Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date
Lorenzo Masetti 2019/8/18 - 11:41
Riccardo Venturi 2019/6/29 - 10:30
Downloadable! Video!

Boiati

2015
Mamihlapinatapai
Er potere teme le parole
(Continues)
Contributed by Dq82 2019/6/10 - 17:35
Song Itineraries: From World Jails
Video!

Ti chiamo per nome, prigione!

Registrazione dal vivo su lettura improvvisata: roma, Isola Tiberina, 25/06/2013
Ti chiamo per nome, prigione!
(Continues)
Contributed by Dq82 2019/6/10 - 17:28
Song Itineraries: From World Jails
Video!

Terra desolata

2019
"Medioevo digitale"
Presidente dei giorni incantati
(Continues)
Contributed by Dq82 2019/6/10 - 12:40
Video!

Cosa sarà

[1979]
Testo / Lyrics / Paroles / Sanat: Rosalino Cellamare
Musica / Music / Musique / Sävel: Rosalino Cellamare / Lucio Dalla
Interpretata con / Performed together with / Interprétée avec Francesco De Gregori / Kappale suoritettiin yhdessä Francesco De Gregorin kanssa
Altro interprete / Also performed by / Interprétée aussi par : Rosalino Cellamare ("Ron")
Album / Albumi: Lucio Dalla [1979]

Cosa sarà? Bella domanda, quarant'anni dopo; a rigore, dovrebbe essere declinata, ora, nella forma: “Cosa è stato?”; e sono state tante cose. Una vita intera. Per persone della mia età, costringe a ripensare all'adolescenza, alla giovinezza; e alle circostanze in cui erano vissute, in un periodo molto diverso da quello attuale. Ma non intendo fare il “passatista a oltranza”, anche se -è vero-, oltrepassata una certa soglia si tende ad esserlo e/o a farlo quasi per natura; è l'eterno mito dei “vent'anni”,... (Continues)
Cosa sarà
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2019/6/10 - 11:02
Video!

Prisoner's Talking Blues

[1959]
Parole e musica di Robert Pete Williams (1914-1980), bluesman della Louisiana
In "Angola Prisoners' Blues", registrazioni degli etnomusicologi Harry Oster e Richard B. Allen nel penitenziario statale della Louisiana
Testo trovato sul blog The Daily Guru e corretto all'ascolto.

Evidentemente le note biografiche concernenti Robert Pete Williams su en.wikipedia non sono esattissime... Nel 1959 doveva essere ancora dentro, visto che è ad Angola che lo registrarono quell'anno... Comunque non è una cosa così importante... Importante è la tristezza, la devastazione interiore che scaturisce da questo blues davvero primordiale e straziante... Credo che se qualcuno dei suoi compagni di prigionia vi assistette, lo implorò di smettere...
In questo blues è concentrato tutto il sentimento di un uomo privato della libertà.
Tutta la prima parte è una spoken song che prepara il canto doloroso finale.
Il Blues, secondo me, è questa roba qua. Non altro.
Lord, I feel so bad sometime
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/6/9 - 22:58
Song Itineraries: From World Jails
Video!

Marching Off to War

(1983)
Album: Another Perfect Day

Non una delle migliori dei Motorhead, ma il testo sembra un prologo a un capolavoro come God Was Never on Your Side.
Another battle´s over,
(Continues)
2019/6/9 - 12:36
Video!

Pardon Denied Again

[1958]
Parole e musica di Robert Pete Williams (1914-1980), bluesman della Lousiana
Nell'album "Those Prison Blues", pubblicato nel 1959

La storia di Robert Pete Williams è molto simile a quella di Huddie William Ledbetter, detto Lead Belly.
Nato in una poverissima famiglia di sharecroppers, schiavi della terra, il giovane Robert Pete Williams crebbe senza istruzione, raccogliendo cotone e tagliando canna da zucchero. A 20 anni si costruì una chitarra: la cassa era una scatola di metallo, le corde fili di rame. Appena potè, se ne comprò una vera, di quelle a buon mercato. Tra gli anni 30 e i 50 suonò senza sosta alle feste di ogni genere, continuando a lavorare in un deposito di legname a Baton Rouge.

