Lingua   

L’Alberto e i patrioti

Gianni Siviero
Lingua: Italiano


Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Il Lambro
(Gianni Siviero)
Bagliori
(Gianni Siviero)


2020-2021
Azzurro
Azzurro

getimage cfm
L’Alberto era un signore di Giussano
abituato a girare in armatura
con lo scudo la lancia e lo spadone
diciamo che metteva soggezione
chiamò i lombardi sotto il gonfalone
dietro al Carroccio tutti in processione
e li portò all’assalto dei tedeschi
che si erano piazzati da padroni

Gli è andata bene e noi siamo contenti
perché i tedeschi ci piacciono giù a Rimini
quindi sarebbe giunto anche il momento
di invitare i patrioti a darci un taglio
che non c’è più nessuno ad occuparci
non certo chi dall’Africa è scappato
perché ha soltanto fame e anche paura
di essere preso e a casa rispedito

noi però a casa loro ci siam stati
a rapinare anche quello che non c’era
a massacrare e impiccare i partigiani
gasare uomini e stuprare ragazzine
e ancora oggi laggiù si ammazza e muore
con le pallottole che vendiamo noi
con le bombe e le mine made in Italy
e se ora bussano qui hanno ragione

perché a noi non importa a chi vendiamo
a noi soltanto vendere interessa
non vogliamo incontrare per la strada
le vittime del nostro trafficare
quelle che ancora credono alla storia
degli italiani che sono brava gente
non sanno nulla di camicie verdi
e di un patriota col Mohito in mano
e che non è nemmeno di Giussano

inviata da Dq82 - 30/7/2022 - 17:47



Lingua: Italiano (Lombardo milanese)

Versione in milanese

Zaffran
Zaffran
L’ALBERTO E I PATRIÒTT

L’Alberto l’era on om di temp indrè
quei che andaven in gir vestì de tòlla
cont el scud e la lancia e anca el spadòn
che te metèven frecc domà a vardài
lù el gh’avèva ciamà tutti i lombard
adree al Carroccio sòta i gonfalon
per tràss insema a cascià via i todèsch
che credèven de vess rivà a cà soa

e va bèn ghe l’hànn fàda e mèj per numm
però adèss disarìa che l’è ànca ora
che el ghe spiegàss ai sò nevòd de incoeù
che gh’han de dagh on tàj con ‘sta menàda
gh’è pù nissùn che el cerca de ocupan
tanto men quei che scappen via da l’Africa
e che gh’han domà fam e la paura
de vess ciapà e poeu rimandà indrè

perché a cà soa ghe semm pasà anca numm
a sgraffignà pussè de quel che gh’era
masacrà e tacà sù i sò partisan
sì perché tùtt i gent gh’han i sò Alberto
inscì che giò de là gh’è cambiaa nient
domà che se sofrìss se spara e moeur
con tucc i armi che ghe vendum numm
sicchè se vegnen chi gh’emm de fà cito

la colpa l’è anmò nostra sì de numm
che se stuffìsum mai de fà disaster
e voerum anca fàghela pagà
a quei che gh’hann la colpa de scapà
dai noster bomb dai dittator che pagum
perché a numm ne fan còmod e basta là
perché manden i fioeu a laurà in miniera
come fasevum chì vottant’ann fa

S’el ghe fudess l’Alberto ancamò adess
mi credi ch’el sarìss d’acòrd de bon
cont quei che riva chi travers al mar
ch’el ghe darìss ona màn e anca on pè
per ciapà tùcc a pesciad in del dedrè
per ciapàn vun per bastonà quel alter
per vess sicùr che ghe pasàss la voeuja
de fa i patriott sora la pell di gent
de fà i patriòtt cont el Mohito in màn.

inviata da Dq82 - 30/7/2022 - 17:50



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org