dicono altre due cose: “Pentangle” e “Jacqui McShee”. Jacqui McShee era la cantante del gruppo, comunque si chiamasse; una voce, come si dice dalle mie parti, di quelle che schiodano. Senza contare che The Plains of Waterloo è stata interpretata anche da un altro “mostro” del folk britannico, June Tabor.

Le ballate... (continua)
One fine summer's morning as I went a-walking
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/11/2011 - 00:28




hosted by inventati.org