Lingua   
Lista semplice
Mostra filtri
Lingua
Percorso
Data

Lingua Tedesco

Rimuovi tutti i filtri
Video!

Was es ist

1983
Album: Angstlos
Scritta da Nina Hagen con Anthony Kiedis e Michael Balzary (Flea), rispettivamente cantante e bassista dei Red Hot Chili Peppers

Con una stupefacente linea di basso (merito di Flea dei Red Hot Chili Peppers), la canzone fu pubblicata sia in tedesco (nella versione dell'album pubblicata in Germania) che in inglese (nella versione internazionale dell'album intitolata Fearless). Esiste una versione incisa dai RHCP ma si tratta di un demo pubblicato nel 2003 come bonus track della riedizione del loro primo album.
Mach Dir mal nichts vor hier auf Deinem Planeten
(continua)
15/6/2020 - 23:37
Video!

Der Himmel über Berlin [Lied vom Kindsein]

Lied vom Kindsein
[1987]

Gedicht / Poesia / A Poem by / Poème / ποίημα / стих / песма / 诗 / Runo / 詩 / Şiir:
Peter Handke

Film / Movie / Elokuva / :
Wim Wenders
Der Himmel über Berlin / Il cielo sopra Berlino / Wings of Desire / Les Ailes du désir / El cielo sobre Berlín / Τα Φτερά του Έρωτα / Не́бо над Берли́ном / Nebo nad Berlinom / 柏林蒼穹下 / Berliinin taivaan alla / ベルリン・天使の詩 / Berlin Üzerindeki Gökyüzü

Musik / Musica / Music / Musique / Sävel:
Jürgen Knieper

Interpretiert von / Interpreti / Performed by / Interprétée par / Laulavat:
Bruno Ganz

«Zum Augenblicke dürft ich sagen
Verweile doch! du bist so schön !

All’Attimo direi:
Fermati, sei bello!

Johann Wolfgang von Goethe


Peter Handke

A Peter Handke è stato assegnato il Nobel per la letteratura nel 2019 con la seguente motivazione:
“For an influential work that with linguistic ingenuity has explored the... (continua)
Als das Kind Kind war,
(continua)
inviata da Riccardo Gullotta 4/6/2020 - 15:19
Video!

Ich will

Ich will
[2001]

Text und Musik / Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel :
Rammstein

Album:
Mutter

Ich will , la volontà assoluta, evoca subito il Wille zur Macht , la “volontà di potenza” nietzschiana che si esplica attraverso lo Übermensch, il superuomo. Gli attraversamenti storici successivi non erano scontati ma di ingredienti per la ricetta finale ce n’erano già abbastanza. E la pietanza non si fece attendere: “Ein Volk, ein Reich, ein Führer”, un popolo, una nazione, una guida. Alcuni studiosi di filosofia storcerebbero il naso obiettando che Nietzsche sarebbe estraneo a questo processo, il che potrebbe pure avere qualche fondamento, ma le ricadute del Wille zur Macht, dell’ Ewige Wiederkunfts / eterno ritorno e dell’Io, già espressione della Razionalità hegeliana, deformata e traslata a Volontà assoluta, a Übermensch, furono tragicamente... (continua)
Ich will
(continua)
inviata da Riccardo Gullotta 21/5/2020 - 18:00
Video!

Preghiera in gennaio

Michi und Herbert Killian (23. Juli 2014)

"Eines der schönsten Lieder die er je geschrieben hat. Am 27. Janaur 1967 nahm sich Luigi Tenco, Freund von Fabrizio de André und damals recht bekannter Liedermacher, das Leben. Er wird im Laufe seines Lebens noch viele ihm liebe Menschen verlieren, auch durch Selbstmord. Tencos Tod aber geht ihm doch sehr nahe. Er schrieb das Lied am 28. und 29. Januar, es soll ein Stossgebet sein, damit Gott in seinem Himmelreich auch die Seelen der Selbstmörder aufnehmen möge."

Aus „Vita di Fabrizio De André“, Luigi Viva
GEBET IN JANUAR
(continua)
inviata da Riccardo Venturi (Thanks to Juha Rämö) 20/5/2020 - 18:10
Video!

Saurier, erwache!

[1933]
Versi di di Jura Soyfer (1912-1939), di famiglia ebraica originaria di Charkiv (Impero russo, oggi in Ucraina), giornalista e scrittore, viennese d'adozione, assassinato a Buchenwald.
Pubblicati sulla rivista illustrata satirica Der Kuckuck, 25 giugno 1933.
Musica di Christoph Holzhöfer

Il Cuculo (1929-1934) è stata una rivista austriaca di avanguardia, rivolta alla classe lavoratrice, articoli brevi ed incisivi, fortemente satirici ed antifascisti, con un fitto apparato iconografico fatto di fotografie ed illustrazioni significative, in uno stile già usato da Majakovskij nelle celebri Finestre della ROSTA (1920), da Karl Kraus in varie glosse della «Fackel» e da Kurt Tucholsky nell'opera Deutschland Deutschland über alles (1929).

"Saurier, erwache!" fa ovviamente il verso al motto nazionalsocialista "Deutschland erwache!", coniato da Dietrich Eckart nel 1919...
Guten Morgen, Knirpse! Habe
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 16/5/2020 - 20:42
Downloadable!

Der Schuss Von Hinten

[1977]
Parole di Heinz Rudolf Unger (1938-2018)
Musica di Wilhelm "Willi" Resetarits e Georg "Schurli" Herrnstadt (entrambi viventi, classe 1948)
Nell'opera/oratorio "Proletenpassion", un progetto storico politico musicale molto ambizioso, con cui il collettivo Schmetterlinge intendeva raccontare la "Storia dei governati" nell'Europa dal XVI° al XX° secolo, in antitesi alla storiografia ufficiale, la "Storia dei governanti".
Nel 2015 il progetto degli Schmetterlinge è stato ripreso da Christine Eder ed altri artisti austriaci che, sotto il nome collettivo di Prolos, lo hanno riproposto con il titolo di "Proletenpassion 2015 ff"
Testo trovato su Lyric Wiki

Il grande massacro della Grande Guerra, la rivoluzione di novembre e la sollevazione spartachista, la feroce repressione scatenata dai socialdemocratici in combutta con gli ultranazionalisti, l'assassinio di Karl Liebknecht e Rosa... (continua)
Da lagen wir im großen Krieg der Räuber
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 15/5/2020 - 20:45
Video!

