Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Before 2011-1-2

Remove all filters

L'été à Pékin

L'été à Pékin

Canzone française – L'été à Pékin – 1900 – Marco Valdo M.I. – 2010
Histoires d'Allemagne 3
Au travers du kaléidoscope de Günter Grass. : « Mon Siècle » (Mein Jahrhundert, publié à Gottingen en 1999 – l'édition française au Seuil à Paris en 1999 également)et de ses traducteurs français : Claude Porcell et Bernard Lortholary.

Les mouvements historiques sont lents comme ceux des aïs et souvent souterrains. L'histoire est faite par une taupe... Sais-tu cela, Lucien l'âne mon ami, toi qui la fréquente depuis si longtemps, l'histoire.

En effet, Marco Valdo M.I. mon ami, les gens se trompent qui n'en voient que le moment, qui ne perçoive que les événements... C'est l'écume des temps... Et pourtant... quand on a parcouru l'histoire aussi longtemps que je l'ai fait, on s'aperçoit bien vite qu'elle est faite comme la mer... Qu'elle arrive par longues vagues, avec par en dessous... (Continues)
Moi, chaque année, je m'échange contre moi
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2011/1/2 - 22:50
Downloadable! Video!

North West Frontier

[2009]
Lyrics & Music by Robb Johnson

Acclaimed songwriter Robb Johnson has written this song in support of the campaign to get the troops out of Afghanistan.
Lance Corporal Joe Glenton, who is facing a court martial because he refuses to return to fight in Afghanistan, will defy military orders from his commanding officer and join the 24 October demonstration.

"I am marching to send a message to Gordon Brown. Instead of sending more troops, he must bring them all home. I’m proud to be marching again - this time with Stop the War.
The war in Afghanistan has entered its eighth year. In all that time the politicians who have sent soldiers to the front line have failed to offer any convincing reasons. Morale in the army among the people I served with is at an all time low. The army has always been told “we’ll be home by Christmas” but now we’re told we could be there for 30 years.
I... (Continues)
Danny came from West Ham
(Continues)
Contributed by giorgio 2011/1/2 - 14:36
Downloadable! Video!

The Empire Strikes First

[2004]
Songwriters: Brett Gurewitz and Brian Baker
Album: The Empire Strikes First

The title of this song is a reference to the Bush Doctrine of preventive war, and a play on the name of the popular "Star Wars" movie "The Empire Strikes Back".
We strike first
(Continues)
Contributed by giorgio 2011/1/2 - 10:47
Downloadable! Video!

Lady USA

oddio, sarebbe giusto che i nostri amici hobbit facessero un canzone su la strage di Nanchino... non sapete cosa sia? digitate su il motore di ricerca, e leggete come sono stati bravi i soldati giapponesi sui civili cinesi inermi... comunque sia, GRANDE EUROPA!
alessio 2011/1/2 - 04:11
Downloadable! Video!

Il minatore di Frontale

Quello che scrivi è molto giusto, ma la fine è proprio sbagliata, mi spiace.
De Sfroos ha cantato alla festa della Lega ed è stato ospite a Radio Padania, si, ma solo perchè l'hanno invitato.
Ha cantato però anche a Radio Popolare, la radio storica della sinistra milanese, e al meeting di CL per lo stesso identico motivo.
Davide, come ha dichiarato piu volte, non vota ormai da parecchio tempo e si definisce "così anarchico che mi da fastidio anche quest'etichetta".
Adesso, non è che perchè uno canta in dialetto ed è lombardo deve essere per forza leghista. Addirittura la sua prima band è stata una band punk, con cui è rimasto anche parecchio tempo. E non credo che ci sia qualcosa che è piu lontano di così dalla Lega.
Ci sono troppi pregiudizi in giro su De Sfroos.
un Cauboi 2011/1/1 - 22:16
Video!

