Language   

Chacun de vous est concerné [incl. Canzone del maggio di Fabrizio De André]

Dominique Grange
Back to the song page with all the versions


Versione milanese dei Barabàn
CANZONE DEL MAGGIO

Lottavano così come si gioca
i cuccioli del maggio era normale
loro avevano il tempo anche per la galera
ad aspettarli fuori rimaneva
la stessa rabbia la stessa primavera...


Anche se il nostro maggio
ha fatto a meno del vostro coraggio
se la paura di guardare
vi ha fatto chinare il mento
se il fuoco ha risparmiato
le vostre Millecento
anche se voi vi credete assolti
siete lo stesso coinvolti.

E se vi siete detti
non sta succedendo niente,
le fabbriche riapriranno,
arresteranno qualche studente
convinti che fosse un gioco
a cui avremmo giocato poco
provate pure a credervi assolti
siete lo stesso coinvolti.

Anche se avete chiuso
le vostre porte sul nostro muso
la notte che le pantere
ci mordevano il sedere
lasciandoci in buonafede
massacrare sui marciapiedi
anche se ora ve ne fregate,
voi quella notte voi c'eravate.

E se nei vostri quartieri
tutto è rimasto come ieri,
senza le barricate
senza feriti, senza granate,
se avete preso per buone
le "verità" della televisione
anche se allora vi siete assolti
siete lo stesso coinvolti.

E se credete ora
che tutto sia come prima
perché avete votato ancora
la sicurezza, la disciplina,
convinti di allontanare
la paura di cambiare
verremo ancora alle vostre porte
e grideremo ancora più forte
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti,

per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti.
CANSON DEL MAGG

Lutàven propi inscì come se giœga
i raspuscìn del magg, l’era nurmal
luri tegnìven al temp anca per la galera
e a spetài fœura ga rimaneva
la stessa rabbia e la stessa primavera…


Anca s’el nòster magg
l’a faa a men del vòster curagg,
se la pagüra de guardaa
i œcc v’a faa sbassaa,
s’el fœugh l’a risparmiaa
i voster milecènt
anca se pensì de vèss assolt
sì anca viàlter coinvolt.

Anca se pensaa
che gh’è propi success niènt,
i fàbric dervaràn,
aresteràn on quaj stüdènt,
cõnvint che l’era on giœugh
de quèj che düren poc,
pensì pür de vèss assolt,
ma sì anca viàlter coinvolt.

E anca se saraa
i portõn di vòster caa
la nott che i bulee
che s’cepaven al dedree
e si staa lì a vedee
pestàgh sül marciapee
anca se adess ve ne frega niènt,
viàlter sèri lì presènt.

E se int i vòster straad
propi niènt gh’è cambiaa
anca on sciopero nanca on strisciõn
nanca on ferii mezz ‘i i cojõn
e se i ciapaa per vèr
i ball de la televisiõn
se pensì ammoo de vèss assolt
sì per semper coinvolt.

E se votaa ammoo
perché tütt fia come prima
la bissa di miràcol,
manganell e disciplina,
convint de casciaa via
l’aria del cambiaa
vegnarèm ammoo a i vòster port
e vusarèm ammoo püsee fort,
vegnarèm ammoo a i vòster port
picarèm ammoo a i vòster port
e vusarèm ammoo püsee fort!


Back to the song page with all the versions

Main Page

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org