Lingua   



Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Maslenica
(PiAccaSette)
We Burn
(Sabaton)
I fiori di Sarajevo
(Train de vie)


[1998]
текст / Testo / Lyrics / Paroles / Sanat:
Teófilo Chantre

филм / Film / Movie / Elokuva:
Emir Kusturica
Podzemlje / Underground

Музика / Musica / Music / Musique / Sävel:
Goran Bregović

изводе / Interpreti / Performed by / Interprétée par / Laulavat:
Cesária Évora

Album:
Music Inspired And Taken From Underground



La canzone è un tango che fa parte della colonna sonora di quel gran film che fu Underground, palma d’oro a Cannes nel 1995. Il tema è la guerra attraverso la II Guerra mondiale, poi la Guerra fredda, poi la guerra civile sfociata nella disintegrazione della Jugoslavia. Il film è un caleidoscopio tra epica e humour, toni surreali dal sapore amaro, amaro come un certo modo di essere della cultura slava e rom.
Nel finale dal registro onirico, uno dei protagonisti, Ivan, racconta ai convenuti al matrimonio di Jovan una storia che inizia con le parole Bila jednom jedna zemlja [Била једном једна земља]/ C’era una volta un paese, mentre il profilo di quella che fu la Jugoslavia va alla deriva allontanandosi dalla terraferma.

Non potevano mancare i giudizi taglienti del tuttologo BHL aka Bernard-Henri Lévy , che, anni dopo e senza troppa coerenza , spostò il giudizio negativo dal film al regista. Aveva già tacciato il film di fascismo prima di assistere alla sua proiezione. Altri, come la drammaturga Biljana Srbljanović, accusarono il regista di avere ricevuto finanziamenti da Milošević, ma perdette la causa in tribunale dato che il regista dimostrò che la maggior parte dei fondi erano francesi.
Quando i fatti ancora scottano, produrre un’opera d’arte porta molto spesso a reazioni contrastanti e scomposte. L’arte finisce sempre con l’essere strattonata dalla politica, una politica bottegaia s’intende, così come succede a certi maître à penser che si illuminano a corrente alternata, tra memorie e amnesie.

Bregović affidò l’interpretazione della canzone a Cesária Évora che trasfuse nel brano quel mix di struggente malinconia e tristezza tipiche della morna, la sodade, declinazione capoverdiana della saudade portoghese
[Riccardo Gullotta] 
Ausencia, ausencia
Si asa um tivesse
Pa voa na esse distancia
Si um gazela um fosse
Pa corrê sem nem um cansera

Anton ja na bo seio
Um tava ba manchê
E nunca mas ausencia
Ta ser nôs lema

Ma sô na pensamento
Um ta viajà sem medo
Nha liberdade um tê'l
E sô na nha sonho

Na nha sonho miéforte
Um tem bô proteçäo
Um tem sô bô carinho
E bô sorriso

Ai solidäo tô'me
Sima sol sozim na céu
Sô ta brilhà ma ta cegà
Na sê claräo
Sem sabe pa onde lumia
Pa ondê bai
Ai solidäo é um sina

Ausencia, ausencia...

inviata da Riccardo Gullotta - 4/8/2022 - 22:58




Lingua: Inglese

English translation / Tradução do inglês / Traduzione inglese / Traduction anglaise / Englanninkielinen käännös:
Francisco Santos
ABSENCE

If I had wings
to fly this distance
if I was a gazelle
to run without tiredness

So now in your embrace,
I would dawn
and never the absence
would be our motto

But only in my thoughts
I travel without fear
I have my freedom
but only in my dreams

In my dreams I'm strong
I've got your protection
I've got your fondness
and your smile

I suffer loneliness
like the sun alone in the sky
it only shines but it blinds
with its glare
not knowing where to brighten
where to go
oh loneliness, it's a fate...

inviata da Riccardo Gullotta - 4/8/2022 - 23:00




Lingua: Portoghese

Tradução Português /Traduzione portoghese /Portuguese translation /Traduction portugaise / Portugalinkielinen käännös:
Francisco Santos
AUSÊNCIA

Se eu tivesse asas
para voar essa distância
se eu fosse uma gazela
para correr sem canseira

Então, já no teu seio,
eu amanheceria
e nunca mais a ausência
seria o nosso lema

Mas só no pensamento
eu viajo sem medo
tenho a minha liberdade
mas só nos meus sonhos

Nos meus sonhos sou forte
tenho a tua proteção
tenho o teu carinho
e o teu sorriso

Sofro a solidão
como o sol sozinho no céu
só brilha mas cega
com o seu clarão
sem saber para onde iluminar
para onde vai
ai solidão, é uma sina...

inviata da Riccardo Gullotta - 6/8/2022 - 14:45




Lingua: Italiano

Traduzione italiana / Tradução italiana / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös
Maria Pia Dell'Omo
ASSENZA

Se avessi ali
per ricoprire questa distanza,
se fossi una gazzella
che corre senza stancarsi mai,

Allora tra le tue braccia
io starei
e la parola assenza mai più
sarebbe tra noi

Ma solo nei tuoi pensieri
io viaggio senza paura
Sono libera soltanto
dei miei stessi sogni

In quelli più arditi
ho la tua protezione
ho le tue cure
e il tuo sorriso

Oh, solitudine!
Lì c’è il sole, tutto solo, su nel cielo.
Brilla, ma è cieco
nella sua luce
senza sapere dove diffondere il suo chiarore,
né dove andare.

inviata da Riccardo Gullotta - 6/8/2022 - 23:53




Lingua: Siciliano

Traduzzioni siciliana / Tradução siciliana / Sicilian translation / Traduction sicilienne / Sisiliankielinen käännös:
Riccardo Gullotta
ASSENZIA

S’avissi l’ali
Pp’abbulari sta luntananza
Su fussi ‘n gazzelu
Ppi curriri senza strapazzu

Ora nte to vrazza
Vulissi fari jornu
Mai a palora assenzia
L’avissimu mancu a mintuari

Ma sulu nta menti mia
Viaggiu senza scantu
A libbirtà ci l’aiu
Ma sulu nte me sonni

Nte me sonni sugnu forti
C’aiu u to appoju
C’aiu u to sҫiatu
A to risata

Patisciu a solitutini
Com’un suli chiantatu nto cielu
Brilla sulamenti ma orbu é
Câ to taliata
Nun sapennu unni llustrari
Unni jiri
Ahi solitutini, destinu é…

inviata da Riccardo Gullotta - 7/8/2022 - 17:05



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org