Lingua   

No alibi

Massimo Liberatori
Lingua: Italiano


Ti può interessare anche...

Mamma mia, dammi cento lire
(anonimo)
Carovane di contadini
(Massimo Liberatori)
Treno di mezzanotte
(Massimo Liberatori)


1998
No alibi
albi
Musica e Testo di Massimo Liberatori

Riflessione anche un po’ amara di rabbia, di lotta, di pazzia e d’amore.
Potremmo scrivere tante tante grandi canzoni
e poi cantarle fino a quando non ci scoppiano i polmoni
vestirle d’oro di seta e perle
farle tutte intelligenti tutte belle

Potremmo anche fare musica per tutte le emozioni
della vita di un umano per tutte le sue stagioni
che gli tocchino il cuore i nervi ed il cervello
e gli dipingano tutto il mondo un po’ più bello

L’universo è un immenso teatro senza fili
e non avrebbe catene non avrebbe confini
se non fosse per quell’ansia nostra esistenziale
che ci mette a tutti dentro una gran voglia di sbranare

Di sbranare tutto quello che ci ritroviamo intorno
il cervello il cuore e pure il contorno
e domandarci poi magari quando viene la sera
tra la vita e la morte … chi sarà più vera?

Siamo pazzi pazzi pazzi siamo pazzi
ma viaggiamo tutti con i cuori a pezzi
Siamo pazzi pazzi pazzi siamo pazzi
ma viaggiamo tutti con i cuori a pezzi

Eppure in mille pezzi il cuore batte
eppure in mezzo ai sogni il cuore batte
non ha un nome e una terra però combatte
e non s’arrende nemmeno quando cala la notte

E io non suono Bach non faccio rap
e non mi riconosco neanche a fare il cantautore
io non sono lo stesso neanche a tutte le ore
però conservo sempre un mio comun denominatore

E ora in questo medievale rinnovamento
che ha di moda il ricco il prepotente sempre contento
ora che in questo disastro da difetto d’amore
ci rinneghiamo ed aspettiamo un giustiziere e un salvatore

Io non mi rinnego e mettetemi in lista
sono stato e rimango un …
per un mondo di fratelli d’ogni sesso e colore
sono stato e rimango un sognatore
ed è per questo che da sempre io mi sento disperso
e sconfitto in questo mondo così diverso
ed è per questo che ora dico se un dubbio ce l’hai
non ho avuto mai un partito e non ce l‘avrò mai
non voglio un alibi di gruppo o un alibi di Dio
responsabile di tutto resto e sono io
di tutta la mia rabbia la mia assenza e la mia voglia
della mia confusione della gioia e della noia
Eppure in mille pezzi il cuore batte …
Siamo pazzi pazzi pazzi siamo pazzi …

inviata da Dq82 - 6/1/2022 - 11:14



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org