Ma nel 1956 Robert Pete Williams uccise un uomo nel corso di un alterco in un night club. Disse che era stato costretto a difendersi ma non fu creduto e venne condannato all'ergastolo,... (Continues)
Lord I got myself on the pardon board
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/6/9 - 10:09
Song Itineraries: From World Jails
Video!

Death or Glory

(1993)

Album: Bastards

Una canzone che riprende direttamente Universal Soldier, citata apertamente nella seconda strofa.
I saw the millions, the naked and the dead
(Continues)
2019/6/9 - 00:39
Video!

Don't Let Daddy Kiss Me

dall'album Bastards - 1993

Da un album totalmente auto-prodotto in seguito ai dissidi con la Sony, una delle più esplicite e toccanti canzoni dedicate agli abusi sessuali sui minori. Scritta in realtà tre anni prima, la canzone era stata offerta a Lita Ford e Joan Jett, ma alla fine fu incisa solo da Lemmy.
Little girl sleeping in dreams of peace
(Continues)
2019/6/9 - 00:33
Song Itineraries: Child Abuse
Video!

Workin' Woman Blues

[2012]
Nell'album "Pushin' Against a Stone", pubblicato nel 2013
I ain't fit to be no mother
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/6/8 - 22:20
Video!

Che il lupo cattivo vegli su di te

[2013]
Scritta da Andrea Appino
Nel suo album "Il testamento"
Dormi piccolino, è luna piena già
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/6/8 - 20:05
Song Itineraries: AWV (AntiWar Wolves)
Video!

Francesco Baccini: Antonello Venditti

[1992]
Parole e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel: Francesco Baccini
Album / Albumi: Nomi e Cognomi

Dedicata al Webmaster brutalizzato da un anonimo apostolo di Lucio Dalla, e a Sergio Falcone.
Curiosamente, in rete (Tubo ecc.) tutti i video relativi a questa canzone oramai quasi trentennale sono stati rimossi. Si trova solo il "piano tutorial" riportato nel box video.
Dallo storico album "Nomi e Cognomi", che contiene anche canzoni su Renato Curcio, Giulio Andreotti e Radio Maria. [RV]
Quanti bei giovanotti
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2019/6/8 - 10:07
Video!

On ira

(2013)

dall'album: Recto Verso

Le mille facce, le mille culture dell'essere umano, i poeti che non hanno bandiere, una canzone contro il razzismo e un elogio della diversità.
On ira écouter Harlem au coin de Manhattan
(Continues)
Contributed by Lorenzo 2019/6/7 - 22:17
Video!

Changes

[2006]
feat. Lupe Fiasco
La canzone che apre l'album "Born & Raised" di questa importante cantante berlinese, di madre tedesca e padre sudafricano.
There's so many things to say right now
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/6/7 - 22:01
Video!

Il Denaro

[2018]
Parole e musica di Lady Ubuntu, da Alessandria. La boyband che fa cultura.
Nell'album "Signore se esistessi non sentirei più il ritmo orrendo del pensiero che si avvita", pubblicato nel 2018
Testo trovato su LyricWiki
Odio il denaro
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/6/6 - 23:01
Video!

Epoca stupida e feroce

[2016]
Parole e musica di Lady Ubuntu, da Alessandria. La boyband che fa cultura.
Prima nell'EP omonimo, poi nell'album "Signore se esistessi non sentirei più il ritmo orrendo del pensiero che si avvita", pubblicato nel 2018
Testo trovato su LyricWiki
Bum-ci bum-ci bum-ci bum bum-ci-bum
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/6/6 - 22:57
Video!

Muovete le manine

[1995]
Nell'album "Cambio vita"
Siete pronti?
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/6/6 - 22:44
Video!

