Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Autore Luís Cília

Rimuovi tutti i filtri
Video!

El pueblo unido jamás será vencido

A adaptação portuguesa de Luís Cília [1974]



Registrato in Francia nel 1974 assieme ai Quilapayún, che vi si trovavano in esilio dopo il golpe dell'11 settembre 1973, O povo unido jamais será vencido di Luís Cília è, al tempo stesso, un adattamento abbastanza fedele dell'originale e una canzone portoghese di lotta. L'anno, il 1974, non è certo casuale. L'incisione diede luogo a un singolo che, sul lato B, conteneva Uma palavra antiga; nel Povo unido portoghese formano il coro Carlos Vaz, Helena Malho, Nina e António Jotta (la copertina del disco fu realizzata da Maria Judith Cília, la moglie di Luís). Inutile dire che, dopo il 25 aprile 1974, la canzone ebbe un ruolo importante nell'irripetibile periodo susseguito alla Revolução dos Cravos e che durò in Portogallo fino a tutto il 1975. [RV]
O povo unido jamais será vencido!

(continua)
inviata da Riccardo Venturi 28/6/2018 - 11:31
Video!

Novembro

Versi di Rui Knopfli (Rui Manuel Correia Knopfli, 1932-1997), poeta, giornalista, critico letterario e cinematografico portoghese di origine mozambicana.
Musica di Luís Cília.
Nel disco intitolato “Memória” del 1976

Una poesia composta evidentemente pochi mesi dopo la “Rivoluzione dei Garofani” dell’aprile 1974, un primo bilancio della libertà conquistata, o ancora da conquistare: “La lotta continua! Coraggio! La nostra vittoria è certa!”
Leveda a broa
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 24/9/2015 - 15:09
Video!

Memória

Versi di José Carlos Ary dos Santos (1937-1984), poeta portoghese
Musica di Luís Cília.
Nel disco intitolato “Memória” del 1976

Una sintetica eppure precisa ed intensa descrizione del Portogallo e del suo popolo sotto la dittatura salazarista…
Era uma vez um país
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 24/9/2015 - 14:38
Video!

Na capela ogival das tuas mãos

Versi di Carlos Cunha (ignoro se si tratti del poeta brasiliano Luis Carlos da Cunha, classe 1933)
Musica di Luís Cília.
Nel disco intitolato “Memória” del 1976
Na capela ogival das tuas mãos
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 24/9/2015 - 14:36
Video!

Canção do camponês-operário

Versi di Rui Knopfli (Rui Manuel Correia Knopfli, 1932-1997), poeta, giornalista, critico letterario e cinematografico portoghese di origine mozambicana.
Musica di Luís Cília.
Nel disco intitolato “Memória” del 1976
Vim da aldeia, fui prá vila
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 24/9/2015 - 14:34
Video!

Écloga em tempo de guerra

[secondo dopoguerra]
Versi di David de Jesus Mourão-Ferreira (1927-1996), scrittore e poeta portoghese, autore di alcune delle canzoni più famose di Amália Rodrigues, come Abandono (Fado Peniche) e Libertação.
Nella raccolta “Tempestade de Verão” pubblicata nel 1954.

Messi in musica da Luís Cília nel 1971
Nel suo album intitolato "Penumbra - A poesia de David Mourão Ferreira" pubblicato nel 1987
Só grilos desafinados
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 22/9/2015 - 15:03

Minha pena minha espada

[1965]
Versi del poeta Manuel Alegre, nella raccolta “O Canto e as Armas” pubblicata nel 1967.
Musica di Luis Cília
Nel disco intitolato “Portugal Resiste” pubblicato in Francia nel 1965.
Dois países num país
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 16/10/2014 - 09:07
Video!

O menino negro não entrou na roda

‎[1958?]‎
Versi di Geraldo Bessa Victor (1917-1990), poeta angolano.‎
Musica di Luís Cília
Dal disco “Portugal-Angola: chants de lutte” pubblicato da Le Chant Du Monde nel 1964‎
In seguito rieditata nell’album “Meu País” del 1973‎

O menino negro não entrou na roda
(continua)
inviata da Dead End 14/12/2012 - 10:42
Video!