Riccardo Marasco: L'Ammucchiata

sei veramente un grande da salvatore marasco
2011/1/1 - 20:11

Les fantômes de Lunebourg (Vakuum im Kopfe)

LES FANTÔMES DE LUNEBOURG
(Vakuum im Kopfe)

Canzone française – LES FANTÔMES DE LUNEBOURG - Vakuum im Kopfe (Histoires d'Allemagne 2) – Marco Valdo M.I. – 2010
Vialatteries II.

Mon cher Lucien l'âne mon ami, te souvient-il de cette canzone vialattesque qui racontait ce que j'avais appelé des « Histoires d'Allemagne » ?

Évidemment que je m'en souviens, Marco Valdo M.I. mon ami. Et comment ne pas s'en souvenir, elles étaient tellement terrifiantes tes histoires d'Allemagne. On sentait venir pire que le pire. Et le pire de tout, c'est qu'il est venu. On chiffre la chose à quarante millions de morts... ou plus. Certains parfois pourraient l'oublier, certains parfois voudraient qu'on l'oublie – et qu'on l'oublie tous. Pour pouvoir recommencer à créer un Empire, un Impero, un Reich... C'est là l'histoire du ventre encore fécond d'où est sortie la bête immonde... Qu'elle sorte une patte, qu'elle... (Continues)
FÉVRIER 1945 – LA LORELEI
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2011/1/1 - 15:00
Downloadable! Video!

Le fontane di Tetouan

Album: La mappa del mondo nuovo
Loro hanno dato retta all'impazienza
(Continues)
Contributed by adriana 2011/1/1 - 10:39
Video!

Salome

SALOMÈ
(Continues)
Contributed by Martina Mezirkova 2010/12/31 - 22:55
Video!

Canzone per Silvia

2012
I luf cantano Guccini

"Canzone per Silvia", cantar politico perché la politica serve

Silvia è Silvia Baraldini. Un piccolo passo indietro per spiegare di chi si tratta e perché Guccini ha deciso di dedicarle una canzone. Esponente di un partito rivoluzionario (Black Panther Party) attivo negli Stati Uniti negli anni '70 e '80 del secolo scorso, che combatteva per i diritti civili dei neri, fu condannata nel 1983 a una pena cumulativa di 43 anni di carcere negli Stati Uniti per concorso in evasione, associazione sovversiva, due tentate rapine e ingiuria al tribunale. Dopo la condanna si sono sviluppati negli Stati Uniti e in Italia gruppi di appoggio che giustificavano le sue attività terroristiche e ritenevano la condanna sproporzionata e persecutoria. Il forte sostegno alla sua causa da parte dei partiti di sinistra ha portato alla estradizione in Italia nel 1999. Secondo alcuni... (Continues)
DonQuijote82 2010/12/31 - 19:06
Video!

Just War

[2010]
Album: Dark Night Of The Soul

Just War", scritta e prodotta da Danger Mouse e Sparklehorse, è cantata da Gruff Rhys dei Super Furry Animals per il progetto "Dark Night of the Soul".
Anche in questo caso si parla di guerra, ma non fatevi ingannare dalla vivace melodia, i toni sono tutt'altro che ottimistici...
All ancient towers
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/31 - 15:25

When Empires Collide

[2006]
Songwriters: Ryan Harvey and Tom Frampton
Album: The Revolution Will Not Be Amplified
I feel resistance rising
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/31 - 15:21
Video!

Strange Meeting

[1918]
Lyrics by Wilfred Owen
Music by Benjamin Britten

[1962 in "War Requiem"]

"Strange Meeting" is a poem by Wilfred Owen which deals with the atrocities of World War I. It was written sometime in 1918 and it was published in 1919 after Owen's death. The poem is narrated by a soldier who goes to the underworld to escape the hell of the battlefield and meets there, the enemy soldier he killed the day before. This poem has been called as one of Owen's "most haunting and complex war poems".
It seemed that out of battle I escaped
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/31 - 09:53
Song Itineraries: World War I (1914-1918)
Video!

