Lingua   

Warszawianka 1905 roku [La Varsovienne; Варшавянка; ¡A las barricadas!]

Autori Vari / Different Authors / Différents Auteurs
Pagina della canzone con tutte le versioni


3a. L'inno di Potere Operaio
LA CANZONE DI ŁÓDŹ

Arditamente alziamo le bandiere color sangue,
Mettiamo il verde chiaro intorno alle tempie.
Ecco, essendo pieni di forza e di fede
Abbiamo impugnato le armi per una battaglia mortale.
Oh, perché è una lotta per la libertà del popolo,
Il nostro stendardo color sangue – è il sangue dei fratelli,
Davanti a noi una strada di spine e di fatiche.
I sentimenti nel petto – la vendetta e l’ira.

Avanti, oh Łódź, nell’inondazione sanguinosa,
È il tempo di vendicare i fratelli morti,
Il tempo che si fanno avanti sia vecchi che giovani,
Combattere per la libertà, è il tempo, è arrivato il tempo!

Oggi, quando ci opprimono diversi Scheibler, *1
Quando ogni caporeparto – è un spione e cafone,
Quando dei Geyer *2 fiduciosi nell’aiuto del governo
Stanno scacciando dai cancelli la gente affamata di lavoro,
Quando Kaznakov *3 e Poznański *4 fanno comunella,
Quando flagellano insieme: povertà e sferza,
Quando per le idee nella fame e nel freddo
Muoiono padre, sorella e fratello.

Avanti, oh Łódź, nell’inondazione sanguinosa,
Spezziamo le catene alle masse oppresse.
Affrontiamo la lotta, vecchi e giovani:
È il tempo di vendicare i fratelli caduti, è il tempo!

Quando centinaia di nostri valorosi lottatori
Hanno mandato in Siberia verso le galere degli zar,
Che si alzino gli eroi nuovi oggi,
Riempiono il silenzio con il suono delle zurne. *5
Per le fila dei fratelli caduti nella foresta,
Per le tombe profanate dal nemico,
La rivalsa giuriamo – alziamoci come il mare
E spazzeremo la violenza dalle strade della storia!

Avanti, oh Łódź, nell’inondazione sanguinosa,
Vendichiamoli insieme i fratelli caduti,
Affrontiamo la lotta, vecchi e giovani:
Perché è arrivato il momento, è ora già!
La classe operaia, compagni, è all'attacco,
Stato e padroni non la possono fermare,
niente operai più curvi a lavorare
ma tutti uniti siamo pronti a lottare.
No al lavoro salariato,
unità di tutti gli operai
Il comunismo è il nostro programma,
con il Partito conquistiamo il potere.

Stato e padroni, fate attenzione,
nasce il Partito dell'insurrezione;
Potere operaio e rivoluzione,
bandiere rosse e comunismo sarà.

Nessuno o tutti, o tutto o niente,
è solo insieme che dobbiamo lottare,
o i fucili o le catene:
questa è la scelta che ci resta da fare.
Compagni, avanti per il Partito,
contro lo Stato lotta armata sarà;
con la conquista di tutto il potere
la dittatura operaia sarà.

Stato e padroni, fate attenzione,
nasce il Partito dell'insurrezione;
Potere operaio e rivoluzione,
bandiere rosse e comunismo sarà.

I proletari son pronti alla lotta,
pane e lavoro non vogliono più,
non c'è da perdere che le catene
e c'è un intero mondo da guadagnare.
Via dalle linee, prendiamo il fucile,
forza compagni, alla guerra civile!
Agnelli, Pirelli, Restivo, Colombo,
non più parole, ma piogge di piombo!

Stato e padroni, fate attenzione,
nasce il Partito dell'insurrezione;
Potere operaio e rivoluzione,
bandiere rosse e comunismo sarà.

NOTE alla traduzione
di Krzysztof Wrona

[1] Karl Wilhelm Scheibler, tedesco, uno degli tre grandi industriali che, insieme con [2] Emil Geyer, polacco e [4] Izrael Poznański, ebreo, venivano chiamati all'epoca "i re del cotone". La triade dei proprietari più ricchi delle fabbriche tessili di Łódź. Questi tre personaggi hanno ispirato lo scrittore polacco Władysław Reymont, che nel suo romanzo "Ziemia obiecana" (La terra promessa), pubblicato per la prima volta a puntate sulle pagine del giornale "Kurier Codzienny" negli anni 1897-1898 e dato alle stampe in forma di libro nel 1899 a Varsavia, descriveva i tempi della spietata concorrenza la quale accompagnava lo sviluppo dell'industria tessile a Łódź. Più tardi, nel 1974, il regista polacco Andrzej Wajda, basandosi sul romanzo di Reymont, ha girato la pelicola intitolata "La terra della grande promessa" (il titolo polacco è omonimo con quello del libro), uno dei caposaldi del cinema polacco della seconda metà del Novecento.

[3] Nikolaj Kaznakov, il generale governatore russo di Łódź, chiamato dagli abitanti della città "Il macelaio". Łódź si trovava allora sotto il governo del Regno del Congresso, uno stato vassallo sotto controllo dell'Impero russo.

[5] La zurna è uno strumento musicale a fiato utilizzato presso i paesi arabi. È anche chiamata surnay, birbynė, lettish horn, surla, sornai, zournas e zurma. Questo strumento tra Seicento e Settecento fu usato per le segnalazioni su campi di battaglia ed entrò a far parte delle orchestre militari polacche a seguito delle guerre con Impero ottomano. Proveniente probabilmenta dall'India o dalla Persia era conosciuto in Europa già dal XII secolo. Nella letteratura polacca citato spesso come uno strumento il cui suono dà un segnale all'attacco, alla lotta.


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org