Guitarras como tristeza

‎[1964]‎
Versi di Rui Namorado, poeta portoghese, oggi docente di economia all’Università di Coimbra. Suo ‎il blog O Grande Zoo
Musica di Luís Cília
Dal disco “Portugal-Angola: chants de lutte” (Le Chant Du Monde)‎
In seguito rieditata nell’album “Meu País” del 1973‎

Guitarras como tristeza
(continua)
inviata da Dead End 14/12/2012 - 10:29
Video!

Sei que me esperas

‎[1973]‎
Versi del giornalista e poeta antifascista portoghese ‎‎João Apolinário (1924-1988), l’autore di ‎‎É preciso avisar toda a gente e di Recuso-me.‎
Musica di Luís Cília
Dal disco intitolato “Contra a ideia da violência a violência da ideia” (Le Chant Du Monde)‎

Sei que me esperas lutas e confias
(continua)
inviata da Dead End 14/12/2012 - 10:20
Video!

O que menos importa

‎[1964]‎
Versi di Daniel Damásio Ascensão Filipe (1925-1964), poeta capoverdiano.

Emigrato con la famiglia in Portogallo che era ancora un bambino, Daniel Filipe fece gli studi liceali a Lisbona, Divenne poi giornalista e poeta e veemente oppositore della dittatura salazarista, cosa che gli valse arresti e torture. Morì prematuramente, a soli 39 anni, nel 1964.


Musica di Luís Cília
Dal disco “Portugal-Angola: chants de lutte” (Le Chant Du Monde)‎
In seguito rieditata nell’album “Meu País” del 1973‎

O que menos importa é o fato surrado
(continua)
inviata da Dead End 14/12/2012 - 10:11
Video!

Aqui ficas

‎[1964]‎
Versi di José Gomes Ferreira (1900-1985), scrittore e poeta portoghese.‎
Musica di Luís Cília
Dal disco “Portugal-Angola: chants de lutte” (Le Chant Du Monde)‎
In seguito rieditata nell’album “Meu País” del 1973‎

Aqui ficas, melodia
(continua)
inviata da Dead End 14/12/2012 - 09:48
Downloadable! Video!

Não podemos calar o que nos dói para lá do oceano (à memória de Juan Torres)‎

‎[1976]‎
Parole di Manuel Correia
Musica di Luís Cília
Dall’album “Memória”‎



Canzone dedicata a Juan José Torres, conosciuto come “JJ” (Jota Jota), l’ “Allende” boliviano.‎
Militare di professione ma di sentimenti democratici, divenne presidente della Bolivia nel 1970 ‎grazie al sostegno di operai, contadini, studenti e dei settori di sinistra dell’esercito, ma neppure un ‎anno dopo fu deposto da un golpe fascista diretto dal generale Hugo Banzer. Scappato prima in ‎Perù, poi in Cile e infine in Argentina, il 2 giugno 1976 “JJ” fu sequestrato ed assassinato a Buenos ‎Aires nell’ambito del tristemente noto “Plan Cóndor”, il piano di coordinamento fra i regimi fascisti ‎latinoamericani e la CIA americana volto ad eliminare gli esponenti dei movimenti di opposizione ‎in tutta l’America Latina.‎
Ficarás sempre connosco, companheiro.‎
(continua)
inviata da Bartleby 24/2/2012 - 15:43
Downloadable! Video!

Assim cantamos

‎[1976]‎
Parole di Manuel Correia
Musica di Luís Cília
Dall’album “Memória”‎
Assim cantamos e escrevemos
(continua)
inviata da Bartleby 24/2/2012 - 11:59
Downloadable! Video!

Recuso-me

‎[1967?]‎



Versi del giornalista e poeta antifascista portoghese ‎‎João Apolinário (1924-1988), ma ‎ignoro da quale raccolta siano tratti.‎
Musica di Luís Cília, dall’album intitolato "La Poésie Portugaise de nos jours et de toujours", edito ‎in Francia nel 1967.‎
Recuso-me a ficar amolecido
(continua)
inviata da Bartleby 22/2/2012 - 11:32
Downloadable! Video!