I Hung My Head

(1996)
Testo e musica di Sting
dall'album "Mercury Falling"
ripresa nel 2002 da Johnny Cash nel suo ultimo album pubblicato in vita "American IV: The Man Comes Around" e da Bruce Springsteen nel 2014 al Kennedy Center Honors 2014

Una bellissima canzone dal sapore country che affronta i temi eterni della vita e della morte, della giustizia e della redenzione, del crimine e della vendetta. Resa immortale nella versione di Johnny Cash.
Early one morning with time to kill
(Continues)
Contributed by Federico Mina 2019/6/6 - 22:01

La ballada del pover Tofin

[Secondo dopoguerra?]
Parole di Evelina Sironi, milanese, conduttrice radiofonica ed interprete teatrale e televisiva
Musica di Niny Comolli, milanese, pianista, prima donna a far parte dell'orchestra della RAI
Testo trovato su Milanesìabella

Anche in piemontese il cane meticcio, il bastardo, si dice "can da pajé"...
La ballada del pover Tofin
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/6/6 - 21:31
Video!

El cant dels ocells

El cant dels ocells o – nella forma antica – El cant dels aucells (= “Il canto degli uccelli”) è un tradizionale canto natalizio catalano, le cui origini risalgono al Medioevo.

Il canto è stato accompagnato da varie melodie, la più comune delle quali è stata resa popolare dal celebre violoncellista Pau Casals (1876 – 1973).

In Catalogna il brano è considerato una sorta di inno nazionale, alla stregua dell'inno ufficiale Els Segadors. A Barcellona, viene anche suonato durante le funzioni funebri di personaggi celebri è cantato anche come ninna nanna.

Il testo, che si compone di 15 strofe (di 6 versi ciascuna), parla della Nascita di Gesù, annunciata da 32 tipi diversi di uccelli, vale a dire: l'aquila imperiale, il passero, il verdone, il lucherino, il fanello, il tordo bottaccio o tordo comune, l'usignolo, il codirosso, il saltimpalo, il regolo, il canarino, l'allodola dei prati, il merlo,... (Continues)
En veure despuntar
(Continues)
2019/6/6 - 21:20

Le Soleil ivre

Lettre de prison 31
14 juin 1935

Dialogue Maïeutique

Il te souviendra, Lucien l’âne mon ami, que nous avions laissé le prisonnier nouvellement transféré dans sa prison modèle, gastronomique et ennuyeuse.

Certes, Marco Valdo M.I. mon ami, il en vantait même les petites fraises parfumées et le poulet à la menthe. Je me souviens aussi et il me semble que ça contredit cette vision idyllique des lieux pénitentiaires romains que dans sa nouvelle résidence, le jour pénétrait à peine et qu’il lui était impossible de jouïr du paysage touristique qu’il espérait.

En effet, répond Marco Valdo M.I., comme on pouvait le pressentir l’auberge magnifique au pied du Janicule était une fantasmagorie ; c’était de la dérision à l’état pur. Cette fois-ci, la canzone s’intitule « Le Soleil ivre ».

Le soleil ivre ?, qu’est-ce encore (kesaco?) que ce titre pharaonique ?, dis-moi Marco Valdo M.I.

Tu as raison,... (Continues)
J’aimais mieux Turin,
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2019/6/6 - 17:11

Castiadas

Album : Storie liberate

Storie liberate è un progetto artistico-letterario di ampio respiro che trae origine ed ispirazione da un importante recupero di documenti inediti rinvenuti recentemente negli archivi delle Amministrazioni penitenziarie della Sardegna.
Il lavoro comprende due Cd con 17 mie canzoni inedite e due Volumi che ne raccontano la genesi firmati da Vittorio Gazale
Nel Cd e nel Volume Storie liberate sono comprese le canzoni in lingua italiana, mentre nel Cd e nel Volume Istorias quelle in lingua sarda.
Il percorso di ricerca abbraccia un lungo arco di tempo, dal 1860 ad oggi, all’interno del quale la figura del detenuto riveste sempre la massima centralità e rilevanza. Grazie a questo particolare viaggio a ritroso nella memoria si è potuto così avere un inedito spaccato diacronico della vita carceraria in Sardegna.
“Liberare” queste carte, ingiallite dal... (Continues)
Cando in Austu ‘nde sun isbarcados
(Continues)
2019/6/6 - 08:34
Song Itineraries: From World Jails
Video!

