Lingua   

Nadal dra paja

Tre Martelli
Lingua: Italiano (Piemontese Alessandrino)

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

La Trêve de Noël
(Tre Martelli)


2021
Concerto di Natale
Natale

poesia inedita di Giovanni Rapetti dedicata al Museo Etnografico della Gambarina in occasione della rappresentazione omonima

"Raccontare quel sogno del mondo di ammazzare la guerra"
"Quintè cul sogn der mond ‘d masè ra uera"
Quintomra au dì d’Nadal, cullà dra paia
calur dra stala r’bestii e geint svigiaia
santè dra fioca ans l’js, porti e aliamera
ra paz di camp coi cér dra nuàcc uardèra.

Quintaia ancur na vota ar mond ch’al sapa
nenia dra piva mnì piè u Diau cu scapa
svigià i pajè coi pasaròt chi dromu
er can d’guardia ar pulè, furteini e gnomu.

Quintè cul sogn der mond ‘d masè ra uera
coi sant mnì zì da l’aut, sta geint jutera
con la prumesa pr’er maznà chi nasu
ch’uj sia pan per ticc, ra geint s’ambrasu.

Cul mond ch’as arcuntsivu vegg e giuvu
mnì pein d’mutur ch’un serva manch pì u zuvu
ne rovi d’lign ar car e ra careta
manch pì n’birocc an gir, ‘n arà n’sra feta.

Paroli d’meraveia j’ogg ar steili
cula der listorii dl’anma la quinteili
que ra quintavu er fiù a primaveira
zlinguà i candròt au tecc, iera n’autra andeira.

inviata da Dq82 - 2/1/2022 - 14:03



Lingua: Italiano

Traduzione in italiano dal sito ufficiale
NATALE DI PAGLIA

Raccontiamola al giorno di Natale, quello della paglia
calore della stalla, le bestie e gente che veglia
sentiero della neve, sull'uscio, portico e letamaia
la pace dei campi coi chiarori della notte, guardarla.

Raccontiamola ancora una volta al mondo, che lo sappia
nenia della piva venuta a prendere il diavolo che scappa
svegliati i pagliai coi passeri che dormono
il cane di guardia al pollaio, fortune e gnomi.

Raccontare quel sogno del mondo di ammazzare la guerra
coi santi venuti giù dall'alto, questa gente aiutarla
con la promessa per i bambini che nascono
che ci sia pane per tutti e la gente si abbracci.

Quel mondo che ci riconoscevamo, vecchi e giovani,
pieno di motori che hanno reso inutile il giogo,
le ruote di legno al carro e alla carriola
nemmeno più un biroccio in giro, un aratro nel solco.

Parole di meraviglia, gli occhi alle stelle
quella delle storie dell'anima, là a raccontarla
qui la raccontavano i fiori a primavera
sciolti i ghiaccioli sul tetto, era un altro modo di vivere.

inviata da Dq82 - 2/1/2022 - 14:04



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org