Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Lingua Neerlandese

Rimuovi tutti i filtri
Video!

De ballade van het wonderorgel

[rec. 1990]
Scritta da / Geschreven door / Written by / Écrite par / Säveltäjä : Jaap van de Merwe
Musica / Muziek / Music / Musique / Sävel: Gerard Cox
Album / Alboem / Albumi: Rotterdam (1990)

Jaap van de Merwe, nato nel 1924 a Rotterdam, era un cabarettista e autore di canzoni antifascista; le sue canzoni le faceva preferibilmente cantare ad altri, come ad esempio questa, interpretata e incisa nel 1990 da Gerard Cox in un album dedicato alla città di Rotterdam e intitolato, con un titanico sforzo di fantasia, Rotterdam. Jaap van de Merwe era morto circa un anno prima: esattamente il 19 febbraio del 1989, anzi del fatidico 1989, all'età di sessantacinque anni. Quando ne aveva sedici, il 10 maggio 1940, di punto in bianco, la Germania hitleriana aveva invaso i Paesi Bassi, nell'ottica di aggirare le difese francesi (in primis la famosa e inutile Linea Maginot), violando tranquillamente... (continua)
Krijg je een ouwe Rotterdammer
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 11/11/2019 - 20:39

Werkloosheid

Poesia di / Gedicht van / A poem by / Poème de: Geert van Istendael/in runo
"Plattegronden", 1987
Musica / Muziek / Music / Musique / Sävel: Luc Wynants (Strijdkoor Kontrarie)

Geert van Istendael, nato il 29 marzo 1947 a Ukkel, si chiama in realtà Geert Maria Mauritius Julianus Vanistendael. E' uno scrittore, poeta, saggista e traduttore belga. I belgi, e ne ho conosciuti -fiamminghi o valloni che fossero-, sono in generale persone inclassificabili; è possibile classificare Jacques Brel, per esempio? Ad esempio, Geert van Istendael si definisce ed è un “reazionario” (ad esempio, lui stesso ha intitolato una sua raccolta di saggi del 1994 Bekentenissen van een reactionair “Confessioni di un reazionario”). Di famiglia e formazione cattolica, suo padre August era stato consigliere personale del cancelliere tedesco democristiano Konrad Adenauer e del cardinale Frings van Keulen. Geert van... (continua)
De dagen zijn hier grijze wegen
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/9/2019 - 17:49
Downloadable! Video!

Bella Ciao

anonimo
7b. Bella Ciao (Dutch version by Werner van Rillaer)

BELLA CIAO
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 30/8/2019 - 19:24
Downloadable! Video!

Man In Black

traduzione di Toon Jacobs Dutch
Prima interpretazione di Alias Berger (1975)

MAN IN ZWART
(continua)
inviata da Dq82 23/6/2019 - 15:58
Downloadable! Video!

Le chant des Canuts, ou Les Canuts

Nederlandse versie van Jaap van de Merwe (1924-1989)
Dutch version by Jaap van de Merwe (1924-1989)
Version néerlandaise de Jaap van de Merwe (1924-1989)
Jaap van de Merwen (1924-1989) hollanninkielinen versio




Interpretata dai Tjane nel CD Cadans der Getouwen (2000, rimasterizzato 2017): arrangiamento di Guy Roelofs.

Geinterpreteerd door Tjane in het CD Cadans der Getouwen (2000, rem. 2017), waar Guy Roelofs het arrangement maakte.

Performed by Tjane in the CD Cadans der Getouwen (2000, rem. 2017) with arrangement by Guy Roelofs.

Interprétée par Tjane dans le CD Cadans der Getouwen (2000, rem. 2017) avec arrangement de Guy Roelofs.
DE WEVERS [OPSTANDIG WEVERSLIED]
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 15/5/2019 - 20:40
Downloadable! Video!

La chanson de Craonne

anonimo
Wereldoorlog1-locaties

Het chanson ter ere van de muitende soldaten, jarenlang in Frankrijk verboden!

Hoe is dit lied ontstaan? Waarschijnlijk hebben velen er aan bij gedragen waarbij het lied gedurende de oorlog evalueerde: aanvankelijk in 1914-1915 stond het bekend onder de naam “La chanson de Lorette”, het lied veranderde in de 2e slag om Champagne in 1916, en ook bij Verdun werd het lied al gezongen in een wat andere tekst.

De locatie waar het lied zijn definitieve vorm kreeg was het dorp Craonne op het plateau van Californie. Hier vonden de zeer bloedige gevechten plaats op 16 april 1917. Het zou deze slag geweest zijn die voor de Franse soldaten de druppel was die de emmer deed overlopen en de muiterij begon waarbij dit lied ook zijn definitieve naam kreeg: Chanson de Craonne.

Het chanson de Craonne werd vele jaren verbannen van de radio. Het is een eerbetoon aan de Franse soldaten... (continua)
HET CHANSON DE CRAONNE
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 9/4/2019 - 05:27
Video!

