Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Lingua Islandese

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Carl Sagan: Pale Blue Dot

Heimir Hannesson is an Icelandic astronomer. He translated Carl Sagan's speech into his native language for the magazine Íslenska Leiðin in 2011, in an article named Carl sér heiminn í nýju ljósi (“Carl sees the world in a new light”). [RV]
Fölblái punkturinn
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 24/12/2020 - 11:21
Video!

Áfram stelpur

[1975]
Testo / Texti / Lyrics / Paroles / Sanat: Dagný Kristjánsdóttir - Kristján Jónsson
Musica / Lag / Music / Musique / Sävel: Gunnar Edander
Album / Albumi: Áfram stelpur



English
Italiano

On October 24 1975, Icelandic women observed what was called Kvennafrídagurinn, (The Women's Day Off), known outside Iceland as the Icelandic Women's Strike. It was estimated that at least 90% of Icelandic women participated by not going to work and by doing no housework. An estimated 25,000 women gathered for mass a demonstration in downtown Reykjavík. The total population of Iceland was only 216,695 at the time. Mass meetings and demonstrations were also organized in smaller towns around Iceland.

The Redstockings
The year 1975 had been declared the International Women's Year by the United Nations. Icelandic women's rights organizations, including representatives of the Redstockings, a group... (continua)
Í augsýn er nú frelsi,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 14/12/2020 - 08:56
Downloadable! Video!

King Orfeo [feat. Harpens kraft]

Come già accennato, il Gautakvæði [pron. 'göitha'kvaidhi ] , la cupa versione islandese della ballata, si distingue da tutte le altre per il finale tragico. Il suo testo è dovuto ancora al Grundtvig: fu pubblicato nel 1858 nel terzo volume degli Íslenzk fornkvæði (“Antichi canti islandesi”) [Copenaghen, Nordiske Literatur-Samfund; la pubblicazione era iniziata nel 1854]. L'opera fu redatta dal Grundtvig assieme al grande letterato islandese Jón Sigurðsson (1811-1879); le introduzioni, i commenti e gli apparati critici erano redatti in danese, mentre i testi islandesi dei canti e delle ballate (in una grafia arcaizzante e in diversi punti differente da quella dell'islandese attuale, che qui ho mantenuto) non erano accompagnati da alcuna traduzione.

Nel Gautakvæði, il protagonista maschile, Gauti, reca un nome non ignoto (in varie forme: Gaute, Gøde ecc.) a diverse versioni continentali,... (continua)
Gautakvæði
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 15/4/2020 - 02:20
Downloadable! Video!

Lo boièr

anonimo
Riccardo Venturi, 06-11-2019 20:25
KÚASMALINN
(continua)
6/11/2019 - 20:31
Downloadable! Video!

Velisurmaaja

Riccardo Venturi (Rikarður V. Albertsson), 23-10-2019 01:47

Þessa þýðingu má syngja í takt við útgáfu Niekku [R.V.A.]


BRÓÐURMORÐINGINN
(continua)
23/10/2019 - 01:48
Video!

Mitt var starfið

[1914]
Þula eftir Theodóru Thoroddsen
Ljóðið að ofan birtist í Mánaðarritinu árið 1914
"Þula" di Theodóra Thoroddsen
Pubblicata nel "Mánaðarritið" (Rivista Mensile) nel 1914
A "þula" by Theodóra Thoroddsen
Published 1914 in "Mánaðarritið" (Monthly Review)
"Þula" de Theodóra Thoroddsen
Publiée en 1914 par "Mánaðarritið" (Revue Mansuelle)
Theodóra Thoroddsenin "þula"
Julkaistiin vuonna 1914 kuukausilehdessä "Mánaðarritið"
Syngur / Canto / Singing / Chante / Laulaa: Bára Grímsdóttir
Album / Albumi: Funi, 2004

Nata il 1° luglio 1863 in una sperduta fattoria islandese, Kvennabrekka á Dölum (significa alla lettera: “Collina delle donne nelle valli”), Theodóra Friðrika Guðmundsdóttir era la figlia di un pastore luterano e membro dell'Alþingi, zio materno del poeta Matthías Jochumsson (l'autore del Þjódsöngur Íslendinga, l'inno nazionale islandese scritto nel 1874 in occasione del millenario... (continua)
Mitt var starfið hér í heim
(continua)
inviata da Riccardo Venturi (Rikarður V. Albertsson) 22/10/2019 - 12:03
Downloadable! Video!

Íslensk vögguljóð á Hörpu

[1928]
Halldór Kiljan Laxness orti í San Fransískó, Bandaríkin
Poesia di Halldór Kiljan Laxness scritta a San Francisco, USA
A poem by Halldór Kiljan Laxness written in San Francisco, US
Poème de Halldór Kiljan Laxness écrit à San Francisco, États Unis
Halldór Kiljan Laxnessin kirjoittama runo San Franciscossa, Yhdisvalloissa
Tónlist / Musica / Music / Musique / Sävel:
Íslenskt fólklag / Melodia popolare islandese / Icelandic folk tune / Mélodie populaire islandaise / Islantilainen kansanmusiikki
(Hallgrímur Helgason / Jakobína Thorarensen 1905-1981)

Figura multiforme e controversa, amatissimo e odiatissimo, passato dal monachesimo in un convento benedettino in Lussemburgo all'adesione al socialismo e al comunismo (da cui si allontanò dopo la rivolta ungherese del 1956), pacifista a oltranza, poi buddista, narratore dotato (e spesso fluviale) nella sua lunghissima vita, polemista,... (continua)
Ég skal vaka og vera góð
(continua)
inviata da Riccardo Venturi (Rikarður V. Albertsson) 21/10/2019 - 14:24
Downloadable! Video!

