Lingua   

Simon & Garfunkel: The Boxer

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Lingua: Inglese

Lista delle versioni e commenti


Ti può interessare anche...

Peace Like A River
(Paul Simon)
Mare nostro
(StorieStorte)
Wartime Prayers
(Paul Simon)


[1969]
Parole e musica di Paul Simon
dall'ultimo album di Simon & Garfunkel, Bridge Over Troubled Water (1970)
The Boxer


La guerra, come ben sapete, non è solo bombe,carri armati e missili ma nella quotidianità operano nemici meno eclatanti,stranieri che convincono ,con bugie e prese in giro, un povero ragazzo di provincia a lasciare la sua casa con l'illusione di una carriera sportiva. La realtà della vita in una metropoli è ben diversa : solitudine ,freddo , mancanza di mezzi economici,nostalgia per la sua famiglia . Un pugile che conosce la sconfitta sul ring ,ferite sul viso e nell'animo e vuole arrendersi anche se si illude di essere ancora un combattente contro un nemico che potrebbe essere identificato , fra l'altro, nella nostra società basata esclusivamente sul profitto e sul successo..

G.E.
I am just a poor boy, though my story's seldom told
I have squandered my resistance for a pocketful of mumbles, such are promises
All lies and jest, still a man hears what he wants to hear
And disregards the rest, hmm

When I left my home and my family, I was no more than a boy
In the company of strangers
In the quiet of the railway station, runnin' scared, laying low
Seeking out the poorer quarters, where the ragged people go
Looking for the places only they would know

Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie

Asking only workman's wages, I come lookin' for a job
But I get no offers
Just a come-on from the whores on 7th Avenue
I do declare, there were times when I was so lonesome
I took some comfort there, la la la la la la la

Now the years are rolling by me
They are rockin' evenly
I am older than I once was
And younger than I'll be; that's not unusual
Nor is it strange
After changes upon changes
We are more or less the same
After changes we are more or less the same
[1]

Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie

And I'm laying out my winter clothes and wishing I was gone
Goin' home
Where the New York City winters aren't bleedin' me
Leadin' me
Goin' home

In the clearing stands a boxer, and a fighter by his trade
And he carries the reminders
Of every glove that laid him down or cut him
'Til he cried out in his anger and his shame
"I am leaving, I am leaving", but the fighter still remains

Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
[1] The original song included a verse that’s missing from the Bridge Over Troubled Water album. The verse was replaced by a musical bridge, purely for aesthetic reasons. This verse is often sung in concert performances of the song and highlights the passage of time and how we’re affected by it.

inviata da Pluck - 29/8/2021 - 21:22




Lingua: Italiano

Traduzione italiana da Lyrics Translate rivista e corretta da Lorenzo Masetti
IL PUGILE

Sono solo un povero ragazzo, e anche se la mia storia di rado viene raccontata
Ho dilapidato la mia resistenza per una manciata di chiacchiere, così sono le promesse
Tutte menzogne e beffe, d'altronde un uomo sente ciò che vuol sentire e ignora tutto il resto

Quando ho lasciato la mia casa e la mia famiglia non ero che un ragazzo
in compagnia di estranei
nella tranquillità della stazione [1] correvo spaventato,
volavo basso,
cercando gli alloggi più poveri nelle zone frequentate dai barboni
in cerca di posti che solo loro potevano conoscere

Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie

Chiedendo solo paghe da operaio, iniziai a cercare un lavoro,
ma non ricevetti offerte,
tranne un "vieni" dalle puttane sulla Settima Avenue
Lo devo ammettere, ci sono state delle volte in cui mi sono sentito così solo
da trovare là un poco di conforto. la la la la

Ora gli anni mi scivolano addosso
se ne vanno costantemente
Sono più vecchio di quel che ero
e più giovane di quel che sarò e questo non è inconsueto
E no, non è strano
che dopo cambiamenti su cambiamenti
siamo più o meno gli stessi
dopo i cambiamenti siamo più o meno gli stessi
[2]

Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie

E sto preparando i miei abiti invernali ma vorrei solo essermene andato
tornato a casa
dove gli inverni di New York non mi farebbero sanguinare,
spingendomi
verso casa

Nella radura c'è un pugile e un combattente di mestiere
e porta su di sé i segni
di ogni guantone che l'ha steso o ferito
fino a farlo gridare di rabbia e di vergogna
"Me ne vado, me ne vado", ma il lottatore resta fermo in piedi [3]

Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie
Lie la lie, lie la lie la lie la lie, la la lie la lie
[1] ovviamente quella degli estranei non è una vera compagnia e una stazione non è certo tranquilla

[2] questa strofa non compare nella versione su disco ma è stata eseguita dal vivo varie volte

[3] Tutta la canzone può essere interpretata in maniera letterale ma ha anche un forte valore simbolico. Le ferite, i pugni presi sono le avversità della vita che fanno di ognuno di noi un combattente, anche senza essere pugili.

31/8/2021 - 22:40




Lingua: Finlandese

Testo finlandese / Finnish lyrics / Paroles finnoises / Suomenkieliset sanat: Hector (Heikki Harma)


Audio link to the song performed by Punainen Lanka (Red Thread) on their 1976 album Punainen Lanka


TAISTELIJA

Oon vain poika köyhä, tuttu teille tarinain.
Hatkat duunistani sain, kun
puhuin liian kovaa tekstii ihan tosissain.
Ne vastaan sain, herrat kuulee, minkä tahtookin
ja puolet unohtaa.

Hm - hm - hm

Kun mä jouduin lähtemään kodistain, olin tuskin kymmenen.
Joukkoon varjojen mä liityin,
seisoin tunnelissa helvetisti palellen.
Ja yksinäin löysin tieni outoon paikkaan, jossa viihtynyt mä en.
Ikään katsomatta olin aikuinen.

Lai-la-lai…

Etsin töitä aamuvarhain, olin viidentoista vain,
eikä töitä ollut.
Iltamyöhään sain vain naurut kulmain huorien.
Ja yksinäin syliin jouduin melkein kaikkien ja itkin sängyssäin,
la-la-la-lai

Lai-la-lai…

Nyt mä nostan vähän kaulustain, nyt kulkee kuvat näin
kotiin päin, siellä hanki hohtaa valkoisena mielessäin,
mielessäin,
kotiin päin.
Hm - hm - hm

Tässä taistelijaan törmäät, näet itseoppineen.
Muistan kaikki lupaukset,
nuo, jotka seiniin löitte tai nuo, jotka möitte varkain
jääden itse häpeään.
Lähden täältä, lähden täältä, mutta taistelemaan jään

Lai-la-lai…

inviata da Juha Rämö - 8/10/2021 - 14:49



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org