Kapitalistischer Segensspruch

[1932]
Versi di di Jura Soyfer (1912-1939), di famiglia ebraica originaria di Charkiv (Impero russo, oggi in Ucraina), giornalista e scrittore, viennese d'adozione, assassinato a Buchenwald.
Pubblicati sull'Arbeiter-Zeitung, quotidiano socialdemocratico.
Musica degli Schmetterlinge, nel loro album "Verdrängte Jahre" del 1980, interamente dedicato a Jura Soyfer.

Gli effetti della recessione mondiale iniziata nel 1929 furono molto sentiti anche in Austria, dove nel 1932 si registravano centinaia di migliaia di disoccupati...
Le formazioni politiche della destra fascista - che di lì a un anno avrebbero prevalso con un vero e proprio golpe ordito dal cancelliere Engelbert Dollfuss - pagavano 5 scellini ad ogni disoccupato che partecipasse alle loro manifestazioni e parate...
Il verso "Sei gesegnet ohne Ende / Heimaterde, wunderhold!" ("Sii benedetta all'infinito, meravigliosa patria amata", o qualcosa del genere) allude all'inno nazionale austriaco adottato nel periodo fra le due guerre.
In Leoben fror man heuer,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 15/5/2020 - 18:17
Video!

Deutschland

Deutschland
[2019]

Text und Musik / Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel :
Rammstein

Album:
Rammstein

A mio avviso è un brano denso con piani interpretativi intersecantisi, oltre che un’opera multimediale formalmente interessante e complessa anche per chi non predilige il genere. Perciò trascrivo la guida di SteamSaviour per l’ascolto che, sono convinto, non lascerà indifferente nessuno per un verso o per l’altro.


Guida all’ascolto

Deutschland è la canzone di apertura del settimo album dei Rammstein, che tornano dopo dieci anni dall’ultimo. Si tratta di un pezzo molto elaborato, non tanto dalla parte della canzone in sé, ma del video ufficiale, il quale ripercorre in nove minuti la storia della Germania tramite diverse scene ognuna piena di significati ed elementi che richiamano a concetti chiave.

Ma andiamo per ordine. La canzone inizia... (continua)
Du (du hast, du hast, du hast, du hast)
(continua)
inviata da Riccardo Gullotta 14/5/2020 - 22:25

Moritat im Paradies

[1936]
Versi di di Jura Soyfer (1912-1939), di famiglia ebraica originaria di Charkiv (Impero russo, oggi in Ucraina), giornalista e scrittore, viennese d'adozione.
Una canzone dalla seconda opera teatrale di Soyfer, "Der Lechner Edi schaut ins Paradies", commedia "magica" sul dramma della disoccupazione.

Jura Soyfer venne arrestato a Vienna una prima volta nel 1937, con l'accusa di essere un simpatizzante comunista. Gli vennero sequestrati tutti i suoi manoscritti, molti dei quali ancora inediti, che non vennero mai più ritrovati. All'inizio dell'anno seguente fu rilasciato grazie ad un indulto per i prigionieri politici, ma poco dopo fu l'“Anschluss”, l'annessione dell'Austria alla Germania nazista... Jura Soyfer venne arrestato dalle guardie di frontiera mentre tentava di raggiungere la Svizzera. Fu internato a Dachau, dove insieme ad Herbert Zipper compose il Dachaulied. Nel settembre... (continua)
Greif, o Herr, nicht in den Lehm,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 14/5/2020 - 21:30

Sturmzeit (oder Wanderlied der Zeit)

[1936]
Versi di di Jura Soyfer (1912-1939), di famiglia ebraica originaria di Charkiv (Impero russo, oggi in Ucraina), giornalista e scrittore, viennese d'adozione.
Una canzone dalla seconda opera teatrale di Soyfer, "Der Lechner Edi schaut ins Paradies", commedia "magica" sul dramma della disoccupazione.
Il testo fu poi anche pubblicato il 14 febbraio 1937 su "Der Sonntag", supplemento del quotidiano "Der Wiener Tag".

"Der Wiener Tag" – non un giornale bolscevico ma liberale – fu ovviamente chiuso l'anno seguente, subito dopo l'Anschluss. Tutti i redattori furono arrestati. Il direttore Maximilian Schreier si suicidò nel 1942, per non finire in campo di concentramento; Vincenz Ludwig Ostry passò qualche mese d'inferno a Buchenwald; Rudolf Kalmar junior trascorse anni rinchiuso a Flossenbürg e poi nel 1944 fu assegnato ad un battaglione punitivo della Wermacht e quasi ci rimise le penne,... (continua)
Der Weg ist weit
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 14/5/2020 - 20:29
Downloadable! Video!

Tränen im Ozean

[1987]
Text von Michael Kunze
Musik von Harald Steinhauer
Album: Jenseits Der Nacht

Tolle Uptempo Popnummer und 2.Single aus dem 1987er Album "Jenseits der Nacht".
Das Thema Krieg und Leid ist auch über 20 Jahre später noch genauso aktuell wie damals.

https://lh3.googleusercontent.com/prox...
Woher kommt das Salz im Meer
(continua)
inviata da giorgio 14/5/2020 - 12:25
Video!

Heldengrab

Heldengrab
[2018]

Text und Musik / Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel :
Megaherz

Album:
Komet
Wir schwimmen im Strom, wir sind allein
(continua)
inviata da Riccardo Gullotta 14/5/2020 - 12:01
Downloadable!

Song des Guck

[1936]
Canzone dalla commedia “Der Weltuntergang, oder, Die Welt steht auf kein' Fall mehr lang”, esordio letterario di Jura Soyfer (1912-1939), di famiglia ebraica originaria di Charkiv (Impero russo, oggi in Ucraina), giornalista e scrittore, viennese d'adozione.
Il brano si trova anche interpretato dai Schmetterlinge nel loro album del 1981 intitolato "Verdrängte Jahre", interamente dedicato all'opera di Jura Soyfer.

