Lingua   

L'egiziano

Giampiero Artegiani
Lingua: Italiano



1983

Giampiero Artegiani
Ho remato in catene cento giorni e cento lune
Con il sale nelle piaghe ed il tamburo regolare
Prigioniero di battaglia, uomo senza domani
Attraccammo mentre il sole andava giù
E il clangore delle incudini non smette un istante
E le ruote delle bighe hanno un fragore assordante
Per le strade di Roma, trascinato come un cane
Al mercato degli schiavi io finii

Chissà se io rivedrò la mia casa
Cespugli di rose
Le piene del Nilo
Le strade di Tebe
Le giare di vino
I suoi occhi di sposa
Se mai respirerò ancora
Il profumo della terra nera
In una notte a primavera

Roma, bella Roma, la più grande tu sei!
Della vita di uno schiavo cosa te ne fai?
Roma maledetta, Roma, fallo andar via
L'egiziano vuole ritornare a casa sua

Dopo un anno di frustate, diventai gladiatore
Non si è schiavi di nessuno, ma si rischia di morire
Ho lottato nell'arena e ho spaccato teste e cuori
Tra gli applausi di una fiera civiltà
La clessidra inesorabile consuma i ricordi
Era bella la mia donna con i suoi occhi superbi
Quante notti la sua pelle mi ha incendiato le mani
Quante volte ha pianto e riso insieme a me

Chissà se io rivedrò la mia casa
Cespugli di rose
I cedri fioriti
I cieli stellati
Le tombe dei padri
La via degli arieti
Se mai respirerò ancora
Il profumo della terra nera
In una notte a primavera

Roma, bella Roma, la più grande tu sei!
Della vita di uno schiavo cosa te ne fai?
Roma maledetta, Roma, fallo andar via
L'egiziano vuole ritornare a casa sua

Abbagliato dal sole, caddi dentro la sua rete
L'avversario mi afferrò, poi schiacciò un piede sul mio petto
E il suo tridente alla mia gola esitò un solo istante
Aspettando solo un pollice all'ingiù

Roma, bella Roma, la più grande tu sei!
Della vita di uno schiavo cosa te ne fai?
Roma maledetta, Roma, fallo andar via
L'egiziano vuole ritornare a casa sua
Roma, bella Roma, la più grande tu sei!
Della vita di uno schiavo cosa te ne fai?
Roma maledetta, Roma, fallo andar via
L'egiziano vuole ritornare a casa sua
Roma, bella Roma, la più grande tu sei!
Della vita di uno schiavo cosa te ne fai?
Roma, bella Roma, la più grande tu sei!
Della vita di uno schiavo cosa te ne fai?
Roma, bella Roma, la più grande tu sei!

inviata da Alberto Scotti - 31/10/2020 - 05:13



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org