Se io potessi scrivere

Album : Storie liberate

Liberamente tratto dalle lettere dal carcere del detenuto Nilo Vettorazzi

Storie liberate è un progetto artistico-letterario di ampio respiro che trae origine ed ispirazione da un importante recupero di documenti inediti rinvenuti recentemente negli archivi delle Amministrazioni penitenziarie della Sardegna.
Il lavoro comprende due Cd con 17 mie canzoni inedite e due Volumi che ne raccontano la genesi firmati da Vittorio Gazale
Nel Cd e nel Volume Storie liberate sono comprese le canzoni in lingua italiana, mentre nel Cd e nel Volume Istorias quelle in lingua sarda.
Il percorso di ricerca abbraccia un lungo arco di tempo, dal 1860 ad oggi, all’interno del quale la figura del detenuto riveste sempre la massima centralità e rilevanza. Grazie a questo particolare viaggio a ritroso nella memoria si è potuto così avere un inedito spaccato diacronico della... (Continues)
Uno sbuffo di cipria che scolora gli affanni
(Continues)
Contributed by adriana 2019/6/6 - 08:19
Song Itineraries: From World Jails

Storie liberate

Album : Storie liberate

Storie liberate è un progetto artistico-letterario di ampio respiro che trae origine ed ispirazione da un importante recupero di documenti inediti rinvenuti recentemente negli archivi delle Amministrazioni penitenziarie della Sardegna.
Il lavoro comprende due Cd con 17 mie canzoni inedite e due Volumi che ne raccontano la genesi firmati da Vittorio Gazale
Nel Cd e nel Volume Storie liberate sono comprese le canzoni in lingua italiana, mentre nel Cd e nel Volume Istorias quelle in lingua sarda.
Il percorso di ricerca abbraccia un lungo arco di tempo, dal 1860 ad oggi, all’interno del quale la figura del detenuto riveste sempre la massima centralità e rilevanza. Grazie a questo particolare viaggio a ritroso nella memoria si è potuto così avere un inedito spaccato diacronico della vita carceraria in Sardegna.
“Liberare” queste carte, ingiallite dal... (Continues)
Ci sono storie miniaturizzate
(Continues)
Contributed by adriana 2019/6/6 - 08:11
Song Itineraries: From World Jails
Video!

Un numero

Album : Storie liberate

Storie liberate è un progetto artistico-letterario di ampio respiro che trae origine ed ispirazione da un importante recupero di documenti inediti rinvenuti recentemente negli archivi delle Amministrazioni penitenziarie della Sardegna.
Il lavoro comprende due Cd con 17 mie canzoni inedite e due Volumi che ne raccontano la genesi firmati da Vittorio Gazale
Nel Cd e nel Volume Storie liberate sono comprese le canzoni in lingua italiana, mentre nel Cd e nel Volume Istorias quelle in lingua sarda.
Il percorso di ricerca abbraccia un lungo arco di tempo, dal 1860 ad oggi, all’interno del quale la figura del detenuto riveste sempre la massima centralità e rilevanza. Grazie a questo particolare viaggio a ritroso nella memoria si è potuto così avere un inedito spaccato diacronico della vita carceraria in Sardegna.
“Liberare” queste carte, ingiallite dal... (Continues)
“La civiltà di un popolo, di un intera nazione/si evince dallo stato di ogni sua prigione”
(Continues)
Contributed by adriana 2019/6/6 - 07:51
Song Itineraries: From World Jails
Video!

