Lingua   

L'arancio

Lorenzo Santangelo
Lingua: Italiano (Laziale romanesco)


Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Il vero italiano
(Lorenzo Santangelo)
Tango dell'Intercurtura
(MaTeMusik band)


2022

L'arancio

Ne L’Arancio sposti decisamente il tuo punto di vista e racconti, come se le provassi tu, la fatica della vecchiaia e la difficoltà di riconoscersi ancora, ma anche l’importanza dei ricordi, la saggezza, i consigli che a quell’età si possono elargire con cognizione di causa, e la disillusione per come è diventato il mondo… condividi qualcosa?

Tutto! È proprio così. Da una parte mi sono immaginato io anziano, dall’altra ho pensato a cosa avrebbe detto mio nonno oggi. Io credo che quella generazione avesse tantissimi pregi e molto da insegnarci. Anzi, credo sia fondamentale la memoria degli anziani perché altrimenti si rischia di commettere errori evitabilissimi, visto che sono già stati fatti. Nella canzone ho cercato di sintetizzare l’insegnamento di un’intera generazione ad un’altra.

Intervista a Lorenzo Santangelo: con L'Arancio ho regalato l'immortalità a mio nonno
Bello de nonno far favore sbucciame l’arancio
Che all’età è fatica pià pure a pià un caffè
Tu che la vita c’hai davanti spero e se tutto va liscio
C’hai tempo pure pe scordatte de me

Bello de nonno damme retta qui so tutti matti
O te lo dico io he ormai ne ho viste un po’
Ho visto un ladro comannà con quattro farabbutti
Decide chi poteva sta e chi invece no

Amore mio ma chi c’ha chiesto de vive
Ma soprattutto chi c’ha detto de morì
Amore mio se cerchi c’è sempre una chiave
Magari arrugginita basta che riesce ad aprì

Ma io me li ricordi tempi andati
E le occasioni che ho buttato come un pazzo in mezzo al mare
I sogni,i dubbi e tutte le paure,le passioni de sto core
Sempre a fa come je pare

E poi sempre quel senso de amarezza
Du cazzotti e na carezza e domandasse quanto costa
Ma non stamo qui per sempre e non stamo qui pe niente
Non è il mondo che non sente
Sei te che devi urlà più forte
E chiedeje che state a fa, che state a fa
Che state a fa,che cazzo state a combinà?

Ma dimme un po’ che state a fa
Che state a fa,che state a fa
Se non sapete manco ama'

E che te sembra infinita sta fregnaccia de na vita
Però credime io ieri ero un pischello
E mo me vedi tutto vecchio che lo sfondo resto specchio
Perchè non è vero st’immagine è un tranello
St’immagine non so io,sto vetro non so io
Sto specchio non so io, sto vecchio non so io

Na-na-na…

E poi sempre quel senso d’amarezza
Du cazzotti e na carezza
E domandasse quanto costa
Ma non stamo qui pe sempre

E non stamo qui pe niente
E non è er monno che non sente
Ma te che devi urlà più forte
E chiedete che stamo a fa
Che stamo a fa,che stamo a fa
Che cazzo stamo a combinà
Ma dimme un po’ che stamo a fa
Che stamo a fa,che stamo a fa
Se non sapemo manco ama

Bello de nonno far favore sbucciame l’arancio
Che all’età è fatica pià pure a pià un caffè
Tu che la vita c’hai davanti spero e se tutto va liscio
C’hai tempo pure pe scordatte de me

inviata da CCG/AWS Staff - 1/10/2022 - 22:39


L'impareggiabile dq82 ha inserito la canzone direttamente dal MEI 2 microsecondi dopo averla ascoltata

CCG Staff - 2/10/2022 - 00:20



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org