Not in Nottingham

NIET IN NOTTINGHAM
(continua)
inviata da Dq82 5/1/2019 - 13:07
Video!

Colors of the Wind

KLEUREN VAN DE WIND
(continua)
inviata da Dq82 5/1/2019 - 12:16
Video!

Lampedusa

(2015)
Album: Alles Draait
Testo di Ilja Leonard Pfeijffer
Musica di Ellen Ten Damme
De gouden zon scheen op de rode aarde, de hele wereld feestte, jij had pech
(continua)
21/11/2018 - 13:02
Downloadable! Video!

L'Internationale

Segnalata da Martin Decaluwe, che la ha reperita su un documento pdf della ABVV, un sindacato belga, la presente sembra essere, seppure in grafia modernizzata, la versione completa in neerlandese della versione classica di Henriëtte Roland Holst del 1899: le caratteristiche linguistiche lo autorizzano senz'altro a credere. Il testo rende qui nella sua completezza l'originale francese. Ringraziamo Martin Decaluwe per la segnalazione che permette di ricostituire un'altra versione completa dell'Internazionale.

This version, reported by Martin Decaluwe who found it in a pdf document of ABVV (a Belgian trade union), appears to be, though with modernized spelling, the complete version of Henriëtte Roland Holst's 1899 classical Dutch Internationale: this may be inferred with a good degree of certainty from its linguistic features. The French original is rendered here in its wholeness. We thank heartily Martin Decaluwe for his report allowing re-establishment of another complete version of the Internationale. [RV]
DE INTERNATIONALE
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 12/9/2018 - 10:57
Video!

Nuuj helde

[1987]
Album: Totzekotze

Una band musicale attiva fin dal 1979, i cui membri sono tutti originari di Susteren, nel Limburgo, dove si è formata a partire da un Carnevale, e che compone e canta le sue canzoni rigorosamente in dialetto limburghese. Ma attenzione: di tutto si tratta fuorché di una band di allegri compagnoni che cantano canzoni carnascialesche in occasione di colossali bevute. Gli argomenti usuali delle canzoni della Janse Bagge Bend, espressi in un linguaggio di stretto uso locale (e nemmeno generalizzato) sono: il razzismo dilagante, i problemi del lavoro e della disoccupazione, i meccanismi del mercato globale. La Janse Bagge Bend ha scritto canzoni sulla pedofilia e sugli abusi sessuali della chiesa cattolica, sull'eutanasia, sul diritto all'aborto, sulla libertà di espressione. Come dire: di argomenti del genere, che hanno valore universale, si può parlare, scrivere e cantare... (continua)
Wat deej Bonifacius destieds in Dokkum ?
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 24/8/2018 - 18:47
Downloadable! Video!

La vie s'écoule, la vie s'enfuit

Dutch translation / Traduction néerlandaise
HET LEVEN GAAT VOORBIJ, HET LEVEN LOOPT WEG
(continua)
inviata da Raoul Vaneigem 3/7/2018 - 00:16
Video!

Ο καημός

Μετέφρασε στα ολλανδικά :
renehaentjens
stixoi.info 01-01-2008
PIJNLIJK VERLANGEN
(continua)
inviata da Riccardo Venturi - Ελληνικό Τμήμα των ΑΠΤ "Gian Piero Testa" 20/2/2018 - 18:57
Downloadable! Video!

A Hard Rain's A-Gonna Fall

ZWARE REGEN
(continua)
inviata da Dq82 2/11/2017 - 18:59
Video!

Blowin' in the Wind

NEERLANDESE / DUTCH [3 - Jeroen van Alphen / Conny van den Bos en René Frank]

(1964)
Wie Weet Waar Het Begint / Poef !

WIE WEET WAAR HET BEGINT
(continua)
inviata da Dq82 2/11/2017 - 18:22
Downloadable! Video!

זאָג ניט קײנמאָל

Dutch version by I. Fuchs



Sul sito di Eli Rabinowitz è presente soltanto l'immagine ripresa dalla brochure di Leizer Ran (1972), con indicazione del traduttore. La abbiamo qui riprodotta testualmente.

Eli Rabinowitz's website includes only an image taken from Leizer Ran's brochure, with the translator's name. We have reproduced it here as a text.
PARTISANEN-HYMNE
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 4/9/2017 - 11:02
Downloadable! Video!

נרקוד לשלום

9. NEERLANDESE / Dutch
Yvonne Davis
DANS VOOR VREDE
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 25/8/2017 - 20:18
Video!