Lög og regla

[1983]
Orð og tónlist / Parole e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel: Bubbi Morthens
Album / Albumi: Fingraför

Il titolo dell'album del 1983, sulla cui copertina Bubbi Morthens compare nudo e rannicchiato in una stanza che sembra quella di un manicomio, significa "impronte digitali' (lo si capisce anche dall'impronta digitale sovraimpressa). Potrà forse apparire strano che nell'Islanda del 1983 sia stata composta una canzone che sembra parlare, che so io, di Stefano Cucchi, di Federico Aldrovandi, di Marcello Lonzi e di tanti altri; la polizia islandese (la Lögregla) non è certo nota per la sua violenza, in un paese che -tra l'altro- ha un bassissimo indice di criminalità. Eppure, di recente, ha fatto il suo "esordio", sparando e ammazzando come un cane una persona che stava dando in escandescenze. Non era mai accaduto prima. Si dia il benvenuto in questo mondo meraviglioso anche alla polizia islandese. [RV]
Hvers vegna eru lög og regla
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 21/10/2019 - 01:48
Downloadable! Video!

Banco del Mutuo Soccorso: 750.000 anni fa...l'amore

Riccardo Venturi, 19-08-2019 19:57

Translator's note I do not often make translations into Icelandic, the language of my salad days. But I think this song is really home in this language.
KÆRLEIKUR ... FYRIR 750000 ÁRA
(continua)
19/8/2019 - 19:58
Video!

Ný Batterí

[1999]
Nell'album intitolato "Ágætis byrjun", poi estratto come singolo

Non so esattamente il significato di questa canzone... Parla di un prigioniero, forse un animale in una gabbia, forse un essere umano, poi costretto dai suoi aguzzini alla guerra, o a sopraffarre altri animali, altri esseri umani... O forse parla della violenza insita nell'uomo, nelle società umane, forse nel nucleo basilare di ogni società umana, la famiglia, dove nel silenzio si consumano indicibili violenze, il più delle volte a danno dei più deboli, delle donne, dei bambini...

Non so. Nel dubbio la inserisco in diversi percorsi sulla violenza... Vedete poi voi...
Heftur með gaddavír
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 16/10/2018 - 22:46
Downloadable! Video!

Warszawianka 1905 roku [La Varsovienne; Варшавянка; ¡A las barricadas!]

1z1. Ásgeir Ingvarsson's Icelandic version

WARSHAWJANKA
(continua)
inviata da Rikarður V. Albertsson 6/9/2018 - 20:15
Downloadable! Video!

I Dreamed I Saw Joe Hill Last Night

ISLANDESE / ICELANDIC
Íslenskir textar
JOE HILL
(continua)
inviata da Rikarður V. Albertsson 6/9/2018 - 19:58
Downloadable! Video!

Le Déserteur

ISLANDESE / ICELANDIC / ISLANDAIS [2] - Ásgeir Ingvarsson

Da songvar.vg.is. La versione è assolutamente cantabile.
From songvar.vg.is. The version is fully singable.
D'après songvar.vg.is. La version est chantable.

LIÐHLAUPINN
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 4/4/2018 - 00:44
Video!

Verkamaður

[1934]
Poesia di Steinn Steinarr
A poem by Steinn Steinarr
Musica e interpretazione: Bergþóra Árnadóttir
Music and performance: Bergþóra Árnadóttir

Da molti Steinn Steinarr è considerato il più grande poeta islandese del XX secolo; da molti in Islanda, naturalmente. Fuori dall'Isola dei Ghiacci, è rimasto più o meno sconosciuto fin quando, una decina d'anni fa, qualcuno si è accorto che gli islandesi, durante la crisi nera del 2008, stavano facendo una rivoluzione declamando e cantando le sue poesie, e perdipiù nel centenario esatto della sua nascita. Allora qualcosa è venuto fuori, nonostante le difficoltà nel tradurlo efficacemente in una qualche lingua.

Steinn Steinarr si chiamava in realtà Aðalsteinn Kristmundsson ed era nato il 13 ottobre 1908 in una sperduta fattoria dei Vestfirðir (“fiordi dell'ovest”), Laugaland (“terra delle sorgenti calde”). Soprannominato “Alli” fin dalla... (continua)
Hann var eins og hver annar verkamaður,
(continua)
inviata da Ríkarður V. Albertsson 19/1/2018 - 12:21
Downloadable! Video!

נרקוד לשלום

36. ISLANDESE / Icelandic
Ríkarður V. Albertsson
VIÐ DÖNSUM TIL FRIÐAR
(continua)
26/8/2017 - 11:07
Downloadable! Video!

Til ungdommen [Kringsatt av fiender]

Snarað: Eyvindur P. Eiríksson, rithöfundur og fv. lektor
Icelandic translation by Eyvindur P. Eiríksson, writer and researcher


Til æskunnar!
Vísir, 13.02.2012.

