Lingua   

Cecilia

anonimo
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleVersione laziale da Lineatrad
CECILIA

La povera Cecilia piange il suo marì,
gliel’hanno imprigionato per farglielo morir.
“Oh signor capitano la grazia fate a me!
“La grazia te la faccio, vieni a dormir con me!”
Allora la Cecilia corre alla prigion:
“Marito sei contento s’io vo a dormir con lui?”
“Vai, vai pure Cecilia non star pensar l’onor,
salva la vita mia, levami di prigion.”
A mezzanotte in punto, Cecilia dà un sospir:
“Cosa hai tu Cecilia da non poter dormir?”
“Ho fatto un brutto sogno, ch’è morto mio marì,
se il mio marito è morto, anch’io voglio morir.”
“Dormi, dormi Cecilia, dormi senza un sospir,
che domattina buon’ora il tuo marito è qui.”
Alla mattin buon’ora Cecilia va al balcon,
vede il suo marito col collo a penzolon.
“Addio belli palazzi, addio belle città,
addio visin dorato e chi ti bacerà.”
Laggiù al camposanto fioriscono rose e fior,
è il fior della Cecilia ch’è morta per amor.
CECILIA

La povera Cecilia j'ha preso er su marito
je l'han messo 'npriggione, lo vonno fa morì

«Sarve sor capitano 'na grazia vo' da te»
«La grazia è beli'e fatta, vienghì a dormi co' me.»

«Grazie sor capitano, m'avete ben tradito;
a me tolto l'onore, la vita a mio marito»

«Zitta Cecilia zitta, nun dire male de me,
se nno le carceri scure, io te farò vede.»

«Si si le vojo vedere, si si le vederò.»
ecilia cava lo spillo, er capitan ammazzò.

Pija la rocca er fuso e mettete a fila',
la povera Cecilia, ar San Michele va.


Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org