Lingua   

Cecilia

anonimo
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleAltra versione
CECILIA

La povera Cecilia piange il suo marì,
gliel’hanno imprigionato per farglielo morir.
“Oh signor capitano la grazia fate a me!
“La grazia te la faccio, vieni a dormir con me!”
Allora la Cecilia corre alla prigion:
“Marito sei contento s’io vo a dormir con lui?”
“Vai, vai pure Cecilia non star pensar l’onor,
salva la vita mia, levami di prigion.”
A mezzanotte in punto, Cecilia dà un sospir:
“Cosa hai tu Cecilia da non poter dormir?”
“Ho fatto un brutto sogno, ch’è morto mio marì,
se il mio marito è morto, anch’io voglio morir.”
“Dormi, dormi Cecilia, dormi senza un sospir,
che domattina buon’ora il tuo marito è qui.”
Alla mattin buon’ora Cecilia va al balcon,
vede il suo marito col collo a penzolon.
“Addio belli palazzi, addio belle città,
addio visin dorato e chi ti bacerà.”
Laggiù al camposanto fioriscono rose e fior,
è il fior della Cecilia ch’è morta per amor.
La povera Cecilia

La povera Cecilia, la povera Cecilia
C'ha perso il suo marito.
C'ha perso il suo marito, c'ha perso il suo marito che sta' carcerato a vita.
C'ha perso il suo marito, c'ha perso il suo marito che sta' carcerato a vita.

S'avvia pe' li cancelli, s'avvia pe' li cancelli
Co' la sua voce bella.
Co' la sua voce bella, co' la sua voce bella che chiamava il suo marito.
Co' la sua voce bella, co' la sua voce bella che chiamava il suo marito.

"Sient' sient', marito mio, sient' sient' marito mio
c'ha ritt''o capitano
"Se vuoi la libertade, se vuoi la libertade una notte a durmì cu mico -- "
Se vuoi la libertade, se vuoi la libertade una notte a durmì cu mico -- "

"Tu vacc'e torna presto, tu vacc'e torna presto,
levame da 'sti pene
Tu vacc'e torna presto, tu vacc'e torna presto, levamece da 'sti pene"
Tu vacc'e torna presto, tu vacc'e torna presto, levamece da 'sti pene"

Quanno fu la mezzanotte, quanno fu la mezzanotte,
Cecilia suspiraie
"Pecchè suspi' Cecilia, pecchè suspi' Cecilia, i' so' principe e barone!"
"Pecchè suspi' Cecilia, pecchè suspi' Cecilia, i' so' principe e barone!"

"Non vo' principe e né barone, non vo' principe e né barone
i' voglio il mio marito!
I' voglio il mio marito, i' voglio il mio marito ca lui è lu bene mio!"
I' voglio il mio marito, i' voglio il mio marito ca lui è lu bene mio!"

Quando fu a la matina, quando fu a la matina
Cecilia in fenestrina.
Cecilia in fenestrina, Cecilia in fenestrina e lu marito giustiziato.
Cecilia in fenestrina, Cecilia in fenestrina e lu marito giustiziato.


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org