Als je ooit nog eens terug kan

2008
Single
"Oh Mother
(continua)
inviata da dq82 23/4/2017 - 18:30
Video!

Richard and Linda Thompson: The Great Valerio

Interpretata da Madou [2005]
Musica: Richard Thompson, 1974
Album: Madou / Madouce
Comprende una traduzione italiana





La segnalazione di Flavio Poltronieri sull'esistenza della versione di Madou non solo mi ha fatto un enorme piacere, ma non è rimasta neppure inascoltata. Il testo di Jan Devos, in lingua neerlandese, è stato interpretato da Madou nell'album Madou/Madouce del 2005 e dev'essere senz'altro organico ad un album dove, sulle copertine recto/verso, si vede una ragazza che cade da una finestra in due modalità differenti. Flavio parlava di suggestioni nelle quali non si è mai soli: debbo dargli ragione. Il testo neerlandese di Jan Devos, pur cantato sulla musica di The Great Valerio, non è propriamente una "traduzione": è una canzone autonoma, ed è, soprattutto, la storia esatta, la descrizione della caduta mortale di Karl Wallenda. A tale riguardo mi è sembrato opportuno accompagnare il testo con una traduzione italiana. [RV]
VALERIO / WALLENDA
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 16/2/2017 - 17:37
Video!

Megaton

[1967]
Lennaert Nijgh / Boudewijn De Groot
Album: Picknick
Het blauw van de hemel ziet groen van de rook,
(continua)
24/12/2016 - 19:27
Video!

U Lamentu a Nicoli

Oh wat kende je haar goed
(continua)
inviata da dq82 9/12/2016 - 23:11

Ten aanval

[2006?]
Versi di Bram Vermeulen
Non trovo il brano nella discografia del cantautore neerlandese ma nel repertorio del coro “Stem des Volks” di Maastricht diretto da Edward Berden.
Zie ze gaan, de grote mannen, in een opgelegde maat.
(continua)
13/11/2016 - 22:54

Onschuldig landschap

[2000]
Parole e musica di Bram Vermeulen
Nell’album intitolato “Oorlog Aan Den Oorlog”
Lyrics and music by Bram Vermeulen
Album: Oorlog aan den oorlog
Woorden en muziek: Bram Vermeulen
Album: Oorlog aan den oorlog

Guerra alla guerra


BRAM VERMEULEN: OORLOG AAN DEN OORLOG

1. Ik was erbij
2. Johnnie
3. Onschuldig landschap
4. De helden
5. Dans met mij
6. Met z'n allen
7. De verhalen
8. Ja het is waar
9. Meneer Van Der Velde (1)
10. Meneer Van Der Velde (2)
11. Verschrikkelijk inzicht
12. Ja het is waar (instrumentaal)
Deze grond heeft niets gedaan
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 10/11/2016 - 23:00
Video!

Johnnie

[2000]
Parole e musica di Bram Vermeulen
Nell’album intitolato “Oorlog Aan Den Oorlog”
Lyrics and music by Bram Vermeulen
Album: Oorlog aan den oorlog
Woorden en muziek: Bram Vermeulen
Album: Oorlog aan den oorlog

Guerra alla guerra


BRAM VERMEULEN: OORLOG AAN DEN OORLOG

1. Ik was erbij
2. Johnnie
3. Onschuldig landschap
4. De helden
5. Dans met mij
6. Met z'n allen
7. De verhalen
8. Ja het is waar
9. Meneer Van Der Velde (1)
10. Meneer Van Der Velde (2)
11. Verschrikkelijk inzicht
12. Ja het is waar (instrumentaal)


Trovo il brano anche nel disco collettivo “Seeds of Peace: Passendale Suite 2” (2005), con June Tabor, Coope Boyes & Simpson, Thomas Friz, Bram Vermeulen, Willem Vermandere, Patrick Riguelle, Koen De Cauter, Une Anche Passe, Vredesconcerten Quartet. Trattasi della registrazione di una performance musicale sulla Grande Guerra realizzata nel 2002 presso il cimitero di guerra di Tyne Cot ad Ypres, Belgio. [BB]
Toen 'ie had gelogen van z'n leeftijd
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 10/11/2016 - 13:53
Video!

Ik was erbij

[2000]
Parole e musica di Bram Vermeulen
Nell’album intitolato “Oorlog Aan Den Oorlog”
Lyrics and music by Bram Vermeulen
Album: Oorlog aan den oorlog
Woorden en muziek: Bram Vermeulen
Album: Oorlog aan den oorlog

Guerra alla guerra


BRAM VERMEULEN: OORLOG AAN DEN OORLOG

1. Ik was erbij
2. Johnnie
3. Onschuldig landschap
4. De helden
5. Dans met mij
6. Met z'n allen
7. De verhalen
8. Ja het is waar
9. Meneer Van Der Velde (1)
10. Meneer Van Der Velde (2)
11. Verschrikkelijk inzicht
12. Ja het is waar (instrumentaal)


Trovo il brano anche nel disco collettivo “Seeds of Peace: Passendale Suite 2” (2005), con June Tabor, Coope Boyes & Simpson, Thomas Friz, Bram Vermeulen, Willem Vermandere, Patrick Riguelle, Koen De Cauter, Une Anche Passe, Vredesconcerten Quartet. Trattasi della registrazione di una performance musicale sulla Grande Guerra realizzata nel 2002 presso il cimitero di guerra di Tyne Cot ad Ypres, Belgio. [BB]
En in wat eens de loopgraaf was
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 10/11/2016 - 09:38
Video!

