Lingua   

L’amanti miu

Francesco "Ciccio" Giuffrida
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleTraduzione italiana da Il Deposito‎
L’AMANTI MIUL’AMORE MIO
  
L’amanti miu è asta di bannera ‎L’amore mio è un’asta di bandiera
‎‘n principi nun ci pò stari alla para; ‎un principe non si può paragonare a lui;‎
e quannu nesci di intra la pirrera ‎e quando viene fuori dalla miniera
è capitanu di li surfarara. ‎è il comandante degli zolfatari.‎
Po’ quannu sbota di la cantunera ‎Poi quando lo vedo girare l’angolo‎
mi scordu di la vita quant’è amara; ‎dimentico le amarezze della vita;‎
rapu la porta addumu la lumera, ‎apro la porta accendo la lampada,‎
l’amanti miu ‘nti mia s’arripara. ‎e lui da me trova conforto.‎
  
Scordati beni miu ’dda tana scura ‎Dimentica amore quella oscura tana
veni ‘nta li me razza di massara; ‎vieni tra le mie braccia accoglienti;‎
scordati di lu cauru e di l’arsura ‎dimentica il caldo e l’arsura
di l’acqua puzzolenti e dâ limara; ‎l’acqua puzzolente e il fango;‎
chinu di pruvulazzu e di surura ‎pieno di polvere e sudore
iu t’arrifriscu ccu la me quartara.‎io ti rinfresco con l’acqua della mia brocca.‎


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org