Lingua   

Sono nata il ventuno a Primavera

Milva
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleTraduzione in greco moderno di Alexandros Sellenidis / Αλέξανδρος Σελλενίδη...
SONO NATA IL VENTUNO A PRIMAVERA

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
potesse scatenar tempesta.

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta.
potesse scatenar tempesta.


Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera.
Forse è la sua preghiera.

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta
potesse scatenar tempesta.

Così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
Forse è la sua preghiera.
Forse è la sua preghiera.

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta
potesse scatenar tempesta.

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle
…potesse scatenar tempesta

aprire le zolle
…potesse scatenar tempesta

potesse scatenar tempesta
…sono nata il ventuno a Primavera

potesse scatenar tempesta.

ΓΕΝΝΉΘΗΚΑ ΑΝΟΙΞΙΆΤΙΚΗ, 21 ΤΟΥ ΜΆΡΤΗ

Γεννήθηκα ανοιξιάτικη, εικοσιμία του Μάρτη,
μα δεν εγνώριζα πως να γεννιέσαι μια τρελή ακόμα,
ν΄ ανοίγεις τ’ αυλάκια στο χώμα,
θα μπορούσε να ξεσπάσει καταιγίδα.

Έτσι η μικρή η Περσεφόνη
κοιτά που βρέχει πάν’ στα χόρτα,
πάνω στα αβρά μεγάλα στάρια.
Και κάθε νύχτα ο κλαυθμός της
σάμπως είν’ πατερημό της.


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org