La cornice cosmica della pièce "Der Weltuntergang. Die Welt steht auf kein’ Fall mehr lang… (Zwischen Himmel und Erde)" ("La fine del mondo. Il mondo non reggerà ancora a lungo… (fra cielo e terra)"), con il prologo e l’epilogo calati nella Zauberdramatik dei pianeti chiamati a consulto dal sole per rimediare alla disarmonia della terra, richiama la farsa magica Der böse Geist Lumpazivagabundus oder Das liederliche Kleeblatt (1833) di Nestroy oltre che la tragedia Die... (continua)
Ihr habt in meinen Schädel tausend Formeln verstaut,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 12/5/2020 - 20:00
Video!

An deinem Grab

An deinem Grab
[2007]

Text und Musik / Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel :
Megaherz

Album:
Totgesagte Leben Länger

La canzone ha un suo fascino, devo ammetterlo, per quanto tendenzialmente obliquo ( un’eco soggettiva di Todestrieb / pulsione di morte freudiana ?). Il titolo dell’album dice “Quelli che sono dichiarati morti vivono più a lungo”. L’ironia, se così la vogliamo definire, appare evidente già dalle prime righe del testo della canzone.

Die Toten mahnen uns / “I morti sono per noi un monito” può leggere su un monolite chi è passato a visitare il Memoriale dei Socialisti al cimitero di Friedrichsfelde a Berlino o ne è venuto accidentalmente a conoscenza. L’intento da parte dei dirigenti della DDR voleva essere pedagogico. Megaherz e Lex, alias Alexander Wesselsky, evidentemente non la pensano così.
Warum / perché? L’interrogativo... (continua)
Grau in grau
(continua)
inviata da Riccardo Gullotta 12/5/2020 - 08:09
Downloadable!

Chanson der Titze-Tante

[1935]
Canzone dalla commedia “Der Weltuntergang, oder, Die Welt steht auf kein' Fall mehr lang”, esordio letterario di Jura Soyfer (1912-1939), di famiglia ebraica originaria di Charkiv (Impero russo, oggi in Ucraina), giornalista e scrittore, viennese d'adozione.
Con il titolo "A bisserl bitter" la canzone è stata recentemente ripresa da Willi Resetarits, fondatore del gruppo Schmetterlinge, insieme a Sabina Hank, nel loro album dal vivo "Abendlieder" (2008), dove la prima facciata è dedicata a poesie e canzoni di Jura Soyfer.

“Per ristabilire l’equilibrio dell’Universo, il Sole e gli altri pianeti decidono di liberare la Terra dai fastidiosi pidocchi che la stanno pian piano uccidendo, gli uomini, e per farlo le lanciano contro una cometa. Come reagiranno gli uomini alla notizia che stanno per essere annientati? Come si prepareranno alla fine del mondo? Jura Soyfer, autore austriaco... (continua)
Die Erde ist seit eh und je
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 10/5/2020 - 20:11
Video!

Wenn der Himmel grau wird

[1937]
Canzone di Jura Soyfer (1912-1939), di famiglia ebraica originaria di Charkiv (Impero russo, oggi in Ucraina), giornalista e scrittore, viennese d'adozione.
Ripresa più recentemente da Christoph Holzhöfer e anche da Willi Resetarits, ex membro fondatore de Schmetterlinge

Scritta nel 1937 per il suo terzo dramma, "Astoria", riflessione tragicomica sul concetto di “Vaterland”, di Patria, e della totale distorsione che ne fanno i regimi totalitari. Astoria è un paese inesistente, un'invenzione truffaldina propinata dai governanti al proprio popolo e che tuttavia si rivela una perfetta macchina statale di guadagno e oppressione. Jura Soyfer riesce a creare un'esilarante e insieme spaventosa parabola politica sulla concezione dello Stato nei regimi dittatoriali, ispirandosi stilisticamente al teatro comico viennese ottocentesco e in particolare alle farse di Johann Nestroy e Ferdinand... (continua)
In weiter Ferne sind verblasst
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/5/2020 - 20:27
Downloadable!

Babouschka Lied

[1977]
Parole di Heinz Rudolf Unger (1938-2018)
Musica di Wilhelm "Willi" Resetarits e Georg "Schurli" Herrnstadt (entrambi viventi, classe 1948)
Nell'opera/oratorio "Proletenpassion", un progetto storico politico musicale molto ambizioso, con cui il collettivo Schmetterlinge intendeva raccontare la "Storia dei governati" nell'Europa dal XVI° al XX° secolo, in antitesi alla storiografia ufficiale, la "Storia dei governanti".
Nel 2015 il progetto degli Schmetterlinge è stato ripreso da Christine Eder ed altri artisti austriaci che, sotto il nome collettivo di Prolos, lo hanno riproposto con il titolo di "Proletenpassion 2015 ff".

La seconda parte del secondo disco di "Proletenpassion" ha come sottotitolo "Die Lehren der Kommune, gezogen im Oktober 1917 in Rußland", ed è quindi dedicata alla Rivoluzione russa del 1917.
Wo sind deine sieben Söhne geblieben
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 6/5/2020 - 16:33

Der demokratische Richter, oder Das Bürgerschaftsexamen

[1942]
Bertolt Brecht: Gedichte 1941-1947

Scritta nel 1941 o 1942 da Bertolt Brecht mentre si trovava negli Stati Uniti, “cambiando più spesso paese che scarpe”. Non è e non è mai stata una canzone, ma per principio non metto mai Bertolt Brecht tra gli “Extra”; Brecht non è “extra” a niente. Il titolo originale deve essere stato Das Bürgerschaftsexamen (“L'esame per il conferimento della cittadinanza”); ma nella raccolta delle Gedichte 1941-1947 reca già il titolo Der demokratische Richter, con il quale è conosciuta. Secondo alcuni, Brecht si era ispirato ad una qualche notizia letta su un giornale; ma, ovviamente, il fatto non è certo. [RV]
In Los Angeles vor den Richter, der die Leute examiniert
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 6/5/2020 - 05:50
Video!