Blowin' in the Wind

NEERLANDESE / DUTCH [2 - Erik Bindervoet / Robbert-Jan Henkes]



L'unica traduzione d'arte che si conosce di Blowin' in the Wind in lingua neerlandese è quella del poeta e traduttore Erik Bindervoet (n. 1962) eseguita assieme all'altro traduttore Robbert-Jan Henkes. Bindervoet e Henkes lavorano spesso in coppia, specialmente nel campo della traduzione della canzone d'autore americana con particolare riguardo a Bob Dylan. Nel video, la traduzione di Bindervoet e Henkes è “straziata” da un utente YouTube; ma si tratta dell'unica reperibile.

The only artistic translation of Blowin' in the Wind we got to know in the Dutch language is that by the poet and translator Erik Bindervoet (b. 1962) and the other translator Robbert-Jan Henkes. Bindervoet and Henkes work often together, especially with regard to translation of American art songs and Bob Dylan. In the wideo included here, Bindervoet and Henkes' Dutch translation is mangled by a YouTube user, but it is the only video we got to find. [RV]
VLUCHTIG IN DE WIND
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 10/11/2016 - 08:11
Video!

“Floep” zei de stamper

[1944]
Parole e musica di Johnny & Jones
Il brano si trova in alcune raccolte, come “Maak Het Donker In Het Donker” del 2001
Testo trovato nel programma di sala dello spettacolo “Tutto ciò che mi resta. Il miracolo della musica composta nel lager”, concerto per il Giorno della Memoria tenutosi all’Auditorium Parco della Musica di Roma il 26 gennaio 2015, a cura di Viviana Kasam e Marilena Citelli Francese.

Johnny & Jones, “due ragazzi e una chitarra” (Johnny “Max” Salomon Meyer Kannewasser, nato nel 1916, e Jones “Nol” Arnold Siméon van Wesel, nato nel 1918) sono stati un duo di musica leggera, in gran parte ispirata allo swing ed al jazz statunitensi, molto celebre nei Paesi Bassi negli anni 30.

Quando nel maggio del 1940 i nazisti invasero Paesi Bassi e Belgio, anche Johnny e Jones, come tanti ebrei nederlandesi e di molte altre nazionalità che in Olanda si erano rifugiati... (continua)
Kom ik ´s morgens uit mijn bed
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 21/7/2016 - 09:09
Video!

Les Bourgeois

La traduzione è di Ernst van Altena (1933-1999).
Testo trovato su Frmusique.ru, sito russo consacrato alla canzone francese
DE BURGERIJ
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 4/4/2016 - 10:48
Video!

Jan Soldaat, of De ballade van Jan Soldaat

[1961]
Testo e musica di Jaap Fischer
Lyrics and music by Jaan Fischer
Singolo / Single:
"Zeg me waar de bloemen zijn / De ballade van Jan Soldaat" (HMV 45-SGI-107) [1963]

Il protagonista di questa caustica ballata di Jaap Fischer (scritta nel 1961 ma pubblicata solo nel 1963 come “lato B” del singolo che conteneva anche Zeg me waar de bloemen zijn, la versione neerlandese di Where Have all the Flowers Gone), è il “supersoldato” che, in un paese oramai vuoto di militari e di armi (una cosa in cui gli olandesi hanno creduto anni addietro...), è rimasto praticamente l'unico armato fino ai denti: addirittura tiene un cannone sul balcone dietro casa, con cui si esercita sparando al gatto del vicino. Pur godendo del disprezzo generalizzato ed essendo costretto a minacciare il fornaio che non vuole fargli il pane, l'intrepido soldato tira avanti finché una sera il Re in persona non gli telefona... (continua)
Jan was een vrolijke soldaat
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 1/4/2016 - 17:20
Video!

Yemen Türküsü

anonimo
In de lucht hangt geen wolk, waar komt de mist vandaan?
(continua)
inviata da dq82 2/3/2016 - 15:32

Onze luis heeft neten gekregen

[1944/1945]
Versi di Gisela Wieberdink-Söhnlein ed Henriette “Hetty” Vôute, militanti delle resistenza olandese con i nomi di battaglia di “Piglet” e “Pooh”, personaggi di “Winnie the Pooh” di Alan Alexander Milne.
Su di una qualche melodia popolare

Testo trovato su Volksliederarchiv
Nella raccolta in 3 CD “O bittre Zeit - Lagerlieder 1933-1945”

Un’“allegra” filastrocca dedicata ad uno dei disagi quotidiani dei prigionieri nei campi: i pidocchi.
Onze luis heeft neten gekregen
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/2/2016 - 13:23

Appèl-gedachten (Onder de blauwe hemel)

KZ Ravensbrück, 1944
Versi di Trien De Haan-Zwagerman
Cantabili sulla melodia dell’ottocentesca tedesca “In einem kühlen Grunde”, composta da Friedrich Glück nel 1814. Tra l’altro, la canzone originaria (testo di Joseph von Eichendorff) fu un cavallo di battaglia dei Comedian Harmonists, gruppo vocale maschile tedesco composto in parte da artisti di fede ebraica, la cui fulgida carriera fu stroncata dai nazisti nel 1935.