É preciso avisar toda a gente

‎[1955]‎

Versi del giornalista e poeta antifascista portoghese ‎‎João Apolinário (1924-1988), ‎dalla raccolta “Morse de Sangue”.‎
Musica di Luís Cília, dall’album recitativo intitolato "La Poésie Portugaise de nos jours et de ‎toujours", edito in Francia nel 1967.



É preciso avisar toda a gente
(continua)
inviata da Bartleby 22/2/2012 - 09:56
Downloadable! Video!

Malbrough s'en va-t-en guerre, ou Mort et convoi de l'invincible Malbrough

anonimo
A guerra do Mirandum, la versione anonima in lingua Mirandese cantata da Luis Cília nel disco “O Guerrilheiro” [1974]
A guerra do Mirandum, a versão anónima em língua Mirandesa cantada por Luis Cília no disco “O Guerrilheiro” [1974]
A guerra do Mirandum, the anonymous version in the Mirandese language sung by Luis Cília in the album “O Guerrilheiro” [1974]
A guerra do Mirandum, la version anonyme en langue mirandaise chantée par Luis Cília dans l'album “O Guerrilheiro” [1974]
A guerra do Mirandum, laulun tuntematon versio mirandeesin kielellä, jonka laulaa Luis Cília albumissa “O Guerrilheiro” [1974]



‎“Chama-se em terras de Miranda do Douro, guerra de Mirandum, à guerra do pacto de família
em 1762, durante a qual esta cidade foi tomada pelo general espanhol Marquez de Sarria.
Há críticos que supõem que data da guerra da guerra de sucessão, sendo composta depois da batalha ‎de Malplaquet na qual o Duque de Malbrough infligiu a terrível derrota à França. Em francês, pelo ‎emprego arcaico de algumas frases... (continua)
A GUERRA DO MIRANDUM
(continua)
inviata da Bartleby 22/2/2012 - 09:36
Video!

O Adeus d'um proscrito

[1820]
texto: José Pinto Rebelo de Carvalho
música: O compositor é desconhecido
álbum: O Guerrilheiro [1974]

Canção do século XIX.0 autor desta poesia (José Pinto Rebelo de Carvalho) emigrou para a Inglaterra depois do malogro da revolta de 1820, e mais tarde, estabelecido o sistema liberal, entrou na Magistratura Judicial.
Rompe a aurora: adeus, esposa...
(continua)
inviata da giorgio 5/10/2011 - 18:20
Video!

Exílio

[1964]
Album "Portugal-Angola - Chants de Lutte", poi rieditato nel 1970 con il titolo "Meu país".

Parole del poeta Manuel Alegre.

Testo trovato sulla pagina ufficiale di Luís Cília
Venho dizer-vos que não tenho medo
(continua)
inviata da Alessandro 10/11/2009 - 13:09
Video!

Canta

[1964]
Album "Portugal-Angola - Chants de Lutte", poi rieditato nel 1970 con il titolo "Meu país"
Parole del poeta Daniel Filipe.

Testo trovato sulla pagina ufficiale di Luís Cília
Canta
(continua)
inviata da Alessandro 10/11/2009 - 09:44
Video!

Basta

[1964]
Album "Portugal-Angola - Chants de Lutte", poi rieditato nel 1970 con il titolo "Meu país"
Parole del poeta Daniel Filipe.

Testo trovato sulla pagina ufficiale di Luís Cília
Uma estrela,
(continua)
inviata da Alessandro 10/11/2009 - 09:41
Video!

Meu país

[1964]
Album "Portugal-Angola - Chants de Lutte" (poi rieditato nel 1970 con il titolo "Meu país")
Parole del poeta Daniel Felipe

Trovata sulla pagina ufficiale dell'autore.
Meu país meu pais
(continua)
inviata da Alessandro 10/11/2009 - 09:25
Video!