Die Frauen der Kommune

[1977]
Parole di Heinz Rudolf Unger (1938-2018)
Musica di Wilhelm "Willi" Resetarits e Georg "Schurli" Herrnstadt (entrambi viventi, classe 1948)
Nell'opera/oratorio "Proletenpassion", un progetto storico politico musicale molto ambizioso, con cui il collettivo Schmetterlinge intendeva raccontare la "Storia dei governati" nell'Europa dal XVI° al XX° secolo, in antitesi alla storiografia ufficiale, la "Storia dei governanti".
Nel 2015 il progetto degli Schmetterlinge è stato ripreso da Christine Eder ed altri artisti austriaci che, sotto il nome collettivo di Prolos, lo hanno riproposto con il titolo di "Proletenpassion 2015 ff".

La prima parte del secondo disco di "Proletenpassion" è dedicata alla breve ma intensa vita della Comune di Parigi (18 marzo - 28 maggio 1871)
Heut' kühlen alle Küchen aus
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 5/5/2020 - 18:23
Video!

Dekrete der Kommune

[1977]
Parole di Heinz Rudolf Unger (1938-2018)
Musica di Wilhelm "Willi" Resetarits e Georg "Schurli" Herrnstadt (entrambi viventi, classe 1948)
Nell'opera/oratorio "Proletenpassion", un progetto storico politico musicale molto ambizioso, con cui il collettivo Schmetterlinge intendeva raccontare la "Storia dei governati" nell'Europa dal XVI° al XX° secolo, in antitesi alla storiografia ufficiale, la "Storia dei governanti".
Nel 2015 il progetto degli Schmetterlinge è stato ripreso da Christine Eder ed altri artisti austriaci che, sotto il nome collettivo di Prolos, lo hanno riproposto con il titolo di "Proletenpassion 2015 ff".

La prima parte del secondo disco di "Proletenpassion" è dedicata alla breve ma intensa vita della Comune di Parigi (18 marzo - 28 maggio 1871)
As Volk ist nie noch an der Macht gewesen
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 5/5/2020 - 18:12
Video!

Lied vom Gespensterzug

[1977]
Parole di Heinz Rudolf Unger (1938-2018)
Musica di Wilhelm "Willi" Resetarits e Georg "Schurli" Herrnstadt (entrambi viventi, classe 1948)
Nell'opera/oratorio "Proletenpassion", un progetto storico politico musicale molto ambizioso, con cui il collettivo Schmetterlinge intendeva raccontare la "Storia dei governati" nell'Europa dal XVI° al XX° secolo, in antitesi alla storiografia ufficiale, la "Storia dei governanti".
Nel 2015 il progetto degli Schmetterlinge è stato ripreso da Christine Eder ed altri artisti austriaci che, sotto il nome collettivo di Prolos, lo hanno riproposto con il titolo di "Proletenpassion 2015 ff".

La prima parte del secondo disco di "Proletenpassion" è dedicata alla breve ma intensa vita della Comune di Parigi (18 marzo - 28 maggio 1871)
Es ziehen die Lemuren
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 5/5/2020 - 17:52
Downloadable!

Ballade vom Glück und Ende des Kapitals

[1977]
Parole di Heinz Rudolf Unger (1938-2018)
Musica di Wilhelm "Willi" Resetarits e Georg "Schurli" Herrnstadt (entrambi viventi, classe 1948)
Nell'opera/oratorio "Proletenpassion", un progetto storico politico musicale molto ambizioso, con cui il collettivo Schmetterlinge intendeva raccontare la "Storia dei governati" nell'Europa dal XVI° al XX° secolo, in antitesi alla storiografia ufficiale, la "Storia dei governanti".
Nel 2015 il progetto degli Schmetterlinge è stato ripreso da Christine Eder ed altri artisti austriaci che, sotto il nome collettivo di Prolos, lo hanno riproposto con il titolo di "Proletenpassion 2015 ff".

La seconda parte del primo disco di "Proletenpassion" è dedicata alla Rivoluzione Francese, fautrice del definitivo rovesciamento del precedente sistema di potere nobiliare/feudale ma anche del prevalere del Terzo Stato, la borghesia, che nel secolo seguente... (continua)
Und als die letzte Schlacht geschlagen war
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 5/5/2020 - 17:26
Video!

Bericht Über Thomas Münzer

[1977]
Parole di Heinz Rudolf Unger (1938-2018)
Musica di Wilhelm "Willi" Resetarits e Georg "Schurli" Herrnstadt (entrambi viventi, classe 1948)
Nell'opera/oratorio "Proletenpassion", un progetto storico politico musicale molto ambizioso, con cui il collettivo Schmetterlinge intendeva raccontare la "Storia dei governati" nell'Europa dal XVI° al XX° secolo, in antitesi alla storiografia ufficiale, la "Storia dei governanti".
Nel 2015 il progetto degli Schmetterlinge è stato ripreso da Christine Eder ed altri artisti austriaci che, sotto il nome collettivo di Prolos, lo hanno riproposto con il titolo di "Proletenpassion 2015 ff".

La canzone qui proposta – come Des Bauern große Not, Die Zwölf Artikel der Bauern e Kampflied der Bauern - è inclusa nella prima parte del primo disco di "Proletenpassion", quella dedicata alle rivolte contadine scatenatesi tra il 1524 ed il 1526 in parte del... (continua)
Wir wiegen uns in unsren kleinen Siegen
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 5/5/2020 - 14:16
Downloadable! Video!

Wo soll ich mich hinwenden (Arm Und Reich)‎

anonimo
Versione molto più lunga trovata su Volks Lieder Archiv, dove si conferma la datazione al 18° secolo e dove si indica come fonte il volume di F. W. von Ditfurth, "Fränkische Volkslieder, Teil II, Die weltlichen Lieder", edito nel 1855.
La versione è comprensiva dei significativi versi "´s regiert in der Welt die Falschheit und das Geld / der Reiche kann sich helfen, der Arme muss ins Feld" ("Al mondo le regole sono la menzogna e il denaro / i ricchi possono aiutare se stessi, i poveri no, son costretti a partire in guerra", concetto molto chiaro), presenti nei fogli volanti originari ma, per via sempre della censura, non nelle edizioni successive.
WO SOLL ICH MICH HINWENDEN IN DIESER SCHLECHTEN ZEIT
(continua)
inviata da B.B. 5/5/2020 - 13:18

Auf, auf, ihr Brüder, und seid stark (oder Das Kaplied)

[1787]
Versi e musica del poeta e musicista tedesco Christian Friedrich Daniel Schubart (1739-1791)
Nel 1790 fu addirittura Ludwig van Beethoven ad offrirne una riduzione pianistica.