La poesia si trova - recitata da Dolly Van Der Pligt, una sopravvissuta di Ravensbrück - in “Europa im Kampf 1939–1944. Internationale Poesie aus dem Frauen-Konzentrationslager Ravensbrück”, volume e CD a cura di Constanze Jaiser e Jacob David Pampuch, Metropol Verlag, Berlino, 2005. Si tratta dell’edizione tedesca dell’antologia intitolata “Europa u boji 1939 – 1944”, realizzata segretamente a Ravensbrück da due prigioniere di nazionalità ceca, Vlasta Kladivová e Vera... (continua)
Onder de blauwe hemel
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 26/1/2016 - 15:38
Video!

In de schaduw van de mijn

1960

Bobbejaan Schoepen scriveva canzoni in fiammingo, ma è belga. Il Belgio che nel 1956 aveva visto la tragedia di Marcinelle. E questa "nell'oscurità della miniera" parla proprio della vita nella miniera e della paura che vi si possa morire.
Tot ziens, m'n beste vrienden
(continua)
inviata da dq82 1/1/2016 - 19:10
Downloadable! Video!

Ik heb mij dikwijls afgevraagd

1964
Ik heb mij dikwijls afgevraagd
(continua)
inviata da dq82 1/1/2016 - 16:19
Video!

Clandestino

Ondergronds
(continua)
inviata da dq82 3/6/2015 - 14:47

Déclaration universelle des droits de l'âne

Dutch translation contributed by Fulvia Massidda
Traduction néerlandaise contribuée par Fulvia Massidda
Nederlandse vertaling gecontribueerd door Fulvia Massidda
UNIVERSELE VERKLARING VAN DE RECHTEN VAN DE EZEL
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 8/5/2015 - 19:05

Klaaglied Van De Vrouwen

[1978]
Parole di Jan Hardeman e Marieke Demeester, due membri del “Elfnovembergroep”, il “Gruppo 11 novembre” (dall’11 novembre 1918, data dell’Armistizio), nato nel 1977 nei Paesi Bassi e in Francia con l’intento di commemorare la Grande Guerra. Il loro motto è “Nooit brengt een oorlog vrede”, che credo di poter tradurre come “Mai nessuna guerra porta la pace”.
Musica tradizionale delle Fiandre
Testo trovato su Mainly Norfolk: English Folk and Other Good Music.
Nel disco collettivo intitolato “We Died in Hell—They Called it Passchendaele” (1993), con June Tabor, Shoshana Kalisch, Kristien Dehollander, Marwan Zoueni & The Lone Tree Orchestra.
O Vaderland, aanhoor onze klacht;
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 30/4/2015 - 11:58
Video!

Achterland

2014
Lament
The album version of LAMENT should be heard as a studio reconstruction of a work primarily designed to be performed live, rather than an official new Einstürzende Neubauten LP proper.

In truth, the piece can only be fully realised, as well as best experienced, in its physical embodiment, performed on or by founding member Andrew Unruh’s gigantic instruments and noise generating devices that visually evoke the horrors the work describes or embeds in the sounds they conjure from the filth and terror of the industrialised 20th century world at war with itself.

But in fulfilling what at first appears to be a surprise commission for such a formidable longtime outsider group, Einstürzende Neubauten transformed the earthy, idiosyncratic contents they mined from academic, state, music hall and internet archives with the help of their two researchers into a richly complex cycle of... (continua)
Zeg het niet Zeg het niet Zeg het niet Zeg het niet
(continua)
inviata da Donquijote82 28/4/2015 - 15:36
Video!

In de loopgraf

2014
Lament
The album version of LAMENT should be heard as a studio reconstruction of a work primarily designed to be performed live, rather than an official new Einstürzende Neubauten LP proper.

In truth, the piece can only be fully realised, as well as best experienced, in its physical embodiment, performed on or by founding member Andrew Unruh’s gigantic instruments and noise generating devices that visually evoke the horrors the work describes or embeds in the sounds they conjure from the filth and terror of the industrialised 20th century world at war with itself.

But in fulfilling what at first appears to be a surprise commission for such a formidable longtime outsider group, Einstürzende Neubauten transformed the earthy, idiosyncratic contents they mined from academic, state, music hall and internet archives with the help of their two researchers into a richly complex cycle of... (continua)
Hoe kan ik dansen in 4/4?
(continua)
inviata da dq82 28/4/2015 - 13:16
Downloadable! Video!

Where Have all the Flowers Gone

NEERLANDESE / DUTCH / NÉERLANDAIS [2]
Jaap Fischer

La versione neerlandese di Jaap Fischer (1963)
The Dutch version by Jaap Fischer (1963)
La version néerlandaise de Jaap Fischer (1963)

La versione neerlandese di Jaap Fischer è del 1963 ed è probabilmente una delle prime versioni in un'altra lingua a parte la prima in assoluto in neerlandese. Pubblicata come "lato A" di un singolo contro la guerra (il lato B presenta una feroce ballata antimilitarista, Jan Soldaat), la versione di Jaap Fischer risente nella sua struttura della famosa versione tedesca di Max Colpet, pubblicata l'anno prima (1962). Le due lingue sono peraltro molto simili l'una all'altra.