Fyrir jólin birtist í Fréttablaðinu gott greinarkorn um þá ágætu norsku söngkonu Sissel Kyrkjebø og m.a. að hún hefði við minningarathöfnina um þá sem dóu í morðunum vibjóðslegu í Ósló og Útey sungið ljóð Nordahls Grieg „Til æskunnar", sem þar var nefnt sálmur. Undirritaðan langar af því tilefni að hafa nokkur orð um ljóðið og skáldið.

„Til ungdommen" mætti svo sem vel kalla lofsöng en ekki sálm, enda var skáldið Nordahl Grieg enginn trúmaður en algjör friðarsinni og mikill mannvinur. Hann var frægur í Noregi og víðar, skrifaði ljóð, leikrit, sögur o.fl. Umdeildur var hann og einkum fyrir stjórnmálaskoðanir sínar, hann var sannur sameignarsinni og kommúnisti. Hann trúði vissulega of einlæglega á sósíalisma í Sovétríkjunum, eins... (continua)
TIL ÆSKUNNAR
(continua)
inviata da Ríkarður V. Albertsson 29/5/2017 - 14:31
Downloadable! Video!

Blowin' in the Wind

ISLANDESE / ICELANDIC [Ingiberg Magnússon]

La traduzione islandese (pienamente cantabile) di Ingiberg Magnússon (1969). Pressoché introvabile, è stata reperita in (e ricopiata da) un'immagine di tímarit.is, l'emeroteca digitale nazionale islandese. La versione di Ingiberg Magnússon (di Reykjanes, poi divenuto un importante artista figurativo) compare sul n° 1 del I anno della rivista autoprodotta Eintak (1° aprile 1969).

Here's the (fully singable) Icelandic version of Blowin' in the Wind by Ingiberg Magnússon from Reykjanes (1969), later to become a renowned figurative artist. This really rare version is to be found in (and is reproduced from) tímarit.is, the Icelandic national newspaper library. The version was published in the nr 1, year 1, of the self-produced mimeographed magazine Eintak (April 1, 1969). [RV]
SVARIÐ VEIT AÐEINS VINDURINN
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 13/11/2016 - 20:04
Downloadable! Video!

Um grimman dauða Jóns Arasonar

[1972]
Testo e musica: Megas [Magnús Þór Jónsson]
Lyrics and music: Megas [Magnús Þór Jónsson]
Orð og tónlist: Megas [Magnús Þór Jónsson]
Album: Megas 1972

Nel 1972, il sig. Magnús Þór Jónsson, islandese, era un giovanotto di ventisette anni (è nato il 7 aprile 1945) innamorato del rock e di Elvis Presley; il rock & roll era arrivato in Islanda verso il 1956, ma gli interessi musicali del giovanissimo Magnús dovettero essere rimandati a dopo la scuola media. Verso il '68, ventitreenne, Magnús aveva già composto 14 canzoni, diverse delle quali comparvero nel suo primo album; nel frattempo, ai tempi del liceo, si era fatto notare anche per brevi componimenti ed articoli scritti per il giornale scolastico, che avevano provocato un putiferio. Diceva di ispirarsi a Bob Dylan e a Ray Davies, ma le sue canzoni erano molto “islandesi”, prendendo di mira in modo satirico e solforoso la sacra... (continua)
Jón Arason var kaþólskur segja sannfróðir
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 12/11/2016 - 07:26
Downloadable! Video!

Where Have all the Flowers Gone

ISLANDESE / ICELANDIC / ISLANDAIS [2]
Jón Sigurðsson / Ragnar Bjarnason – Elly Vilhjálms (“Elly og Ragnar”)

La seguente cover islandese di Jón Sigurðsson è stata interpretata da Ragnar Bjarnason e da Elly Vilhjálms. Della canzone originale di Pete Seeger rimane solo la musica e l'impostazione “a catena”; per il resto si tratta di un testo dove si rimpiange un luogo caro, il “fiore azzurro” che c'era, i bambini che giocavano, una giovane fanciulla che presumibilmente amava e tutto quanto quel che c'era d'altro. La cover è del 1965; Elly e Ragnar, che si esibivano in duo, la incisero in un minialbum di quattro canzoni intitolato Elly og Ragnar með hljómsveit svavar gests.

The following Icelandic cover by Jón Sigurðsson was performed by Ragnar Bjarnason and Elly Vilhjálms. Only the tune and the “chain texture” of Pete Seeger's original song were left; the lyrics are a “love-and-regret song”... (continua)
HVERT ER FARIÐ BLÓMIÐ BLÁTT
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 30/3/2016 - 04:00
Downloadable!

Ef

[1986]
Testo e musica: Jóhann G. Jóhannsson
Lyrics and music: Jóhann G. Jóhannsson
Interpretata da / Performed by: Björgvin Halldórsson

Il mondo del pop islandese degli anni '60, '70 e '80 è, come è presumibile, un territorio pressoché inesplorato, al pari del selvaggio interno della grande isola nordica. Björk, i Sigur Rós e l'attuale “moda”, anche musicale, dell'Islanda erano ancora ben al di là dal venire, anche perché i cantanti e i gruppi musicali islandesi avevano il “vizio” di scrivere e cantare tutto quanto rigorosamente in islandese, lingua non propriamente accessibile ai più. Eppure qualcuno si sarà pur chiesto se dietro ai famosissimi nomi attuali ci sia stato dietro qualcuno e qualcosa; e nell'Isola delle Saghe si “poppava” e si rockeggiava alla grande fin dagli anni '50, magari emergendo ogni tanto all'Eurofestival (che nei paesi nordici è sempre stato importantissimo).... (continua)
Ef mættum við lifa í samlyndi og sátt,
(continua)
15/8/2015 - 09:19
Video!

