Language   

῀Ω γλυκύ μου ἔαρ (Αἱ γενεαὶ πᾶσαι)

Anonymous
Back to the song page with all the versions


OriginalTentativi di traduzione di Gian Piero Testa.
῀Ω ΓΛΥΚΎ ΜΟΥ ἜΑΡ (ΑἹ ΓΕΝΕΑῚ ΠᾶΣΑΙ)

Primo testo:

Αἱ γενεαὶ πᾶσαι

ὔμνον τῇ ταφῇ σου

προσφέρουσι, Χριστέ μου.

Καθελὼν τοῦ ξύλου

ὁ Ἀριμαθαίας

ἐν τάφῳ σὲ κηδεύει.

[Μυροφόροι ἦλθον

μύρα σοί, Χριστέ μου,

κομίζουσαι προφρόνως.]

Οὒς ἔθρεψε τὸ μάννα,

ἐκίνησαν τὴν πτέρναν

κατὰ τοῦ εὐεργέτου.

῀Ω τῆς παραφροσύνης
καὶ τῆς χριστοκτονίας

τῆς τῶν προφητοκτόνων!

[Ὥς ἄφρων ὑπηρέτης

προδέδωκεν ὁ μύστης

τὴν ἄβυσσον σοφίας.
]
῀Ω γλυκύ μου ἔαρ,
γλυκύτατόν μου τέκνον,

ποῦ ἔδυ σοῦ τὸ κάλλος;

[Πεπλάνηται ὁ πλάνος,

ὁ πλανηθεὶς λυτρούται

σοφίᾳ σῃ, Θεέ μου.

Φρίττουσιν οἱ νόες

τὴν ξένην καὶ φρικτήν σου

ταφὴν τοῦ πάντων κτίστου.

Ἒῤῥαναν τὸν τάφον

αἱ μυροφόροι μύρα

λίαν πρωὶ ἐλθούσαι.

Εἰρήνην Ἐκκλησία,

λαῷ σου σωτηρίαν

δώρησαι σῃ ἐγέρσει.]

Αἱ γενεαὶ νῦν πᾶσαι,

ὔμνον τῇ ταφῇ σου

προσφέρουσι, Χριστέ μου.

Secondo testo:

Αἱ γενεαὶ πᾶσαι, ὔμνον τῇ ταφῇ Σου προσφέρουσι, Χριστέ μου.

Καθελὼν τοῦ ξύλου
 ὁ Ἀριμαθαίας
 ἐν τάφῳ Σὲ κηδεύει.

Μυροφόροι ἦλθον
 μύρα Σοί, Χριστέ μου,
 κομίζουσαι προφρόνως.

Δεὖρο πᾶσα κτίσις, ὔμνους ἐξοδίους, προσοΐωμεν τῷ Κτίστῃ.
Οὒς ἔθρεψε τὸ μάννα, ἐκίνησαν τὴν πτέρναν
 κατὰ τοῦ εὐεργέτου.

Ἰωσὴφ κηδεύει, σὺν τῷ Νικοδήμῳ, νεκροπρεπῶς τὸν Κτίστην.

῀Ω γλυκύ μου ἔαρ, γλυκύτατόν μου Τέκνον,
 ποῦ ἔδυ σοῦ τὸ κάλλος;

Ὑιὲ Θεοῦ παντάναξ, Θεέ μου πλαστουργέ μου, πῶς πάθος κατεδέξω;
Ἒῤῥαναν τὸν τάφον αἱ Μυροφόροι μύρα
, λίαν πρωὶ ἐλθούσαι.

῀Ω Τριὰς Θεέ μου, Πατὴρ Υιὸς καὶ Πνεῦμα, ἐλέησον τὸν κόσμον.
Ἱδεῖν τὴν τοῦ Ὑιοῦ σου, Ἀνάστασιν, Παρθένε, ἀξίωσον σοὺς δούλους.

Primo testo:

TUTTE LE GENERAZIONI (O MIA DOLCE PRIMAVERA)

Tutte le generazioni
offrono un inno
alla tua sepoltura, Cristo mio.
Depostoti dal legno
l'Arimateo
ti compone nel sepolcro.

[Sono giunte portatrici di profumi
balsami recando premurose
a te, Cristo mio.
Ora noi creature tutte
inni funebri offriamo al Creatore]

Quanti nutrì la manna
mossero il calcagno
verso il benefattore.
Oh quanta dissennatezza
degli assassini dei profeti
l'uccisione anche del Cristo.

[Come un servo fuor di mente
l'iniziato ha tradito
l'abisso di sapienza]

O mia dolce primavera
o dolcissimo figlio mio
dov'è sparita la tua bellezza?

[Erra l'errante
il traviato si bagna
nella tua sapienza, o mio Dio.
Fremono le menti
per l'inaudita e orribile
sepoltura del creatore di ogni cosa.
Di balsami hanno asperso
il sepolcro le mirofore
giunte di buon mattino.
Pace adunanza
salvezza per il tuo popolo
dona al tuo risveglio


Tutte le generazioni
offrono un inno
alla tua sepoltura, Cristo mio.

Secondo testo:

TUTTE LE GENERAZIONI (O MIA DOLCE PRIMAVERA)

Tutte le generazioni offrono un inno alla Tua Sepoltura, Cristo mio.
Depostoti dal legno l'Arimateo, Ti compone nel sepolcro.
Sono giunte portatrici di profumi balsami recando premurose a te, Cristo mio.
Ora noi creature tutte inni funebri offriamo al Creatore.
Quanti nutrì la manna mossero il calcagno verso il benefattore.
Insieme a Nicodemo, Giuseppe compone il Creatore come si addice a un morto.

O mia dolce primavera, o dolcissimo Figlio mio, dov'è sparita la tua bellezza?
Figlio di Dio signore d'ogni cosa, mio Dio creatore mio, come esprimerò la sofferenza?
Di balsami hanno asperso il sepolcro le Mirofore, giunte di buon mattino.
O Trinità mio Dio, Padre Figlio e Spirito, libera il mondo.
Guarda la Resurrezione del tuo Figlio, Vergine, degnati dei tuoi servi.



Back to the song page with all the versions

Main Page

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org