Language   
Simple list
Show Filters
Language
Song Itinerary
Date

Author Crosby, Stills, Nash & Young

Remove all filters
Video!

The Lee Shore

Era un bel po' che volevo aggiungere questo brano. E' sicuramente uno dei più bei pezzi mai composti da David Crosby, scritto nel periodo e con lo stesso spirito di "Almost Cut My Hair" e "Wooden Ships".

Cercherò di essere breve e schematico, altrimenti rischio di annoiare. Perchè proporlo tra le canzoni contro la guerra? Perchè, nonostante qualcuno nel tempo possa averlo inteso come un brano d'amore (anche per il solito "you", che vuol dire "tu", ma anche "voi"), è invece una manifestazione del disagio che provocavano le pressantissime campagne per l'arruolamento nell'esercito nel periodo della guerra del Vietnam in chi invece era profondamente contro la Guerra (rif. Almost Cut My Hair) e, contemporaneamente, della ricerca di una via di fuga, qui rappresentata da una mitica isola sperduta in mezzo al mar dei Caraibi (rif. "Wooden Ships" - fuga sulle navi di legno). I riferimenti alla costa... (Continues)
Wheel gull spin and glide…
(Continues)
Contributed by Enrico 2014/5/11 - 12:22
Video!

Alessandro Ignazio Marcello: Concerto in Re minore per oboe, archi e basso continuo

[1716 o 1717]
Il “Concerto in Re minore per oboe, archi e basso continuo” - ed in particolare l’ “Adagio”, secondo dei tre movimenti di cui è composto - è l’opera più famosa di Alessandro Ignazio Marcello (1673-1747), intellettuale e compositore appartenente alla nobiltà veneziana dell’epoca.
Questo Concerto acquistò da subito una tale fama che Johann Sebastian Bach, solo una decina di anni dopo, ne fece una trascrizione per clavicembalo, il “Concerto n° 3 in re minore BWV 974”.

Propongo questo brano di musica classica non perchè sia di per sè contro la guerra, ovvio, ma perchè è stato utilizzato nella colonna sonora di parecchi film (compreso “Anonimo veneziano” di Enrico Maria Salerno), un paio dei quali sono ascrivibili al nostro specifico.

Il primo è “The Strawberry Statement” (“Fragole e Sangue”), film del 1970 che guadagnò il premio della giuria a Cannes e che è l’unico film significativo... (Continues)
[Strumentale]
Contributed by Bernart Bartleby 2014/2/7 - 19:33
Song Itineraries: Anti-war classical music
Video!

Helpless

(1970)

Da "Deja Vu" (Crosby, Stills, Nash & Young)

E' un'angosciosa manifestazione del disagio di vivere negli USA con una guerra in atto (Vietnam). C'è il ricordo/rimpianto dell'infanzia, l'incertezza del futuro, la tristezza disperata della guerra, la denuncia dell'assurdità della guerra che tutto avvelena.

Un po' come Jackson Browne scrisse "For Everyman" in risposta a "Wooden Ships" di Crosby/Kantner/Stills, Stephen Stills scrisse "We are not Helpless" in risposta a questo brano.
There is a town in north Ontario
(Continues)
Contributed by Enrico 2012/6/4 - 00:29
Downloadable! Video!

American Woman

(1970)

The war dominated those newscasts, yet the radio allowed you to escape from it all. Nothing heavy there, save for two songs.

Forty years ago this week, Crosby, Stills, Nash & Young dreamed of bombers turning into butterflies and getting back to the garden.

That week, millions of Americans also embraced a song that declared:

“I don’t need your war machines. I don’t need your ghetto scenes.”

“American Woman” by the Guess Who endures, a great song on so many levels. Think of the song and you think of Burton Cummings spitting out angry lyrics and Randy Bachman grinding out freaky guitar fills. True enough, but the pulse, the cadence, the urgency of the song comes from Jim Kale and Garry Peterson, who drive the whole thing on bass and drums, respectively.

What’s it all about? Bachman explained it this way in a 2008 interview on the Gibson guitar website:

“A lot of people... (Continues)
American woman gonna mess your mind
(Continues)
Contributed by Lorenzo Masetti 2010/5/9 - 16:50
Video!

We Are Not Helpless

[1970]
Album "Stephen Stills"

Canzone in risposta alla più famosa Helpless, scritta dall'amico Neil Young per l'album "Déjà Vu" dei CSNY, in cui lo stesso Stills militava...
We are not helpless, we are men
(Continues)
Contributed by Alessandro 2010/3/1 - 22:06
Downloadable! Video!

Woodstock

(1969)
Album: "Ladies Of The Canyon"

Joni Mitchell scrisse questa canzone sul più grande festival rock, ironicamente senza avervi partecipato.
La canzone divenne una hit nella versione di Crosby, Stills, Nash & Young (dall'album Dejà vu) e di Matthews' Southern Comfort.
I came upon a child of God
(Continues)
2005/4/17 - 22:39
Song Itineraries: Woodstock 1969
Downloadable! Video!

Chicago (We Can Change The World)

[1971]
Da/From "Songs for Beginners" (1971)
Live version on "Four Way Street" (1971) by Crosby, Stills, Nash & Young

L'evento a cui si riferisce la canzone di Graham Nash è la convention democratica di fine agosto 1968, nella quale il partito democratico americano doveva decidere il candidato da opporre al repubblicano Richard Nixon, dopo la rinuncia a ricandidarsi da parte del presidente in carica Lyndon Johnson, travolto dalla opposizione alla guerra del Vietnam.

La partecipazione dei giovani, organizzata da David Dillinger (presidente del comitato contro la guerra), Abbie Hoffman e Jerry Rubin (capi del partito YIPPIES - Youth International Party), Tim Hayden e Rennie Davis, leader del movimento SDS (Students for a Democratic Society), Bobby Seale, leader del movimento anti-razzista radicale Black Panthers (pantere nere), aveva lo scopo di imporre una piattaforma pacifista al candidato... (Continues)
So your brother's bound and gagged
(Continues)
Contributed by Riccardo Venturi 2005/3/28 - 22:47
Video!

What Are Their Names

Album: If I Could Only Remember My Name (1971)

"I was ending my tour in Uncle's Army when the massacre at Kent and Jackson State happened. While in Uncle's army I had become radicalized and more anti-war, anti-military and anti-government each day, but this numbed me. Now the government was not only sending American youth to kill Asian youth but it was killing its' own children on college campuses...what's next?"

This was when the music and the message became louder and bolder. David Crosby of Crosby, Stills, Nash & Young released a solo LP later in 1970, If I Could Only Remember My Name, that would address issues such as drugs, love and war. In the song What Are Their Names Crosby wondered who the old men were who could send children off to war and perhaps we should pay them a visit. Backed by a who's/who of San Francisco musicians, this LP is perhaps the most creative music Crosby... (Continues)
I wonder who they are
(Continues)
2004/12/15 - 20:09




hosted by inventati.org