Rong Radio

[2006]
Album: Naked

"An aggressively, honest self portrait, a critique of modern society... his message will resonate strong"

"A passionate and direct attack on capitalism and media.. "
My ears are battered and burned and
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/31 - 09:05

Il brigadier tre stelle

Anonymous
interpretata da Sandra Mantovani

E’ una delle canzoni più cantate nelle carceri italiane. Segnalata da diversi informatori, questa riprodotta è stata comunicata da Alberto Ongaro che fu un prigione nel 1943 a Venezia, perchè membro attivo della Resistenza. Riferisce Ongaro che nelle carceri di S. Maria Maggiore questa versione era popolarissima e che la cantavano anche i gondolieri. Il testo è tipico delle canzoni di carcere, ma il ritornello riprende moduli tipici di stornellata toscana

Testo e note reperite in questo sito

Interpretata da Sandra Mantovani nell'EP "Canzoni dal carcere", pubblicato nel 1964 dalla I Dischi del Sole.

(B.B.)
Mamma, il brigadier tre stelle
(Continues)
Contributed by adriana 2010/12/31 - 09:04
Song Itineraries: From World Jails
Video!

Fermiamoli

Srop them
(Continues)
Contributed by DonQuijote82 2010/12/30 - 17:04
Downloadable! Video!

WTO

Version française – OMC-WTO – Marco valdo M.I. – 2010
Chanson italienne – WTO – Punkreas – 2002

De la page "Canzoni scritte per Carlo"du site www.piazzacarlogiuliani.org.

WTO en français, OMC, d'où le titre OMC-WTO . La chanson elle-même renvoie au G8 de Gênes et à la mort de Carlo Giuliani. Un mort qu'il convient de ne pas oublier et qu'il convient de rappeler … afin que nul n'en ignore. Car « ils » comptent sur l'oubli... D'où l'importance de la chanson...
OMC-WTO
(Continues)
Contributed by Marco Valdo M.I. 2010/12/30 - 17:02
Video!

No Parade

[1981]
Lyrics & Music by D Boon [Dennes Dale Boon (1958-1985)]
Album: The Punch Line
Having to fight..
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/30 - 15:29
Video!

Manifestation pacifique

[2007]
Album : CD 5 : Basta Ya

Paroles et Musique: Compagnie Jolie Môme

Sui fatti narrati si veda anche "Paris, Oct61"
C'était l'époque des yéyés
(Continues)
Contributed by adriana 2010/12/30 - 13:55
Song Itineraries: The Algerian War
Video!

Fanfare for a Conscious Man

[2009]
Album: Common Dreads
Each nation used to provide its country with security
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/30 - 13:47

Ambulance Train

[1918]

Dalla raccolta “Whin”.
Wilfrid Wilson Gibson fu ufficiale di sua maestà, ma non combattè in prima linea e neppure lasciò mai l’Inghilterra. Eppure gran parte delle sue poesie di quel periodo descrivono le atrocità della guerra dal punto di vista del soldato semplice mandato a crepare. Anche dopo la guerra Gibson mantenne nelle sue opere un’attenzione particolare per coloro che, anche in tempo di pace, sono troppo spesso i vinti, i fregati, comunque vada…
Musica per voce e pianoforte di John Jeffreys (1927-2010) talentuoso compositore inglese che negli anni 70, purtroppo, distrusse gran parte dei suoi lavori. Solo in parte furono in seguito ricostruiti a partire da alcune registrazioni.
Red rowans in the rain,
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/30 - 11:01
Song Itineraries: World War I (1914-1918)
Video!

