Lingua   

Cecilia

anonimo
Pagina della canzone con tutte le versioni


Vanne Vanne Cecilia da Laltritalia
LA POVERA CECILIA CHE PIANGE IL SUO MARI’
STORIA DELLA CECILIA

Gliel’hanno carcerato glielo fanno mori’
Vanne vanne o Cecilia e non pensa’ all’onor
Levami da ste pene levami di prigion.
Senta sor capitano sono venuta a dormi’
Se lei mi fa la grazia salvare il mio mari”
Prendilla la sieda e metteti a sede’
E quando avrò cenato a letto si va assiem
Tavola apparecchiata letto per riposa’
Colle bianca lenzola oh che felicità
A mezzanotte in punto Cecilia da un sospir
Cos’hai cos’hai Cecilia da sospirar cosi’
Ce l’ho la pena in cuore che mi sento mori’
L’ho fatto un brutto sogno l’è morto il mio mari’
Dormi dormi o Cecilia e non pensar cosi’
Che domattina all’alba il tuo marito è qui
Alla mattina all’alba Cecilia va al balcon
Vede il marito morto col capo a ciondolon
Vile d’un capitano tu m’hai saputo tradi’
L’hai tolto a me l’onore la vita al mio mari’
(Zitta zitta o Cecilia e non parla’ cosi’
Principi e cavalieri tutti mariti a te
lo non voglio ne’ prencipi neppure fosse re
Solo il marito mio voleva bene a me)
Addio belli paesi addio addio belle città
Addio casa paterna Cecilia se ne va.
«Vanne vanne Cecilia, vanne dal capitan
e chiedigli una grazia, che lui te la farà».

«Grazia, signor capitano». «Che grazia vuoi da me?
Grazia ti sarà fatta, vieni a dormire con me».

«Ora vo alle Murate a dirlo al mio marì,
se lui sarà contento stasera sarò qui».

«Vanne, vanne Cecilia, ma non pensare all'onor,
salva la vita mia, levami di prigion».

Quando fu mezzanotte Cecilia fa un sospir,
il capitano l'abbraccia e un bacio gli vuoi dar:

«Ch'ha' tu, ch'ha' tu, Cecilia, che tu non puoi dormir?»
«Un brutto sogno l'ho fatto, che è morto il mio marì».

E la mattina all'alba si affaccia a lo balcon,
lo vede il suo marito col capo ciondolon.

«Grazia, signor capitano, lei me l'ha fatta, sì:
la mi ha tolto l'onore, la vita al mio marì».

Addio castel di paglia, castello fiorentin,
me l'hai tolto l'onore, la vita al mio marì.

Non vò più capitani, non voglio più marì:
son colla rocca e i' fuso, me ne vò stare così».




Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org