Sofðu unga ástin mín

[1911]
Testo: Jóhann Sigurjónsson [1880-1919]
Musica: [?]
Dalla tragedia Fjalla-Eyvindur og Halla [1911]

Lyrics: Jóhann Sigurjónsson [1880-1919]
Music: [?]
From the tragedy Fjalla-Eyvindur og halla [1911]

Nello spettrale e lunare nordest dell'Islanda, a nord dell'enorme ghiacciaio Vatnajökull, si trova uno dei tanti hraun dell'isola: lo Óðáðahraun. Uno hraun è, in Islanda, una distesa più o meno vasta formata da lava raffreddata: un “campo di lava”, o “distesa lavica”. Quello di cui si parla qui, però, è vastissimo ed ha un nome singolare: significa infatti, alla lettera, “Hraun del Fuorilegge”, o “del Bandito”. Lo Óðáðahraun prende infatti il suo nome da uno dei più celebri fuorilegge islandesi e dalle sue tragiche vicende: si chiamava Eyvindur Jónsson, ma è più noto come Fjalla-Eyvindur (“Eyvindur delle Montagne”).

Eyvindur Jónsson era nato nel 1714 a Hrunamannahreppur, nell'Islanda... (continua)
Sofðu, unga ástin mín,
(continua)
inviata da Ríkarður V. Albertsson [Riccardo Venturi's Twin Brother from Iceland] 28/7/2015 - 12:17
Downloadable! Video!

Betri heimur

[1970]
Lag og ljóð: Jóhannes Jóhannesson
Testo e musica: Jóhannes Jóhannesson
Lyrics and music: Jóhannes Jóhannesson
Album: Óðmenn

Gli Óðmenn non ebbero, musicalmente, vita lunga. Formatisi nel 1966, pubblicarono tre 45 giri doppi tra il 1967 e il 1970, e, nello stesso 1970, l'unico loro vero album, "Óðmenn", contenente però ben sedici brani. La copertina dell'album testimonia la popolarità che avevano raggiunto in Islanda in quegli anni: una specie di "collage" di articoli di giornali che li riguardano. Tra le sedici canzoni, questa Betri heimur. Qualcuno potrebbe sicuramente dire che, leggendo la traduzione, si potrebbe ricordare dei Giganti e di "Mettete dei fiori nei vostri cannoni"; beninteso, non ci sono né fiori e né cannoni in questa canzone, ma le "atmosfere" sono le stesse: il mondo migliore, l'umanità non ha mai imparato niente dai suoi errori, fratelli e sorelle prendiamoci per mano e cambiamo il mondo assieme, cambiamo l'uomo "dal di dentro". Forse, adesso, possiamo anche sorridere, ma è un sorriso amaro. [RV]
Við, við viljum betri heim
(continua)
inviata da Ríkarður V. Albertsson [Riccardo Venturi's Twin Brother from Iceland] 19/7/2015 - 11:49
Downloadable! Video!

Spilltur heimur

[1970]
Lag og ljóð: Jóhannes Jóhannesson
Testo e musica: Jóhannes Jóhannesson
Lyrics and music: Jóhannes Jóhannesson
Album: Spilltur heimur



Islanda. Cos'è l'Islanda, in musica? Björk, i Sigur Rós, i Sugarcubes. Mettiamoci anche Emilíana Torrini, con quel suo nome che di islandese ha assai poco. Già se si comincia a virare verso Bubbi Morthens, inizieranno i primi interrogativi; figurarsi quando si va a scovare una band progressive fondata nel 1966. Nel 1966, in Italia, si credeva generalmente che l'Islanda fosse soltanto una grossa isola sperduta tra i ghiacci boreali, abitata perlopiù da orsi polari, trichechi ed altri misteriosi animali detti saghe . Nel 1966, invece, in Islanda (che si accingeva a festeggiare il 1100° anniversario della sua colonizzazione, avvenuta nell'anno 874), c'erano dei giovani musicisti che formavano band di musica progressive: gli Óðmenn.

La storia degli... (continua)
Við lifum öll í spilltum heimi, sem gefur engum grið,
(continua)
inviata da Ríkarður V. Albertsson [Riccardo Venturi's Twin Brother from Iceland] 19/7/2015 - 00:26
Downloadable! Video!

Fragen eines lesenden Arbeiters

SPURNINGAR LESANDI VERKAMANNS
(continua)
inviata da Rikarður V. Albertsson 24/3/2015 - 23:32
Video!

Síðasta blóm í heimi

[1981]
Da una poesia di James Thurber
(Tradotta in islandese da Magnús Ásgeirsson)
Musica: Utangarðsmenn / Bubbi Morthens
Album: Í upphafi skyldi endinn skoða

From a poem by James Thurber
(Translated into Icelandic by Magnús Ásgeirsson)
Music: Utangarðsmenn / Bubbi Morthens
Album: Í upphafi skyldi endinn skoða

Texti: Ljóð eftir James Thurber
Þýðing: Magnús Ásgeirsson
Lag: Utangarðsmenn / Bubbi Morthens
Af plötunni: Í upphafi skyldi endinn skoða



L'ultimo fiore, dal Quartetto Cetra al punk islandese

Che cosa c'entra, secondo voi, una punk band islandese con il Quartetto Cetra? Tutti e due gruppi musicali, d'accordo; ma più diversi sarebbe difficile immaginarseli. Eppure una cosa in comune ce l'hanno: una canzone. Per quanto possa sembrare incredibile, derivata dalla stessa poesia.