Palestine Will Be Free

[2009]
Songwriters: Maher Zain, Hamza Namira and Bara Kherigi
Album: Thank You Allah
Every day we tell each other
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/30 - 10:30
Song Itineraries: The Palestinian Holocaust

The Quiet

[1915]

Dalla raccolta “Battle”.
Wilfrid Wilson Gibson fu ufficiale di sua maestà, ma non combattè in prima linea e neppure lasciò mai l’Inghilterra. Eppure gran parte delle sue poesie di quel periodo descrivono le atrocità della guerra dal punto di vista del soldato semplice mandato a crepare. Anche dopo la guerra Gibson mantenne nelle sue opere un’attenzione particolare per coloro che, anche in tempo di pace, sono troppo spesso i vinti, i fregati, comunque vada…
Musica di Philip Napier Miles (1865-1935), musicista, compositore e filantropo inglese, dal ciclo per voce e pianoforte intitolato “Battle, Ten Songs” (1917), interamente basato su poesie di Gibson.
I could not understand the sudden quiet
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/30 - 10:29
Song Itineraries: World War I (1914-1918)

The Lark

[1915]

Dalla raccolta “Battle” Wilfrid Wilson Gibson fu ufficiale di sua maestà, ma non combattè in prima linea e neppure lasciò mai l’Inghilterra. Eppure gran parte delle sue poesie di quel periodo descrivono le atrocità della guerra dal punto di vista del soldato semplice mandato a crepare. Anche dopo la guerra Gibson mantenne nelle sue opere un’attenzione particolare per coloro che, anche in tempo di pace, sono troppo spesso i vinti, i fregati, comunque vada…
Musica di Philip Napier Miles (1865-1935), musicista, compositore e filantropo inglese, dal ciclo per voce e pianoforte intitolato “Battle, Ten Songs” (1917), interamente basato su poesie di Gibson.
A lull in the racket and brattle,
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/30 - 10:25
Song Itineraries: World War I (1914-1918)

The Dancers

[1915]

Dalla raccolta “Battle” Wilfrid Wilson Gibson fu ufficiale di sua maestà, ma non combattè in prima linea e neppure lasciò mai l’Inghilterra. Eppure gran parte delle sue poesie di quel periodo descrivono le atrocità della guerra dal punto di vista del soldato semplice mandato a crepare. Anche dopo la guerra Gibson mantenne nelle sue opere un’attenzione particolare per coloro che, anche in tempo di pace, sono troppo spesso i vinti, i fregati, comunque vada…
Musica di Philip Napier Miles (1865-1935), musicista, compositore e filantropo inglese, dal ciclo per voce e pianoforte intitolato “Battle, Ten Songs” (1917), interamente basato su poesie di Gibson.
All day beneath the hurtling shells
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/30 - 10:21
Song Itineraries: World War I (1914-1918)

Hit

[1915]

Dalla raccolta “Battle” Wilfrid Wilson Gibson fu ufficiale di sua maestà, ma non combattè in prima linea e neppure lasciò mai l’Inghilterra. Eppure gran parte delle sue poesie di quel periodo descrivono le atrocità della guerra dal punto di vista del soldato semplice mandato a crepare. Anche dopo la guerra Gibson mantenne nelle sue opere un’attenzione particolare per coloro che, anche in tempo di pace, sono troppo spesso i vinti, i fregati, comunque vada…
Musica di Philip Napier Miles (1865-1935), musicista, compositore e filantropo inglese, dal ciclo per voce e pianoforte intitolato “Battle, Ten Songs” (1917), interamente basato su poesie di Gibson.
Out of the sparkling sea
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/30 - 10:11
Song Itineraries: World War I (1914-1918)
Video!

Until the End

[2007]
Album: One Man Revolution

On 4 June 2007 Tom Morello, lead guitarist with anti-war band Rage Against the Machine, headlined a benefit gig for Stop the War Coalition in London. On 20 December 2009, Rage Against the Machine made UK music chart history when a "people power" internet campaign succeeded in stopping the X Factor reality show record becoming an all too predictable Christmas number one. 500,000 downloads generated by online social networks got Rage Against the Machine's Killing in the Name to the top spot. The video below of Tom Morello at the Stop the War gig in 2007 was filmed by James O'Malley on his mobile phone.
No one knows who gave the orders
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/30 - 09:07
Downloadable! Video!