Christian Friedrich Daniel Schubart è stato poeta vicino al movimento letterario dello "Sturm und Drang". Fu personaggio molto anticonformista e attraverso le sue opere denunciò spesso la Chiesa e la nobiltà del tempo, schierandosi sempre con il popolo vessato e costretto a morire nelle guerre e guerricciole scatenate dai potenti. In particolare, Schubart si scagliò contro i nobili del Württemberg che si arricchivano vendendo i giovani come soldati alla Compagnia delle Indie per le conquiste coloniali. Per questo, nel 1777, Schubart subì un arresto arbitrario e rimase sequestrato, detenuto senza giudizio per 10 anni nella fortezza di Asperg.

Fu ancora in prigionia che Schubart compose questa struggente canzone,... (continua)
Auf, auf, ihr Brüder, und seid stark,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 3/5/2020 - 14:07
Video!

Der Bettelsoldat

[1781]
Versi del poeta e musicista tedesco Christian Friedrich Daniel Schubart (1739-1791)
Una poesia messa in musica da molti compositori classici, ma anche da Die Schnitter (col titolo "Folgt nicht der Trommel Ton", nell'album "Saat und Ernte" del 2000) e da Christoph Holzhöfer. Le versioni e alterazioni dei versi originari sono parecchie.

Christian Friedrich Daniel Schubart è stato poeta vicino al movimento letterario dello "Sturm und Drang". Fu personaggio molto anticonformista e attraverso le sue opere denunciò spesso la Chiesa e la nobiltà del tempo, schierandosi sempre con il popolo vessato e costretto a morire nelle guerre e guerricciole scatenate dai potenti. In particolare, Schubart si scagliò contro i nobili del Württemberg che si arricchivano vendendo i giovani come soldati alla Compagnia delle Indie per le conquiste coloniali. Per questo, nel 1777, Schubart subì un arresto arbitrario e rimase sequestrato, detenuto senza giudizio per 10 anni nella fortezza di Asperg.
Mit jammervollem Blicke,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 3/5/2020 - 13:28
Video!

Schlaflied

[2002]
L'inquietante ninna nanna che chiude l'album "Fegefeuer"
La voce ed il violino stridente sono quelli di Kathrin Heiß.
Schlaf, schlaf, schlaf, mein Kind
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 3/5/2020 - 11:20
Video!

Ich bin Soldat

[1998]
Nell'album "Arg"
Im Tran und Rausch von Bier und Wein
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/5/2020 - 22:06
Percorsi: Disertori
Video!

Kampflied der Bauern

[1977]
Parole di Heinz Rudolf Unger (1938-2018)
Musica di Wilhelm "Willi" Resetarits e Georg "Schurli" Herrnstadt (entrambi viventi, classe 1948)
Nell'opera/oratorio "Proletenpassion", un progetto storico politico musicale molto ambizioso, con cui il collettivo Schmetterlinge intendeva raccontare la "Storia dei governati" nell'Europa dal XVI° al XX° secolo, in antitesi alla storiografia ufficiale, la "Storia dei governanti".
Nel 2015 il progetto degli Schmetterlinge è stato ripreso da Christine Eder ed altri artisti austriaci che, sotto il nome collettivo di Prolos, lo hanno riproposto con il titolo di "Proletenpassion 2015 ff".

La canzone qui proposta – come Des Bauern große Not e Die Zwölf Artikel der Bauern - è inclusa nella prima parte del primo disco di "Proletenpassion", quella dedicata alle rivolte contadine scatenatesi tra il 1524 ed il 1526 in parte del Sacro Romano Impero... (continua)
Tausend Haufen sind wir jetzt und schleifen unsre Sensen
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/5/2020 - 16:05
Video!

Die Zwölf Artikel der Bauern

[1977]
Parole di Heinz Rudolf Unger (1938-2018)
Musica di Wilhelm "Willi" Resetarits e Georg "Schurli" Herrnstadt (entrambi viventi, classe 1948)
Nell'opera/oratorio "Proletenpassion", un progetto storico politico musicale molto ambizioso, con cui il collettivo Schmetterlinge intendeva raccontare la "Storia dei governati" nell'Europa dal XVI° al XX° secolo, in antitesi alla storiografia ufficiale, la "Storia dei governanti".
Nel 2015 il progetto degli Schmetterlinge è stato ripreso da Christine Eder ed altri artisti austriaci che, sotto il nome collettivo di Prolos, lo hanno riproposto con il titolo di "Proletenpassion 2015 ff".

La canzone qui proposta – come Des Bauern große Not - è inclusa nella prima parte del primo disco di "Proletenpassion", quella dedicata alle rivolte contadine scatenatesi tra il 1524 ed il 1526 in parte del Sacro Romano Impero (Germania, Svizzera, Austria) in... (continua)
Das Vieh, das glotzend wiederkäut
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/5/2020 - 15:42
Video!

Des Bauern große Not

[1977]
Parole di Heinz Rudolf Unger (1938-2018)
Musica di Wilhelm "Willi" Resetarits e Georg "Schurli" Herrnstadt (entrambi viventi, classe 1948)
Nell'opera/oratorio "Proletenpassion", un progetto storico politico musicale molto ambizioso, con cui il collettivo Schmetterlinge intendeva raccontare la "Storia dei governati" nell'Europa dal XVI° al XX° secolo, in antitesi alla storiografia ufficiale, la "Storia dei governanti".
Nel 2015 il progetto degli Schmetterlinge è stato ripreso da Christine Eder ed altri artisti austriaci che, sotto il nome collettivo di Prolos, lo hanno riproposto con il titolo di "Proletenpassion 2015 ff".

La canzone qui proposta, dopo il prologo, apre la prima parte del primo disco di "Proletenpassion", quella dedicata alle rivolte contadine scatenatesi tra il 1524 ed il 1526 in parte del Sacro Romano Impero (Germania, Svizzera, Austria) in seguito alla Riforma... (continua)
Der Bauer trägt das ganze Land
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/5/2020 - 14:24
Video!