My Yiddishe Momme

[1925]
Parole di Jack Selig Yellen (1892-1991), il nome americano di Jacek Jeleń, ebreo, di origine polacca, emigrato negli USA con la sua famiglia da bambino, sul finire dell'800.
Musica di Jack Selig Yellen e Lew Pollack (1895-1946), compositore statunitense.

La canzone ebbe diversi interpreti ma divenne celebre nell'interpretazione di Sophie Tucker (1886-1966), il nome americano di Sofya Kalish, ebrea, immigrata con la famiglia da Tulchyn, allora cittadina dell'Impero Russo, oggi in Ucraina. Prima di emigrare negli USA il padre di Sofya aveva cambiato il proprio cognome in Abuza, perchè temeva di essere arrestato come disertore dell'esercito imperiale e le persecuzioni nei confronti dei suoi familiari. Doveva essere molto duro e pericoloso da quelle parti, a quei tempi, essere ebrei e pure renitenti alla leva...

I sentimentali e struggenti versi di Jacek Jeleń trovarono in Sofya Kalish... (Continues)
Of things I should be thankful for I've had a goodly share
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/6/5 - 22:21
Song Itineraries: Anti War Love Songs
Video!

Manifiesto

Testo finlandese / Finnish lyrics / Paroles finnoises / Letra finlandesa / Suomenkieliset sanat: Timo Kiiskinen



It took more than 46 years for this first Finnish version of Victor Jara's beautiful song to appear. All I can say is that it was worth the wait.
MANIFIESTO
(Continues)
Contributed by Juha Rämö 2019/6/5 - 19:04
Video!

Galleria Del[l]e Armi

Balvano, il Titanic ferroviario
di Elisabetta Gullo

Riccardo Venturi 2019/6/5 - 15:12
Video!

Mia libertà

2019
“Medioevo Digitale“
T'illudono e t' ingannano trent'anni
(Continues)
Contributed by Alessandro 2019/6/5 - 14:25

Walls of Troy

Terry Conway
Known released recorded versions by
Terry Conway, The House Band, and Pete Coe.
Now the banners ride the winds of peace, The pilgrims take the road,
(Continues)
Contributed by Christopher Platt 2019/6/5 - 05:13
Downloadable! Video!

L'Internationale

Dear Arisztid,

I would be able to extract (= copy) at least the phonemic transliteration but, sadly enough, the video is unclear and almost unreadable. I'll try anyway. Thanks for this rare and precious contribution to this page; going to put it in the "Lyricless and various videos" section for the moment, hoping I'll be able to read the transcription from the video.
Riccardo Venturi 2019/6/4 - 23:22
Video!

Les petites Fraises parfumées

Les petites Fraises parfumées

Lettre de prison 30
10 juin 1935


Dialogue Maïeutique

Lucien l’âne mon ami, tout comme le fait le Dr. Levi, reprenons notre récit à un moment et à un endroit antérieurs. En l’occurrence, il évoque aux fins de comparaison, d’un côté, la prison de Turin – le Nuove, où il séjourna par deux fois à un intervalle d’un an en 1934 et 1935 et de l’autre, la prison de Rome, Regina Cœli, où il vient d’être transféré de façon rocambolesque. Pour rappel, il avait été arrêté à Turin dans un groupe d’autres intellectuels pour l’essentiel issus du milieu juif piémontais. Cependant, je ne pense pas qu’à ce moment-là, il s’agissait pour la police politique fasciste de les arrêter parce qu’ils étaient juifs, ni qu’elle soupçonnait racistement un complot juif. Elle n’en était encore qu’au racisme ordinaire, à l’usuel antisémitisme catholique. Le régime fasciste fera son aveu... (Continues)
Quand on m’a enlevé à Turin
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2019/6/4 - 18:28
Video!

Revelation: Revolution '69

[1969]
Scritta da Bob Finiz e Joe Butler
La canzone che dà il titolo all'ultimo album in studio della band newyorkese
And no one dares to ask them what they do there after dark
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/6/4 - 18:27
Video!