La poesia si chiama, in inglese, The Last Flower in the World e fu scritta dal giornalista,... (continua)
Undir XII. alheimsfrið
(continua)
inviata da Rikarður V. Albertsson 17/2/2014 - 03:30
Downloadable! Video!

Катюша

ISLANDESE / ICELANDIC


Vertu til er vorið kallar á þig di Tryggvi Þorsteinsson
Vertu til er vorið kallar á þig by Tryggvi Þorsteinsson.



Sull'aria di “Katiuscia” viene cantata in Islanda una popolare canzone intitolata Vertu til er vorið kallar á þig (“Stai qui prima che la primavera ti chiami”), una strofa scritta da Tryggvi Þorsteinsson, di cui diamo qui anche la traduzione italiana e inglese. Nel video, girato in Islanda, la soprano russa Aleksandra Černyšëva canta “Katyusha” in russo, seguita dal coro islandese che canta la canzone nella propria lingua al quale si unisce poi la stessa soprano.

A popular Icelandic song is sung to the tune of “Katyusha”: Vertu til er vorið kallar á þig (“Stay here before spring calls you”), a verse written by Tryggvi Þorsteinsson followed here by an Italian and English translation. In the video, turned in Iceland, the Russian soprano Aleksandra Chernyshova... (continua)
Vertu til er vorið kallar á þig,
(continua)
inviata da Ríkarður V. Albertsson 2/10/2013 - 23:14
Downloadable! Video!

Immigrant Song

Þýtt hefur Rikarður V. Albertsson

Andava quasi da sé che mi sarei messo a tradurre questa canzone in islandese; tanto più che un "vichingo" la capirebbe senza problemi. In Islanda, come si sa, la lingua scritta è rimasta pressoché ferma a un migliaio d'anni fa... [RV]
INNFLYTJENDASÖNGUR
(continua)
3/9/2013 - 16:41
Downloadable! Video!

Il Pescatore

FISKIMAÐURINN
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 12/7/2013 - 00:29
Downloadable!

Κωνσταντίνος Καβάφης / Konstandinos Kavafis: Εν μεγάλη Ελληνική Αποικία, 200 π.Χ.

Íslensk þýðing eftir Atla Harðarson

"Þetta ljóð frá árinu 1928 er um margt dæmigert fyrir seinni ljóð Kavafis, nánast eins óljóðrænt og verið getur

Annað grískt skáld, Giorgos Seferis (Γιώργος Σεφέρης) sagði í frægri ritgerð að Konstantinos P. Kavafis (Κωνσταντίνος Π. Καβάφης) hafi farið með ljóðlistina að ystu mörkum þess óljóðræna og í þessu hafi enginn annar komist lengra.

Í ritgerð þessari ber Seferis saman tvo frumkvöðla módernisma í ljóðagerð, Bandaríkjamanninn Thomas Stearns Eliot (1888 – 1965) og einfarann frá Alexandríu, Kavafis (1863 –1933), og segir að Kavafis hafi öðrum skáldum fremur farið eftir því sem Eliot boðaði að tilfinningar yrðu aðeins tjáðar á listrænan hátt með því að lýsa hlutlægri samsvörun þeirra („objective correlative“).

Þetta ljóð virðist aðeins segja brot úr gamalli sögu. Ef til vill var þessi saga hlutlæg samsvörun þess hvernig framsýnir menn upplifðu samtíð sína rétt fyrir kreppuna miklu."
Í STÓRRI GRÍSKRI NÝLENDU ÁRIÐ 200 F. KR.
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 8/11/2012 - 12:45
Downloadable! Video!

Άρνηση [Στο περιγιάλι το κρυφό]

Íslensk þýðing eftir Atla Harðarson

"Giorgos Seferis (Γιώργος Σεφέρης) fæddist árið 1900 skammt frá Smyrnu í Anatólíu. Hann nam lögfræði við Sorbonne háskóla í Frakklandi og starfaði síðan lengst af í grísku utanríkisþjónustunni m.a. sem sendiherra í Tyrklandi, Englandi og Albaníu. Seferis hætti að þjóna gríska ríkinu eftir að herforingjar tóku völd árið 1967. Þegar hann lést árið 1971 voru herforingjar enn við völd. Við jarðarförina safnaðist mikill fjöldi manna saman í Aþenu og söng ljóð hans Afneitun (Άρνηση) við lag Mikis Þeodorakis og varð þessi söngur, sem hafði þá um nær tíu ára skeið verið vinsæll og vel þekktur, að sameiningartákni þeirra sem börðust gegn herforingjastjórninni. (Þessi illa þokkaða stjórn sem hrökklaðist frá völdum 1974 stjórnaði Grikklandi að hætti fasista.) Seferis fékk Nóbelsverðlaunin í bókmenntum árið 1963.Hann lést árið 1971."
AFNEITUN
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 8/11/2012 - 11:50
Downloadable! Video!