Jaap Fischer's Dutch version was released in 1963 and is probably one of the first translations into a language other than English, and certainly the very first Dutch version. It was released as the "A side" of an antiwar single (the B... (continua)
ZEG ME WAAR DE BLOEMEN ZIJN
(continua)
inviata da dq82 20/12/2014 - 20:22
Video!

Het Kapo lied

[1944/1945]
Versi di Gisela Wieberdink-Söhnlein ed Henriette “Hetty” Vôute, militanti delle resistenza olandese con i nomi di battaglia di “Piglet” e “Pooh”, personaggi di “Winnie the Pooh” di Alan Alexander Milne.

Sulla melodia della canzone neerlandese “Daar bij die molen”, di J. van Laar e Bert van Dongen, interpretata nel 1936 dal popolare cantante Willy Derby
Testo trovato su Volksliederarchiv
Nella raccolta in 3 CD “O bittre Zeit - Lagerlieder 1933-1945”

Da quel poco che posso capire, credo che la canzoni parli di una delle strategie di sopravvivenza a Ravensbrück, quella di guadagnarsi i favori di una (o di un) kapo per averne in cambio generi alimentari e indispensabili per garantirsi un’alimentazione ed una vita migliore di quella ordinaria nel campo…

“Piglet e Pooh” aiutarono un sacco di ragazzini ebrei a fuggire dai Paesi Bassi occupati, poi furono arrestate e rinchiuse nel... (continua)
Daar bij die kolen, die zwarte kolen
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 13/2/2014 - 15:55

De Rode Kruis bussen

[1945]
Versi di Gisela Wieberdink-Söhnlein ed Henriette “Hetty” Vôute, militanti delle resistenza olandese con i nomi di battaglia di “Piglet” e “Pooh”, personaggi di “Winnie the Pooh” di Alan Alexander Milne

Sulla melodia della canzone infantile neerlandese “Dorus was een man van 80 jaren”
Testo trovato su questa pagina dedicata alle canzoni provenienti dall’universo concentrazionario (prigioni, ghetti, lager) nazista.
Nella raccolta in 3 CD “O bittre Zeit - Lagerlieder 1933-1945”

Sono felice di essermi imbattuto in questa canzone perché, come molte che ho contribuito, arriva dall’orrore concentrazionario nazista ma, per una volta, canta della liberazione, di quando si spalancarono le porte del campo, di quando cadde il filo spinato e fu l’insperata Libertà.

“Piglet e Pooh” aiutarono un sacco di ragazzini ebrei a fuggire dai Paesi Bassi occupati, poi furono arrestate e rinchiuse nel... (continua)
De Ravensbrückse tijd is afgelopen
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 11/2/2014 - 08:53

Wij laten de moed niet zakken

[1943]
Parole di Gisela Söhnlein ed Henriette “Hetty” Vôute, militanti delle resistenza olandese con i nomi di battaglia di “Piglet” e “Pooh”, personaggi di “Winnie the Pooh” di Alan Alexander Milne.
Sulla melodia della canzone “Wir lagen vor Madagaskar” composta nel 1934 da Just Scheu.
Testo trovato su questa pagina dedicata alle canzoni provenienti dall’universo concentrazionario (prigioni, ghetti, lager) nazista.
Nella raccolta in 3 CD “O bittre Zeit - Lagerlieder 1933-1945”

“Piglet und Pooh” aiutarono un sacco di ragazzini ebrei a fuggire dai Paesi Bassi occupati, poi furono arrestate e rinchiuse nel campo di concentramento di Herzogenbusch (Vught) nel Brabante settentrionale. Dal campo di Vught, tra il 1943 ed il 1944, passarono più di 30.000 prigionieri: ebrei, prigionieri politici, combattenti della Resistenza, zingari, testimoni di Geova, omosessuali, senzacasa, contrabbandieri,... (continua)
Wij laten de moed niet zakken
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 10/2/2014 - 15:52
Video!

རྒྱལ་གླུ། [༄༄། བོད་རྒྱལ་ཁབ་ཀྱི་རྒྱལ་གླུ།] [Gyallu; Rgyal·glu]

Nederlandse vertaling
(nl.wikipedia)
Laat het stralende licht schijnen vanaf de wensvervullende edelsteenleringen van Boeddha
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 14/1/2014 - 17:48
Downloadable!

De Vlag

[2002]
Tekst en muziek van Doc Jazz
Album: The Musical Intifadah [2003]

Gretta Duisenberg, the wife of the late ex-president of the Europese Centrale Bank (ECB), in 2002 hung a Palestinian flag from her balcony to protest against the illegal Israeli occupation.

This song was aired by Felix Meurders on VARA Radio "De Ochtenden".

Aan het balkon van huize Duisenberg in Amsterdam hangt al een week de Palestijnse vlag.

