Lingua   

Il lamento dei mendicanti

Matteo Salvatore
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleTraduzione italiana da La ‎musica nell’anima‎
IL LAMENTO DEI MENDICANTIIL LAMENTO DEI MENDICANTI
  
Facite l'alamosena a 'sti pezzenteFate l'elemosina a questi pezzenti
e quedde ca ce dete nui pigghiemeQuello che ci date noi prendiamo
quedde ca dete a nui vanne ch'li mortequello che ci date è benedizione per i morti
arrefreschete l'anema d'lu priatorieSiano benedette le anime del Purgatorio
Li puverette tutti ce l'anne deteI poveri come noi ci hanno dato quello che potevano
li ricchi 'nc'anne avute dà nu stozzeI ricchi, neanche un tozzo di pane
o Gesù Criste tu l' a fa' murìAh, Gesù! Devi dar loro la morte‎
li ricchi lu pene a nnui nun 'nce l'anne deteI ricchi a noi non hanno dato niente
Lu sacche già è chiene nu ci li emeIl sacco è già pieno e noi ce ne andiamo
li figghi a nui ci aspettene c'anna a magnàI figli ci aspettano per mangiare
li chene tirene verse la chesa nostraI cani ci accompagnano verso casa
li figghi vonnu lu pene ann'a magnàI figli vogliono il pane: hanno fame‎
E sime arrivete a li mura nostraE siamo arrivati alle mura di casa
li figghi a nui ce venne a cumprentàI figli affamati ci vengono incontro‎
ch'li mene dint' lu sacche pigghianu lu peneLe mani nel sacco, prendono il pane:‎
magnete figghi mia fino a quanno ve saziete.‎Mangiate, figli miei, fino a quando sarete finalmente sazi.‎


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org