Bairro de lata

[1964]
Album "Portugal-Angola - Chants de Lutte"
Parole del poeta Jonas Negalha.

Trovata sulla pagina ufficiale dell'autore.
Lentamente
(continua)
inviata da Alessandro 10/11/2009 - 09:19
Video!

Duas melodias

[1964]
Album "Portugal-Angola - Chants de Lutte"

Trovata sulla pagina ufficiale dell'autore.
É sempre a mesma melodia
(continua)
inviata da Alessandro 10/11/2009 - 09:12
Video!

A Bola

[1964]
Album "Portugal-Angola. Chants de lutte"
Parole di Jonas Negalha
Musica di Luís Cília

Una canzone terribile, e non credo nemmeno sia solo metaforica... Durante la guerriglia anticoloniale iniziata nel 1961 sia alcune delle fazioni indipendentiste (come l'UPA di Holden Roberto) sia l'esercito portoghese si macchiarono di atrocità inenarrabili contro la popolazione civile. E se il 1974 per il Portogallo significò la fine della dittatura di Salazar, la libertà e l'abbandono del colonialismo, per l'Angola indipendente volle invece dire l'inizio di un'altra lunga e sanguinosa guerra, un'atroce guerra civile che ebbe fine solo nel 2002 con un bilancio di centinaia di migliaia di morti e di mutilati dalle mine e quattro milioni di profughi...

Testo trovato qui
Rola
(continua)
inviata da Alessandro 10/11/2009 - 08:36
Video!

Canción del esposo soldado

[1977]
Album "Denegado"
Scritta da Miguel Hernández
Musica di Luís Cília
He poblado tu vientre de amor y sementera,
(continua)
inviata da Alessandro 9/10/2009 - 11:41
Video!

Día de fiesta

[1977]
Scritta da Luis Cilía
Día de fiesta
(continua)
inviata da Alessandro 9/10/2009 - 11:26
Video!

Soldadim catrapim

[1970]
Música / Musica: A. P. Braga
Letra / Testo: Carlos Rodrigues
António Pedro Braga - 1970 (Movieplay SON 100.008)


Nato a Vendas Novas, António Pedro Braga fu, durante gli ultimi anni della dittatura fascista portoghese, un cantautore impegnato i cui spettacoli a fianco di cantautori come José Afonso, Adriano Correia de Oliveira e altri, furono più incisive nell'ambiente studentesco e delle associazioni ricreative del centro e del sud del Paese. Si è dedicato anche al teatro ("O racismo não existe").
In quel periodo incise due dischi (sottoposti a censura); nel primo di essi, dalla quale è tratta anche questa canzone, si trova un'intepretazione della canzone di Luis Cília, "O menino negro não entrou na roda" (lato A, traccia 2). Attualmente António Pedro Braga è tecnico informatico. [CCG/AWS Staff]
Que linda menina, que vem de avental,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 26/3/2009 - 01:53
Video!

Menina dos olhos tristes

[1969]
Letra/Testo: Reinaldo Ferreira
Música/Musica: José "Zeca" Afonso
Interpretazioni: José Afonso, Adriano Correia de Oliveira
Album (José Afonso): "De capa e batina"

Una canzone anticolonialista, contro il male di tutte le guerre... (è anche un specie di "Fila la lana"!)
Interpretata anche da Luís Cília nel disco "Portugal Resiste!" del 1965.

Canção musical de tipo estrófico, ilustrativa do Movimento da Balada, em compasso 6/8 e tom de Mi Menor, de melodia muito sentimental, ilustrativa do choro dos mortos regressados das frentes de combate em Angola, Guiné e Moçambique durante a Guerra Colonial (1961-1974). A 6ª estrofe ("O soldadinho já volta") enforma mesmo de alguma morbidez na vocalização de José Afonso. O coro adquire uma coloração funérea. De acordo com as declarações prestadas por Rui Pato (17/01/2006), esta composição foi concebida por José Afonso tendo por motivo nuclear... (continua)
Menina dos olhos tristes
(continua)




hosted by inventati.org