Lingua   

Brigante Cannone

Terre del Sud
Lingua: Italiano (Abruzzese)


Ti può interessare anche...

Scura maja
(anonimo)
I pistacchi di Adele
(Konon)
Zarafina
(Cantacunti)


2013
La festa
Lafesta

Una lettera di ricatto, conservata nell'Archivio di Stato di Chieti, è il testo (con piccole modifiche) di questa canzone.
Scritta nel 1866 da Domenico Valeri, soprannominato Cannone per via di una voce tonante, brigante della Val di Sangro.
E' una lista della spesa inviata ad un possidente della zona, con minaccia di morte se non esaudita. Cannone era un brigante molto temuto, le minacce di morte non erano campate in aria!
“Adì 12 Giugno 1866
Care Signore Di Metico ….
Care Signore Di Metico mandate 1000 piastre
due orillogi di ore e 4 anelli con brillanti
6 vestito, 6 camici e 20 fazolette
6 paio di calzette e 10 paio motando

Se non mandati tutto vi ammazzi tutti quande
Perché io so’ Domenico Cannono lu brigande

E poi Signore Di Metico pure 10 cappelli
10 paio di persiano 6 mantelli e ingerate
Care Signore Di Metico prepara tutto quando
Che io vi dò solo 5 giorni di tempo

Se non mandati tutto vi ammazzi tutti quande
Perché io so’ Domenico Cannono lu brigande

Altro mandate pure la spesi per domano
con salmi di vini e grazione di pane
salsicce e presutte e 4 casicavallo
8 paio scamorsi e bottiglio di Risolia

Se non mandati tutto vi ammazzi tutti quande
Perché io so’ Domenico Cannono lu brigande

Altro mandate pure 4 pacchi di sicarie
bottiglio di Rummo e paccotto di tabacco
avete qui firmate li capi della truppi
li capi della truppi di Domenico Cannono

Se non mandati tutto vi ammazzi tutti quande
Perché io so’ Domenico Cannono lu brigande

inviata da mimmo spadano - 10/2/2021 - 19:33



Lingua: Italiano

Traduzione italiana di Mimmo Spadano
Addì 12 giugno 1966
Caro Signor Di Metico

Caro Signor Di Metico, mandate 1000 piastre
Due orologi d’oro e quattro anelli con i brillanti
Sei vestiti, sei camicie e venti fazzoletti
Sei paia di calzette e dieci paia di mutande

Se non mandate tutto, vi ammazzo tutti quanti
Perché io son Domenico Cannone il brigante (2)

E poi signor Di Metico, pure dieci cappelli
Dieci paia di persiano, sei mantelli e cerate
Caro Signor Di Metico, prepara tutto quanto
Che io vi do solo cinque giorni di tempo

Se non mandate tutto, vi ammazzo tutti quanti
Perché io son Domenico Cannone il brigante (2)

Mandate altro pure, la spesa per domani
Con fiaschi di vino e razioni di pane
Salsicce e prosciutti e quattro caciocavalli
Otto paia di scamorze e bottiglie di rosolio

Se non mandate tutto, vi ammazzo tutti quanti
Perché io son Domenico Cannone il brigante (2)

Mandate altro pure, quattro pacchi di sigari
Bottiglia di rum e paccotto di tabacco
Avete qui la firma, dei capi della truppa
I capi della truppa di Domenico Cannone

Se non mandate tutto, vi ammazzo tutti quanti
Perché io son Domenico Cannone il brigante (2)

10/2/2021 - 19:34



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org