Περιμένοντας τοὺς βαρβάρους

Íslensk þýðing eftir Atla Harðarson


Fin dall'ottocentosettantaquattro dopo Cristo, quando avvenne la Landnám, ogni islandese è scrittore e poeta "in pectore". E traduttore. Il sig. Atli Harðarson traduce in islandese i poeti della Grecia, in particolare Kavafis, Seferis e Elytis. Dal suo sito riprendo la traduzione di questa poesia; e da vecchio islandista mi fa un gran piacere. Una divertente curiosità: in islandese, il nome "Atli" corrisponde a "Attila". Per un traduttore di "Aspettando i barbari", direi che è notevole! (rv)
BEÐIÐ EFTIR BARBÖRUNUM
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 7/11/2012 - 22:37
Downloadable! Video!

Ákall

Lag: Ralph Siegel
Texti: Jónbjörg Eyjólfsdóttir
Söngur: Friðjón Ingi Jóhannsson
Raddir: Aðalheiður Borgþórsdóttir
Gítar: Árni Jóhann Óðinsson
Útsetning og annar hljóðfæraleikur: Einar Bragi Bragason
Album: Austfirskir Staksteinar (1996)

Canzone di Ralph Siegel
Testo islandese: Jónbjörg Eyjólfsdóttir
Canto: Friðjón Ingi Jóhannsson
Voci: Aðalheiður Borgþórsdóttir
Chitarra: Árni Jóhann Óðinsson
Arrangiamento e altri effetti sonori: Einar Bragi Bragason
Album: Austfirskir Staksteinar (1996)


"Þetta gamla Eurovision friðarlag er hér latið fylgja með en það var áður gefið út á 'Fjörðurinn okkar' árið 2000. Þessi texti Jónbjargar Eyjólfsdóttur frá Borgarfirði eystra er orðinn vel þekktur um allt land m.a. verið sunginn af kórum og fleiri aðilum."

"Questa che segue è una vecchia canzone pacifista dell'Eurofestival, pubblicata precedentemente in 'Fjörðurinn okkar' ('Il nostro fiordo')... (continua)
Vinur minn hvar sem í heiminum er
(continua)
inviata da Ríkarður V. Albertsson 26/12/2011 - 15:02
Downloadable! Video!

Stríðum gegn stríði

[1983]
Lag og texti: Bubbi Morthens
Testo e musica: Bubbi Morthens
Lyrics and music: Bubbi Morthens
Album: Línudans
Ég á mér draum sama draum og þið
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 8/12/2011 - 17:49
Downloadable! Video!

Hírósima

[1981]
Lag og texti: Bubbi Morthens
Testo e musica: Bubbi Morthens
Lyrics and music: Bubbi Morthens
Album: Utangarðsmenn

Sono particolarmente contento di aver rispolverato l'islandese per questo tipo qua, il sig. Ásbjörn Kristinsson Morthens detto “Bubbi”, il quale presenta peraltro un'inquietante somiglianza con Alessio Lega. È nato il 6 giugno 1956 a Reykjavík, e fino a quando aveva 23 anni ha fatto il pescatore d'altura come molti suoi connazionali; nel 1980 se ne è venuto fuori con il suo primo album di canzoni, intitolato Ísbjarnablús, ovvero “Il blues degli orsi polari”; una simpatica metafora per una specie di blues cantato rigorosamente in islandese. L'avete mai sentito parlare l'islandese? Probabilmente, la prima impressione che ne ricavereste sarebbe quella di una lingua adatta giustappunto ai pescatori d'altura; invece, se maneggiato con cura, ha una sua grande musicalità... (continua)
Heill þér faðir alheimsins
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 29/11/2011 - 20:38
Downloadable! Video!

Fastur liður

[2003]
Lag og texti: Bubbi Morthens
Testo e musica: Bubbi Morthens
Lyrics and music: Bubbi Morthens
Album: 1000 kossa nótt

Poiché il nostro "islandese ufficiale" Nicola Ruggiero sembra essersi perso tra i ghiacci e i geyser, tocca al sottoscritto rimpinguare un po' l'esigua sezione islandese delle CCG/AWS con questa canzone di Bubbi Morthens del 2003, piuttosto "classica" nella sua struttura di antiwar song. Bubbi Morthens è una vera star nel suo paese, ma canta quasi esclusivamente in islandese; a mio parere fa benissimo, ma questo fa purtroppo sí che le sue canzoni, al di fuori dall'Islanda, siano sconosciute. Ho come il presentimento che questa pagina conterrà (non appena la avrò pronta) la prima traduzione italiana in assoluto di una sua canzone. [RV]
Við sjónarhringinn hrannast upp dökk ský
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 8/11/2011 - 00:12
Downloadable! Video!

Todesfuge

ISLANDESE / ICELANDIC / ISLANDAIS / ISLANTI

Versione islandese di Gunnsteinn Ólafsson
Gunnsteinn Ólafsson þýddi á íslensku
Icelandic version by Gunnsteinn Ólafsson
Version islandaise de Gunnsteinn Ólafsson
Gunnsteinn Ólafssonin islanninkielinen versio


La traduzione è ripresa da tímarit.is (tímarit significa "rivista" in islandese), che a sua volta riproduce la pagina dell'Alþýðublaðið* del 27 gennaio 1995 dove è pubblicata la traduzione. La poesia accompagna un articolo su Elie Wiesel intitolato "Saremo insieme per sempre". (RV)

*Si tratta del più diffuso quotidiano islandese (ndr)
DAUÐAFÚGA
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 31/10/2011 - 23:31
Downloadable! Video!

