Lingua   

Cecilia

anonimo
Pagina della canzone con tutte le versioni


Versione laziale da Lineatrad
Mi sciolgo li capelli e vado avanti pe li cancelli
e vado avanti pe li cancelli e pe chiedere la carità.

Senti bon capitano e na grazia voglio da te
pe scarcerare il mio Peppino e per carcerare a me.

Senti Cecilia bella e se vuoi il tuo Peppino
stare una notte a dormire con me e il tuo Peppino esce in libertà.

Senti bon capitano lo vado a dire al mio Peppino
li vado a dire tutto quanto e allora ritornerò.

Senti Peppino senti e ce m’ha dittu lu capitano
stare una notte dormire con lui e tu te ne esci in libertà.

Senti Cecilia bella e non credo che lo farai
ma se tu vuoi liberare a me e fai quello che ti piace a te.

Senti bon capitano e aggiustalo un bel lettino
e aggiustàlu bellu e fino che ci vengo a riposar.

A mezza notte in punto e Cecilia sospirava
e che hai bella Cecilia e che non mi fai riposar.

Tengo na piaga al petto e l’altra dal fianco al cuore
e l’altra dal fianco al cuore e che non mi fa riposar.

Alba non era fatta e Cecilia a lu balcone
e vedendo il suo Peppino e la testa a lu taglione.

Oh stella del cielo e mina un fulmine ingannatore
di mio marito hanno tolto la vita e di me m’hanno levato l’amore.

Cecilia cerca giustizia e cerca la sua ragione
e il mio Peppino è morto e anch’io a lu taglione.
La povera Cecilia j'ha preso er su marito
je l'han messo 'npriggione, lo vonno fa morì

«Sarve sor capitano 'na grazia vo' da te»
«La grazia è beli'e fatta, vienghì a dormi co' me.»

«Grazie sor capitano, m'avete ben tradito;
a me tolto l'onore, la vita a mio marito»

«Zitta Cecilia zitta, nun dire male de me,
se nno le carceri scure, io te farò vede.»

«Si si le vojo vedere, si si le vederò.»
ecilia cava lo spillo, er capitan ammazzò.

Pija la rocca er fuso e mettete a fila',
la povera Cecilia, ar San Michele va.


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org