The Butcher's Tale (Western Front 1914)

Note:

(*)

Gommecourt (Pas-de-Calais), Thiepval (Somme), Mametz (i paesi con questo nome sono addirittura due, molti vicini fra loro, uno nel dipartimento Pas-de-Calais e l’altro in quello della Somme) e Verdun (nel dipartimento della Meuse) sono tutte località del nord est francese dove si tennero alcuni dei più sanguinosi scontri della Grande Guerra, in particolare le cosiddette battaglie di Verdun (dal 21 febbraio al 19 dicembre 1916) e della Somme (dal 1 luglio al 18 novembre 1916).
Nel corso della prima, nelle trincee costantemente bombardate e negli assalti spazzati dal fuoco delle mitragliatrici, morirono 300.000 uomini (500.000 i feriti gravi e mutilati) senza che alla fine nessuno dei contendenti avesse guadagnato un solo metro di territorio; la seconda, lanciata dai “grandi strateghi” francesi e britannici per distrarre i tedeschi proprio dal teatro di Verdun, fu anche pù sanguinosa:... (Continues)
Bartleby 2010/12/30 - 08:45
Video!

Supper's Ready

ti ringrazio per questa grandissima traduzione,anche se quando comprai il disco nel lontano 1973 (avevo 14 anni) imparai Supper's Ready a memoria senza preoccuparmi delle parole ma ascoltando la musica di esse dopo nel 1974 ebbi la grandissima fortuna di vedere i Genesis al Palasport di Torino e penso che sia stato il concerto più bello che abbia mai visto, adesso che ho 51 anni sono tornato a riascoltarli (premetto che ho studiato musica e mi sono diplomato e tuttora svolgo la professione di musicista classico in orchestra) e vi giuro che i Genesis passeranno alla storia come sono passati i vari J.S.Bach,L.van Beethoven,A.Vivaldi e tutti gli altri perché avevano una sensibilità sia musicale che umana fuori dalla norma
ancora grazie Genesis
Roberto 2010/12/29 - 23:40

Aftermath

[1919]
Dalla raccolta “Picture-Show”
Musica di Martin Kalmanoff (classe 1920-2007), newyorchese, compositore e songwriter che scrisse canzoni anche per Dean Martin ed Elvis Presley. Dalla sua opera del 1972 intitolata “Kaddish for a Warring World”, per tenore, baritono, coro ed orchestra.

Nella canzone si fa riferimento a Mametz, paese della Somme francese, che dovremmo aver già trovato in The Butcher's Tale (Western Front 1914) degli Zombies…
Have you forgotten yet?...
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 16:00
Downloadable! Video!

Suicide in the Trenches

[1918]
Poesia poi inclusa nella raccolta “Counter-Attack and Other Poems”.
Musica del compositore americano Harold Blumenfeld (1923-vivente?) da “War Lament”, composizione per coro basata sulle poesie di Sassoon (1970).
In precedenza, nel 1953, anche Hugo David Weisgall (1912–1997), compositore e direttore d’orchestra americano di origine ceca, mise in musica questa poesia nella sua opera “Soldier Songs for Baritone, n. 2.”

“… Voi, gente che ve ne state al calduccio,
Voi che gridate urrà quando il soldato passa in parata,
Chiudetevi in casa [vergognatevi] e pregate di non conoscere mai
L’inferno dove finiscono la gioventù e l’allegria…”
I knew a simple soldier boy
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 15:27

The Death-Bed

[1917]
Da “The Old Huntsman”
Musica del compositore americano Harold Blumenfeld (1923-vivente?) da “War Lament”, composizione per coro basata sulle poesie di Sassoon (1970).