Bella Ciao

anonimo
36. Bella ciao [Andstöðumannablóm] (Icelandic Version by Riccardo Venturi)

Con una dedica sia all'oramai "islandese" Nicola Ruggiero, amministratore di questo sito (e a Siru), e anche all'Islanda che proprio un 25 aprile si è liberata da un governo parafascista che l'ha portata alla rovina, una delle mie rarissime traduzioni in islandese. [RV]
Á einu morgni vaknaði ég upp,
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 29/4/2009 - 14:07
Downloadable! Video!

Lili Marleen [Lied eines jungen Wachtpostens]

ISLANDESE / ICELANDIC

L'Islanda sarebbe forse l'ultimo paese al mondo dove ci si aspetterebbe di trovare una versione di "Lili Marleen", poiché nella sua storia non ha fatto mai una guerra che fosse una (per il semplicissimo e nobilissimo motivo che non ha mai avuto un esercito). Eppure una "Lili Marleen" è riuscita ad arrivare anche lassù, anche se decisamente...snaturata. Da un canzoniere popolare abbiamo reperito questa breve versione (si tratta solo della prima strofa) dove "Lily Marlene" diventa, con un adattamento molto "islandese", la ragazza di un pastore il quale "torna a casa prima che la primavera splenda nella valle". A casa, "dietro le montagne azzurre", lo "aspetta il suo amore". Una volta a casa, la "abbraccerà e la bacerà" terminando con un "sto arrivando e tu mi ami". Viene fornita una traduzione inglese letterale. [CCG/AWS Staff]

Iceland is perhaps the last country in... (continua)
LILY MARLENE [1]
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 22/10/2008 - 02:26
Downloadable! Video!

L'Internationale

ISLANDESE / ICELANDIC [2]

This is another later Icelandic translation of the Internationale. Translated by expert translator Magnús Ásgeirsson, most likely in the 1930s.
The most popular translation is the one on your website first published in 1922.
Source: Þjóðviljinn, 1 May 1972 pp 10-11"


Una traduzione islandese più tarda dell'Internazionale, effettuata dall'esperto traduttore Magnús Ásgeirsson, probabilmente attorno agli anni '30.
La traduzione più nota è quella contenuta nel nostro sito, pubblicata per la prima volta nel 1922.
Fonte: Þjóðviljinn ("La volontà del popolo")*, 1° maggio 1972, pp 10-11.

*Þjóðviljinn: era il quotidiano del Partito Comunista Islandese. [CCG/AWS Staff]


Grazie a Emil Boasson per questo prezioso contributo.
Thanks to Emil Boasson for this invaluable contribution.
Þökk Emili Boassyni fyrir þetta ómetanlega framlag.
INTERNASJÓNALINN
(continua)
inviata da Emil 18/10/2008 - 04:13
Downloadable! Video!

L'estaca

ISLANDESE [Þorvaldur Þorvaldsson]
ICELANDIC [Þorvaldur Þorvaldsson]


Versione islandese di Þorvaldur Þorvaldsson [Þ = th]
Ripresa da Sósíalistafélagið
Icelandic version by Þorvaldur Þorvaldsson [Þ = th]
Reproduced from Sósíalistafélagið
Þýtt hefur Þorvaldur Þorvaldsson, úr Sósíalistafélaginu
STAURINN
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 12/8/2007 - 00:29
Downloadable! Video!

Leonard Cohen: Bird On The Wire

Versione in lingua islandese. Si tratta in realtà della sottotitolatura interlineare a cura della TV islandese in occasione di un concerto di Cohen in Islanda. Dal video YouTube abbiamo trascritto interamente (ricopiandoli!) i sottotitoli contenenti la versione. [RV]
FUGL UPPI Á LÍNU
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 24/2/2007 - 16:15
Downloadable! Video!

Il Pescatore

L'adattamento in islandese è dovuto soggiacere a diverse e varie riscritture; ma la storia del "Pescatore" è talmente ben commisurata allo stile narrativo della letteratura tradizionale e popolare nordica, ricchissima di banditi in fuga e di "outlaws", che quasi
verrebbe da dire che De André vi si sia ispirato. La presente versione è stata quindi volutamente condotta con uno stile linguistico piuttosto arcaizzante, ad esempio con la frequente inversione del soggetto tipica delle ballate popolari norvegesi, islandesi e faroesi. Si è reso necessario anche un certo numero di adattamenti "locali" (ma
per questi si vedano le note). In alcuni casi si è tentato di usare il procedimento allitterativo tipico dell'antica poesia islandese (e germanica), consistente nella ripetizione nello stesso verso di parole inizianti con la stessa consonante: un esempio è "tíma Hef ég ekki og er Hungraður".
FISKIMAÐURINN
(continua)
12/2/2007 - 15:44
Downloadable! Video!

Le Déserteur

ISLANDESE / ISLANDAIS / ICELANDIC [1] - Riccardo Venturi


Versione islandese di Riccardo Venturi, 13 aprile 2006
Icelandic version by Riccardo Venturi, April 13, 2006
Version islandaise de Riccardo Venturi, 13 avril 2006
LIÐHLAUPASÖNGUR
(continua)
13/4/2006 - 15:38
Downloadable! Video!

