Lingua   

Georges Brassens: Oncle Archibald

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Pagina della canzone con tutte le versioni


Versione piemontese di Fausto Amodei interpretata da Gipo Farassino...
ZIO ARCIBALDOBARBA MICHLIN
  
Dentisti, preti e ciabattiniPer i tre amis, ël gavadent
ed osti che mescete ai viniël ressia oss, ël pista unguent
acqua tonica,l'é bin neira
lo zio Arcibaldo vi salutaBarba Michlin ch'a fasìa 'l quart
e non vi lascia che una mutapodrà mai pì giùghé soa part
fisarmonica,al saba 'd seira
fisarmonica.al saba 'd seira.
  
Mentre inseguiva uno sbandatoCorìa darera sensa fià
che gli aveva sgraffignatoa un lader ch'a j'avia rubà
l'orologiola soa crava
a zio Arcibaldo toccò in sortequand l'é scontrase, bruta sort
di incappare nella Mortepropi in sua maestà la mort
tutto mogio,ch'lo spetava
tutto mogio.ch'lo spetava.
  
Come una zoccola dappocoSua maestà an sul marciapé
s'aggirava intorno al fuocodal camposant fasìa 'l mestè
al camposantodla bagassa
e per fermar qualche clientecon ël linseul tirà bin su
sollevava oltre il decenteper mustè a tuti le virtù
il suo manto,sua carcassa
il suo manto.sua carcassa.
  
Lo zio urlò "Tanto non m'ingrifo!Barba Michlin ai cria daré
E còpriti chè mi fai schifo,“Coj oss ch'as s'ja vada a stermé
vecchia ossuta!ca s'ja cuata
Non sei il mio tipo, mi dispiace,le fomne maire 'n piaso nen
la mia Venere è procacemotobin mej na frisa 'd sen
e paffuta,e an po d' cùlata
e paffuta!"e an po d' cùlata”.
  
La Morte speronò il suo bolsoLa mort a l'é montà a caval
e controllando l'ora al polsol'ha pià la sijessa dal faudal
si decise,ch'la cubrìa
brandì la falce dal lenzuoloe a l'ha sijà come un pruss cheuit
e fu in un colpo, un colpo solocol povr bon om e buna neuit
che lo uccise,così sia
che lo uccise.così sia.
  
Siccome lui non le fu domo,Peui a l'ha dije “Fame 'l piasì,
lei gli disse "Tu sei l'uomomi t'amo e son stant'ani e pì
che ho più amatoch'it soagno
e i nostri incontri eran previstiël nost mariage a l'é fissà
fin dal giorno in cui venistida quande ti 't jere masnà,
battezzato,t'jere 'n gagno
battezzato!t'jere 'n gagno.
  
Se mi ti stendi fra le braccia“Ant ij me prà it dovras pì nen
lascerai questa vitacciamangé mac pì per esse pien
d'afflizionipan e siule
non dovrai più temere i cani,pì nen paùra ant ij me brass
i lupi dai sembianti umanidij can, dij lùv, dij cornajass
e i coglioni,e dle ciule
e i coglioni!e dle ciule.
  
Non avrai più chi ti disprezza,Ai sarà gnun ch'a dirà Beh
puoi cantare "Giovinezza!"s'at ven da scrive Viva ël Re
se ti pare...an sla mùraja
E se ti fai un'altra opinione,s'it veule scrive an sij canton
puoi intonare una canzoneEviva la Rivolussion!
popolare,gnun ca braja
popolare.gnun ca braja.
  
Non temerai più la cifosiI saran pì dij manigold
per due spiccioli schifosich'a riesso a piete tuti ij sold
di salario.a la scopa
Non dovrai più assentire pronot'l avras pì nen ruffian e padron
a chi ti chiede qualche buonoda tene a sina e a colassion
straordinario,an sla grupa
straordinario.an sla grupa.
  
Lo zio Arcibaldo le andò dietro,Me barba l'ha seguì seren
in lei sparì quel ghigno tetro,la bela ch'a l'era pì nen
quel suo schernotanto grama
e tutti udirono il preconiopassin passett l'han ciapà su
di quel loro matrimonioe da lontan smijavo un monsù
sempiterno,e sua madama
sempiterno.e sua madama.
  
Dentisti, preti e ciabattiniPer i tre amis, ël gavadent
ed osti che mescete ai viniël ressia oss, ël pista unguent
acqua tonica,l'é bin neira
lo zio Arcibaldo vi salutaBarba Michlin ch'a fasìa 'l quart
e non vi lascia che una mutapodrà mai pì giùghé soa part
fisarmonica,al saba 'd seira
fisarmonica.al saba 'd seira.


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org