Lingua   

Latte dissolvente

Apuamater Indiesfolk
Lingua: Italiano

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Ostalghia
(Davide Giromini)
Arca
(Apuamater Indiesfolk)
Nestor Makhno
(Apuamater Indiesfolk)


[2006]
Scritta da Luca Rapisarda
Per "Delirio e Castigo"
Luca Rapisarda: voce, chitarra
Davide Giromini: fisarmonica, cori
Matteo Procuranti: voce, clarinetto
Gabriele Dascoli: basso
Alessandra Daietti: percussioni

apm
Scritta da Luca Rapisarda “pensando a Pesce e a Dante di Nanni”, a due partigiani, questa canzone ci parla di un incubo del nostro tempo. Un incubo di “cani addestrati” e di “allarmi di ronde spietate” che non possono che riportare al fascismo securitario attuale. Lo scenario è quello di un notturno nascondersi, cercando protezione dalla sfiducia, dalla paura; le persone diventano “ostacoli da scansare”, una quotidiana clandestinità che, se per i partigiani preludeva all'azione diretta, attualmente non causa che “azioni soltanto accennate”. Un incubo in una dissolvenza lattiginosa di impotenza che dà un arduo titolo a questa canzone ardua e sfuggente; eppure, nelle nostre mani c'è il destino di schiere che, forse, altro non attendono che un gesto che non sia finalmente mancato. Ci aiuteranno Pesce e Di Nanni, non perdendone la memoria, a ritrovarlo? [RV]


Dicono: C'è la notte
Che ti proteggerà
Cori di voci stanche,
Fragili identità.


Carico e scarico
Latte dissolvente
Rubato.
Ho mille occhi e più
Orecchie per ascoltare.
Ho scarsa fiducia
Nel prossimo,
Le persone
Diventano per me
Ostacoli da scansare.

Dicono: C'è la notte
Che ti proteggerà
Sui marciapiedi, i vicoli
Di questa tua città


Dicono: C'è la notte
Che ti proteggerà
Cori di voci stanche,
Fragili identità.


Lungo la strada
Azioni
Soltanto accennate.
Cani addestrati,
Allarmi di ronde spietate.
Nelle mie mani
Il destino di pallide schiere,
Dalle mie mani
Un unico gesto mancato.

Dicono: C'è la notte
Che ti proteggerà
Sui marciapiedi, i vicoli
Di questa tua città


Dicono: C'è la notte
Che ti proteggerà
Cori di voci stanche,
Fragili identità.

inviata da Riccardo Venturi - 7/11/2008 - 00:20



Lingua: Francese

Version française - LAIT DISSOLVANT – Marco Valdo M.I. – 2012
Chanson italienne – Latte dissolvente – Apuamater Indiesfolk – 2006
LAIT DISSOLVANT

Ils disent : C'est la nuit
Qui te protégera
Chœurs de voix fatiguées
Fragile identité.

Charge et décharge
Lait dissolvant
Volé.
J'ai mille yeux et plus
D'oreilles pour écouter.
J'ai peu de confiance
Dans mon prochain,
Les personnes deviennent pour moi
Des obstacles à éviter.

Ils disent : C'est la nuit
Qui te protégera
Sur les trottoirs, sur les boulevards
De cette ville.

Ils disent : C'est la nuit
Qui te protégera
Chœurs de voix fatiguées
Fragile identité.

Le long de la rue
Actions
À peine esquissées.
Chiens dressés,
Alarmes de rondes impitoyables.
Le destin de pâles files,
De mes mains
Un unique geste manqué.

Ils disent : C'est la nuit
Qui te protégera
Sur les trottoirs, sur les boulevards
De cette ville.

Ils disent : C'est la nuit
Qui te protégera
Chœurs de voix fatiguées
Fragile identité.

inviata da Marco Valdo M.I. - 2/10/2012 - 16:44



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org