Wir hatten Gräber und ihr hattet Siege

[1977]
Parole di Heinz Rudolf Unger (1938-2018)
Musica di Wilhelm "Willi" Resetarits e Georg "Schurli" Herrnstadt (entrambi viventi, classe 1948)
Nell'opera/oratorio "Proletenpassion", un progetto storico politico musicale molto ambizioso, con cui il collettivo Schmetterlinge intendeva raccontare la "Storia dei governati" nell'Europa dal XVI° al XX° secolo, in antitesi alla storiografia ufficiale, la "Storia dei governanti".
Nel 2015 il progetto degli Schmetterlinge è stato ripreso da Christine Eder ed altri artisti austriaci che, sotto il nome collettivo di Prolos, lo hanno riproposto con il titolo di "Proletenpassion 2015 ff"
La canzone qui proposta è abbastanza programmatica dell'opera e infatti è posta nel suo prologo.
Wir hatten Gräber und ihr hattet Siege
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/5/2020 - 13:16
Downloadable! Video!

La belle dame sans merci

Interessante anche questa versione di un gruppo tedesco medieval-folk che ho avuto modo di ascoltare dal vivo nel 2005 alla Festa celtica di Beltane organizzata dall’Associazione Antica Quercia a Masserano (Biella – Piemonte): intrigante mix di strumenti tradizionali ed elettronici.
Faun in “Buch Der Balladen” 2009.

“Was ist dein Schmerz, du armer Mann,
(continua)
inviata da Cattia Salto 29/4/2020 - 17:02
Video!

Apokalypse

[1980]
Scritta da Frank Fenstermacher
Nell'album "Monarchie und Alltag", esordio di questa band di Düsseldorf, in bilico tra punk e "Neue Deutsche Welle", la New Wave in salsa teutonica.
Zentrum der Un-Zivilisation
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 25/4/2020 - 15:17
Downloadable! Video!

Lampedusa

2016
Discrimi-Nation
Auf Booten eingepfercht
(continua)
inviata da Dq82 21/4/2020 - 19:17
Downloadable! Video!

Hurra wir leben noch

Hurra Wir Leben Noch
[2014]

Text und Musik / Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel :
Megaherz

Interpretiert von / Interpreti / Performed by / Interprétée par / Laulavat:
Megaherz

Album: Zombieland
Hör auf dich zu beschweren
(continua)
inviata da Riccardo Gullotta 9/4/2020 - 15:50
Downloadable! Video!

Toter Soldat

[1969]
Scritta da Ernst Schultz
Nell'album "Ihre Kinder" del 1970, noto anche con il titolo "2375004", che credo sia solo il codice di uscita su etichetta Kuckuck.

Nell'intermezzo fra le due parti della canzone, suoni di battaglia eseguiti con gli strumenti elettrici, nella migliore tradizione della "scuola hendrixiana"...
Toter Soldat
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 28/3/2020 - 14:03
Downloadable! Video!

Babylon

[1971]
Parole e musica di Sonny Hennig
La traccia che apre l'album "Werdohl", scaricabile integralmente sul sempre ottimo Zero G Sound
Eine kleine Hand voll Liebe
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 23/3/2020 - 14:15
Downloadable! Video!

Masters Of War

TEDESCO / GERMAN [2] - Ihre Kinder

La versione tedesca dei Ihre Kinder, nell'album "Heute" del 1984
Dal sito della band
MEISTER DER ANGST
(continua)
inviata da B.B. 23/3/2020 - 13:30
Video!

Lied für meine radikalen Freunde

[1979]
La canzone che apre l'album "Frühlingsanfang"
Testo trovato sul sempre ottimo Zero G Sound, dove l'album è scaricabile per intero.
Dieses Lied ist für Ann-Marie,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 23/3/2020 - 11:38
Downloadable! Video!

Al perderte Yo a Ti

Deutsche Übersetzung / Traducción alemán / Traduzione tedesca / German translation / Traduction allemande / Saksankielinen käännös:
maluca
ALS ICH DICH VERLOR
(continua)
inviata da Riccardo Gullotta 2/3/2020 - 21:56
Video!

Panik-Panther (Rififi)

[1992]
Nell'album "Panik-Panther"
Il refrain riprende la melodia de "Le rififi", celebre canzone francese di Jacques Larue e Philippe-Gérard, magistralmente interpretata da Magali Noël nel film di Jules Dassin "Du rififi chez les hommes" (1955). Di cui, memorabile, anche la cover del nostro Fred Buscaglione.
Ich geh durch unsre Straße
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 23/2/2020 - 14:53
Video!

Das mit dem Mond

Album: Da draussen (2017)
Vielleicht stirbt man jetzt wieder jünger
(continua)
inviata da hmmwv 22/2/2020 - 21:08
Video!

Da draussen

[2017]
Album: Da draussen
Da draußen bilden wir Banden,
(continua)
inviata da hmmwv 22/2/2020 - 20:19
Video!

Ein Sommer nur für mich

[1999]
Nell'album "Doktorspiele uner(ge)hört (Die nackte Wahrheit)"
Endlich kommt der Sommer wieder
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 22/2/2020 - 12:57
Downloadable! Video!

Gegenwind der Zeit

[2017]
Scritta da Andreas Frege (Campino) e Marten Laciny
Musica di Michael Breitkopf
Nel 7" intitolato "Unter Den Wolken"
Jetzt geh'n die Mauern hoch um unser Vaterland
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 22/2/2020 - 12:41
Video!

Fascho Funk

[2016]
Nell'album "Erste Welt"
Testo ripreso da Songtexte
Wir sind die Fascho Police
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 21/2/2020 - 22:11
Video!