President Duisenberg van de Europese Centrale Bank is in ernstige verlegenheid gebracht doordat er al bijna een week de Palestijnse vlag aan een balkon van zijn huis in Amsterdam wappert. Buurtbewoners vragen zich af wat de vlag aan het huis van één van Europa's meest vooraanstaande publieke personen 'in vredesnaam' te betekenen heeft.
Nederland -na de schok van WO twee
(continua)
inviata da giorgio 20/4/2013 - 08:50
Video!

La quistione meridionale

Il nonno di mio nonno era brigante
(continua)
inviata da Patroclus 29/1/2013 - 22:57
Downloadable! Video!

De loop van een geweer

[1987]
Text en muziek: Peter Koelewijn
Lyrics and music: Peter Koelewijn
Testo e musica: Peter Koelewijn
Album: De loop van een geweer

Peter Cornelis Koelewijn, nato a Eindhoven il 29 dicembre 1940, è uno dei padri fondatori del rock in lingua neerlandese (anche se cominciò a scrivere le sue prime canzoni in inglese. De loop van een geweer ("La canna di un fucile"), del 1987, è una delle sue canzoni più famose (tratta dall'omonimo album). E' liberamente ispirata a un successo dei Commodores, Nightshift. L'intero testo della canzone si basa, nell'originale neerlandese, sul doppio senso del termine loop, che significa sia "corsa, percorso" che "canna del fucile". Tale doppio senso non ha potuto ovviamente essere mantenuto nella traduzione. [RV]

Mahatma Gandhi
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 2/1/2013 - 01:10
Downloadable! Video!

Er zijn soldaten uit Beverlo vertrokken (Beverlo-lied)‎

‎[1914-18]‎
Trovata nella sezione in lingua neerladese del sito The Heritage Of The Great War
Interpretata da Wannes Van de Velde con il gruppo teatrale ‎‎Internationale Nieuwe ‎Scène, famosi soprattutto per aver trasposto in fiammingo il “Mistero Buffo” di Dario Fo.‎



Direttamente dalla Grande Guerra, una canzone antimilitarista e anticapitalista in lingua fiamminga ‎composta nel campo militare di Beverlo, vicino a Leopoldsburg, nelle Fiandre.‎
Si apre subito “a muso duro” con una considerazione su come i soldati siano trattati al pari di bestie ‎e di come la guerra sia il cimitero della gioventù, per poi raccontare la storia di un soldato che ‎subisce l’amputazione dei piedi congelati e, tornato a casa, scopre che non c’è nessuno ad aiutarlo, ‎né lo Stato né tanto meno gli industriali che con la guerra si sono arricchiti a dismisura. Il racconto ‎della squallida prospettiva di una misera vita da invalido è accompagnato da un sarcastico ritornello ‎che invita a festeggiare e ad essere ottimisti.‎
Er zijn soldaten uit Beverlo vertrokken.
(continua)
inviata da Dead End 5/12/2012 - 15:02
Downloadable! Video!

Auferstanden aus Ruinen

Nederlandse vertaling uit nl.wikipedia


Auferstanden aus Ruinen (Opgestaan uit de Ruïnes) was het volkslied van de Duitse Democratische Republiek. Het werd gecomponeerd door Hanns Eisler, de tekst werd geschreven door de dichter Johannes R. Becher, die later minister van onderwijs werd. Verrassend genoeg werd niet aan de veel invloedrijkere dichter Bertolt Brecht gevraagd of hij de tekst wilde schrijven.

In de tekst spreekt men vijf keer over Duitsland, en wordt een verenigd vaderland genoemd. Na de bouw van de Berlijnse Muur op 13 augustus 1961 werd niet alleen het woord Duitsland uit de Oost-Duitse grondwet verwijderd (met het in kracht treden van de grondwetswijziging van 7 oktober 1974), maar werd ook de tekst van het volkslied bij officiële gelegenheden niet meer gezongen omdat de regering van de DDR de Duitse hereniging niet meer nastreefde, en de tekst hierbij dus niet meer in het... (continua)
OPGEREZEN UIT DE RUÏNES
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 4/12/2012 - 23:24
Video!

Περιμένοντας τοὺς βαρβάρους

Een nederlandse vertaling.

Proviene da questa pagina.
WACHTENDE OP DE BARBAREN
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 7/11/2012 - 12:52
Downloadable! Video!

Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens]

PARODIA NEERLANDESE / DUTCH PARODY

La seguente strofa parodica in lingua neerlandese è stata contribuita dal sig. Dirk Vincke, che ringraziamo. Nulla si sa finora riguardo alla sua origine. Segue una traduzione italiana.

The following parodic verse in Dutch has been contributed by mr Dirk Vincke, whom we thank heartily. Its origin remains unknown. An Italian translation is provided.
Achter deze zomer
(continua)
18/12/2011 - 11:39
Video!