Sowing the Seeds of Love

[1986-89]
Scritta da Roland Orzabal e Curt Smith
Nell'album "The Seeds of Love", pubblicato nel 1989

Una canzone – come Everybody Wants To Rule The World e Shout – anche questa celeberrima e anche questa tutta politica, fin dall'incipit:

"E' giunto il momento di prendere posizione e di scuotere le opinioni dell'uomo comune... Bisogna cominciare a seminare semi d'amore, perchè siamo ridotti senza amore, senza una terra promessa, una ragione per vivere, sballottati dai piani governativi impersonati da una vecchia – la Lady di Ferro Margaret Thatcher, allora ormai a fine corsa – che crede di esprimere alti ideali mentre ignora ciò che la maggioranza sente e vuole... E' tempo di aprire gli occhi, di gridare, di agire, di seminare semi d'amore per combattere l'avidità e la grettezza... Seminare semi d'amore..."
High time, we made a stand
(Continues)
Contributed by Bernart Bartleby 2019/6/4 - 18:07
Video!

Cerco un sogno ma non c'è

Come fa il ricco a farsi amare dai poveri ?
(Continues)
Contributed by Zannini nicola 2019/6/4 - 17:43
Video!

Uno come noi

ONE LIKE US
(Continues)
Contributed by Dq82 2019/6/4 - 15:21
Video!

Liberté zéro

2006
Mélangez-vous
À grands coups de ciseaux dans l'azur
(Continues)
Contributed by Dq82 2019/6/4 - 14:58
Video!

In Death's Shadow

2009

An elegy to those who died on June the 4th, 1989.

L'autore sembrerebbe essere uno sconosciuto musicista, il testo l'ho trovato su Youtube
You who stood at Tiananmen
(Continues)
Contributed by Dq82 2019/6/4 - 12:59
Song Itineraries: Tien An Men Square, 1989
Downloadable! Video!

Tiananmen

2016
The Hum
I looked at the face of a lost boy in a photograph
(Continues)
Contributed by Dq82 2019/6/4 - 12:33
Song Itineraries: Tien An Men Square, 1989
Downloadable! Video!

Tiananmen Square

2017
Fear Not
A little Asian flare on your tea set there
(Continues)
Contributed by Dq82 2019/6/4 - 12:21
Song Itineraries: Tien An Men Square, 1989
Video!

News From Tienanmen

1990
Futurista
Whatever happened to my mind
(Continues)
Contributed by Dq82 2019/6/4 - 12:05
Song Itineraries: Tien An Men Square, 1989
Video!

Canto de’ malavita

Il testo non è corretto
"Scontrai la corte e me pijo' de piccio" non piovò
"Fermo gravaccio" non crevaccio
"W me portorno alle carcere nove" non carceri
Diego 2019/6/4 - 11:54
Downloadable! Video!

Tο μακρύ ζεϊμπέκικο για τον Níκο Κοεμτζή

Allora ti ringrazio anche personalmente, Gianluca (sono l'autore della traduzione, del commento e delle note). A suo tempo, per fare questa pagina, ci sudai parecchio perché, te lo assicuro, è un testo molto difficile anche dal punto di vista linguistico. E' una vicenda, quella di Nikos Koemtzìs, che è tornata parecchio alla ribalta in Grecia anche in tempi molto recenti, e mi fa davvero piacere che tu la abbia scoperta perché dice parecchie cose che, secondo me, non hanno a che fare soltanto con la Grecia. Purtroppo vedo che il film "Parangelià", che la raccontavo, non è più disponibile nella sua interezza su YouTube; ne sono rimasti solo alcuni spezzoni, tra cui quello dello zeïbekiko; dovrò quindi ristrutturare un po' la pagina. Saluti carissimi, Gianluca, e grazie ancora; torna a trovarci !
Riccardo Venturi 2019/6/3 - 19:14
Video!

La Storia

Alla canzone la storia degli Africa unite manca la parte in inglese quindi e' inutile dire che c'e' il testo completo se poi non e' comepleto
Stefano 2019/6/3 - 17:08




hosted by inventati.org