2014

[2014]
Nell'album intitolato "Fliegende Fische", pubblicato proprio quell'anno.
Testo ripreso da Genius

Il 2014 è stato l'anno della Crisi globale dei rifugiati:
"Secondo l'UNHCR, il numero di persone costrette ad abbandonare le proprie case (cosiddetti "migranti forzati" o forcibly displaced people) è arrivato a un totale di 59,5 milioni nel mondo alla fine del 2014, il più alto livello dalla seconda guerra mondiale. [...] Il primo Paese al mondo per richieste d'asilo ricevute nel 2014 è stata la Russia, con 274 700 richieste, il 99% delle quali presentate da cittadini ucraini in fuga dalla guerra dell'Ucraina orientale; la Russia era seguita dalla Germania, il Paese con più richieste nell'Unione Europea, con 202 645 richieste, il 20% di esse da siriani." (it.wikipedia)
Es ist 2014
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 21/2/2020 - 21:56
Video!

Licht an! Licht an!

[2019]
Parole e musica di Jan Böhmermann

Una canzone con cui l'autore satirico tedesco Jan Böhmermann ha denunciato la collusione tra i vertici del quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ) e i dirigenti di Alternative für Deutschland (AfD), partito di estrema destra, nazionalista, razzista, negazionista e antisemita.
Auf meinem Fest, weil jeder mich kennt
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 21/2/2020 - 21:01
Video!

Anti Nazi Lied

[1997?]
In "Nachrichten aus Arschland", album d'esordio di questa punk band di Cottbus, nel Brandenburgo, attiva fino al 2007. "SPN-X 363" era il numero di targa dell'auto del leader e front man del gruppo, Thomas "PUPE" Choinowski.
Probabilmente il testo fu composto in precedenza, quando la band si chiamava ancora ERM (Ein Rasantes Musik)
Testo trovato su Lyrics Translate
Du bist der Abschaum und das Letzte, du bist primitiv und blöd
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 21/2/2020 - 18:07
Video!

Nur wer sich ändert, bleibt sich treu

Parole e musica di Wolf Biermann
Trovo il brano nella raccolta "Lieder vom preussischen Ikarus", pubblicata nel 1999.
Ich schwamm durch Blut in das große Licht
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 21/2/2020 - 13:01
Downloadable! Video!

La guerra di Piero

CIMBRO / CIMBRIAN - Remigius Geiser

Dalla traduzione cimbra di Remigius Geiser della Canzone per Mario di Sergio Bonato (dedicata a Mario Rigoni Stern) viene scorporata la seguente strofa, tratta direttamente dalla "Guerra di Piero": è la strofa "E mentre marciavi con l'anima in spalle" ecc. Si tratta probabilmente dell'unico frammento di De André mai tradotto in lingua cimbra, ma mi piacerebbe essere smentito. [RV]
[...]
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 21/2/2020 - 08:17

Canzone per Mario

Sergio Bonato
Fonte / Source: Cimbri dei Sette Comuni - De Zimbar van Siban Komaün

Nota. Come specificato nell'introduzione, il testo della canzone italiana scritta da Sergio Bonato e tradotta in cimbro da Remigius Geiser contiene una strofa della "Guerra di Piero" di De André. La quale finisce diritta anche nella relativa pagina: una briciola di De André in cimbro non va lasciata perdere.
Liid vor in Mario
(continua)
inviata da Riccardo Venturi 21/2/2020 - 07:40
Video!

Die alten Lieder

[1968]
Parole musica di Franz Josef Degenhardt
Nell'album "Wenn der Senator erzählt"
"Wo sind eure Lieder –
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 20/2/2020 - 22:36
Video!

Stellungnahme

[2004]
Parole e musica di Hannes Wader
Nell'album "... und es wechseln die Zeiten"

Una riflessione sul neonazismo tedesco e, nello specifico, su come l'estrema destra abbia là cercato di appropriarsi, profanandole, di alcune canzoni di Wader... Forse non proprio sintetica, e pure un po' autoreferenziale, ma l'analisi del vecchio cantore mi sembra chiara e lucida.
Als erklärter Feind alter und neuer Nazis habe ich immer damit rechnen müssen, von ihnen beschimpft und bedroht zu werden. Aber derzeit geschieht etwas, was mich, als ich davon erfuhr, getroffen hat wie ein Stiefeltritt ins Gesicht: Neo-Nazis singen meine Lieder. Nein, das ist kein Witz. Neben Fassungslosigkeit und Zorn empfinde ich auch Scham darüber, dass sich meine Lieder offenbar, so wie sie sind, in das Gegenteil ihrer Bedeutung verkehren lassen, und im Dienste dessen missbraucht werden können, was ich auf dieser Welt außer Krieg am meisten verabscheue und fürchte: Nationalismus, Verfolgung Andersdenkender, Fremdenhass bis zur Mordgier.
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 20/2/2020 - 22:22
Video!

Freunde, Genossen

[1979]
Parole e musica di Hannes Wader
Nell'album "Wieder unterwegs"

Una canzone scritta in reazione al cosiddetto "Radikalenerlass", una legge tedesca, introdotta nel 1972, che consentiva indagini sui dipendenti pubblici con il fine di estromettere chiunque mostrasse idee radicali od estremiste. Naturalmente l'intento non era certo di colpire l'estrema destra o i tanti ex nazisti ancora presenti nelle istituzioni, ma i movimenti di sinistra ed il terrorismo rosso. In base al Radikalenerlass furono svolte indagini su milioni di cittadini e le procedure disciplinari e le interdizioni dai pubblici uffici furono alcune migliaia...
Bin auf dem Lande groß geworden
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 19/2/2020 - 16:36
Video!

Der Kapitän

[2012]
Parole e musica di Sarah Lesch
Nell'album "Chansonedde - Lieder aus der schmutzigen Küche"



Una canzone dedicata ad una vicenda che nel 2004 vide protagonista la Cap Anamur, una vecchia nave mercantile di proprietà di una organizzazione umanitaria tedesca che a partire dal 1979 aveva svolto molte operazioni di soccorso nei mari del mondo.

Il 20 giugno del 2004 la Cap Anamur, dopo aver fatto scalo a Malta per riparazioni, si trovava in acque internazionali e avvistò un gommone in difficoltà, carico di migranti africani. Li mise in salvo e li trasportò alla volta dell'Italia. Allora il Governo era quello di Berlusconi (FI-AN-LN e altri), con ministri come Fini agli Esteri e Pisanu agli Interni.

All'epoca Matteo Salvini faceva ancora il “giovane padano” e l'eurodeputato...