L’agonia di un giovane soldato ferito a morte. I compagni lo circondano e chiedono alla morte di risparmiarlo: “Concedigli ancora la vista, lasciagli il sangue caldo, e lui vivrà. Parlagli, tienilo sveglio e forse lui ce la farà. E’ giovane, odiava la guerra, perché proprio lui se invece veterani incrudeliti da essa sono tutti in salvo? Ma la morte rispose: “Ho scelto lui”. Così venne. E fu silenzio nella notte d’estate. Silenzio e la sensazione di averla scampata. Ed il sonno. Lontano, i colpi dei fucili”.
He drowsed and was aware of silence heaped
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 15:04
Video!

Before the Battle

[1917]
Da “The Old Huntsman”
Musica del compositore americano Harold Blumenfeld (1923-vivente?) da “War Lament”, composizione per coro basata sulle poesie di Sassoon (1970).
Music of whispering trees
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 14:48

Autumn

[1918]
Da “Counter-Attack and Other Poems”
Musica del compositore americano Harold Blumenfeld (1923-vivente?) da “War Lament”, composizione per coro basata sulle poesie di Sassoon (1970).

Scrittore e poeta inglese, Sassoon partecipò alla prima guerra mondiale e nelle sue poesie descrive l’orrore delle trincee e deride il patriottismo di coloro che egli ritenne responsabili della morte di milioni di esseri umani in quel terribile conflitto.
Questa sua poesia del 1918 richiama – a mio avviso - incredibilmente “Soldati”, scritta da Giuseppe Ungaretti nel luglio dello stesso anno: “Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie”.
October's bellowing anger breakes and cleaves
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 14:20
Video!

Grass

[1878-1967]

Fa parte della raccolta poetica intitolata “Cornhuskers”, pubblicata nel 1918.
“Grass” è stata messa in musica da diversi autori: secondo l’importante database “The Lied, Art Song and Choral Texts Page”, il primo di essi fu il compositore e direttore d’orchestra americano Fenno Follansbee Heath, Jr. (1926-2008) nel 1953 (coro a cappella per tenori e baritoni)



Gettysburg, dove nel luglio del 1863 si tenne una delle più cruente battaglie che la storia dell’umanità ricordi: in tre soli giorni, quasi 50.000 tra morti, feriti e missing in action.

Pile the bodies high at Austerlitz and Waterloo,
(Continues)
Contributed by Bartleby e adriana 2010/12/29 - 13:57

I Am the People

[1916]
Dai “Chicago Poems”
Musica di Helen L. Weiss, musicista americana sulla quale non sono riuscito a reperire che scarse informazioni in rete. So soltanto che la musica per questo brano – un coro a cappella per soprani, contralti, tenori e bassi – la compose nel 1956 e che l’autrice non è più in vita perché le è intitolato un premio annuale di composizione istituito dall’Università della Pennsylvania.

“Io, il Popolo, al quale hanno succhiato via il meglio e poi gettato via, io sempre dimentico le terribili tempeste che mi hanno travolto… Ma qualche volta ruggisco, mi scuoto e schizzo qualche goccia rossa perché la storia ricordi… Ma quando io, il Popolo, imparo a ricordare, allora uso le lezioni di ieri e non più a lungo dimentico chi mi ha depredato, chi si è preso gioco di me… Allora non ci sarà più nessuno al mondo che potrà pronunciare il mio nome con una punta di scherno nella voce o con un neppur lontano sorriso di derisione… Io, il Popolo, la turba, la folla, la massa, arriverò allora…”
I am the people -- the mob -- the crowd -- the mass.
(Continues)
Contributed by Bartleby 2010/12/29 - 13:32
Video!

Long Live Palestine

[2009]
Lyrics & Music by Lowkey
This is for Palestine, Ramallah, West Bank, Gaza,
(Continues)
Contributed by giorgio 2010/12/29 - 12:38
Song Itineraries: The Palestinian Holocaust




hosted by inventati.org