Where Have all the Flowers Gone

ISLANDESE / ICELANDIC / ISLANDAIS [1]
Ríkarður V. Albertsson

Versione islandese di Ríkarður V. Albertsson
Icelandic version by Ríkarður V. Albertsson
Version islandaise de Ríkarður V. Albertsson
03 / 03 / 2006


Þýtt hefur Rikharður V. Albertsson til áminningar á herjarlausu landi, Íslandi, sem aldrei hefur upplifað styrjöld.
HVAR ERU SMÁBLÓMIN?
(continua)
inviata da CCG/AWS Staff 3/3/2006 - 14:35

Friðarsöngur

Poche cose sapremmo dirvi dell'autrice; si tratta presumibilmente di una ragazzina di una scuola media di Akureyri, cittadina dell'Islanda settentrionale, che ha scritto una canzoncina per il sito della sua scuola, la Hrafnagilsskóli.

La canzoncina, sulla musica di un motivo popolare che si chiama Ef væri ég söngvari ("Se fossi un cantante"), la abbiamo trovata per caso, e la mettiamo più che volentieri nelle CCG. Si chiama Friðarsöngur, cioè "Canzone di pace". Crediamo che ogni canzone contro la guerra e per la pace meriti di stare in questo sito. La bambina islandese accanto a Bob Dylan. Ci piacerebbe fare in qualche modo sapere a Helga che la sua canzoncina...è anche qui.
Á sérhverjum degi með friði ég fer
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 2/12/2005 - 16:45

Stöndum saman stelpur

anonimo
Canzone presente sul sito sin dall'estate del 2005. Oltre che da questo sito, testimoniata soltanto da questa pagina del sito della blogger, insegnante di informatica e femminista islandese Salvör Gissurardóttir (esiste alla canzone un link inattivo; il sito comunque risulta fermo al 2008). Nel sito, la canzone afferisce alla pagina sulle canzoni per il 1° maggio 2001. Dal tono, la canzone sembra appartenere a quelle nate attorno al celebre “Sciopero delle donne” islandesi, il “Venerdì delle donne” del 24 ottobre 1975, il primo sciopero femminile della storia europea; ma non è possibile stabilirlo con certezza. L'autrice della canzone potrebbe essere Salvör Gissurardóttir stessa; un'altra ipotesi è che si tratti di una canzone popolare o, quantomeno, spontanea.

The song is included in this website since summer 2005 and was reproduced from this page from Salvör Gissurardóttir's website,... (continua)
Þær voru vanar að þræla
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 2/7/2005 - 01:14
Downloadable! Video!

13. By the Waters of Babylon

ISLANDESE

La versione islandese del Salmo 137, dalla Bibbia Riformata Islandese:
Sálmarnir 137
(continua)
29/6/2005 - 16:30
Downloadable! Video!

L'Internationale

ISLANDESE / ICELANDIC [1]

La versione standard in lingua islandese.
Standard Icelandic version.
"Nallinn" á íslensku.


Akranes, 1 / 5 / 2012.


Reykjavík, 1 / 5 / 2019.


E' opera di uno dei maggiori poeti islandesi, Sveinbjörn Sigurjónsson, e di Magnús Ásgeirsson. Risale al 1928.
Il titolo della versione islandese dell'"Internazionale" ha diverse varianti. Internasjónalinn è la resa comune in grafia islandizzata, ma è comune anche la grafia non islandizzata Internationalinn. Comunemente, però, gli islandesi la chiamano con l'abbreviazione (apocopata) Nallinn (si veda ad esempio questa pagina). Spesso il titolo è accompagnato dalla dicitura Alþjóðasöngur Verkalýðsins (ovvero: Canto Internazionale dei Lavoratori).

The standard Icelandic version by Sveinbjörn Sigurjónsson (one of Iceland's major poets) and Magnús Ásgeirsson (1928). The title of the Icelandic version of the Internationale... (continua)
INTERNASJÓNALINN
(continua)
8/6/2005 - 01:11
Downloadable! Video!

Auschwitz, o Canzone del bambino nel vento

ISLANDESE / ICELANDIC / ISLANDAIS / ISLANTI
Versione islandese di Rikarður V. Albertsson
Þýtt hefur Rikarður V. Albertsson
Icelandic version by Rikarður V. Albertsson
Version islandaise de Rikarður V. Albertsson
Rikarður V. Albertssonin islanninkielinen versio
[2002]


Enni / Francesco Lo Cascio (Versione originale del 1964)
AUSCHWITZ
(continua)

Falskir fræðimenn

anonimo
Anonimo islandese
(1937)

Nel maggio del 1937 una "delegazione scientifica" tedesca fu accolta con tutti gli onori in Islanda; lo scopo ufficiale era quello di compiere delle ricerche geologiche nella desolata zona interna dell' Ódáðahraun. Ben presto, però, alcuni pastori notarono delle cose strane ed avvertirono le autorità, le quali si accorsero che i finti "scienziati" erano in realtà dei militari hitleriani che stavano facendo dei rilievi per tracciare la pista di un aeroporto, futura testa di ponte per un'invasione dell'isola -strategicamente fondamentale per la futura guerra.
Sebbene totalmente disarmate, le autorità islandesi espulsero immediatamente l'intera delegazione tedesca, confiscarono tutti i rilievi e gli strumenti e pretesero le scuse ufficiali del governo nazista (che, incredibile a dirsi, le fece).
Nella tradizione islandese rientra la composizione immediata di strofe... (continua)
Falskir fræðimenn
(continua)




hosted by inventati.org