Lingua   

A Pa’‎

Francesco De Gregori
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleVersione napoletana di Steno
A PA’‎

Non mi ricordo se c'era la luna
E né che occhi aveva il ragazzo
Ma mi ricordo quel sapore in gola
E l'odore del mare come uno schiaffo
‎ ‎
A Pa' ‎

C'era Roma così lontana
E c'era Roma così vicina
E c'era quella luce che ti chiama
Come una stella mattutina ‎

A Pa'
A Pa'
Tutto passa, il resto va ‎

E voglio vivere come il giglio nei campi
Come gli uccelli del cielo campare
E voglio vivere come i gigli dei campi
E sopra i gigli dei campi volare. ‎
A' PA'...

Nun me ricordo si ce steva 'a luna,
nun me ricordo ll'uocchie che teneva,
ma me ricordo 'nu sapore 'e sale,
l'addore 'e mare comm'a 'nu schiaffo.

A' Pa'...

Roma 'a vicino nun pareva Roma,
Roma 'a luntano sempe 'cchiù vicina,
e chella voce che me chiamma ancora
comme 'na stella d'a matina.

A' Pa'...
Passa 'o tiempo, e 'o rieste va.

E vurria sta comme 'll'aucielle 'ndo cielo
e comme 'e sciure 'ncopp' 'a terra campà,
E vurria sta comme 'll'aucielle do cielo,
e ncoppa 'e sciure de' campe a vulà.








Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org