Todesfuge

NEERLANDESE / DUTCH / NÉERLANDAIS / HOLLANTI

Versione neerlandese di Peter Nijmeijer
Nederlandse vertaling van Peter Nijmeijer
Dutch version by Peter Nijmeijer
Version néerlandaise de Peter Nijmeijer
Peter Nijmeijerin hollanninkielinen versio


Tratta da Celan Projekt. Reca un titolo, Sirene, totalmente differente da quello originale.
SIRENE
(continua)
inviata da DonQuijote82 23/10/2011 - 16:25
Downloadable!

Verklaring van onafhankelijkheid

[2009]
Lyrics & Music by Johnito
Album: Total Collapse: Earth 1.9 [2011]

"My comment on Dutch government politics, and also about the hypocrisy of Geert Wilders in old school-improvised hip-hop style.."
Paars, Balkenende 1 2 en 3,
(continua)
inviata da giorgio 5/6/2011 - 14:22
Video!

Wij slopen met muziek

[1944]

Erano due musicisti che amavano lo swing ed il jazz americano.
Erano ebrei.
Furono rinchiusi dai nazisti nel campo di Westerbork.
Furono costretti a lavorare per i propri aguzzini, demolivano carcasse di aerei, ma – come dice la canzone – le demolivano a suon di musica, cantando, senza perdere l’ottimismo e la speranza.
A Westerbork dedicarono anche una radiosa canzone d’amore, Die Westerbork Serenade.
Non servì a nulla. Johnny & Jones morirono a Bergen- Belsen poco prima che gli inglesi liberassero il campo.
I “signori della morte” li uccisero insieme ad altri 6 milioni di ebrei.
Uccisero i loro corpi ma non la loro musica e la loro voglia di vivere.
Mijn baas heet Bayer en ik werk me naar
(continua)
inviata da Bartleby 28/2/2011 - 10:58
Video!

Die Westerbork Serenade

[1944]

Quando il Male assoluto si affaccia sulla Storia le conseguenze sono sempre drammatiche, talora anche beffarde.

Nei pressi di Westerbork, cittadina della provincia di Drenthe, il governo dei Paesi Bassi aveva allestito nel 1938 un campo di accoglienza per rifugiati, in gran parte ebrei tedeschi ed austriaci, in fuga dai nazisti. Quando Hitler, nel maggio del 1940, invase Belgio e Paesi Bassi, Westerbork venne trasformato in un campo di prigionia temporanea dove transitavano tutti coloro che erano destinati ai campi di sterminio più tristemente famosi: passarono per Westerbork, per esempio, Anne Frank, Etty Hillesum e anche molti nomi noti della vivacissima scena artistica tedesca degli anni 30, come Dora Gerson e Max Ehrlich entrambi grandi attori di cinema e di cabaret, o come il pianista berlinese Willy Rosen…

Furono proprio Max Ehrlich e Willy Rosen che all’inizio del 1943 convinsero... (continua)
Ik geloof ik ben niet helemaal in orde
(continua)
inviata da Bartleby 28/2/2011 - 10:23
Video!

Amsterdam huilt

[1964]
Interpretata da Rika Jansen, cantante olandese piuttosto nota in patria negli anni 50 e 60 con il soprannome di Zwarte Riek, “Hendrika la Bruna”.
Scritta da Kees Manders, cantante e songwriter olandese che all’epoca era il compagno della Jansen.
Testo originale e traduzione inglese trovati su Voices



Allo scoppio della seconda guerra mondiale l’Olanda dichiarò la sua neutralità ma fu comunque fagocitata dai nazisti, insieme a Belgio e Lussemburgo, che la invasero il 10 maggio del 1940 e se me impadronirono nel giro di una settimana. Anzi, tra il 13 ed il 14 maggio gli olandesi avevano già capitolato ma ciò non impedì ai nazisti di effettuare un massiccio bombardamento aereo sui quartieri civili di Rotterdam uccidendo un migliaio di persone e radendo al suolo quasi 30.000 edifici.
All’epoca in Olanda vivevano circa 140.000 ebrei molti dei quali tedeschi fuggiti dalla Germania... (continua)
Als vader weer bladert in zijn fotoboek
(continua)
inviata da Bartleby 10/2/2011 - 15:26
Video!

Il Pasi

Traduzione neerlandese dal libretto di un concerto dello “Schönberg Ensemble”, direttore Oliver Knussen, su musiche di Hans Werner Henze.
PASI
(continua)
inviata da Bartleby 27/12/2010 - 10:45

Bush (De wereld is geen schietschijf)

[2005]
Tekst en muziek van Doc Jazz
Album: Creative Resistance

Protest song against Bush, for his visit to the Netherlands in May 2005.
Kijk..
(continua)
inviata da giorgio 26/12/2010 - 15:06
Video!

Los poetas cubanos ya no sueñan

Traduzione neerlandese dal libretto di un concerto dello “Schönberg Ensemble”, direttore Oliver Knussen, su musiche di Hans Werner Henze.
DE DICHTERS VAN CUBA SLAPEN NIET MEER
(continua)
inviata da Bartleby 24/12/2010 - 10:23




hosted by inventati.org