Fu Berlusconi a tenere la Cap Anamur per 21 (ventun) giorni in mare, prima di concedere l'attracco a Porto... (continua)
Da wird ein großer Preis verliehen
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 9/2/2020 - 20:44

Zwei Erschlagene (Liebknecht und Rosa Luxemburg)

[1919]
Versi di Kurt Tucholsky, pubblicati con lo pseudonimo di Kaspar Hauser su Die Weltbühne, il 23 gennaio 1919.
Musica di Peter Janssens, nel disco "Merkt Ihr Nischt - ?" (1976)
Testo da Textlog.de

Un'esempio straordinario di fedeltà a se stessi e ai propri ideali, così Kurt Tucholsky (una della penne più rappresentative della Repubblica di Weimar) descrive Rosa Luxemburg in una bellissima poesia che qui riporto:

"Come si tenga fede a se stessi / e con pura coscienza poi si lotti / contro un mondo nemico/ questo ricorderà di loro ogni uomo onesto".

La fatica di restare se stessi, lo sforzo di conservare integra, sempre, la propria capacità di lucido giudizio sulle cose.
Il rifiuto dei compromessi, delle vie di mezzo nel campo politico-morale: questo è l'omaggio di Tucholsky a Rosa Luxemburg.
Vale la pena, ricordare. (Francesca Bolino)
Der Garde-Kavallerie-Schützen-Division zu Berlin in Liebe und Verehrung

(continua)
inviata da Bernart Bartleby 8/2/2020 - 21:39
Downloadable! Video!

Vater ist auch dabei

[1919?]
Versi di Alfred Henschke (1890–1928), meglio conosciuto con lo pseudonimo di Klabund, scrittore tedesco.
Nella raccolta “Die Harfenjule”, pubblicata nel 1927, poco prima della prematura morte.
Musica di Béla Reinitz (1878-1943), compositore ungherese
Interpretata da Ernst Busch nel disco dell’Aurora-Schallplatten intitolato “Erich Mühsam / Klabund Zeit-, Leid-, Streitgedichte” del 1966, rieditato nel 1972.
Testo trovato su Zgedichte.de




In tre brevi strofe: la Grande Guerra, il primo dopoguerra tredesco e la rivolta spartachista del gennaio 1919, schiacciata nel sangue...
Und als sie zogen in den Krieg -
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 7/2/2020 - 13:42
Downloadable! Video!

Das Braune Haus

[1931]
Una poesia di Mühsam pubblicata nel marzo del 1931 sul settimanale "Die Welt am Montag – Unabhängige Zeitung für Politik und Kultur", fondato nel 1896 e chiuso nel 1933 (ovviamente...)
Musica di Dieter Süverkrüp nell'album "Erich Mühsam: Ich lade Euch zum Requiem" (1995), con Walter Andreas Schwarz.
Testo da LyricWiki

"Das Braune Haus" (La casa bruna) è Monaco, capitale del movimento nazionalsocialista...
Come sappiamo, Mühsam conosceva bene le galere tedesche, per esserci stato per cinque anni dopo essere stato condannato per aver difeso i consigli operai bavaresi nel 1919. Ma nemmeno lui poteva immaginare cosa gli avrebbero riservato gli odiati nazisti al loro avvento nel 1933. Uno degli ultimi brani del disco di Dieter Süverkrüp, letto da Walter Andreas Schwarz, descrive la fine di Erich Mühsam nel racconto degli amici. Era il 10 luglio 1934, a poco più di un anno dall'arresto:

"Erich... (continua)
Stempeln geh'n ist kein Vergnügen
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/2/2020 - 14:40
Downloadable! Video!

Fiat Justitia!

[1914]
Versi di Erich Mühsam, pubblicati nel marzo 1914 sulla rivista "Kain", da lui stesso fondata.
Musica di Dieter Süverkrüp nell'album "Erich Mühsam: Ich lade Euch zum Requiem" (1995), con Walter Andreas Schwarz.
Testo da LyricWiki
Was kriegt der Proletarier
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/2/2020 - 13:56
Downloadable! Video!

An die Soldaten

[1912]
Versi di Erich Mühsam, nella raccolta "Brennende Erde", Kurt Wolff editore, Monaco, 1920.
Trovo il brano nel disco di Alexander Lipping intitolato "Die Songs Vom Langen Kampf" (1989)
Anche in quello di Christof Herzog e Christa Weber intitolato "Erich Mühsam - Lieder - Songs – Gedichte"


Sauft, Soldaten!
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/2/2020 - 13:37

Wiegenlied

[1915]
Versi di Erich Mühsam, nella raccolta "Brennende Erde", Kurt Wolff editore, Monaco, 1920.
Trovo il brano nel disco di Gregor Hause intitolato "Das Herz In Der Hand" (1998)
Anche in quello di Christof Herzog e Christa Weber intitolato "Erich Mühsam - Lieder - Songs – Gedichte"


Still, mein armes Söhnchen, sei still.
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 2/2/2020 - 13:28

Der Deserteur

[1914]
Versi di Alfred Henschke, in arte Klabund (1890–1928), scrittore tedesco.
Nella raccolta "Dragoner und Husaren. Die Soldatenlieder von Klabund"
La prima edizione fu pubblicata a Berlino (Erich Reiß) nel 1914 con il titolo "Soldatenlieder"
La seconda edizione fu pubblicata a Monaco (Georg Müller) nel 1916

Questa la postfazione alla seconda edizione, pubblicata nel pieno della Grande Guerra:

"Ich habe im vorliegenden Buch ausschließlich meine – zum Teil schon vor dem Kriege entstandenen – Soldatenlieder zusammengefasst. Diese Soldatenlieder sind (ich darf einen Rezensenten zitieren:) keine Zeitgedichte im strengen Sinn des Wortes. Sie gelten für alle Zeiten, solang es Soldaten gibt. Es ist mir eine Freude, dass viele der Lieder bereits in den Reihen der Soldaten umgehen und von ihnen gesagt und gesungen werden. Im gleichen Verlag habe ich eine Anthologie „Das deutsche Soldatenlied“... (continua)
Nun hat man mich erschossen,
(continua)
inviata da Bernart Bartleby 1/2/2020 - 16:30




hosted by inventati.org