Lingua   

Il vecchio e il bambino

Francesco Guccini
Pagina della canzone con tutte le versioni


OriginaleVersione nella parlata di Casatenovo Brianza (LC) di Lele de Casanöv
IL VECCHIO E IL BAMBINOUL VÈCC E UL BAGAÉN
  
Un vecchio e un bambino si preser per manoUn vècc e un bagaén s’hinn ciapaa per la man
e andarono insieme incontro alla sera.Gh’hinn naa incùntra insèma a la sìra.
La polvere rossa si alzava lontanoLa pùlvera rùsa la se valzàva de luntàn
e il sole brillava di luce non vera.Ul sû el lüsìva de lüs mia véra.
L'immensa pianura sembrava arrivareLa pianüra grànda grandìscia la paréva rüvà
fin dove l'occhio di un uomo poteva guardareFìna in d’e che l’oeucc d’un òm el pudéva vardà
e tutto d'intorno non c'era nessunoE tött atùrnu gh’eva nisön
solo il tetro contorno di torri di fumo.Dumè ‘l fósch cuntùrnu de tórr de fömm.
  
I due camminavano, il giorno cadeva,I düü e caminàven, ul dé el dàva gió,
il vecchio parlava e piano piangeva.ul vècc el parlàva e adàsi el piangéva.
Con l'anima assente, con gli occhi bagnatiCùnt l’anima perdüda, cùnt i oeucc masaraa
seguiva il ricordo di miti passati.El ghe nàva adree al regòrdi de miti pasaa.
I vecchi subiscono le ingiurie degli anniE vècc e supórten i desprési di ann
non sanno distinguere il vero dai sogniHinn mia bóm de discerné la veritaa del sògn
i vecchi non sanno, nel loro pensiero,i vècc hinn mia bóm, in del sò pensér,
distinguer nei sogni il falso dal vero.de discerné in di sògn ul fàls del vér.
  
E il vecchio diceva, guardando lontano:E ul vècc el diséva, in del vardà luntàn:
"immagina questo, coperto di grano,“ figüress quèst ché, impiendii de furmènt,
immagina i frutti, immagina i fiorifigüress la früta, figüress i fiûr
e pensa alle voci e pensa ai colori.e pènsigh ai vûs e pènsigh ai culûr.
E in questa pianura fin dove si perdeE in de ‘sta pianüra fìna in d’e la se pèrd
crescevano gli alberi e tutto era verdecreséven i piànt e l’eva tött vèrd
cadeva la pioggia, segnavano i solipiuvéva gió l’aqua, e segnàven i sû
il ritmo dell'uomo e delle stagioni".ul ritmu de l’òm e di stagióm”.
  
Il bimbo ristette, lo sguardo era tristeUl bagaén l’è restaa lé, ul müs l’eva trést*
e gli occhi guardavano cose mai viste.E i oeucc e verdàven ròbb mai vést.
E poi disse al vecchio con voce sognanteE poeu el gh’ha dii al vècc cùnt la vûs che sugnàva
"Mi piaccion le fiabe, raccontane altre".“me piàsen i stòri, cünten sö di ólter”.

* trést è un italianismo che ho usato per la rima,
normalmente si direbbe: magunènt



Pagina della canzone con tutte le versioni

Pagina principale CCG


hosted by inventati.org